'Detroit' La vera storia dietro il film

  • Ezra Gilbert
  • 0
  • 5283
  • 1594

Una veduta aerea di incendi diffusi iniziò durante la rivolta di Detroit nel luglio 1967.

(Foto: Hulton Archive / Getty Images)

Quest'anno ricorre il 50 ° anniversario della rivolta di Detroit (che alcuni chiamano rivolta o ribellione). Prima dell'uscita di Kathryn Bigelow & # x2019; s Detroit, un film in uscita con una visione drammatica di questi eventi, qui's uno sguardo a ciò che è realmente accaduto e ad alcune delle persone coinvolte:

Una rivolta prende piede

Nelle prime ore di domenica 23 luglio 1967, la polizia di Detroit fece irruzione in un "maiale cieco" (il nome per gli stabilimenti che servivano alcolici dopo l'orario legale di chiusura) in 12th Street, una sezione della città la cui popolazione nera aveva sofferto anni di molestie della polizia. Una folla riunita mentre la polizia aspettava di trasportare più di 80 arrestati. Intorno alle 5 qualcuno lanciò una bottiglia contro un furgone della polizia e presto la gente saccheggiava un negozio vicino. La rivolta è cresciuta da lì.

Una scena del film 'Detroit' raffigura i disordini che hanno conquistato la città. 

(Foto: Annapurna Pictures e Francois Duhamel)

Inizialmente la polizia ha cercato di circondare i rivoltosi e di de-intensificarli con forza limitata, ma non è riuscito'far fronte alle dimensioni della folla. Nel tentativo di allentare le tensioni, il sindaco Jerome Cavanagh aveva ordinato di non sparare ai saccheggiatori, ma sfortunatamente ciò ha contribuito alla gente & # x2014; sia in bianco e nero & # x2014; rubare di più. Anche gli incendi si propagarono, ma i pompieri che cercarono di combatterli furono attaccati.

Più tardi, il 23 luglio, Martha Reeves, del gruppo Martha e Vandellas, ha appreso che la città era in fiamme e ha dovuto dire ai partecipanti al concerto che l'evento era finito. Il fumo era visibile dopo che le Tigri di Detroit avevano terminato un doppio colpo di testa nel pomeriggio, ma il giocatore di baseball Willie Horton non lo ha fatto't vai in sicurezza come consigliato & # x2014; 12th Street era vicino a dove lui'era cresciuto, così andò a chiedere ai rivoltosi di non distruggere il loro quartiere. Alla radio, domenica sera, Martha Jean "La regina" Steinberg ha chiesto alle persone di rimanere calme, non violente e fuori strada; rimarrebbe in onda per 48 ore per diffondere questo messaggio.

La politica in gioco

Durante la giornata del 23 luglio, il rappresentante degli Stati Uniti John Conyers ha cercato di convincere la folla intorno alla 12th Street a fermare la violenza & # x2014; la risposta che ottenne fu di essere riempito di proiettili e la polizia gli consigliò di lasciare l'area per sicurezza. Mentre la rivolta si diffuse in tutta la città, il sindaco Cavanagh chiese aiuto alla polizia dello stato del Michigan; Successivamente fu richiesta anche l'assistenza della Guardia Nazionale. Quando il governatore George Romney cavalcò in elicottero sopra Detroit quella sera, notò: "Sembra che la città sia stata bombardata".

I funzionari istituiti alle 21:00 il coprifuoco che è stato in gran parte ignorato e la paura si è diffusa con notizie di cecchini quella notte. La Guardia Nazionale è stata mobilitata alla fine del 23 luglio, ma per lo più non è stata addestrata per lo sconvolgimento che ha dovuto affrontare. Dato il livello di disordini & # x2014; i primi decessi sono stati registrati all'inizio di lunedì 24 luglio & # x2014; Romney e Cavanagh volevano entrambi forze federali. Tuttavia, le preoccupazioni politiche hanno reso questo passaggio più difficile.

