Il mese della storia nera come le prime fotografie svelano lo spirito indomito della verità del soggiorno abolizionista

  • Morgan Ward
  • 0
  • 2506
  • 206

Sojourner Truth è stata una delle più conosciute abolizioniste, predicatrici e oratrici pubbliche femministe del XIX secolo. In primo luogo ha condiviso le sue straordinarie esperienze di vita con la schiavitù e la libertà nel Narrativa di Sojourner Truth, registrato da Olive Gilbert, pubblicato nel 1850 e ristampato innumerevoli volte in seguito. Scritta in terza persona, la narrazione viene spesso interrotta dalle opinioni di Gilbert che spesso mettono a tacere la voce di Truth. Ma Sojourner Truth non era qualcuno che sarebbe stato messo a tacere; raccontò la sua storia a un grande e piccolo pubblico e si assicurò che il suo messaggio e le sue immagini sarebbero rimaste in circolazione per gli anni a venire. Oltre a lasciare a narrazione dietro, ha anche prodotto una serie di fotografie, due delle quali sono nella collezione del National Museum of African American History and Culture e una è esposta nella mostra, & # x201C; Slavery and Freedom & # x201D; al Museo nazionale di storia e cultura afroamericana.

Ritratto di Sojourner Truth, circa 1860s.

(Foto: Hulton Archive_Getty Images)

Verità del soggiorno: da schiavo a senza paura

Nata Isabella Baumfree nella parte settentrionale dello stato di New York negli anni 1790 (presumibilmente intorno al 1797), venne in questo mondo schiavizzato. È cresciuta per apprezzare l'importanza della famiglia e la forte fiducia in Dio. I suoi genitori, James ed Elizabeth & # x201C; Betsy & # x201D; Baumfree, ebbe da 10 a 12 figli, di cui la Verità era la più giovane. Come la maggior parte delle persone schiavizzate, la sua famiglia non è rimasta intatta. In giovane età, quasi tutti i figli di James e Betsy tranne Isabella e suo fratello Peter furono venduti. I suoi genitori in lutto hanno condiviso storie delle loro sorelle e fratelli per mantenere vivi i loro ricordi, ma il dolore è stato travolgente. Nei momenti difficili sua madre li ha esortati a cercare Dio, l'unico che ti ascolta e ti vede. & # X201D; Alla fine, Isabella stessa sarebbe stata venduta quattro volte. Sposò un uomo schiavo di nome Thomas e diede alla luce cinque figli. Sapendo che l'istituzione della schiavitù ha commesso un grande crimine contro il suo popolo, Isabella è fuggita quando aveva circa 30 anni, prendendo sua figlia Sophie. Un anno dopo, ha intentato causa per liberare suo figlio Peter, che era stato venduto in Alabama. 

Sorprendentemente, ha vinto il caso e Peter è stato restituito a lei. A metà degli anni Quaranta, si ribattezzò Sojourner Truth e divenne una campionessa per l'abolizione e i diritti delle donne. Anche se non aveva un'istruzione formale, memorizzò la Bibbia e fece un tour di lingua che la mise in contatto con gli abolizionisti tra cui Frederick Douglass, William Lloyd Garrison e Laura S. Haviland. Quasi tutti coloro che hanno interagito con lei hanno commentato la sua voce profonda e la sua statura di quasi sei piedi. Nata in schiavitù, auto-liberata e determinata ad aiutare il suo popolo, la verità si rivolse nuovamente alle petizioni negli anni 1870 come aveva fatto decenni prima nel garantire la libertà di suo figlio Peter. Questa volta per aiutare le persone precedentemente schiavizzate ad acquisire terre in Occidente. Ha scritto su questa campagna nel New York Tribune sostenendo di essersi dedicata & # x201C; al caso di ottenere terra per queste persone, dove potevano lavorare e guadagnarsi da vivere. & # x201D; La sua difesa continuò fino alla sua morte nel 1883.

