7 cose che potresti non sapere su Duke Ellington

  • Mark Lindsey
  • 0
  • 4792
  • 1030

Si esibisce la Duke Ellington Orchestra 'Prendi un treno' con la cantante Bette Roche nel film Reveille con Beverly, gennaio 1943. (Foto: Bettmann / Getty Images)

Dire che Duke Ellington (29 aprile 1899-24 maggio 1974) ebbe una carriera molto produttiva e illustre sarebbe un eufemismo. Come compositore, arrangiatore, pianista e capofila, è stato una forza importante per quasi 50 anni (1926-74), creando innovazioni in ogni area. Ha fatto tutto ciò mentre era costantemente in tournée con la sua orchestra che, nonostante i grandi cambiamenti nel mondo della musica, non si è mai rotto durante la sua vita.

Ellington è stato profilato in molti libri negli anni ed era un nome nazionale nei primi anni '30, ma ci sono alcuni aspetti della sua vita e carriera che non sono così famosi come le sue esibizioni e registrazioni.

1) Non lo era'la prima Ellington alla Casa Bianca.

Quando il settantesimo compleanno di Duke Ellington fu celebrato da un ricevimento storico e una jam session ospitata da Richard Nixon nel 1969, non fu'il primo della sua famiglia alla Casa Bianca. Suo padre, James Edward Ellington, oltre al suo lavoro come maggiordomo, autista, custode e tuttofare per un importante medico di Washington DC, lavorò come maggiordomo part-time lì in diverse occasioni durante l'amministrazione Warren G. Harding nei primi anni 1920 . Se fosse stato ancora vivo nel 1969, James Ellington avrebbe potuto portare suo figlio in un tour informato della residenza del presidente.

Duke Ellington riceve la medaglia presidenziale della libertà da Richard M. Nixon, il 24 aprile 1969. (Foto: National Archives and Records Administration - Archival Research Catalog, [Public Domain] via Wikimedia Commons).

2) Duke aveva un altro soprannome (meno soave).

Mentre Edward Kennedy Ellington è stato dato il soprannome di "Duke" all'inizio della sua vita a causa della sua natura soave e maniere di classe, è stato anche chiamato & # x201C; Dumpy & # x201D; da alcuni dei suoi sidemen a causa delle sue abitudini alimentari. Ellington ha sempre fatto del suo meglio per avere un bell'aspetto, ma aveva un appetito potenzialmente enorme che ha portato il trombonista Tricky Sam Nanton a dire una volta, & # x201C; Lui è un genio, va bene, ma Gesù come mangia! & # X201D; Ellington ha scoperto che quando ha seguito una dieta a base di bistecca, acqua calda, succo di pompelmo e caffè, ha potuto perdere peso molto rapidamente. Durante i periodi in cui mangiava in modo eccessivo (ha sempre amato la buona cucina), Ellington conosceva i vestiti giusti da indossare che lo facessero sembrare magro, indipendentemente dal suo peso.

3) Ellington ha mantenuto la sua band's suona fresco, trascendendo le diverse epoche del jazz.

L'evoluzione del Jazz si è mossa così rapidamente negli anni 1920-70 che se una band rimase musicalmente ferma per più di cinque anni, rimarrebbe indietro rispetto ai tempi e al suono datato. La maggior parte degli ensemble degli anni '20 erano in gran parte obsoleti a partire dall'era degli swing degli anni '30 e quasi tutte le bande di swing caddero in disgrazia alla fine degli anni '40 quando il bebop era diventato il mainstream. Tuttavia, Duke Ellington ha contrastato tutte le tendenze e, sia che si trattasse del 1926, del 1943 o del 1956 o del 1973, la sua orchestra si classificò tra le prime cinque nella scena jazz moderna dell'epoca. Nessun altro gruppo ha suonato così fresco, pertinente e innovativo per così tanto tempo. Ellington lo ha fatto non entrando mai in una categoria restrittiva o inseguendo le mode musicali. Ha semplicemente creato la musica in cui credeva, riorganizzando regolarmente i suoi numeri più popolari così & # x201C; Mood Indigo, & # x201D; & # x201C; Prendi & # x2018; A & # x2019; Train & # x201D; e & # x201C; Don & # x2019; t Significa una cosa se non è & # x2019; t Got That Swing & # x201D; suonavano ancora decenni moderni dopo che erano stati composti.

