Black History Month Foto di Frederick Douglass e della sua stella polare per il suo 200 ° compleanno

  • Piers Chambers
  • 0
  • 2737
  • 281

Frederick Douglass è senza dubbio l'uomo afroamericano più riconosciuto del XIX secolo. Sebbene nato schiavo, imparò a leggere e scrivere e, dopo essere fuggito, divenne un oratore pubblico, editore, reclutatore per l'Esercito dell'Unione, presidente della banca, ministro e console generale ad Haiti. Molti considerano Douglass un'importante figura letteraria anche perché ha pubblicato innumerevoli discorsi e tre autobiografie: La narrativa della vita di Frederick Douglass (1845); La mia schiavitù e la mia libertà (1855); e Vita e tempi di Frederick Douglass (1881 e 1882). 

Douglass nel 1847, circa 29 anni.

(Foto: National Portrait Gallery, Washington [dominio pubblico], tramite Wikimedia Commons)

Questi resoconti forniscono un chiaro senso della sua crescita, delle sue lotte e di alcuni dei suoi pensieri e sentimenti più intimi. Douglass è stato anche il fondatore e l'editore di La stella polare, un giornale abolizionista, un'edizione del 1848 che si tiene nella collezione del Museo nazionale di storia e cultura afroamericana (NMAAHC) ed è esposta lì nella mostra, & # x201C; Slavery and Freedom. & # x201D; Inoltre, Douglass è stato riconosciuto come l'uomo più fotografato dei suoi tempi, e una di quelle fotografie originali è nella collezione di NMAAHC.

Il risveglio di Frederick Douglass

Frederick August Washington Bailey nacque nella contea di Talbot, nel Maryland, probabilmente nel 1818. Come la maggior parte delle persone schiavizzate, Frederick Douglass non conosceva il suo esatto compleanno, quindi scelse il 14 febbraio perché sua madre lo chiamava & # x201C; il mio san valentino. & # x201D; Era la progenie di un uomo bianco che credeva fosse il suo schiavo e Harriet Bailey, una donna schiavizzata. Douglass aveva almeno tre fratelli maggiori e due sorelle più giovani. Come per tutte le famiglie schiavizzate, la separazione era inevitabile. Cresciuto dai suoi nonni, Betsy e Isaac Bailey, ha avuto bei ricordi della sua infanzia fino a quando non ha assistito al pestaggio di sua zia Hester quando aveva sei anni. Douglass ebbe la fortuna di imparare a leggere da adolescente da Sophia Auld, la schiava con cui andò a vivere a Baltimora. Il suo desiderio di libertà è cresciuto solo attraverso l'alfabetizzazione e dopo aver subito violenza fisica per mano di Edward Covey, un uomo crudele per il quale Douglass è stato mandato a lavorare dagli Aulds.

  • Leggi NMAAHC's articolo su Frederick Douglass

Nel 1838, si liberò fuggendo a New York dove sposò Anna Murray, una donna di colore libera di cui si era innamorato prima della sua fuga. Con la libertà venne il potere di cambiare il suo nome in Douglass. Lui e Anna hanno avuto cinque figli insieme (Rosetta, Lewis Henry, Frederick Jr., Charles Redmond e Annie). La sua libertà fu acquistata da Thomas Auld dai suoi amici e sostenitori della schiavitù nel 1845 per $ 711. Ad oggi gli standard equivalenti a circa $ 21.200.

Dare voce a pari diritti

Douglass divenne molto attivo nel movimento anti-schiavitù e si unì alla Massachusetts Anti-Slavery Society come oratore pubblico. Lavorare al fianco di abolizionisti come William Lloyd Garrison e Wendell Phillips, Douglass e la sua storia per la libertà lo hanno reso molto richiesto. Nel 1847 Douglass pubblicò il suo primo giornale, La stella polare. Un anno dopo sostenne i diritti delle donne e lavorò con i suffragisti tra cui Elizabeth Cady Stanton e Susan B. Anthony, anche partecipando alla Convenzione sui diritti delle prime donne tenutasi a Seneca Falls, New York, nel 1848. Nel anni prima della guerra civile, ha continuato a lavorare con abolizionisti tra cui John Brown e Harriet Tubman. Durante la guerra, sostenne l'arruolamento di truppe nere.