Assumere il controllo della sua immagine

Carte-de-visite di Sojourner Truth, CA. Collezione 1866 del Museo Nazionale di Storia e Cultura Afroamericana Smithsonian, 2012.46.11

(Collezione di cortesia del Museo nazionale di storia e cultura afroamericana Smithsonian)

Mentre viveva a Battle Creek, nel Michigan, alcuni anni dopo la guerra civile, la verità ha posato per una serie di fotografie professionali. Intendeva compensare il costo dei suoi viaggi di abolizionista vendendo carte di carte da visita e immagini di carte gabinetto di se stessa come le due nella collezione del Museo. Simile alle cartoline di oggi, queste immagini montate su cartoncini erano popolari durante il XIX secolo. Nella prima immagine sopra (2012.46.11), Truth è raffigurata in un abito a pois fatto di stoffa pregiata. La sua testa e le spalle sono coperte da un cofano bianco e uno scialle che segnala lo status di classe molto lontano dalla schiavitù. Il suo sguardo è diretto e il suo posizionamento corporeo trasuda sicurezza e forza. In grembo posa una piccola fotografia di suo nipote, James Caldwell, un membro del 54 ° Reggimento di fanteria del Massachusetts. Caldwell era stata catturata dall'esercito confederato all'epoca in cui fu scattata questa foto (1863) e si immagina che questa foto sia stata scattata per onorarlo. 

Anche la seconda immagine in basso (2013.207.1), presa nel 1864, viene deliberatamente messa in scena. La verità è di nuovo seduta, ma ora ha delle maglie in grembo, un libro appoggiato vicino a un mazzo di fiori è sul tavolo accanto a lei. Stampata sul supporto per schede sotto la foto, include l'iscrizione & # x201C; Vendo l'ombra per supportare la sostanza. & # X201D; Con le sue stesse parole, fornisce la ragione per vendere queste carte; per sostenere le sue attività di abolizionista.

Scheda del gabinetto di Sojourner Truth, 1864. Collezione del Museo nazionale di storia e cultura afroamericana, 2013.207.1

Foto: per gentile concessione della Collezione del Museo Nazionale di storia e cultura afroamericana

Sappiamo che durante la guerra civile, quando era seduta per queste foto, aveva circa la metà degli anni sessanta e partecipava attivamente a eventi di società contro la schiavitù ospitati da diverse organizzazioni. Riflettente del suo spirito indipendente, ha cercato di controllare la sua immagine e rappresentazione. In un'occasione, ha affrontato Harriet Beecher Stowe perché non era contenta di come il famoso autore l'aveva interpretata in un Atlantic Monthly articolo. Mandò a Stowe una copia della sua fotografia insieme a lei narrazione in modo che non l'avrebbe travisata in futuro. La verità aveva le idee chiare sul modo in cui voleva che la gente vedesse e ascoltasse il suo messaggio. Queste immagini parlano di come voleva essere ricordata. Era una donna di fede, classe, forza, giustizia e famiglia ed è diventata una delle campionesse più importanti per il movimento delle donne e il movimento antislavery.

Il National Museum of African American History and Culture di Washington, DC, è l'unico museo nazionale dedicato esclusivamente alla documentazione della vita, della storia e della cultura afroamericana. I quasi 40.000 oggetti del Museo aiutano tutti gli americani a vedere come le loro storie, le loro storie e le loro culture sono modellate dal viaggio di un popolo e dalla storia di una nazione.

tag
termini:
Storia nera
Di Daina Ramey Berry

    ALTRE STORIE DALLA BIOGRAFIA

    Storia e cultura

    Black History Month: A Rare Photo & Royal Shawl Honor Harriet Tubman's Strength & Bravery

    Nella nostra continua copertura del Black History Month, la storica Daina Ramey Berry chiede ai curatori del National Museum of African American History and Culture di condividere le straordinarie storie di importanti personaggi afroamericani. Oggi vedi una rara foto di Harriet Tubman ai suoi vertici e scopri come la regina Vittoria ha onorato il coraggioso combattente per la libertà con un regalo reale.

