Mese della storia nera In che modo la giovent√Ļ nera ha avuto un impatto sul movimento per i diritti civili

  • Morgan Ward
  • 0
  • 5173
  • 920

Il movimento per i diritti civili ha attirato molti giovani in un vortice di incontri, marce, prigionia e, in alcuni casi, morte. Alcuni erano partecipanti attivi e disponibili che hanno intrapreso un'azione per una causa in cui credevano. Altri erano ignari vittime di una cultura razzista oppressiva che era determinata a perpetuare una società suprematista bianca. 

Emmett Till, 1955

Un ritratto di Emmett Till nel 1955. (Foto: New York World-Telegram & Sun Collection / Library of Congress) 

Foto: Library of Congress di cortesia

Nell'estate del 1955, il quattordicenne Emmett Till aveva appena finito la seconda media a Chicago. Aveva convinto sua madre, Mamie, a rinunciare a una vacanza in famiglia programmata e a permettergli di visitare suo prozio, Moses Wright, nella contea di Tallahatchie, Mississippi. Mamie sapeva che Emmett era un bambino responsabile, ma anche di buon umore e, a volte, un burlone. Prima di andarsene, Mamie consigliò a Emmett di essere educato e di non provocare i bianchi. Gli diede un anello che era appartenuto al suo defunto padre, Louis Till. 

La contea di Tallahatchie nel 1955 era un'area depressa dal punto di vista economico e culturale del Mississippi settentrionale. La maggior parte della popolazione aveva solo un'istruzione scolastica di grado. Due terzi erano afroamericani, che lavoravano come mezzadri e soggiogati dai bianchi in ogni modo. La decisione della Corte Suprema degli Stati Uniti del 1954, punto di riferimento Brown contro Board of Education di Topeka Kansas, che vietava la segregazione nelle scuole pubbliche, era vista come una campana mortale dalla maggior parte dei bianchi nel profondo sud e nel Mississippi in particolare. Molti temevano che il mescolamento delle razze incoraggiasse gli afroamericani a uscire da & # x201C; il loro posto & # x201D; e minacciare l'ordine sociale. Un giornale di stato dichiarò audacemente: & # x201C; Il Mississippi non può e non tenterà di attenersi a tale decisione. & # X201D; 

Emmett Till arrivò alla fattoria di suo zio Moses il 21 agosto 1955. Trascorse la maggior parte dei suoi giorni a lavorare nei campi di cotone e le sue serate con i suoi cugini. Non era condizionato, per così dire, a rivolgersi ai bianchi come & # x201C; signore & # x2019; oppure & # x201C; ma & # x2019; am. & # x201D; Si vantava dei suoi amici bianchi a Chicago e di una foto di una ragazza bianca che teneva nel portafoglio che chiamava la sua ragazza. La sera del 24 agosto, Till e alcuni cugini si recarono a Money, un piccolo incrocio vicino alla casa del suo prozio. Si sono riuniti al mercato di alimentari e carne di Bryant di proprietà e gestito da una coppia bianca, Roy e Carolyn Bryant. Roy era fuori per lavoro e il ventunenne Carolyn stava pensando al negozio. Quello che è successo dopo è stato in discussione da allora. 

Emmett Till o iniziò a vantarsi della sua ragazza bianca o qualcuno lo osò entrare nel negozio e chiedere a Carolyn Bryant un appuntamento. Mentre entrava nel negozio, i suoi cugini guardavano dalla finestra. Alcuni testimoni hanno detto che si è avvicinato a Carolyn, ha detto qualcosa e le ha toccato o tenuto la mano o il braccio. Altri dicono che non l'ha fatto. Fino a quando non ha lasciato con calma il negozio o è stato trascinato fuori da uno dei suoi cugini. Sulla strada per il camion, ha presumibilmente urlato & # x201C; Ciao, bambino & # x201D; a Carolyn e fischiettò a gran voce contro di lei o, come in seguito spiegò sua madre spesso, fischiò mentre cercava di superare la sua balbuzie. In ogni caso, gli adolescenti si affrettarono a correre prima che Carolyn potesse prendere la sua pistola, che teneva sotto il sedile della sua auto. 

