Edith Wilson The First, First Lady President

  • Kenneth Cook
  • 0
  • 2238
  • 237

A seconda dei risultati ottenuti alla fine della corsa equestre quadrennale nazionale di quest'anno (ovvero la campagna presidenziale), potrebbe darsi che l'America eleggi il suo primo presidente donna.

First Lady Edith Wilson, 1915-1921. (Foto: Library of Congress [dominio pubblico], tramite Wikimedia Commons)

Ufficiosamente, l'America ha già avuto quello che potrebbe essere chiamato un presidente della First Lady & # x2014; almeno secondo alcuni storici e biografi della controversa donna in questione. E di certo non fu eletta da nessuno tranne, probabilmente suo marito, che rese ufficiale il loro sindacato il 18 dicembre 1915.

Quella felice occasione non ha dato la minima idea che, in soli tre anni, Edith Bolling Galt & # x2014; la vedova di un proprietario di una gioielleria di Washington, DC che sposa il presidente degli Stati Uniti, vedovo, Woodrow Wilson & # x2014; sarebbe accusato di gestire il paese.

La seconda signora Woodrow Wilson sembrava la meno probabile delle donne di prendere il controllo del potere supremo per soddisfare un desiderio personale di riconoscimento. Nata nel 1872 da una famiglia povera della montagnosa Virginia occidentale, la sua unica fuga di fantasia era una lontana discesa dalla leggendaria principessa dei nativi americani Pocahontas. Mai un intelletto, decise di lasciare il Mary Washington College perché il suo dormitorio era troppo freddo. Ha invece seguito una sorella maggiore e si è recata nella capitale della nazione, dove ha rapidamente sposato un uomo molto più anziano di una famiglia che possedeva e gestiva la più antica gioielleria della città..

Come signora Norman Galt, ha dato alla luce un figlio, ma il bambino è morto in pochi giorni. Dopo 12 anni di matrimonio, Edith si è ritrovata vedova ma anche ricca. Ha iniziato a fare frequenti viaggi in Europa, dove ha sviluppato un gusto per l'alta moda del designer parigino Worth. E quando a Washington, ha fatto un tuffo diventando la prima donna in città a guidare la propria auto.

Nonostante la sua ricchezza e quello che uno ha soprannominato & # x201C; kittenish & # x201D; bell'aspetto, la signora Galt è stata esclusa dai vertici dell'alta società del capitale semplicemente perché la sua ricchezza derivava da un negozio al dettaglio, ed era contrassegnata snob come commercio & # x201C; & # x201D; Tutto ciò cambiò un giorno freddo all'inizio della primavera del 1915.

Edith Galt era uscita con la sua amica Altrude Gordon, poi usciva con Cary Grayson, il medico della Casa Bianca. Tra i suoi reparti c'erano non solo il presidente Woodrow Wilson, che stava ancora piangendo la morte di sua moglie Ellen, ma anche la cugina del presidente Helen Bones, che viveva alla Casa Bianca come compagno per lui. Quel giorno, Miss Bones si era unita ad Altrude ed Edith in un'escursione rilassante ma fangosa. Li costrinse a tornare alla Casa Bianca per un tè caldo. Come ha detto Edith, ha girato un angolo e ha incontrato il mio destino. & # X201D;

Woodrow Wilson, 1912. (Foto: Pach Brothers, New York [dominio pubblico], tramite Wikimedia Commons)

Per Wilson è stato amore a prima vista. Presto una limousine presidenziale ronzava quasi tutte le sere fuori Edith'la porta, pronta a farla scivolare per cene romantiche mentre la mattina successiva i messaggeri presidenziali consegnavano note d'amore suggestive che cercavano in modo lusinghiero la sua opinione apolitica su questioni che vanno dall'affidabilità dei membri del gabinetto al perfezionamento dei diplomatici mentre una guerra in Europa iniziava ad espandersi rapidamente.

Se la signora Galt fu sopraffatta quando il presidente insistette che si sposassero, i suoi consiglieri politici furono decisamente allarmati. Wilson non solo aveva affidato a questa donna che aveva incontrato solo tre mesi prima con informazioni riservate, ma era pronto per essere rieletto nel 1916. Sposava la signora Galt a malapena un anno dopo la morte della sua prima moglie, temevano , porterebbe alla sua sconfitta. Hanno elaborato un piano. Genererebbero una serie di false lettere d'amore come se fossero state scritte da Wilson a una Mary Peck con la quale aveva condotto una vera relazione amorosa del cuore, e l'avrebbero divulgata alla stampa. Avrebbe umiliato la signora Galt e sarebbe fuggita.

