50 ° anniversario dell'assassinio di Malcolm X, la sua eredità sopravvive

  • Kenneth Cook
  • 0
  • 3337
  • 90

Ministro, attivista politico, autore, ex detenuto, uomo che si è fatto da sé ... Malcolm X era tutto questo. Sebbene la sua ideologia fosse spesso divisiva, nessuno poteva negare di essere una figura centrale del movimento afroamericano per i diritti civili degli anni '60. Dalla sua travagliata giovinezza alle sue conversioni religiose al suo assassinio all'età di 39 anni, la storia di Malcolm X era spesso drammatica e sempre avvincente. Era una figura complessa e carismatica, e la sua influenza sopravvive.

PRIMA LOTTA E IMPRIGIONE

Malcolm X nacque a Omaha, nel Nebraska nel 1925. Suo padre, James Earl Little, era un ministro battista che promuoveva le credenze nazionaliste nere di Marcus Garvey; quando i membri locali di Ku Klux Klan minacciarono la loro famiglia, i Littles si trasferirono nel Michigan. Il padre di Malcolm fu ucciso dai suprematisti bianchi nel 1931. Nel 1939, dopo che sua madre fu ricoverata in un ospedale psichiatrico, Malcolm fu mandato a vivere in una casa per ragazzi. Sebbene fosse un bravo studente, lasciò la scuola e si trasferì a Boston. Lì si è goduto la vita notturna della città e alla fine è stato coinvolto in attività criminali locali. Quando aveva 20 anni, fu arrestato e condannato per furto con scasso e fu mandato in prigione.

Durante i suoi anni di prigione, dal 1946 al 1952, Malcolm incontrò le idee che gli cambiarono la vita. Riprese gli studi, leggendo nella biblioteca del carcere e imparando quanto più poteva sulla storia afroamericana. Ha iniziato una corrispondenza con Elia Muhammad, leader della Nation of Islam, e ha adottato la dottrina del gruppo sul separatismo razziale. In un gesto simbolico riferito agli afro-americani & # x2019; perdita della propria eredità, ha preso & # x201C; X & # x201D; come il suo nuovo cognome e lasciato cadere il cognome & # x201C; Little. & # x201D;

& # x201C; CON QUALSIASI MEZZO NECESSARIO & # x201D;

Quando lasciò la prigione, Malcolm visse brevemente a Detroit, dove si unì ufficialmente alla Nation of Islam. Dopo aver lavorato per aumentare l'appartenenza al gruppo in diverse città, è stato nominato primo ministro del grande tempio di Harlem a New York City. A New York incontrò anche il membro della Nation of Islam Betty Sanders (in seguito Betty Shabazz), che sposò nel 1958.

Un oratore di talento, Malcolm parlava spesso pubblicamente di afro-americani & # x2019; lotte sociali. Ha viaggiato negli Stati Uniti e in numerosi paesi dell'Africa e del Medio Oriente, diffondendo la parola della Nation of Islam e attirando l'attenzione sull'oppressione subita dagli afro-americani. Era schietto e spesso estremo nei suoi punti di vista durante questi anni, e ha parlato in modo provocatorio del razzismo degli americani bianchi. Ha criticato altri leader dei diritti civili, tra cui Martin Luther King, Jr., per non aver agito in modo più aggressivo; ha respinto la filosofia della nonviolenza di King e ha proposto che gli afro-americani invece combattano per avanzare se stessi e guadagnare le loro legittime libertà politiche e sociali & # x201C; con ogni mezzo necessario. & # x201D;

Gli attivisti per i diritti civili Martin Luther King, Jr. e Malcolm X attendono una conferenza stampa il 26 marzo 1964. (Foto: Universal History Archive / Getty Images)

Foto: Universal History Archive / Getty Images

SOSTITUZIONE DI IDEALI

La relazione di Malcolm con Elijah Muhammad fu tesa all'inizio degli anni '60. Il leader della Nation of Islam temeva che il suo protetto fosse diventato troppo potente; inoltre, Malcolm aveva iniziato ad attirare l'attenzione sulle infedeltà coniugali di Muhammad e su altri comportamenti proibiti dall'Islam. Maometto si vendicò rimuovendo Malcolm dal suo incarico ad Harlem e alla fine lo licenziò dalla Nation of Islam nel marzo 1964.

Malcolm si recò nel luogo sacro islamico della Mecca, in Arabia Saudita, più tardi nello stesso anno. Rimase colpito dall'unità tra i musulmani di varie razze e decise di convertirsi all'Islam ortodosso. Rientrato negli Stati Uniti, cambiò nome in El-Hajj Malik El-Shabazz e fondò un nuovo gruppo chiamato Organizzazione dell'Unità afroamericana.