Carolyn ha scelto di non dire a Roy dell'incontro con Till dopo il suo ritorno a casa, ma lo ha scoperto attraverso i pettegolezzi locali e si √® infuriato. Nelle prime ore del mattino del 28 agosto, Bryant e il suo fratellastro John Milam irruppero nella casa di Moses Wight, tirarono gi√Ļ dal letto e lo trascinarono in un camioncino in attesa. Wright e sua moglie supplicarono inutilmente gli uomini mentre si allontanavano nella notte.¬†

Tre giorni dopo, il corpo di Emmet Till fu recuperato dal fiume Tallahatchie, mutilato in modo irriconoscibile. Moses Wright sapeva solo che era suo nipote a causa dell'anello che indossava. Le autorità volevano seppellire rapidamente il corpo, ma sua madre, Mamie, insistette perché fosse rispedito a Chicago. Dopo aver visto i resti di suo figlio, decise di organizzare un funerale a scrigno aperto in modo che il mondo potesse vedere cosa era successo. Migliaia di persone in lutto hanno archiviato la bara e diverse pubblicazioni afroamericane hanno stampato foto grafiche del corpo di Till. 

Al momento del processo, l'omicidio di Emmett Till era diventato una fonte di indignazione in tutto il paese e nella contea di Tallahatchie. Roy Bryant e John Milam sono stati accusati di rapimento e omicidio. Tra i molti testimoni chiamati durante il processo di cinque giorni c'era Moses Wright che coraggiosamente ha testimoniato che Bryant e Milan hanno rapito Till. La giuria tutta bianca e tutta maschile impiegò solo un'ora per assolvere Bryant e Milam. 

Dopo il verdetto, manifestazioni di protesta hanno avuto luogo nelle principali città degli Stati Uniti e persino la stampa in Europa ha coperto il processo e gli eventi successivi. Il negozio di Bryant alla fine fallì, poiché il 90 percento della sua clientela era afroamericana. Alla disperata ricerca di denaro, Bryant e Milam acconsentirono a un'intervista di GUARDA rivista in cui hanno dato confessioni dettagliate sull'uccisione di Till, al sicuro da ulteriori accuse a causa del doppio pericolo. 

L'omicidio di Emmett Till ha portato alla luce la brutalità della segregazione di Jim Crow nel sud e ha galvanizzato un movimento emergente per i diritti civili. Due anni dopo l'omicidio di Emmett Till, nove coraggiosi studenti delle scuole superiori afroamericane avrebbero infranto la tradizione della segregazione e sarebbero entrati in una scuola per soli bianchi. Tre anni dopo, una ragazza afroamericana di sette anni molto coraggiosa si sarebbe iscritta a una scuola elementare tutta bianca e quattro studenti universitari afroamericani avrebbero integrato i banchi pranzo e avrebbero iniziato il movimento di integrazione che avrebbe spazzato il paese. Nel 1963, altri due eventi a Birmingham, Alabama & # x2014; un attacco di polizia a migliaia di bambini e il bombardamento di una chiesa afroamericana, l'uccisione di quattro ragazze & # x2014; avrebbero spinto la coscienza di una nazione a mettere finalmente in atto la legislazione sui diritti civili legge. 

Little Rock Nine, 1957  

I soldati della 101a divisione aviotrasportata scortano gli studenti di Little Rock Nine nella High School bianca di Little Rock, nell'Arkansas. (Foto: esercito americano / archivi nazionali / Wikimedia Commons)

Il punto di riferimento della sentenza della Corte Suprema degli Stati Uniti del 1954 Brown contro Board of Education mise in moto l'integrazione razziale delle scuole della nazione. La resistenza era diffusa in tutto il paese e nel 1955 la Corte emise un secondo parere (a volte noto come & # x201C; Brown II & # x201D;) ordinando ai distretti scolastici di integrare & # x201C; con tutta la velocità deliberata. & # X201D; In risposta alle decisioni Brown e alle pressioni del NAACP, il consiglio scolastico di Little Rock, Arkansas, ha adottato un piano per l'integrazione graduale, a partire da Little Rock Central High School. 