Tranne il fatto che non lo ha fatto. Sposò il presidente e si ricordò di coloro che avevano cercato di liberarlo da lei. Wilson vinse un altro mandato e, nell'aprile del 1917, guidò gli Stati Uniti nella prima guerra mondiale. A quel punto, Edith Wilson non lasciò mai la sua presenza, lavorando insieme da un ufficio privato al piano superiore. Le diede accesso al cassetto dei documenti riservati e al codice segreto in tempo di guerra, e le lasciò la sua posta. Su insistenza del presidente, la First Lady partecipò ai suoi incontri, dopo di che gli diede una valutazione appassionata di personaggi politici e rappresentanti stranieri. Ha negato l'accesso ai suoi consiglieri se avesse stabilito che il Presidente non poteva essere disturbato.

Alla fine della guerra, Edith accompagnò Wilson in Europa per aiutarlo a negoziare e firmare il Trattato di Versailles e presentare la sua visione di una Lega delle Nazioni per prevenire future guerre mondiali. Quando i Wilson tornarono negli Stati Uniti, gli onori del vecchio mondo lasciarono il posto alla sobria realtà che il Presidente avrebbe affrontato un'enorme resistenza tra i repubblicani del Senato nel far approvare la sua versione della Lega.

Esausto, insistette tuttavia per attraversare il paese in treno per venderli sull'idea, nell'ottobre del 1919. C'era poco entusiasmo. Ha spinto più forte. Quindi, è crollato per l'esaurimento fisico. Si precipitò di nuovo alla Casa Bianca e subì un duro colpo. Edith lo trovò privo di sensi sul pavimento del suo bagno. Fu presto evidente a tutti che Wilson non poteva funzionare completamente.

Edith Wilson intervenne con fermezza e cominciò a prendere decisioni. Consultandosi con i medici, non avrebbe nemmeno preso in considerazione l'idea di dimettersi dal marito e di far subentrare il vicepresidente. Ciò la deprimerebbe solo Woodrow. La sua dedizione amorevole per proteggerlo con ogni mezzo necessario avrebbe potuto essere ammirevole per una storia d'amore, ma nel dichiarare che si preoccupava solo di lui come persona, non come presidente, la signora Wilson rivelò un'ignoranza egoista che la portò a decidere che lei e il presidente sono venuti prima del normale funzionamento del ramo esecutivo del governo.

Il presidente Woodrow Wilson, seduto alla scrivania con sua moglie Edith Bolling Galt, al suo fianco. Prima foto posata dopo il signor Wilson'la malattia, la Casa Bianca, giugno 1920. La signora Wilson detiene un documento mentre il presidente aggiunge la sua firma. (Foto: di Harris & Ewing (Library of Congress) [dominio pubblico], via Wikimedia Commons)

La prima mossa nello stabilire ciò che la chiamava & # x201C; stewardship & # x201D; era fuorviare l'intera nazione, dal Gabinetto al Congresso alla stampa e al popolo. Controllando i bollettini medici accuratamente realizzati che erano stati resi pubblici, avrebbe solo permesso di riconoscere che Wilson aveva davvero bisogno di riposo e avrebbe lavorato dalla sua camera da letto. Quando i singoli membri del Gabinetto arrivarono per conferire il Presidente, non andarono oltre la First Lady. Se avessero avuto documenti programmatici o in attesa di decisioni da rivedere, modificare o approvare, avrebbe prima esaminato il materiale da sola. Se riteneva che la questione fosse abbastanza pressante, prendeva le scartoffie nella stanza di suo marito dove sosteneva che gli avrebbe letto tutti i documenti necessari. 

Era un modo sconcertante per dirigere un governo, ma i funzionari attesero nel corridoio del West Sitting Room. Quando tornò da loro dopo aver conferito con il presidente, la signora Wilson rivoltò le loro scartoffie, ora pieno di indecifrabili note di margine che diceva fossero le risposte verbali trascritte dal presidente. Per alcuni, la calligrafia traballante sembrava meno simile a quella scritta da un invalido e più simile a quella del suo custode nervoso.

Ecco come ha descritto il processo che ha intrapreso:

& # x201C; Così è iniziata la mia gestione. Ho studiato ogni documento, inviato dai diversi segretari o senatori, e ho cercato di digerire e presentare in forma scandalistica le cose che, nonostante la mia vigilanza, dovevano andare dal Presidente. Io stesso non ho mai preso un'unica decisione in merito alla disposizione degli affari pubblici. L'unica decisione che fu mia fu quella che era importante e cosa non lo era, e la decisione molto importante su quando presentare le cose a mio marito. & # X201D;

Fortunatamente, la nazione non ha affrontato grandi crisi incombenti per il periodo di ciò che alcuni la hanno soprannominata & # x201C; reggenza & # x201D; di un anno e cinque mesi, dall'ottobre del 1919 fino al marzo del 1921. Tuttavia, alcuni dei suoi scontri con i funzionari avevano gravi conseguenze. Quando venne a sapere che il Segretario di Stato aveva convocato una riunione del governo senza il permesso di Wilson, lo considerò un atto di insubordinazione e fu licenziato. 