Cavanagh era un democratico, così come il presidente Lyndon Johnson. Romney non era solo un repubblicano, era un contendente principale per il suo partito'la nomina presidenziale nel 1968. Ciò significava che Johnson, oltre a preoccuparsi che l'invio di truppe federali avrebbe minato il suo record di diritti civili, avrebbe potuto esitare al pensiero di aiutare un rivale, mentre Romney non lo fece'voglio bruciare Johnson'reputazione di s.

L'amministrazione Johnson ha dichiarato che Romney aveva bisogno di fare una dichiarazione scritta che la situazione era fuori controllo prima di inviare truppe. Romney ha ribattuto che ciò potrebbe invalidare le polizze assicurative. Il tempo prezioso è stato perso litigando prima che Romney inviasse un telegramma che dicesse: "Con la presente chiedo ufficialmente alle truppe federali di ristabilire l'ordine a Detroit".

L'esercito arriva

L'82a e la 101a Divisione aviotrasportata hanno iniziato ad arrivare nel pomeriggio lunedì 24 luglio. Ma c'è stato un altro ritardo: un funzionario dell'amministrazione Johnson, Cyrus Vance, ha visto un periodo di relativa calma quando ha girato le strade nel tardo pomeriggio, quindi non lo era'Fino a mezzanotte, dopo che le rivolte sono peggiorate ancora una volta, Johnson ha dato l'approvazione per il trasferimento delle truppe federali.

I paracadutisti dell'esercito furono disciplinati e testati in battaglia e l'ordine iniziò a essere ripristinato & # x2014; ad un prezzo. Alcuni sospetti saccheggiatori furono fucilati; agli arrestati è stata data una cauzione estremamente elevata. Martedì 25 luglio, ancora diffidenti nei confronti dei cecchini, i Guardiani Nazionali, dopo aver visto un lampo quando si accendeva una sigaretta, spararono a un condominio. Gli spari hanno gravemente ferito una donna e ucciso una bambina di quattro anni all'interno.

Una nave corazzata della Guardia Nazionale del Michigan fa la guardia insieme a cinque carri armati e una piccola flotta di elicotteri nel tentativo di reprimere la rivolta a Detroit nel luglio 1967. 

(Foto: Bettmann / Collaboratore tramite Getty Images)

Sono state condotte ricerche casa per casa; la polizia e la Guardia Nazionale hanno anche fatto irruzione nell'Algiers Motel. Testimoni in seguito avrebbero affermato di essere stati picchiati e terrorizzati, e quando le autorità hanno lasciato il motel mercoledì 26 luglio, tre uomini neri erano stati uccisi da colpi di fucile sparati a distanza ravvicinata. La polizia avrebbe affermato che era avvenuta una battaglia con armi da fuoco, ma non sono state trovate armi sulla scena.

Recupero ed esame

La rivolta si è conclusa giovedì 27 luglio. In totale, 43 persone & # x2014; 33 neri e 10 bianchi & # x2014; stati uccisi. Inoltre, centinaia sono rimasti feriti, oltre 7000 sono stati arrestati e molti residenti neri hanno visto distrutti i loro quartieri. Rosa Parks, la combattente per i diritti civili che'd rifiutato di rinunciare al suo posto di autobus a Montgomery, in Alabama, nel 1955, fu tra quelli colpiti & # x2014; Parks e il marito Raymond vivevano a solo un miglio dall'epicentro della rivolta, e Raymond'La bottega del barbiere era una delle tante attività saccheggiate.

Dopo la violenza, il rappresentante Conyers e altri leader hanno cercato di ricostruire Detroit. Parks, che ha lavorato per Conyers, ha preso le testimonianze di coloro che'era stato colpito dalla violenza. Inoltre, ha fatto parte della giuria per un "Popolo's Tribunal "tenutosi sugli eventi presso l'Algiers Motel. Parks e i suoi colleghi giurati hanno reso colpevoli i verdetti nel processo falso; nella vita reale, gli ufficiali sono stati assolti.