Nell'estate del 1957, Daisy Bates, presidente dell'Arkansas NAACP, reclutò nove studenti delle scuole superiori che riteneva possedessero la forza e la determinazione per affrontare la resistenza all'integrazione. Erano Minnijean Brown, Elizabeth Eckford, Ernest Green, Thelma Mothershed, Melba Patillo, Gloria Ray, Terrence Roberts, Jefferson Thomas e Carlotta Walls. Nei mesi precedenti l'inizio dell'anno scolastico, gli studenti hanno partecipato a sessioni di consulenza intensiva su cosa aspettarsi e come rispondere. 

Due giorni prima dell'apertura della scuola, il 2 settembre 1957, il governatore dell'Arkansas Orval Faubus ordinò alla Guardia Nazionale di impedire agli studenti afroamericani di entrare nelle scuole statali, affermando che era per la loro protezione. x201D; Il giorno successivo, il giudice del tribunale federale Richard Davies emise una sentenza che avrebbe proceduto alla desegregazione. 

Mentre i nove studenti afroamericani tentavano di entrare nella scuola il 4 settembre, una folla di studenti e adulti bianchi arrabbiati e la Guardia Nazionale erano lì per incontrarli. Mentre gli studenti camminavano verso la porta d'ingresso, i manifestanti bianchi si avvicinarono, urlando epiteti razziali e sputandoli. Alla fine la Guardia ha impedito agli studenti di entrare nella scuola.

Una manifestazione nella capitale dello stato per protestare contro l'integrazione della Central High School a Little Rock, nell'Arkansas. (Foto: Library of Congress, raccolta di fotografie di riviste statunitensi e notizie dal mondo)

Nei giorni seguenti, il consiglio scolastico di Little Rock ha condannato il dispiegamento della Guardia Nazionale del governatore e il presidente Dwight Eisenhower ha cercato di convincere il governatore Faubus a non sfidare la sentenza della Corte. Il 20 settembre, il giudice Davies ha ordinato la rimozione della Guardia nazionale dalla scuola e il dipartimento di polizia di Little Rock ha preso il comando per mantenere l'ordine. Tre giorni dopo, la polizia ha tentato di scortare gli studenti a scuola ma è stata accolta da una folla inferocita di 1.000 manifestanti bianchi. Il sindaco di Little Rock Woodrow Wilson Mann, chiese al presidente Eisenhower di inviare truppe federali per rafforzare l'integrazione e il 24 settembre, il presidente Eisenhower ordinò la 101a divisione aviotrasportata a Little Rock e federalizzò l'intero 10.000 membri della Guardia Nazionale dell'Arkansas, togliendo l'autorità dal governatore Faubus . Il giorno seguente, le truppe dell'esercito scortarono gli studenti al loro primo giorno di lezione. 

Sono continuate le sfide legali e le proteste all'integrazione e la 101a divisione aviotrasportata √® rimasta a scuola tutto l'anno. I nove studenti afroamericani hanno subito abusi verbali e fisici. Melba Pattillo si era lanciata dell'acido in faccia e Gloria Ray √® stata gettata gi√Ļ da una rampa di scale. Nel maggio del 1958, l'anziano Ernest Green divenne il primo afroamericano a diplomarsi alla Central High School. L'anno successivo, la Little Rock Central High School fu chiusa dopo che i cittadini locali respinsero con un margine di 3-1 una petizione per integrare ufficialmente la scuola. La scuola √® stata riaperta nel 1959 e gli altri studenti di Little Rock Nine hanno continuato a laurearsi e hanno distinto carriere nel governo, nell'esercito e nei media. Nel 1999, il presidente Bill Clinton ha riconosciuto i nove per il loro ruolo significativo nella storia dei diritti civili, assegnando a ciascuno la medaglia d'oro del Congresso e nel 2009, tutti e nove sono stati invitati alla prima inaugurazione del presidente Barack Obama. ¬†

The Greensboro Four, 1960

Un monumento alla AT&T State University in Carolina del Nord in onore di Jibreel Khazan (precedentemente noto come Ezell Blair Jr.), Franklin McCain, Joseph McNeil e David Richmond, quattro studenti che sono diventati noti come & # x201C; Greensboro Four & # x201D; per la loro sit-in protesta segregazione presso un Woolworth's grande magazzino nel 1960. 