L'ironia più dannosa, tuttavia, è stata il risultato dell'insistenza della signora Wilson sul fatto che un aiutante dell'Ambasciata britannica minore venga licenziato per una barzelletta oscura che ha spezzato a sue spese & # x2013; altrimenti avrebbe rifiutato le credenziali di un ambasciatore che era venuto per aiutare specificamente a negoziare per la versione della Lega delle Nazioni del presidente Wilson. L'ambasciatore si rifiutò di farlo e presto tornò a Londra. Per tutta la protezione che aveva fornito a suo marito come persona, Edith Wilson potrebbe aver danneggiato quello che aveva sognato come eredità.

Fino alla sua morte nel 1961, l'ex First Lady ha insistito sul fatto che non ha mai assunto il pieno potere della presidenza, nella migliore delle ipotesi ha usato alcune delle sue prerogative per conto di un marito. Edith Wilson & # x2019; s & # x201C; stewardship & # x201D; non c'è motivo di discutere contro l'elezione di una donna come presidente tanto quanto una storia di ammonimento sull'amore che si intromette nella ragione.

Di Carl Anthony

    ALTRE STORIE DALLA BIOGRAFIA

    Storia e cultura

    L'importanza del primo anno in carica di un presidente

    Sebbene non sia mai del tutto conclusivo, l'esame della storia del primo anno in carica dei precedenti presidenti offre una prospettiva utile sugli attuali presidenti.

    • Di Greg TimmonsJun 17, 2019
    Storia e cultura

    Prime donne e le loro cause

    La first lady degli Stati Uniti svolge un ruolo vitale nel dare il tono all'ufficio nazionale. Sebbene non sia un lavoro ufficiale, le prime donne della storia degli Stati Uniti hanno intrattenuto, servito come consulenti per i loro mariti e hanno fissato le tendenze della moda ...

    • Di Kim GilmoreJun 17, 2019
    Nelle news

    L'ex First Lady Barbara Bush muore a 92 anni

    La cara ex First Lady Barbara Bush è deceduta il 17 aprile 2018 nella sua casa di Houston, in Texas. Aveva 92 anni.

    • Di David BlattyJun 16, 2019
    Storia e cultura

    Il "Pittsburgh Cycle" di August Wilson gioca

    August Wilson ha scritto dieci opere teatrali, collettivamente conosciute come "Il ciclo di Pittsburgh" o "Century Cycle", che esplora i 100 anni dell'esperienza afroamericana.

    • Di David RobinsonJun 16, 2019
    Storia e cultura

    Come Sonia Sotomayor ha superato le avversità per diventare la prima giustizia ispanica e latina degli Stati Uniti

    Durante tutta la sua vita, la giustizia della Corte Suprema ha avuto molti ostacoli - come il diabete - che hanno cercato di far deragliare il suo percorso verso Washington.

    • Di Sara Kettler, 19 settembre 2019
    Storia e cultura

    Perché Jacqueline Kennedy non si è tolta il vestito rosa dopo l'assassinio di JFK

    La first lady ha continuato a indossare l'abito coperto dal sangue di suo marito per trasmettere un messaggio e come modo per affrontare il suo trauma.

    • Di Sara KettlerJun 18, 2019
    Storia e cultura

    Perché Alexander Hamilton non è mai diventato presidente

    L'orfano immigrato delle Indie occidentali era uno dei padri fondatori più talentuosi e capaci. Ma ciò che gli ha impedito di occupare l'ufficio più alto degli Stati Uniti?

    • Di Barbara MaranzaniJun 14, 2019
    Storia e cultura

    La vera storia dietro "The Post" di Spielberg

    In "The Post" di Steven Spielberg, Meryl Streep dà vita alla decisione di Katharine Graham del 1971 di far pubblicare al Washington Post i Pentagon Papers top secret. Tuttavia, c'è solo così tanto che un film può includere. Ecco la vera storia dietro "The Post".

    • Di Sara KettlerJun 21, 2019
    Storia e cultura

    Gli alti di Edmund Hillary, il primo uomo a raggiungere la cima del Monte Everest

    In onore del compleanno del famoso scalatore Edmund Hillary oggi, guardiamo alle tante straordinarie avventure che ha vissuto - e alle molte (letterali) montagne che ha scalato che lo hanno portato a nuove altezze.

    • Di Bio StaffJun 17, 2019
    Caricamento in corso ... Vedi di più



    Nessun utente ha ancora commentato questo articolo.

    Biografie di personaggi famosi.
    La tua fonte di storie vere su personaggi famosi. Leggi biografie esclusive e trova connessioni inattese con le tue celebrità preferite.