Biografia di Cornelius Vanderbilt

  • Mark Lindsey
  • 0
  • 2163
  • 245
Cornelius Vanderbilt era un famoso industriale che lavorava nelle ferrovie e nelle spedizioni. Aveva accumulato la più grande fortuna negli Stati Uniti al momento della sua morte, nel 1877.

Sinossi

Cornelius Vanderbilt nacque il 27 maggio 1794, nella zona di Port Richmond a Staten Island, New York. Ha iniziato un'attività di traghetto passeggeri nel porto di New York con una barca, quindi ha avviato la propria compagnia di navigazione a vapore, controllando infine il traffico sul fiume Hudson. Ha anche fornito il primo servizio ferroviario tra New York e Chicago. Alla sua morte nel 1877, Vanderbilt aveva accumulato la più grande fortuna accumulata negli Stati Uniti in quel momento. Vanderbilt è considerato uno dell'America'i principali uomini d'affari ed è accreditato per aver contribuito a plasmare gli attuali Stati Uniti.

Contesto e primi anni

Cornelius Vanderbilt nacque il 27 maggio 1794 a Staten Island, New York, figlio di Cornelius e Phebe Hand Vanderbilt. Suo padre ha instillato in lui un comportamento schietto e diretto, e sua madre, la frugalità e il duro lavoro. All'età di 11 anni, il giovane Cornelius lasciò la scuola per lavorare con suo padre, trasportando merci e passeggeri tra Staten Island e Manhattan. La leggenda narra che all'età di 16 anni, Vanderbilt gestisse una nave a vela a due alberi, nota come periauger; l'impresa venne con l'intesa che avrebbe dovuto condividere i profitti con i suoi genitori, che avevano fornito un prestito. Attraverso un marketing aggressivo, accordi scaltri e undercutting della concorrenza & # x2014; tratti che avrebbe praticato per tutta la vita & # x2014; ha guadagnato più di $ 1,000 nel suo primo anno.

All'età di 18 anni, Vanderbilt contrasse con il governo degli Stati Uniti per fornire avamposti vicini durante la guerra del 1812. Imparò l'arte della costruzione navale e della navigazione in acque libere. Alla fine della guerra, aveva accumulato una piccola flotta di barche e un capitale circolante di $ 10.000 che trasportava passeggeri e merci da Boston a Delaware Bay. Alla fine gli sarebbe stato dato il soprannome & # x201C; Commodoro, & # x201D; che ha abbracciato. 

Vita familiare travagliata

Il 19 dicembre 1813, con grande sgomento dei suoi genitori, Cornelius Vanderbilt sposò sua cugina di primo grado, Sophia Johnson. Alla fine la coppia avrebbe avuto 13 figli, di cui 11 sopravvissuti fino all'età adulta. Con il successo che avrebbe avuto negli affari, era un terribile padre e marito. Misogino per tutta la vita che voleva più di tre figli, Cornelio prestò poca attenzione alle sue figlie e si ritiene che abbia tradito la moglie con le prostitute. Secondo quanto riferito, Vanderbilt aveva affidato il figlio Cornelio Geremia due volte a un manicomio. Ha intrapreso lo stesso corso d'azione anche per Sophia ad un certo punto, dopo che Vanderbilt ha mostrato interesse amoroso per la famiglia's giovane governante.

Costruire un impero marittimo

Nel 1817, vedendo il potenziale di una nuova tecnologia, Cornelius Vanderbilt collaborò con Thomas Gibbons in una nave a vapore, la Union Line. Durante il suo mandato con Gibbons, Vanderbilt imparò a gestire una grande operazione commerciale e divenne un rapido studio in materia legale. Gibbons stava trasportando clienti tra New York e il New Jersey, una chiara violazione di un monopolio sanzionato dallo stato del 1808 concesso a Robert Fulton e Robert Livingston. Aaron Ogden, che gestiva gli affari di Fulton e Livingston e lavorava con Gibbons, fece causa a quest'ultimo barcaiolo per aver violato il monopolio. Vanderbilt e Gibbons hanno assunto Daniel Webster per difendere la loro posizione. Nel Gibbons v. Ogden, la Corte Suprema degli Stati Uniti si è pronunciata a favore di Gibbons, affermando che la clausola sul commercio della Costituzione conferisce al Congresso l'autorità esclusiva di regolare il commercio interstatale. Pertanto, era incostituzionale per il legislatore di New York concedere a Ogden diritti di spedizione esclusivi.

