Billie Holiday Biografia

  • Scott Jenkins
  • 0
  • 4908
  • 196
Billie Holiday è stato uno dei cantanti jazz più influenti di tutti i tempi. Ha avuto una carriera fiorente per molti anni prima di perdere la battaglia con la dipendenza.

Billie Holiday Biografia

La cantante jazz Billie Holiday è nata nel 1915 a Filadelfia. Considerato uno dei migliori cantanti jazz di tutti i tempi, Holiday ha avuto una fiorente carriera come cantante jazz per molti anni prima di perdere la battaglia contro l'abuso di sostanze. 

Conosciuta anche come Lady Day, la sua autobiografia è stata trasformata nel film del 1972 Lady canta il blues. Nel 2000, Billie Holiday fu introdotta nella Rock and Roll Hall of Fame.

21Gallery21 Immagini

Eleanora Fagan

Billie Holiday è nata Eleanora Fagan il 7 aprile 1915 a Filadelfia, in Pennsylvania. (Alcune fonti sostengono che la sua città natale fosse Baltimora, nel Maryland, e che il suo certificato di nascita recita "Elinore Harris".) 

Holiday ha trascorso gran parte della sua infanzia a Baltimora. Sua madre, Sadie, era solo un'adolescente quando l'aveva. Si ritiene che suo padre sia Clarence Holiday, che alla fine divenne un musicista jazz di successo, suonando con artisti del calibro di Fletcher Henderson. 

Sfortunatamente per Billie, suo padre era un visitatore raro nella sua vita da grande. Sadie sposò Philip Gough nel 1920 e per alcuni anni Billie ebbe una vita familiare piuttosto stabile. Ma quel matrimonio finì qualche anno dopo, lasciando Billie e Sadie a lottare di nuovo da soli. A volte Billie veniva lasciato alle cure di altre persone.

Holiday iniziò a saltare la scuola e lei e sua madre andarono in tribunale per Holiday's truancy. Fu quindi inviata alla House of Good Shepherd, una struttura per ragazze afroamericane in difficoltà, nel gennaio del 1925. 

All'epoca aveva solo 9 anni, Holiday era una delle ragazze più giovani lì. È stata restituita a sua madre's cura nell'agosto di quell'anno. Secondo Donald Clarke'biografia di s, Billie Holiday: Wishing on the Moon, tornò lì nel 1926 dopo essere stata aggredita sessualmente.

Nella sua difficile vita iniziale, Holiday trovò conforto nella musica, cantando insieme ai dischi di Bessie Smith e Louis Armstrong. Seguì sua madre, che si era trasferita a New York City alla fine degli anni 1920, e per un certo periodo lavorò in una casa di prostituzione ad Harlem. 

Intorno al 1930, Holiday iniziò a cantare nei club locali e si ribattezzò "Billie" dopo la star del cinema Billie Dove.

Canzoni di Billie Holiday

All'età di 18 anni, Holiday è stata scoperta dal produttore John Hammond mentre si esibiva in un jazz club di Harlem. Hammond è stato determinante per ottenere il lavoro di registrazione di Holiday con un emergente clarinettista e leader del gruppo Benny Goodman. 

Con Goodman, ha cantato per diversi brani, inclusa la sua prima uscita commerciale "Your Mother's Son-In-Law "e la top ten del 1934" Riffin' lo scozzese ".

Conosciuta per il suo fraseggio distintivo e la voce espressiva, a volte malinconica, Holiday ha continuato a registrare con il pianista jazz Teddy Wilson e altri nel 1935. 

Ha realizzato diversi singoli, tra cui "What a Little Moonlight Can Do" e "Miss Brown to You". Nello stesso anno, nel film è apparso Holiday con Duke Ellington Sinfonia in nero.

Lady Day

In quel periodo, Holiday incontrò e fece amicizia con il sassofonista Lester Young, che faceva parte del conte Basie's orchestra on e off per anni. Ha anche vissuto con Holiday e sua madre Sadie per un po '. 

Young diede a Holiday il soprannome di "Lady Day" nel 1937 & # x2014; lo stesso anno si unì a Basie'banda di s. In cambio, lo chiamò "Prez", che era il suo modo di dire che pensava fosse il massimo.

Holiday andò in tournée con la Count Basie Orchestra nel 1937. L'anno seguente lavorò con Artie Shaw e la sua orchestra. Holiday ha aperto una nuova strada con Shaw, diventando una delle prime cantanti afroamericane a lavorare con un'orchestra bianca. 

I promotori, tuttavia, si sono opposti a Holiday & # x2014; per la sua gara e per il suo stile vocale unico & # x2014; e alla fine ha lasciato l'orchestra per la frustrazione.

Strano frutto

Sorprendente da sola, Holiday si esibì a New York's Café Society. Ha sviluppato alcune delle sue personalità di palcoscenico tipiche lì & # x2014; indossando gardenie tra i capelli e cantando con la testa inclinata all'indietro.

Durante questo fidanzamento, Holiday ha anche debuttato due delle sue canzoni più famose, "God Bless the Child" e "Strange Fruit". La Columbia, la sua casa discografica dell'epoca, non era interessata a "Strange Fruit", una storia potente sul linciaggio degli afroamericani nel sud. 

Holiday ha invece registrato la canzone con l'etichetta Commodore. "Strange Fruit" è considerata una delle sue ballate d'autore e la controversia che lo circonda & # x2014; alcune stazioni radio hanno vietato il disco & # x2014; ha contribuito a renderlo un successo.

Nel corso degli anni, Holiday ha cantato molte canzoni di relazioni burrascose, tra cui "T'ain't Nessuno's Business If I Do "e" My Man ". Queste canzoni riflettevano i suoi romanzi personali, che erano spesso distruttivi e offensivi. 