Sua moglie morì nel 1882 e nel giro di un anno sposò la sua segretaria, Helen Pitts. Trascorse alcuni degli anni 1890 a lavorare con Ida B. Wells in campagne anti-linciaggio e continuò a spingere per il suffragio femminile. Il giorno della sua morte, il 20 febbraio 1895, aveva partecipato a una riunione del Consiglio nazionale delle donne, era tornato a casa per raccontarlo a sua moglie, aveva avuto un infarto e era crollato sul pavimento della sua casa. Cinque giorni dopo, circa 2.000 ospiti hanno frequentato la Chiesa episcopale metodista metropolitana africana a Washington, D.C., per rendere omaggio al grande leader.

'Un'immagine si fa strada nel mondo'

Ambrotipo di Frederick Douglass, 1855-1865. Collezione del Museo nazionale di storia e cultura afroamericana, 2010.36.10ab

Foto: collezione del Museo nazionale di storia e cultura afroamericana, 2010.36.10ab

Douglass si è seduto per questa fotografia, che è stata scattata tra il 1855 e il 1865, durante il periodo in cui ha pubblicato la sua seconda narrativa e curato il suo giornale anti-schiavitù. Gli studiosi suggeriscono che è una delle persone più fotografate del 19 ° secolo con circa 160 immagini in circolazione. Douglass ha riflettuto profondamente sull'importanza delle immagini e ha condiviso i suoi pensieri in quattro lezioni tenute durante gli anni della guerra civile. Ha osservato, & # x201C; Le immagini, come le canzoni, dovrebbero essere lasciate a modo loro nel mondo. Tutto ciò che possono ragionevolmente chiederci è che li posizioniamo sul muro, nella migliore luce, e ... permettiamo loro di parlare da soli. & # X201D; 

Cosa dice questa immagine su di lui? Incastonata in una cornice d'argento e collodio con lastre fotografiche di vetro, questa piccola immagine in bianco e nero da 4x3 pollici è centrata in un tappetino ovale con incisioni floreali dorate e gialle. Racchiuso in una custodia in pelle pieghevole & # x201C; & # x201D; con velluto marrone e cuciture, mostra Douglass & # x201C; indossa una giacca, un gilet e una cravatta a farfalla. & # x201D; Il suo corpo è posizionato rivolto a destra e ha una testa piena di capelli grigi e folti baffi di sale e pepe. Douglass & # x2019; uno sguardo deciso coincide con le sue idee sulle fotografie che includevano il pensiero che l'universalità delle immagini deve esercitare un'influenza potente, sebbene silenziosa, sulle idee e sul sentimento delle generazioni presenti e future. & # x201D; Il museo ha acquistato questo manufatto da una casa d'aste nel 2010. Mary Elliott, specialista del museo, ci ricorda che Douglass era strategico sull'uso della fotografia per diffondere il suo messaggio. & # X201D;

Il potere delle sue parole

The North Star Vol. I n. 37, 8 settembre 1848, pubblicato da Frederick Douglass. Collezione del Museo nazionale di storia e cultura afroamericana Smithsonian, 2014.151.3

(Foto: Collezione del Museo Nazionale di Storia e Cultura Afroamericana Smithsonian, 2014.151.3)

Il secondo elemento (sopra) è l'8 settembre 1848, edizione di La stella polare vol. 1 n. 37, Douglass & # x2019; giornale anti-schiavitù. Il masthead recita: "Il diritto non ha sesso; la verità non ha colore, Dio è il Padre di tutti noi & # x2014; e tutti sono fratelli". La stella polare fu pubblicato per 175 settimane consecutive, dal 3 dicembre 1847 al 17 aprile 1851. In questo numero, Douglass, insieme al co-editore Martin R. Delany, spiegano che & # x201C; L'oggetto della NORTH STAR sarà attaccare SLAVERY in tutte le sue forme e aspetti; sostenere l'EMANCIPAZIONE UNIVERSALE; esaltare lo standard di MORALITÀ PUBBLICA; promuovere il miglioramento morale e intellettuale dei COLORED PEOPLE e accelerare la giornata di FREEDOM & # x2026; & # x201D; Questo numero contiene anche informazioni sulla colonizzazione, notizie internazionali da Francia, Irlanda e molti altri paesi, nonché poesie e pubblicità per abbigliamento e servizi di taglio dei capelli. Nel 1851 il giornale si fonde con il Liberty Party Paper e cambia il suo nome in Frederick Douglass Paper (1851-1860).