Dopo la morte di Thomas Gibbons nel 1826, Vanderbilt voleva acquistare la società, ma il figlio di Gibbons non voleva venderlo. Vanderbilt acquistò diverse barche e stabilì la Dispatch Line, che correva tra New York City e Filadelfia. Attraverso un marketing aggressivo e tariffe basse, Vanderbilt ha costretto il figlio di Gibbons a comprarlo.

Vanderbilt divenne presto noto per il suo acume commerciale acuto. Durante gli anni 1830, costruì linee di navigazione redditizie nella regione di New York, sottoquotando i concorrenti & # x2019; tariffe e offrendo il miglior servizio. I concorrenti hanno lottato e alla fine lo hanno pagato per portare i suoi affari altrove. Ha quindi spostato le sue operazioni sul fiume Hudson, andando testa a testa contro la Steamboat Association di Hudson River, un altro monopolio. Sfruttando la lingua populista del presidente Andrew Jackson, ha chiamato il suo servizio "People & # x2019; s Line", offrendo tariffe convenienti per tutti. L'Associazione lo ha acquistato per $ 100.000 e pagamenti annuali di $ 5.000. L'implementazione di questo modello di business più volte ha reso Vanderbilt un milionario.

Ma la ricchezza non ha acquistato la rispettabilità di Vanderbilt. Nel 1840, costruì una grande ma modesta casa di famiglia al 10 Washington Place, nell'attuale Greenwich Village. Ma le élite della città erano lente ad accettarlo, considerandolo incolto e rozzo. La sua calligrafia era quasi illeggibile, la sua grammatica atroce e intrisa di volgarità. Eppure non gli importava. Disprezzava l'ostentazione, vivendo una vita relativamente semplice e disciplinata.

Nel 1851, Vanderbilt ampliò la sua attività di spedizioni, formando la compagnia di trasporto accessori per trasportare passeggeri da New York City a San Francisco attraverso l'istmo nicaraguense. Ancora una volta, il suo tempismo era perfetto. La California Gold Rush ha portato un'enorme richiesta di passaggio verso la costa occidentale. Sebbene offrisse una corsa insidiosa per i suoi utenti, la Transit Company fu un successo. Nel 1852, la sua competizione aveva avuto abbastanza e gli offrì $ 40.000 al mese per abbandonare le sue operazioni. Quasi 60 anni, Vanderbilt era pronto per qualcos'altro. Ha acquistato un grande yacht, battezzato il stella del Nord, e portò la sua famiglia allargata in un grande tour in Europa al costo di mezzo milione di dollari. 

Costruire un impero della ferrovia

Durante la guerra civile, Vanderbilt donò la sua flotta'la più grande nave s, giustamente chiamata Vanderbilt, alla Marina dell'Unione. Nel 1864, si era ritirato dalle spedizioni, avendo accumulato quasi 30 milioni di dollari in ricchezza. All'età di 70 anni, Vanderbilt rivolse la sua attenzione più da vicino alle ferrovie, acquisendo la New York & Harlem e la Hudson Line (che correva lungo il Canale Erie), e poi inseguì la New York Central Railroad. In un atto spietato durante un inverno amaro quando il Canale di Erie fu congelato, si rifiutò di accettare i passeggeri o le merci del Central, interrompendoli dai collegamenti con le città occidentali. Costretta a capitolare, la Central Railroad vendette Vanderbilt controllando gli interessi e alla fine consolidò la sua presa sul traffico ferroviario da New York City a Chicago. Questo nuovo conglomerato ha rivoluzionato le operazioni ferroviarie standardizzando procedure e orari, aumentando l'efficienza e diminuendo i tempi di viaggio e spedizione.