Holiday sposò James Monroe nel 1941. Già noto per bere, Holiday prese in braccio il suo nuovo marito's abitudine al fumo di oppio. Il matrimonio no'durano & # x2014; in seguito hanno divorziato & # x2014; ma festivi'continuarono i problemi con l'abuso di sostanze.

Problemi personali

Nello stesso anno, Holiday ebbe un successo con "God Bless the Child". Successivamente firmò con la Decca Records nel 1944 e l'anno successivo ottenne un successo in R&B con "Lover Man". 

Il suo ragazzo all'epoca era il trombettista Joe Guy, e con lui iniziò a usare l'eroina. Dopo la morte di sua madre nell'ottobre 1945, Holiday iniziò a bere più pesantemente e intensificò il consumo di droghe per alleviare il dolore.

Nonostante i suoi problemi personali, Holiday è rimasta una delle maggiori star del mondo jazz & # x2014; e anche nella musica popolare. È apparsa con il suo idolo Louis Armstrong nel film del 1947 New Orleans, sebbene reciti nel ruolo di domestica. 

Sfortunatamente, vacanze's l'uso di droghe le causò una grande sconfitta professionale nello stesso anno. Fu arrestata e condannata per possesso di stupefacenti nel 1947. Condannata a un anno e un giorno di prigione, Holiday andò in una struttura federale di riabilitazione ad Alderston, West Virginia.

Rilasciato l'anno successivo, Holiday ha affrontato nuove sfide. A causa della sua convinzione, non era in grado di ottenere la licenza necessaria per suonare nei cabaret e nei club. Holiday, tuttavia, poteva ancora esibirsi nelle sale da concerto e aveva uno spettacolo tutto esaurito alla Carnegie Hall non molto tempo dopo la sua uscita. 

Con l'aiuto di John Levy, proprietario di un club di New York, Holiday avrebbe dovuto suonare in seguito a New York's Club Ebony. Levy divenne il suo fidanzato e manager alla fine degli anni '40, unendosi ai ranghi degli uomini che approfittarono delle vacanze. 

Sempre in questo periodo, è stata nuovamente arrestata per narcotici, ma è stata assolta dalle accuse.

Anni dopo

Mentre la sua vita dura stava mettendo a dura prova la sua voce, Holiday ha continuato a girare e registrare negli anni '50. Ha iniziato a registrare per Norman Granz, proprietario di diverse piccole etichette jazz, nel 1952. Due anni dopo, Holiday ha fatto un tour di grande successo in Europa.

Holiday ha anche catturato il pubblico's l'attenzione condividendo la sua storia di vita con il mondo nel 1956. La sua autobiografia, Lady canta il blues (1956), è stato scritto in collaborazione da William Dufty. 

Parte del materiale nel libro, tuttavia, deve essere preso con un granello di sale. Holiday era in forma approssimativa quando ha lavorato con Dufty al progetto, e ha affermato di non aver mai letto il libro dopo che è stato finito.

In questo periodo, Holiday è stata coinvolta con Louis McKay. I due furono arrestati per narcotici nel 1956 e si sposarono in Messico l'anno successivo. Come molti altri uomini nella sua vita, McKay usava le vacanze'nome e denaro per avanzare. 

Nonostante tutti i problemi che aveva avuto con la sua voce, è riuscita a dare una prestazione impressionante alla trasmissione televisiva della CBS Il suono del jazz con Ben Webster, Lester Young e Coleman Hawkins.

Dopo anni di registrazioni poco brillanti e vendite record, Holiday ha registrato Dama in raso (1958) con la Ray Ellis Orchestra per la Columbia. L'album'Le canzoni mostravano la sua voce dal suono più ruvido, che poteva ancora trasmettere una grande intensità emotiva. 

Come è morto Billie Holiday?

Holiday ha dato la sua esibizione finale a New York City il 25 maggio 1959. Non molto tempo dopo questo evento, Holiday è stata ricoverata in ospedale per problemi cardiaci e epatici. 

Era così assuefatta all'eroina che fu persino arrestata per possesso mentre era in ospedale. Il 17 luglio 1959, Holiday morì per complicazioni legate all'alcol e alla droga.

eredità

Più di 3000 persone si sono rivelate salutate Lady Day al suo funerale tenutosi nella chiesa cattolica romana di San Paolo Apostolo il 21 luglio 1959. A che's chi del mondo jazz ha partecipato all'occasione solenne, tra cui Benny Goodman, Gene Krupa, Tony Scott, Buddy Rogers e John Hammond.

Considerato uno dei migliori cantanti jazz di tutti i tempi, Holiday ha influenzato molti altri artisti che hanno seguito le sue orme. 

La sua autobiografia è stata trasformata nel film del 1972 Lady canta il blues con la famosa cantante Diana Ross nel ruolo di Holiday, che ha contribuito a rinnovare l'interesse per Holiday'registrazioni s. 

Nel 2000, Billie Holiday fu introdotta nella Hall of Fame del Rock and Roll con Diana Ross che gestiva gli onori.

video

Billie Holiday - Lotta con la droga (TV-14; 2:25) Billie Holiday - Big Break (TV-14; 3:09) Billie Holiday - Romantic Relationships (TV-14; 2:30) Billie Holiday - Mini Biografia (TV-14; 3:43)



Nessun utente ha ancora commentato questo articolo.

Biografie di personaggi famosi.
La tua fonte di storie vere su personaggi famosi. Leggi biografie esclusive e trova connessioni inattese con le tue celebrità preferite.