Nonostante la decisione Brown contro Board of Education, la desegregazione nel Sud arrivò lentamente e dolorosamente e i giovani afroamericani erano profondamente consapevoli dell'ipocrisia. Nel 1960, quattro studenti universitari afroamericani & # x2013; Ezell Blair Jr., David Richmond, Franklin McCain e Joseph McNeil & # x2013; stavano frequentando il North Carolina Agricultural and Technical College. Erano diventati amici intimi, trascorrendo le serate discutendo degli eventi attuali e del loro posto di afroamericani in un ambiente separato ma uguale a & # x201D; società. Erano stati influenzati dalle tecniche di protesta non violenta dei Mohandas Gandhi dell'India e dai primi Freedom Rides nel Deep South, organizzati dal Congress for Racial Equality (CORE). Tutti e quattro erano stati scossi dall'omicidio di Emmett Till del 1955. 

Sebbene tutti e quattro gli studenti abbiano riconosciuto che erano stati fatti alcuni passi avanti nella desegregazione del Sud, l'integrazione non era universale. La maggior parte delle imprese erano di proprietà privata e quindi non soggette alle leggi federali che vietavano la segregazione. Quando a uno degli studenti è stato negato il servizio presso un banco del pranzo, tutti e quattro hanno escogitato con cura un piano per agire e incoraggiare il cambiamento. 

Parte del bancone in cui gli studenti di Greensboro hanno organizzato una sit-in di protesta per i diritti civili è in mostra al National Museum of American History di Washington DC. (Foto: RadioFan [CC BY-SA 3.0 o GFDL], tramite Wikimedia Commons)

Indossando i loro abiti migliori, tutti e quattro gli studenti entrarono nel negozio F.W. Woolworth a Greensboro, nella Carolina del Nord, il 1 ¬į febbraio 1960. Dopo aver acquistato un po 'di merce, si sedettero al bancone del pranzo per soli bianchi e chiesero di essere negati. Hanno cortesemente richiesto assistenza e di nuovo sono stati negati, questa volta dal direttore del negozio che ha detto loro di andarsene. Ancora una volta, hanno rifiutato. A questo punto, la polizia era arrivata cos√¨ come i media. Incapace di intraprendere alcuna azione perch√© non vi √® stata alcuna provocazione, la polizia non ha potuto effettuare un arresto. I clienti del negozio erano sbalorditi dalla situazione, ma non fecero nulla. I quattro studenti rimasero al banco, incustoditi, fino alla chiusura del negozio. Sarebbero tornati.¬†

Entro il 5 febbraio, centinaia di studenti si erano uniti al sit-in al Woolworth per paralizzare il business del banco del pranzo. L'intensa copertura mediatica in televisione e sui giornali ha mostrato che molti manifestanti affrontano stoicamente i maltrattamenti e le minacce dei clienti bianchi. I sit-in hanno scatenato un movimento nazionale nei campus universitari e nelle citt√† attirando l'attenzione sulla lotta per i diritti civili. Alla fine del 1960, molti ristoranti, banchi per il pranzo e aziende di propriet√† privata avevano desegregato le loro strutture senza alcuna azione giudiziaria o normativa. I sit-in si sono dimostrati una delle proteste pi√Ļ efficaci del movimento per i diritti civili.¬†

Ruby Bridges, 1960

Dopo che un tribunale federale ordinò la desegregazione delle scuole nel sud, i marescialli statunitensi scortarono Ruby Bridges da e verso la William Frantz Elementary School di New Orleans. (Foto: fotografo DOJ non accreditato (via [1]) [dominio pubblico], via Wikimedia Commons)

Ruby Bridges è nato lo stesso anno del Brown v. Board of Education nel 1954. A New Orleans, dove viveva Ruby, i funzionari della scuola riluttanti hanno escogitato un test per impedire ai bambini afroamericani di frequentare le scuole bianche. Mentre era all'asilo, Ruby accettò e superò la prova, permettendole di frequentare la scuola elementare William Frantz tutta bianca, a soli cinque isolati da casa sua. Sarebbe l'unica figlia afroamericana lì. 