    • Di Daina Ramey BerryJun 18, 2019
    Storia e cultura

    Mese della storia nera: foto di Booker T. Washington che simboleggia l'empowerment nero

    Nella nostra continua copertura del Black History Month, la storica Daina Ramey Berry chiede ai curatori del National Museum of African American History and Culture di condividere le straordinarie storie di importanti personaggi afroamericani. Oggi celebriamo l'educatore e influente leader Booker T. Washington e manufatti del lavoro della sua vita che rappresentavano l'indipendenza e il potere dei neri.

    • Di Daina Ramey BerryJun 17, 2019
    Storia e cultura

    Black History Month: foto di Frederick Douglass e della sua "stella polare" per il suo 200 ° compleanno

    Nella nostra continua copertura del Black History Month, la storica Daina Ramey Berry chiede ai curatori del National Museum of African American History and Culture di condividere le straordinarie storie di importanti personaggi afroamericani. Oggi, in occasione del suo duecentesimo compleanno, celebriamo l'abolizionista Frederick Douglass che ha usato il potere della sua immagine e delle sue parole per diffondere il suo messaggio di libertà e uguaglianza alle generazioni future.

    • Di Daina Ramey BerryJun 18, 2019
    Storia e cultura

    Mese della storia nera: come la gioventù nera ha avuto un impatto sul movimento per i diritti civili

    Nell'ultimo giorno del Black History Month, diamo un'occhiata a come i giovani hanno giocato un ruolo chiave nel primo movimento per i diritti civili.

    • Di Greg TimmonsJun 25, 2019
    Storia e cultura

    Fatti poco noti sulla storia nera

    Febbraio è il mese della Black History, il che significa che ogni anno ricordiamo gli afro-americani che hanno fatto la storia e reso l'America come è oggi. Ecco 120 fatti che potresti non conoscere.

    • Di Bio StaffJun 24, 2019
    Storia e cultura

    Harry T. Moore: Champion of the Early Civil Rights Movement

    In onore del Black History Month, la storica Daina Ramey Berry chiede ai curatori del Museo nazionale di storia e cultura afroamericana di condividere importanti storie di pionieristiche figure afro-americane. Oggi celebriamo educatori e attivisti per i diritti civili Harry T. e Harriette Moore con uno sguardo ad alcuni dei loro beni personali che rivelano la loro umanità in tempi disumani per la comunità nera in America.

    • Di Daina Ramey BerryJun 18, 2019
    Storia e cultura

    Black History Unsung Heroes: Dr. Percy Julian

    Il Dr. Percy Julian ha affrontato razzismo, disuguaglianza e numerose sfide per diventare uno dei chimici più influenti nella storia americana.

    • Di Sara KettlerJun 25, 2019
    Storia e cultura

    Jean-Michel Basquiat e 9 artisti visivi neri che hanno rotto le barriere

    Che siano scultori, pittori, fotografi, registi o illustratori, gli artisti visivi afroamericani si sono fatti un nome nel corso della storia.

    • Di Eudie PakJun 18, 2019
    Storia e cultura

    La verità del soggiorno incontra Abraham Lincoln - On Equal Ground

    Prima che Sojourner Truth morisse il 26 novembre 1883, ebbe un incontro personale con il presidente Lincoln alla Casa Bianca che riunì i due maggiori combattenti per la libertà.

    • Di Thad Morgan, 25 giu 2019
    Caricamento in corso ... Vedi di più



    Nessun utente ha ancora commentato questo articolo.

    Biografie di personaggi famosi.
    La tua fonte di storie vere su personaggi famosi. Leggi biografie esclusive e trova connessioni inattese con le tue celebrità preferite.