Malcolm X si siede con il principe (in seguito re) Faisal al-Saud, il reggente dell'Arabia Saudita, durante un pellegrinaggio nella città santa musulmana della Mecca nell'aprile 1964. (Foto: parata pittorica / Getty Images)

Foto: Pictorial Parade / Getty Images

Durante l'ultimo anno della sua vita, Malcolm ha adottato un'ideologia più moderata. Era meno combattivo nei confronti di altri leader dei diritti civili e ha smesso di fare dichiarazioni infiammatorie sugli americani bianchi. Il suo nuovo approccio ha unito l'orgoglio razziale e ha continuato a chiedere l'indipendenza afro-americana con una posizione più tollerante verso altri gruppi e un'enfasi generale sui diritti umani.

TIRO FATALE A HARLEM

Il 14 febbraio 1965, la casa di New York di Malcolm fu bruciata. Poco dopo, parlando con a New York Times giornalista sulla sua separazione dalla Nation of Islam, ha detto, & # x201C; Io & # x2019; ma un uomo contrassegnato ... Nessuno può uscire senza problemi, e questa cosa con me sarà risolta dalla morte e dalla violenza. & # x201D ;

Il 21 febbraio, la sua previsione si è avverata. Malcolm arrivò alla Sala da ballo di Audubon a New York, Washington Heights, per parlare davanti a una folla di 400 membri dell'Organizzazione dell'Unità afroamericana. Aveva appena accolto la folla quando c'era un disturbo nella stanza, e diversi uomini si precipitarono verso il palco e iniziarono a sparare armi che avevano nascosto sotto i loro cappotti. I figli di Betty Shabazz e Malcolm, seduti in prima fila, si chinarono per proteggersi; altri membri del pubblico hanno provato a correre. Malcolm è stato colpito a colpi di pistola così tante volte e da così vicino che è morto all'arrivo in un ospedale vicino. Aveva 39 anni.

Malcolm X'La bara viene caricata in un carro funebre il 6 marzo 1965. (Foto: Keystone-France / Gamma-Keystone via Getty Images)

Foto: Keystone-France / Gamma-Keystone via Getty Images

Malcolm X fu sepolto ad Hartsdale, New York; l'attore Ossie Davis, un amico e ammiratore, ha elogiato. Pochi mesi dopo, Betty Shabazz ha dato alla luce due figlie gemelle, l'ultima dei suoi sei figli con Malcolm.

I tre uomini che hanno sparato a Malcolm sono stati identificati come membri radicali della Nation of Islam e sono stati giudicati colpevoli di omicidio. Muhammad Abdul Aziz è stato rilasciato su libertà vigilata nel 1985, Kahlil Islam è stato rilasciato nel 1987 e Thomas Hagan è stato rapito nel 2010. Il ruolo diretto dell'assassinio di Nation of Islam nell'assassinio non è mai stato determinato.

Betty Shabazz identifica il corpo del marito assassinato, Malcolm X, insieme a X's sorella Ella Collins (L), avvocato Percy Sutton (2 ° L) e becchino Josep Hall (R) il 22 febbraio 1965. (Foto: Arthur Buckley / NY Daily News Archive via Getty Images)

& # x201C; CRESCENDO X & # x201D;

L'iconica famiglia del leader ha anche sofferto la sua parte di sventura dopo la morte di Malcolm. Betty Shabazz ha continuato il lavoro del suo defunto marito come sostenitore dei diritti civili e ha stretto amicizia con Myrlie Evers-Williams, la vedova di Medgar Evers, e Coretta Scott King, la vedova di Martin Luther King, Jr. È morta nel 1997 quando suo nipote Malcolm ha dato fuoco al suo appartamento ed è stata gravemente bruciata. Il giovane Malcolm ha trascorso gran parte della sua adolescenza in detenzione minorile e in prigione; da adulto divenne un oratore pubblico per cause afro-americane, ma morì all'età di 28 anni, vittima di un attacco a Città del Messico nel 2013.

Nel 1995 la figlia Qubilah di Malcolm X fu accusata di aver assunto un assassino per uccidere Louis Farrakhan, che credeva fosse coinvolto nell'omicidio di suo padre. Un'altra figlia, Malikah, è stata giudicata colpevole di furto di identità nel 2011. Tuttavia, altri membri della famiglia hanno portato avanti con successo il lavoro e gli insegnamenti di Malcolm. Sua figlia Ilyasah Shabazz, ad esempio, è un organizzatore e attivista della comunità che ha scritto diversi libri su suo padre e la sua famiglia, tra cui Crescere X.

A LEADER & # x2019; S LEGACY

A mezzo secolo dalla sua morte, Malcolm X rimane una figura storica controversa e influente. Un fattore chiave nella continuazione della sua eredità fu la pubblicazione del 1965 di L'autobiografia di Malcolm X, un libro di memorie scritto in collaborazione con l'autore Alex Haley. Questo libro è stato stampato dalla sua prima versione ed è stato tradotto in molte lingue.