Temendo un possibile contraccolpo, i marescialli statunitensi furono inviati a New Orleans per proteggere Ruby. Il 14 settembre 1960, fu scortata alla scuola di Frantz da quattro marescialli. Trascorse il suo primo giorno nell'ufficio del preside mentre i genitori bianchi portavano i loro figli fuori dalla scuola. 

Dopo giorni di accesi dibattiti, è stato raggiunto un compromesso in cui gli studenti bianchi sarebbero tornati a scuola. Ruby sarebbe stato isolato in un'aula su un piano separato dagli altri studenti. Nessuno degli insegnanti tranne uno, Barbara Henry, originaria di Boston, nel Massachusetts, accettò di insegnarle. Per il resto dell'anno, la signora Henry e Ruby si sedettero fianco a fianco andando a lezione in classe. Durante la ricreazione, sarebbero rimasti lì per giocare o fare calisthenics. A pranzo, Ruby sarebbe rimasto nella stanza per mangiare da solo. 

La vita non era migliore al di fuori dell'aula mentre continuavano le proteste dei genitori bianchi. Una donna ha minacciato di avvelenare Ruby e un'altra ha messo una bambola nera in una bara e l'ha lasciata fuori dalla scuola. Suo padre ha perso il lavoro e sua madre è stata bandita dallo shopping al negozio di alimentari locale. Dopo il primo semestre, Ruby iniziò ad avere incubi. Smise di pranzare fino a quando la signora Henry si unì a lei. La dottoressa Robert Coles, psicologa infantile, si è offerta volontaria per consigliare Ruby durante il suo primo anno a scuola. A poco a poco, la sua confusione e paura furono sostituite da un certo livello di normalità. Di tanto in tanto, le era permesso di visitare alcuni dei suoi compagni di classe e dal suo secondo anno, stava frequentando le lezioni con gli altri studenti. 

Ruby ha frequentato le scuole integrate fino al liceo e ha frequentato la business school per diventare un agente di viaggio. Nel 1995, il Dr. Coles ha pubblicato La storia di Ruby Bridges raccontando la sua esperienza con Ruby durante quel primo anno. Alla fine, Ruby si riunì con la signora Henry sul Oprah Winfrey Show e da lì ha formato la Ruby Bridges Foundation a New Orleans per promuovere i valori di tolleranza, rispetto e apprezzamento di tutte le differenze. Ruby Bridges & # x2019; l'esperienza come il primo studente afroamericano ad integrare il Sud è stata immortalata nella pittura di Norman Rockwell & # x2019; s un problema con cui tutti viviamo. & # x201D; 

The Children & # x2019; s Crusade 1963

Nel 1963, Birmingham, Alabama, era una delle citt√† razziste pi√Ļ famose del Sud, sede di uno dei capitoli pi√Ļ violenti del Ku Klux Klan. Per questo motivo, i leader dei diritti civili della Southern Christian Leadership Conference (SCLC) hanno reso Birmingham uno dei principali obiettivi dei loro sforzi per registrare gli afroamericani per votare e desegregare le strutture pubbliche. L'arresto e l'incarcerazione del Dr. Martin Luther King, Jr., ad aprile, avevano prodotto & # x201C; Lettere dal carcere di Birmingham, & # x201D; ma non ha aumentato il supporto per l'integrazione. I cittadini locali erano troppo intimiditi dopo che un giudice del circuito aveva emesso un'ingiunzione contro la manifestazione pubblica.¬†

Il reverendo James Bevel, membro dello staff di SCLC, ha proposto l'idea radicale di reclutare studenti per partecipare alle proteste. Inizialmente King era riluttante, temendo di danneggiare i bambini, ma dopo molte discussioni concordò, sperando che ispirassero la coscienza di una nazione. I membri di SCLC hanno esaminato le scuole superiori e i college per i volontari e hanno iniziato a formarli sulle tattiche della resistenza alla non violenza.