4) Anche Ellington ha tenuto fresco il suo piano.

Negli anni '20, la maggior parte dei pianisti jazz erano musicisti che trascorrevano il tempo camminando tra le note di basso e gli accordi con la mano sinistra mentre la loro destra suonava variazioni melodiche. Duke Ellington, che è stato ispirato da Willie & # x201C; the Lion & # x201D; Smith e James P. Johnson, sono diventati un pianista molto capace. Ma a differenza di tutti i suoi contemporanei (tranne Mary Lou Williams), Ellington continuò a modernizzare il suo modo di suonare durante i decenni che seguirono, diventando un'influenza su Thelonious Monk negli anni '40. All'inizio degli anni '70, il suo stile a percussione, che utilizzava in modo creativo lo spazio e includeva molti accordi dissonanti, poteva passare per suonare un trentenne piuttosto che uno che aveva settant'anni.

5) A volte ci sono voluti diversi 78 per ascoltare una singola suite di Ellington.

Fino alla nascita dell'LP alla fine degli anni '40, quasi tutte le registrazioni jazz furono pubblicate su 78, che contenevano solo tre minuti di musica per lato. Di tanto in tanto veniva rilasciato uno speciale 78 pollici da 12 pollici che poteva contenere fino a cinque minuti, sebbene la maggior parte delle band usasse il tempo extra per riprodurre medaglie di canzoni. Duke Ellington è stato tra i primissimi a comporre e registrare musica non classica che ha occupato diversi lati di un 78. Mentre la sua prima registrazione estesa è stata una versione su due lati di & # x201C; Tiger Rag & # x201D; nel 1929 che era essenzialmente una jam session, 1931 & # x2019; s & # x201C; Creole Rhapsody & # x201D; (registrato in due versioni molto diverse) e in quattro parti del 1935 & # x2019; Reminiscing In Tempo & # x201D; sono stati innovativi nello sviluppo dei temi per un periodo di tempo più lungo di tre minuti. Negli anni '40, le suite di Ellington erano spesso documentate su 78, anche se le sue & # x201C; Black, Brown and Beige, & # x201D; poiché ha funzionato per quasi un'ora, è stato fortemente condensato quando lo ha documentato come una suite di 12 minuti in quattro parti. Anche con la popolarità di Duke, era dubbio che molti dei suoi fan avrebbero voluto comprare dieci 78 solo per ascoltare la suite.

Duke Ellington siede con Billie Holiday e il pianista e critico musicale Leonard Feather in questa foto del 1945. Holiday ha recitato in un cortometraggio con Ellington nel 1935 e ha girato l'Europa con Feather nel 1954. (Foto: Getty Images)

6) Il sempre dignitoso Ellington sposò l'orgoglio nero prima che diventasse un movimento nazionale.

Duke Ellington è stato tra i primissimi musicisti afroamericani a celebrare la sua corsa e ad usare con orgoglio la parola & # x201C; black & # x201D; in molti dei suoi titoli di canzoni piuttosto che attenersi agli stereotipi o riprodurlo in modo sicuro. Tra i pezzi che ha scritto e registrato c'erano & # x201C; Creole Love Call (1927), & # x201D; Black And Tan Fantasy, & # x201D; & # x201C; Black Beauty & # x201D; (1928), & # x201C; When A Black Man & # x2019; s Blue & # x201D; (1930), & # x201C; Farfalla nera & # x201D; (1936) e il suo monumentale & # x201C; Nero, Marrone e Beige & # x201D; suite (1943). Inoltre, in tutte le sue apparizioni cinematografiche, a partire dal cortometraggio del 1929 Nero e marrone chiaro, Ellington e i suoi musicisti sembravano e si comportavano come artisti illustri piuttosto che pagliacci o debole sollievo comico.