Douglass' eredità

Douglass era un prolifico scrittore, abolizionista, editore, oratore, suffragista e leader politico. La sua storia dalla schiavitù alla libertà è notevole, mostrando forza di carattere e grande determinazione. Avere questi due manufatti ci permette di vedere Douglass da solo, un'immagine per la quale si è seduto e un giornale che ha curato. Dato che ha prodotto così tanti scritti, abbiamo l'opportunità di leggere resoconti di prima mano della sua vita e di studiare le questioni che ha ritenuto cruciali per la società. Il booker T. Washington ha riassunto Douglass & # x2019; eredità nell'apertura della sua biografia di Douglass del 1906 con la seguente frase: & # x201C; La vita di Frederick Douglass è la storia della schiavitù americana incarnata in un'unica esperienza umana. & # x201D;

Il National Museum of African American History and Culture di Washington, DC, è l'unico museo nazionale dedicato esclusivamente alla documentazione della vita, della storia e della cultura afroamericana. I quasi 40.000 oggetti del Museo aiutano tutti gli americani a vedere come le loro storie, le loro storie e le loro culture sono modellate dal viaggio di un popolo e dalla storia di una nazione.

tag
termini:
Storia nera
Di Daina Ramey Berry

    ALTRE STORIE DALLA BIOGRAFIA

    Storia e cultura

    Mese della storia nera: foto di Booker T. Washington che simboleggia l'empowerment nero

    Nella nostra continua copertura del Black History Month, la storica Daina Ramey Berry chiede ai curatori del National Museum of African American History and Culture di condividere le straordinarie storie di importanti personaggi afroamericani. Oggi celebriamo l'educatore e influente leader Booker T. Washington e manufatti del lavoro della sua vita che rappresentavano l'indipendenza e il potere dei neri.

    • Di Daina Ramey BerryJun 17, 2019
    Storia e cultura

    Black History Month: A Rare Photo & Royal Shawl Honor Harriet Tubman's Strength & Bravery

    Nella nostra continua copertura del Black History Month, la storica Daina Ramey Berry chiede ai curatori del National Museum of African American History and Culture di condividere le straordinarie storie di importanti personaggi afroamericani. Oggi vedi una rara foto di Harriet Tubman ai suoi vertici e scopri come la regina Vittoria ha onorato il coraggioso combattente per la libertà con un regalo reale.

    • Di Daina Ramey BerryJun 18, 2019
    Storia e cultura

    Black History Month: in che modo le prime fotografie svelano lo spirito indomito della verità del soggiorno abolizionista

    La storica Daina Ramey Berry ha chiesto ai curatori del Museo nazionale di storia e cultura afroamericana di condividere le storie straordinarie di importanti personaggi afroamericani. Oggi scopri la verità sulla schiava trasformata in abolizionista Sojourner e su come ha controllato la propria immagine per sostenere il suo attivismo.

    • Di Daina Ramey BerryJun 25, 2019
    Storia e cultura

    Fatti poco noti sulla storia nera

    Febbraio è il mese della Black History, il che significa che ogni anno ricordiamo gli afro-americani che hanno fatto la storia e reso l'America come è oggi. Ecco 120 fatti che potresti non conoscere.

    • Di Bio StaffJun 24, 2019
    Storia e cultura

    Mese della storia nera: come la gioventù nera ha avuto un impatto sul movimento per i diritti civili

    Nell'ultimo giorno del Black History Month, diamo un'occhiata a come i giovani hanno giocato un ruolo chiave nel primo movimento per i diritti civili.

    • Di Greg TimmonsJun 25, 2019
    Storia e cultura

    Onorare James Baldwin e il potere duraturo delle sue parole

    I curatori del Museo nazionale di storia e cultura afroamericana condividono manufatti e storie della vita dello scrittore e attivista per i diritti civili James Baldwin.

    • Di Daina Ramey BerryJul 30, 2019
    Storia e cultura

    Da American Slave a American Man: The Escape of Frederick Douglass

    Il 3 settembre 1838, Frederick Douglass fuggì verso la libertà e trovò la sua vocazione come voce principale nel movimento abolizionista.

    • Di Joe McGaskoJun 18, 2019
    Storia e cultura

    Black History Unsung Heroes: Dr. Percy Julian

    Il Dr. Percy Julian ha affrontato razzismo, disuguaglianza e numerose sfide per diventare uno dei chimici più influenti nella storia americana.

    • Di Sara KettlerJun 25, 2019
    Storia e cultura

    Jean-Michel Basquiat e 9 artisti visivi neri che hanno rotto le barriere

    Che siano scultori, pittori, fotografi, registi o illustratori, gli artisti visivi afroamericani si sono fatti un nome nel corso della storia.

    • Di Eudie PakJun 18, 2019
    Caricamento in corso ... Vedi di più



    Nessun utente ha ancora commentato questo articolo.

    Biografie di personaggi famosi.
    La tua fonte di storie vere su personaggi famosi. Leggi biografie esclusive e trova connessioni inattese con le tue celebrità preferite.