Il 2 maggio 1963, migliaia di studenti afroamericani saltarono la scuola e si radunarono nella chiesa battista della sedicesima strada per istruzioni. Poi hanno marciato verso il centro in missione per parlare con il sindaco Albert Boutwell di Birmingham della segregazione. Mentre i bambini si avvicinavano al municipio, furono arrestati dalla polizia e centinaia furono scortati in prigione in risaie e scuolabus. Quella sera, il dottor King andò a vedere gli studenti in prigione con il messaggio, & # x201C; Quello che fai oggi avrà un impatto sui bambini che non sono nati. & # X201D;

Il giorno successivo la marcia riprese di nuovo. Questa volta non √® stato cos√¨ pacifico. La polizia li stava aspettando con manganelli, bastoni e cani poliziotti. Il commissario per la sicurezza pubblica di Birmingham Eugene & # x201C; Bull & # x201D; Connor ordin√≤ personalmente ai suoi uomini di attaccare. Immediatamente l'area esplose con cannoni ad alta pressione e cani che abbaiavano. I bambini urlarono mentre l'acqua lacerava i loro vestiti e la loro carne. Alcuni sono stati bloccati contro i muri, altri sono stati buttati gi√Ļ dai loro piedi. Il tonfo sordo dei bastoni notturni che colpiva l'osso inizi√≤ quando la polizia afferr√≤ i bambini e li trascin√≤ in prigione. I media erano l√¨ a registrare l'intero evento.

I giovani attivisti vengono spruzzati da cannoni ad acqua ad alta pressione nel Kelly Ingram Park di Birmingham, in Alabama. (Foto: Getty Images)

Le proteste sono continuate mentre le notizie circolavano in tutta la nazione sprizzando immagini della brutalità e generando un grido di sostegno. Le aziende di Birmingham iniziarono a sentire la pressione mentre l'intera città era collegata alle azioni della polizia. Alla fine, i funzionari della città hanno incontrato i leader dei diritti civili e hanno elaborato un piano per porre fine alle manifestazioni. Il 10 maggio, i leader della città hanno concordato di desegregare le strutture commerciali e pubbliche. 

La crociata dei bambini segn√≤ una vittoria significativa per i diritti civili a Birmingham, dicendo ai funzionari locali che non potevano pi√Ļ ignorare il movimento. Tuttavia, la resistenza all'integrazione e all'uguaglianza non era finita e mentre l'anno si spostava verso settembre, stava per svolgersi una delle trame pi√Ļ diaboliche contro gli afroamericani.¬†

Il bombardamento della sedicesima strada della chiesa battista, 1963 

(In senso orario dall'alto, a sinistra) Denise McNair, 11; Addie Mae Collins, 14 anni; Cynthia Wesley, 14 anni; e Carole Robertson, 14 anni, furono uccisi nel bombardamento della chiesa battista della sedicesima strada il 15 settembre 1963. (Foto: Immagini AP)

La chiesa battista della sedicesima strada a Birmingham, in Alabama, fu costruita nel 1911 e, per generazioni di afroamericani, fu il punto focale della comunità. Negli anni '50 e '60, la chiesa divenne un epicentro del movimento per i diritti civili guidato dal Dr. Martin Luther King, Jr. e dal reverendo Ralph Abernathy.

Durante la primavera e l'estate del 1963, le tensioni erano aumentate a Birmingham con l'arresto del Dr. King in aprile e la Children's Crusade a maggio, mentre le organizzazioni per i diritti civili lavoravano alla registrazione degli elettori afroamericani e alla desegregazione scolastica. C'erano stati diversi bombardamenti di proprietà afroamericane nei mesi precedenti, guadagnando alla città il soprannome di "Bombingham". # #20101; Il governatore dell'Alabama George Wallace aveva recentemente alimentato tensioni con retorica infiammatoria in una dichiarazione stampata Il New York Times dichiarando che un modo sicuro per fermare l'integrazione in Alabama era attraverso un & # x201C; alcuni funerali di prima classe. & # x201D; 

