Biografia di Elisabeth Kubler-Ross

  • Harry Morgan
  • 0
  • 4377
  • 847
La psichiatra Elisabeth Kübler-Ross ha scritto il libro On Death And Dying, che ha delineato le cinque fasi che i pazienti malati terminali sperimentano.

Sinossi

Nata nel 1926, Elisabeth Kübler-Ross voleva fare il medico, ma suo padre lo proibì. Lasciò la casa a 16 anni, fu volontaria in ospedale durante la seconda guerra mondiale e infine entrò in medicina nel 1951. Studiava malattie terminali, pubblicando il suo libro rivoluzionario Sulla morte e il morire nel 1969. Il libro delinea le cinque fasi che vivono i pazienti morenti: negazione, rabbia, contrattazione, depressione e accettazione.

Primi anni di vita

Autore, psichiatra. Nato l'8 luglio 1926 a Zurigo, in Svizzera. Attraverso le sue ricerche e i suoi scritti innovativi, la dott.ssa Elisabeth Kübler-Ross ha contribuito a rivoluzionare il modo in cui la comunità medica ha curato i malati terminali. Ha avuto un inizio fragile nella vita come una terzina, del peso di soli due chili quando lei e gli altri suoi due fratelli sono nati. Sviluppando un interesse per la medicina in giovane età, Kübler-Ross incontrò un'intensa resistenza da parte di suo padre sulle sue aspirazioni di carriera. Le disse che poteva essere una segretaria nei suoi affari o diventare una domestica.

Sfidando la sua famiglia, Kübler-Ross lasciò la casa all'età di 16 anni e fece una serie di lavori. Ha anche lavorato come volontaria durante la seconda guerra mondiale, aiutando negli ospedali e prendendosi cura dei rifugiati. Dopo la guerra, Kübler-Ross si offrì volontario per aiutare in numerose comunità dilaniate dalla guerra. È stata profondamente colpita da una visita al campo di concentramento di Maidanek in Polonia e dalle immagini di centinaia di farfalle incise su alcune pareti lì. Per Kübler-Ross, le farfalle & # x2014; queste ultime opere d'arte di coloro che affrontano la morte & # x2014; sono rimaste con lei per anni e l'hanno influenzata pensando alla fine della vita.

Kübler-Ross iniziò a perseguire i suoi sogni di diventare medico nel 1951 come studente di medicina all'Università di Zurigo. Mentre era lì, conobbe Emanuel Robert Ross, uno studente di medicina americano. Si sposarono nel 1958, un anno dopo la sua laurea, e si trasferirono negli Stati Uniti dove entrambi avevano fatto uno stage presso il Community Hospital di Glen Cove, Long Island. (Nel 1976, lei e suo marito divorziarono e morì nel 1992.) Poi si specializzò in psichiatria, diventando residente al Manhattan State Hospital.

Psicologo pionieristico

Nel 1962, Kübler-Ross e suo marito si trasferirono a Denver, in Colorado, per insegnare alla University of Colorado Medical School. Durante il suo periodo negli Stati Uniti era stata disturbata dal trattamento della morte e non aveva trovato nulla nel curriculum della facoltà di medicina che si occupava della morte e della morte. Compilando una volta una collega, Kübler-Ross portò in classe una ragazza di 16 anni che stava morendo di leucemia. Disse agli studenti di porre alla ragazza tutte le domande che volevano. Ma dopo aver ricevuto numerose domande sulla sua condizione, la ragazza è scoppiata in rabbia e ha iniziato a porre le domande che le interessavano come persona, come era come non poter sognare di crescere o andare al ballo, secondo un articolo in Il New York Times.

Trasferitosi a Chicago nel 1965, Kübler-Ross divenne istruttore presso la facoltà di medicina dell'Università di Chicago. Un piccolo progetto sulla morte con un gruppo di studenti di teologia si è evoluto in una serie di seminari ben frequentati con interviste sincere a persone che stavano morendo. Basandosi sulle sue interviste e ricerche, Kübler-Ross ha scritto Sulla morte e il morire (1969), che ha identificato le cinque fasi che la maggior parte dei pazienti malati terminali sperimentano: negazione, rabbia, contrattazione, depressione e accettazione. L'identificazione di queste fasi era un concetto rivoluzionario all'epoca, ma da allora è stata ampiamente accettata.

UN Vita la rivista ha pubblicato un articolo su Kübler-Ross nel novembre 1969, portando consapevolezza pubblica al suo lavoro al di fuori della comunità medica. La risposta fu enorme e influenzò la decisione di Kübler-Ross di concentrarsi sulla sua carriera nel lavorare con i malati terminali e le loro famiglie. L'intenso controllo ricevuto dal suo lavoro ha avuto anche un impatto sul suo percorso professionale. Kübler-Ross ha smesso di insegnare all'università per lavorare privatamente su quella che lei ha definito la "più grande mistero della scienza" e la morte di # x201D; & # x2014;.

Scrittura e critica

Durante la sua carriera, Kübler-Ross ha scritto più di 20 libri sulla morte e argomenti correlati, tra cui Vivere fino a quando non ci salutiamo (1978), Vivere con la morte e Sta morendo (1981) e Il tunnel e la luce (1999). Ha anche viaggiato in tutto il mondo, dandole & # x201C; Vita, morte e transizione & # x201D; workshop. Finanziata dai profitti dei suoi libri, seminari e conferenze, fondò Shanti Nilaya, un rifugio educativo, a Escondido, in California, nel 1977. Intorno a quello stesso periodo, formò il Centro Elisabeth Kübler-Ross, che in seguito fu trasferito nel suo Virginia farm a metà degli anni '80. Lavorando con pazienti affetti da AIDS durante i primi giorni dell'epidemia, ha cercato di creare un ospizio per i bambini affetti da AIDS, ma ha abbandonato il piano dopo aver incontrato molta opposizione.

Nella parte successiva della sua carriera, Kübler-Ross divenne sempre più interessata alle questioni della vita dopo la morte, alle guide spirituali e alla canalizzazione degli spiriti, che fu accolta con scetticismo e disprezzo dai suoi colleghi nei circoli medici e psichiatrici.

Morte ed eredità

Per uno che ha scritto così tanto sulla morte e sulla morte, la transizione di Kübler-Ross da questa vita non è stata facile. Si ritirò in Arizona dopo che una serie di colpi nel 1995 la lasciò parzialmente paralizzata e su una sedia a rotelle. & # x201C; Sono come un aereo che ha lasciato il cancello e non è decollato, & # x201D; ha detto, secondo un articolo nel Los Angeles Times. & # x201C; Preferirei tornare al cancello o volare via. & # x201D;

Nel 2002, Kübler-Ross si trasferì in un ospizio. Morì il 24 agosto 2004, per cause naturali, circondata da amici e familiari. Non molto tempo prima della sua morte, aveva finito di lavorare al suo ultimo libro, Su dolore e lutto (2005), che ha scritto con David Kessler. Kübler-Ross è stata sopravvissuta dai suoi due figli e due nipoti. Nel 2007, è stata introdotta nella Hall of Fame della National Women per il suo lavoro. Kübler-Ross ha contribuito a iniziare la discussione pubblica sulla morte e la morte e ha fatto una campagna vigorosa per un migliore trattamento e cura dei malati terminali.




Nessun utente ha ancora commentato questo articolo.

Biografie di personaggi famosi.
La tua fonte di storie vere su personaggi famosi. Leggi biografie esclusive e trova connessioni inattese con le tue celebrità preferite.