Anche se Parks no'Per approvare la violenza, pensava che le rivolte fossero "il risultato della resistenza al cambiamento che era necessario molto tempo prima". Gran parte di Detroit'la popolazione nera aveva subito maltrattamenti da parte di una forza di polizia quasi interamente bianca; i residenti neri hanno anche sofferto di mancanza di opportunità, scuole segregate e alloggi inadeguati. Cinquanta anni dopo, rimangono troppi di questi problemi.

Di Sara Kettler

Da personaggi storici a celebrità di oggi, Sara Kettler ama scrivere di persone che hanno condotto vite affascinanti.

    ALTRE STORIE DALLA BIOGRAFIA

    Nelle news

    La vera storia dietro 'Commozione cerebrale'

    Con l'uscita di "Commozione cerebrale" il 25 dicembre, ecco uno sguardo alla vera storia del Dr. Bennet Omalu e alla sua battaglia per sensibilizzare sul problema del danno cerebrale nei giocatori in pensione della NFL.

    • Di Tim OttJun 17, 2019
    Nelle news

    La vera storia dietro 'The Zookeeper's Wife'

    L'eroismo della vita reale di Jan e Antonina Zabinski, che hanno contribuito a salvare 300 ebrei e ribelli durante l'Olocausto, è diventato un film di Hollywood.

    • Di Bio StaffJun 20, 2019
    Storia e cultura

    La vera storia dietro "The Post" di Spielberg

    In "The Post" di Steven Spielberg, Meryl Streep dà vita alla decisione di Katharine Graham del 1971 di far pubblicare al Washington Post i Pentagon Papers top secret. Tuttavia, c'è solo così tanto che un film può includere. Ecco la vera storia dietro "The Post".

    • Di Sara KettlerJun 21, 2019
    Celebrità

    Don Shirley e Tony Lip: la vera storia dietro la loro amicizia

    Il film "Green Book" si basa su un viaggio reale fatto dal pianista nero Donald Shirley e dal buttafuori bianco Tony Lip e dall'improbabile amicizia derivante dal viaggio.

    • Di Sara KettlerJun 17, 2019
    Storia e cultura

    Chi era Maria Altmann? La vera storia dietro 'Woman in Gold'

    "Woman in Gold", un nuovo film emozionante che apre questa settimana, vede Helen Mirren nei panni di Maria Altmann, una rifugiata ebrea nella vita reale la cui arte di famiglia è stata rubata dai nazisti nella seconda guerra mondiale.

    • Di Catherine McHughJun 24, 2019
    Storia e cultura

    Intrigo di guerra fredda: la vera storia di 'Bridge of Spies'

    Mentre "Bridge of Spies" di Steven Spielberg, interpretato da Tom Hanks, arriva oggi nei cinema, stiamo dando un'occhiata agli eventi emozionanti della vita reale e alle persone che hanno ispirato il film.

    • Di Sara KettlerJun 18, 2019
    Storia e cultura

    'Suffragette': le vere donne che hanno ispirato il film

    Scopri sei donne della vita reale (più un uomo) che hanno combattuto per il diritto di voto delle donne.

    • Di Sara KettlerJun 17, 2019
    Nelle news

    Chi sono gli astronauti presenti nel film "First Man"?

    Dai un'occhiata ai pionieri dello spazio nella vita reale nel film interpretato da Ryan Gosling, che ha cambiato per sempre il modo in cui vediamo il mondo.

    • Di Eudie Pak, 24 giu 2019
    Storia e cultura

    Fatti affascinanti sui veri "figli della libertà"

    Con l'imminente premiere della miniserie "Sons of Liberty" di History Channel, diamo uno sguardo ad alcuni fatti affascinanti sui veri uomini che hanno combattuto per l'indipendenza americana. Chi ha ingannato la morte ancora e ancora? Chi era un pioniere forense? A chi piaceva nudo? Continuate a leggere per scoprirlo…

    • Di Sara KettlerJun 25, 2019
    Caricamento in corso ... Vedi di più



    Nessun utente ha ancora commentato questo articolo.

    Biografie di personaggi famosi.
    La tua fonte di storie vere su personaggi famosi. Leggi biografie esclusive e trova connessioni inattese con le tue celebrità preferite.