La mattina del 15 settembre 1963, fu visto un uomo bianco mettere una scatola nella chiesa battista della sedicesima strada. Gli adoratori stavano trovando i loro posti per gli undici o & # x2019; servizio orologio e cinque giovani ragazze & # x2014; Addie Mae Collins, Sarah Collins, Denise McNair, Carole Robertson e Cynthia Wesley & # x2014; erano nel bagno al piano di sotto indossando le loro toghe da coro . Esattamente alle 10:22 del mattino, una bomba ha squarciato la chiesa facendo esplodere tutte le finestre di vetro colorato tranne una e le pareti nel seminterrato. Mentre la gente fuggiva dalla chiesa piena di fumo, molti si precipitarono sul luogo dell'esplosione. Lì trovarono i corpi mutilati di quattro ragazze. Solo Sarah Collins, di 10 anni, era viva, ma avrebbe perso l'occhio destro. 

Ore dopo l'esplosione, la città è stata scossa dalle rivolte in diversi quartieri. Le imprese furono bruciate e saccheggiate. Il governatore Wallace ha inviato 500 centinaia di guardie nazionali e 300 soldati di stato a Birmingham. Numerosi manifestanti sono stati arrestati e altri due giovani afroamericani sono stati uccisi in incidenti separati. La settimana successiva, ottomila persone in lutto hanno partecipato al funerale di tre ragazze (la quarta famiglia della ragazza aveva un servizio privato) e un intero paese ha sofferto per la perdita. 

La comunit√† suprematista bianca di Birmingham fu immediatamente sospettata nel bombardamento. L'indagine si √® concentrata rapidamente su quattro uomini, Thomas Blanton, Jr., Herman Cash, Robert Chambliss e Bobby Cherry, tutti membri di un gruppo frammentario del Ku Klux Klan. Chambliss fu arrestato e accusato di omicidio e possesso di 122 candelotti di dinamite senza permesso. L'8 ottobre 1963, fu dichiarato non colpevole nel tribunale di omicidio e ricevette una multa di $ 100 e una sospensione sospesa di sei mesi per aver avuto la dinamite. Nel 1971, il caso fu riaperto e Chambliss fu condannato per omicidio in tribunale federale e mor√¨ in prigione nel 1985. Il caso fu riaperto pi√Ļ volte e nel 1997, Thomas Blanton e Bobby Frank Cherry furono condannati e condannati al carcere. Cherry √® morto nel 2004. Il quarto sospettato di bombardamento, Herman Frank Cash, √® morto nel 1994 prima di poter essere processato.

Anche se la giustizia è arrivata lentamente per le quattro ragazze uccise nel bombardamento della chiesa, l'effetto è stato immediato e significativo. L'indignazione per le morti ha aiutato a passare sia il Civil Rights Act del 1964 che il Voting Rights Act del 1965. L'impatto dell'attentato si è rivelato esattamente l'opposto di ciò che intendevano gli autori. 

Il Congresso di uguaglianza razziale e membri della All Souls Church, Unitaria, con sede a Washington, DC, marciano in memoria delle vittime dei bombardamenti della sedicesima strada battista. Il banner, che dice & # x201C; Non pi√Ļ Birminghams, & # x201D; mostra un'immagine delle conseguenze dell'attentato. (Foto: Library of Congress)

Un'eredità che ha richiesto il cambiamento

I giovani coinvolti in questi eventi erano solo alcune delle migliaia che, in un modo o nell'altro, si sono attivate durante il Movimento per i diritti civili. Alcuni erano idealisti con gli occhi spalancati che perseguivano una causa e ignoravano ogni conseguenza. Altri hanno intuito che stavano facendo la storia, anche se non conoscevano il risultato. E alcuni erano solo bambini, che facevano quello che fanno i bambini. Tutti hanno fatto la storia esponendo decenni di segregazione istituzionale, supremazia bianca e oppressione e spingendo una nazione all'azione

tag
termini:
Storia nera
Di Greg Timmons

    ALTRE STORIE DALLA BIOGRAFIA

    Storia e cultura

    RETE. Du Bois, Booker T. Washington e the Origins of the Civil Rights Movement

    Uno sguardo alla rivalità tra attivisti pionieristici per i diritti civili W.E.B. Du Bois e Booker T. Washington - e come le loro ideologie contrastanti hanno spianato la strada al moderno movimento per i diritti civili in America.