Muhammad Ali e Malcolm X a New York City il 2 marzo 1964. (Foto: John Peodincuk / NY Daily News Archive via Getty Images)

Foto: John Peodincuk / NY Daily News Archive via Getty Images

Tra gli amici di Malcolm c'erano l'autore James Baldwin e il leggendario pugile Muhammad Ali, che ebbe un litigio con il leader dei diritti civili dopo la sua separazione dalla Nation of Islam. Malcolm è stato interpretato in diversi film, in particolare Spike Lee Malcolm X (1992), con Denzel Washington nel ruolo di Malcolm. In altri film, Malcolm è stato interpretato da attori come James Earl Jones, Mario Van Peebles e Morgan Freeman.

La sala da ballo Audubon, il sito dell'assassinio, è ora The Malcolm X & il Centro Memoriale ed Educativo Dr. Betty Shabazz, dedicato a onorare l'eredità di Malcolm e continuare il suo lavoro per la giustizia sociale. E nel 2003, la famiglia di Malcolm ha reso disponibile ai ricercatori una vasta selezione dei suoi articoli personali attraverso la Biblioteca pubblica di New York's Centro Schomburg per la ricerca sulla cultura nera ad Harlem. Nonostante la sua prematura scomparsa, la dedizione appassionata di Malcolm X al movimento per i diritti civili e le questioni dell'identità afro-americana rimane vivace e pertinente.

tag
termini:
Storia nera
Di Jessica Murphy

    ALTRE STORIE DALLA BIOGRAFIA

    Storia e cultura

    Malcolm X: 10 citazioni ispiratrici del ministro e attivista per i diritti umani

    Il leader afroamericano ha parlato di libertà, uguaglianza e diritti civili.

    • Di Leigh WeingusJun 24, 2019
    Storia e cultura

    Martin Luther King Jr. e Malcolm X si sono incontrati solo una volta

    I leader dei diritti civili non hanno visto gli occhi e il loro incontro è durato pochi minuti.

    • Di Barbara Maranzani, 24 giu 2019
    Storia e cultura

    Onorare James Baldwin e il potere duraturo delle sue parole

    I curatori del Museo nazionale di storia e cultura afroamericana condividono manufatti e storie della vita dello scrittore e attivista per i diritti civili James Baldwin.

    • Di Daina Ramey BerryJul 30, 2019
    Storia e cultura

    Harry T. Moore: Champion of the Early Civil Rights Movement

    In onore del Black History Month, la storica Daina Ramey Berry chiede ai curatori del Museo nazionale di storia e cultura afroamericana di condividere importanti storie di pionieristiche figure afro-americane. Oggi celebriamo educatori e attivisti per i diritti civili Harry T. e Harriette Moore con uno sguardo ad alcuni dei loro beni personali che rivelano la loro umanità in tempi disumani per la comunità nera in America.

    • Di Daina Ramey BerryJun 18, 2019
    Storia e cultura

    Martin Luther King Jr. e 8 attivisti neri che hanno guidato il movimento per i diritti civili

    Questi visionari attivisti afroamericani erano alcuni degli agenti più vocali per il cambiamento razziale.

    • Di Brad Witter, 24 giu 2019
    Storia e cultura

    Gandhi: fatti sorprendenti sulla sua vita e su come vive oggi la sua eredità

    In ricordo del Mahatma Gandhi, assassinato 69 anni fa oggi, guardiamo alcuni fatti straordinari sulla sua vita e celebriamo il suo pacifico attivismo, che è molto vivo oggi.

    • Di Bio StaffJun 18, 2019
    Storia e cultura

    Come W.E.B. Du Bois ha aiutato a creare il NAACP

    L'attivista afroamericano per i diritti civili ha co-fondato l'organizzazione per discutere e risolvere l'ingiustizia razziale.

    • Di Eudie Pak, 27 giu 2019
    Storia e cultura

    Black History Month: foto di Frederick Douglass e della sua "stella polare" per il suo 200 ° compleanno

    Nella nostra continua copertura del Black History Month, la storica Daina Ramey Berry chiede ai curatori del National Museum of African American History and Culture di condividere le straordinarie storie di importanti personaggi afroamericani. Oggi, in occasione del suo duecentesimo compleanno, celebriamo l'abolizionista Frederick Douglass che ha usato il potere della sua immagine e delle sue parole per diffondere il suo messaggio di libertà e uguaglianza alle generazioni future.

    • Di Daina Ramey BerryJun 18, 2019
    Storia e cultura

    La vita di Rosa Parks dopo il boicottaggio del bus Montgomery

    Prima di diventare un'icona dei diritti civili ammirata a livello nazionale, la vita di Rosa Parks consisteva in alti e bassi che includevano lotte per sostenere la sua famiglia e intraprendere nuove strade nell'attivismo.

    • Di Sara KettlerJun 25, 2019
    Caricamento in corso ... Vedi di più



    Nessun utente ha ancora commentato questo articolo.

    Biografie di personaggi famosi.
    La tua fonte di storie vere su personaggi famosi. Leggi biografie esclusive e trova connessioni inattese con le tue celebrità preferite.