7) Ellington non ha mai registrato la prima canzone che ha scritto. 

Mentre Duke Ellington ha composto migliaia di canzoni nella sua carriera che coprono una vasta gamma di musica e ha fatto centinaia di album, non ha mai registrato la sua prima composizione, & # x201C; Soda Fountain Rag & # x201D; che scrisse nel 1914. Ellington lo eseguì solo in occasioni molto rare (ci sono versioni di concerti oscuri del 1937, 1957 e 1964). Nelle sue innumerevoli sessioni di registrazione, Ellington non è mai riuscito a documentare ufficialmente la sua prima canzone.

tag
termini:
Storia nera
Di Scott Yanow

    ALTRE STORIE DALLA BIOGRAFIA

    Storia e cultura

    Walt Disney: 7 cose che non sapevi sull'uomo e sulla magia

    In previsione di "Get a Horse!" Di Walt Disney e il film biografico "Salvare Mr. Banks", diamo un'occhiata a sette fatti meno noti sull'uomo e sull'istituzione.

    • Di Micah WhiteJun 27, 2019
    Storia e cultura

    7 fatti affascinanti su Bob Marley

    Pochi musicisti rimangono tanto amati e venerati come il compianto Bob Marley, la cui musica continua a ispirare e influenzare musica, moda, politica e cultura in tutto il mondo.

    • Di Catherine McHughJun 24, 2019
    Celebrità

    Ricordando Johnny Cash: 10 cose che potresti non sapere sull'icona del Paese

    "Man in Black" era un insieme di contraddizioni.

    • Di Joe McGaskoSep 11, 2019
    Storia e cultura

    Fatti poco noti sulla storia nera

    Febbraio è il mese della Black History, il che significa che ogni anno ricordiamo gli afro-americani che hanno fatto la storia e reso l'America come è oggi. Ecco 120 fatti che potresti non conoscere.

    • Di Bio StaffJun 24, 2019
    Storia e cultura

    7 fatti su Johnny Appleseed

    Sapevi che oggi è il Johnny Appleseed Day? Scopri l'uomo e la leggenda che vanno ben oltre il suo fruttuoso nome.

    • Di Sara KettlerJun 21, 2019
    Celebrità

    11 cose che non sapevi su Han Solo

    Un contrabbandiere, un ladro e un eroe. Scopri di più sul salvatore da una galassia molto, molto lontana.

    • Di Colin BertramJun 18, 2019
    Storia e cultura

    7 fatti sorprendenti sul re Enrico VIII

    Enrico VIII fu incoronato re d'Inghilterra nel 1509. Allora perché il monarca Tudor ci affascina ancora? Ecco alcuni fatti sorprendenti.

    • Di Sara KettlerJun 18, 2019
    Storia e cultura

    J.D. Salinger: 6 cose che non sapevi

    Tre anni dopo la sua morte, J.D. Salinger sta ancora facendo notizia con una nuova biografia e documentario e la rivelazione che le sue opere inedite potrebbero presto essere rilasciate.

    • Di Jackie Nash, 18 giu 2019
    Storia e cultura

    Figure nascoste della NASA: donne che devi conoscere

    Il film "Figure nascoste", che aprirà a livello nazionale questo venerdì, celebra le donne afro-americane che hanno lavorato come "computer umani" della NASA. Scopri di più su questi eroi non celebrati che hanno reso possibile inviare gli americani nello spazio.

    • Di Julie Schwietert CollazoJun 21, 2019
    Caricamento in corso ... Vedi di più



    Nessun utente ha ancora commentato questo articolo.

    Biografie di personaggi famosi.
    La tua fonte di storie vere su personaggi famosi. Leggi biografie esclusive e trova connessioni inattese con le tue celebrità preferite.