    • Di David Blatty, 26 agosto 2019
    Storia e cultura

    Harry T. Moore: Champion of the Early Civil Rights Movement

    In onore del Black History Month, la storica Daina Ramey Berry chiede ai curatori del Museo nazionale di storia e cultura afroamericana di condividere importanti storie di pionieristiche figure afro-americane. Oggi celebriamo educatori e attivisti per i diritti civili Harry T. e Harriette Moore con uno sguardo ad alcuni dei loro beni personali che rivelano la loro umanità in tempi disumani per la comunità nera in America.

    • Di Daina Ramey BerryJun 18, 2019
    Storia e cultura

    Mese della storia nera: foto di Booker T. Washington che simboleggia l'empowerment nero

    Nella nostra continua copertura del Black History Month, la storica Daina Ramey Berry chiede ai curatori del National Museum of African American History and Culture di condividere le straordinarie storie di importanti personaggi afroamericani. Oggi celebriamo l'educatore e influente leader Booker T. Washington e manufatti del lavoro della sua vita che rappresentavano l'indipendenza e il potere dei neri.

    • Di Daina Ramey BerryJun 17, 2019
    Storia e cultura

    Fatti poco noti sulla storia nera

    Febbraio è il mese della Black History, il che significa che ogni anno ricordiamo gli afro-americani che hanno fatto la storia e reso l'America come è oggi. Ecco 120 fatti che potresti non conoscere.

    • Di Bio StaffJun 24, 2019
    Storia e cultura

    Martin Luther King Jr. e 8 attivisti neri che hanno guidato il movimento per i diritti civili

    Questi visionari attivisti afroamericani erano alcuni degli agenti pi√Ļ vocali per il cambiamento razziale.

    • Di Brad Witter, 24 giu 2019
    Storia e cultura

    Black History Month: in che modo le prime fotografie svelano lo spirito indomito della verità del soggiorno abolizionista

    La storica Daina Ramey Berry ha chiesto ai curatori del Museo nazionale di storia e cultura afroamericana di condividere le storie straordinarie di importanti personaggi afroamericani. Oggi scopri la verità sulla schiava trasformata in abolizionista Sojourner e su come ha controllato la propria immagine per sostenere il suo attivismo.

    • Di Daina Ramey BerryJun 25, 2019
    Storia e cultura

    Black History Month: A Rare Photo & Royal Shawl Honor Harriet Tubman's Strength & Bravery

    Nella nostra continua copertura del Black History Month, la storica Daina Ramey Berry chiede ai curatori del National Museum of African American History and Culture di condividere le straordinarie storie di importanti personaggi afroamericani. Oggi vedi una rara foto di Harriet Tubman ai suoi vertici e scopri come la regina Vittoria ha onorato il coraggioso combattente per la libertà con un regalo reale.

    • Di Daina Ramey BerryJun 18, 2019
    Storia e cultura

    Celebrando le donne scienziate nere

    Nella nostra copertura continua che celebra il Black History Month, scopri alcune delle donne scienziate afroamericane meno conosciute che hanno avuto impatti rivoluzionari nei rispettivi campi.

    • Di Meredith WorthenJun 14, 2019
    Storia e cultura

    Black History Unsung Heroes: Dr. Percy Julian

    Il Dr. Percy Julian ha affrontato razzismo, disuguaglianza e numerose sfide per diventare uno dei chimici pi√Ļ influenti nella storia americana.

    • Di Sara KettlerJun 25, 2019
    Caricamento in corso ... Vedi di pi√Ļ



    Nessun utente ha ancora commentato questo articolo.

    Biografie di personaggi famosi.
    La tua fonte di storie vere su personaggi famosi. Leggi biografie esclusive e trova connessioni inattese con le tue celebrità preferite.