Durante il diciannovesimo secolo, poiché i rapidi sviluppi della tecnologia e dell'innovazione avvolgevano la società, molti americani cercavano forme significative di espressione spirituale. Alcuni gravitavano su religioni più tradizionali mentre altri erano affascinati dall'occulto. Dopo la morte di sua moglie nel 1868, Vanderbilt cercò l'aiuto delle sorelle Chaflin, due medium che affermavano di poter far nascere gli spiriti del defunto. La sua famiglia tuttavia non fu colpita e temeva che il padre cadesse vittima dei ciarlatani. Lo presentarono a una lontana cugina, Frank Armstrong (così chiamata per la promessa che i suoi genitori avevano fatto di nominare il loro primo figlio dopo un amico di famiglia), il suo junior da decenni, che divenne la sua seconda moglie.

Nel 1871, Cornelius Vanderbilt finanziò un monumento al suo impero: il Grand Central Depot. Il terminal per la New York Central Railroad è stato costruito con elementi come piattaforme sopraelevate, un tetto a palloncino di vetro che attraversa tutti i binari e le aree di imbarco accessibili solo ai passeggeri. Su insistenza della città, i binari sono stati immersi sotto il livello della strada per ridurre il rumore e il fumo. 

Anni finali e eredità

Verso la fine della sua vita, Vanderbilt non aveva intenzione di passare la sua fortuna in beneficenza. Aveva vissuto gran parte della sua vita in relativa modestia considerando la sua ricchezza stratosferica. La sua unica stravaganza sembrava acquistare cavalli da corsa. Tuttavia, nel 1873, sua moglie Frank lo presentò al reverendo Holland Nimmons McTyeire, il quale chiese a Vanderbilt di aiutarlo a finanziare una Methodist University nel Tennessee. Le discussioni andarono avanti per diversi anni e, al momento della sua morte, Vanderbilt aveva promesso un regalo che si avvicinava a $ 1 milione per quella che sarebbe diventata la Vanderbilt University.

Nel 1876, Cornelius Vanderbilt si ammalò e iniziò una marcia della morte di otto mesi. In linea con la sua personalità sfacciata, era un paziente orribile, infuriato con i suoi dottori, chiamandoli & # x201C; vecchie nonne & # x201D; e ad un certo punto ha lasciato il suo letto di morte per tenere conferenze ai giornalisti che stavano vigilando fuori da casa sua. Morì il 4 gennaio 1877, presumibilmente per esaurimento, causato da complicanze associate a disturbi intestinali, dello stomaco e del cuore, che potrebbero anche essere stati collegati alla sifilide.

Nel suo testamento, ha lasciato $ 90 milioni, la maggior parte del suo patrimonio, a suo figlio William Henry, che lavorava in suo padre'affari e $ 7,5 milioni ai quattro figli di William. L'altro figlio, il malaticcio Cornelio Geremia, ricevette un fondo fiduciario da $ 200.000. Sua moglie e le sue figlie avrebbero ricevuto importi che vanno da $ 200.000 a $ 500.000 e proprietà e azioni.

Oggi, si stima che Cornelius Vanderbilt avrebbe valso più di $ 200 miliardi, se calcolasse la sua ricchezza con il prodotto interno lordo della nazione nel 1877. Questo lo renderebbe la seconda persona più ricca della storia americana dopo Standard Oil co- fondatore John D. Rockefeller. Tra i discendenti di Vanderbilt c'è la stilista Gloria Vanderbilt e suo figlio, l'ancora di notizie televisive Anderson Cooper. 

L'editore Edward J. Renehan Jr. ha scritto il 2007'S Commodoro: La vita di Cornelius Vanderbilt mentre lo storico T.J. Stiles scrisse un libro sull'industriale, vincitore del premio Pulitzer's life & # x2014;The First Tycoon: The Epic Life of Cornelius Vanderbilt (2009).




Nessun utente ha ancora commentato questo articolo.

Biografie di personaggi famosi.
La tua fonte di storie vere su personaggi famosi. Leggi biografie esclusive e trova connessioni inattese con le tue celebrità preferite.