Cinque afro-americani dimenticati nella storia

  • Harry Morgan
  • 0
  • 1713
  • 424

La storia americana risuona con i nomi di grandi uomini e donne afroamericani. Il bambino più piccolo della scuola per l'adulto più grande può scuotere i nomi di personaggi famosi come Harriet Tubman, Booker T. Washington, Rosa Parks o Malcolm X. Ma che dire degli uomini e delle donne meno noti che hanno contribuito in modo significativo al nero storia in America, gli individui che hanno raggiunto la grandezza ma che sono stati raramente riconosciuti? Oggi Bio ricorda cinque uomini e donne che potrebbero non essere nomi familiari, ma che hanno lasciato il segno nella storia & # x2013; in molti casi come i primi neri americani ad avere successo nei campi scelti.

Mary Ellen Pleasant: Imprenditrice e attivista

Mary Ellen Pleasant (foto: Wikipedia)

Le origini esatte di Mary Ellen Pleasant sono confuse. Potrebbe aver iniziato la sua vita come schiava in Georgia nel 1810, ma è altrettanto possibile che sia nata libera a Filadelfia. Sappiamo che è stata indentificata all'inizio della vita da un negoziante Nantucket da cui ha imparato le basi della gestione di un'azienda. Ha anche appreso del movimento abolizionista, poiché la famiglia del negoziante era abolizionista irriducibile. Un matrimonio con un ricco proprietario terriero libero di nome J.J. Smith, che era anche abolizionista, rafforzò la sua fortuna e avanzò la causa. Gli Smiths lavorarono per aiutare gli schiavi a fuggire verso il Nord e finanziarono le cause degli abolizionisti (incluso, si dice, il raid di John Brown sul traghetto di Harper & # x2019;).

Dopo che il marito di Pleasant morì giovane, si diresse a ovest verso San Francisco, che all'epoca era una città quasi senza legge. Ha lavorato come cuoca e serva nelle case dei ricchi fino a quando non è stata in grado di avviare la sua pensione, che sarebbe stata la prima di molte. Il piacevole era un appuntamento familiare nelle case dei ricchi durante il periodo della corsa all'oro, così come i servi che iniziò ad addestrare e posizionare lì, e si diceva che usasse le informazioni che aveva ottenuto dalla sua vicinanza alla ricchezza aumentare i propri beni. Ha investito con astuzia i suoi soldi e presto ha accumulato una sorprendente fortuna personale basata su azioni, immobili e una serie di attività (tra cui lavanderie e stabilimenti alimentari) che la hanno resa uno dei principali imprenditori della città in crescita. Al suo apice, si stima che valga $ 30 milioni di dollari, una somma sorprendente per il periodo.

Quando Pleasant divenne una donna potente, continuò a lavorare per i diritti civili, spesso in tribunale. Poco dopo la Guerra Civile, ha fatto causa a una compagnia di tram per aver vietato i neri sulla loro linea e ha citato in giudizio un altro che ha permesso la segregazione. Ha vinto entrambi i casi. È diventata famosa nella comunità nera per la sua filantropia e il suo sostegno pubblico ai diritti civili, il che era insolito per una donna e doppiamente insolito per una donna di colore. Ha usato i suoi soldi per difendere i neri colpiti e ha speso migliaia in spese legali, diventando un eroe per una generazione di afroamericani in California.

Sfortunatamente, la vita successiva di Pleasant è stata tutt'altro. Ha sostenuto il caso di una donna impegnata in una disputa matrimoniale con un senatore del Nevada, che l'ha ferita finanziariamente e politicamente quando la donna ha perso. La morte del suo partner finanziario Thomas Bell gettò i suoi affari in subbuglio e la sua vedova sfidò il diritto di Pleasant alla maggior parte dei suoi possedimenti. I giornalisti gialli la marchiano & # x201C; Mammy Pleasant, & # x201D; accusandola di tutto, dall'omicidio di Thomas Bell al mettere intere famiglie sotto incantesimi voodoo (si dice che una volta sia stata piacevole l'amicizia con la regina voodoo di Marie Orleans, Marie LaVeau). La vasta fortuna di Pleasant è andata perduta ed è morta in povertà nel 1904. Fortunatamente, la sua reputazione imbronciata come & # x201C; Mammy & # x201D; non ha definito la sua vita; oggi, è più comunemente ricordata come & # x201C; La madre dei diritti civili in California. & # x201D;

Bessie Coleman: Pioneer Aviatrix

Bessie Coleman (Foto: National Air and Space Museum (Grandi immagini nella descrizione della NASA) [Dominio pubblico], via Wikimedia Commons)

Bessie Coleman è nata in una baracca di una stanza in Texas nel 1892. Una ragazza intelligente, ha frequentato fedelmente la scuola ed era attiva nella sua chiesa battista & # x2013; cioè quando non era necessaria nei campi di cotone per aiutare la sua famiglia numerosa a sopravvivere (c'erano 13 bambini Coleman in totale). Ha lavorato come lavandaia per risparmiare denaro per frequentare il college in Oklahoma, ma i suoi soldi sono finiti dopo solo un semestre. Sperando in cose migliori, si trasferì a nord a Chicago per stare con suo fratello maggiore. Sebbene trovasse difficile la vita lì, con il suo lavoro di manicure non redditizio o appagante, sentì e fu affascinata dalle storie di piloti che erano recentemente tornati dagli aeroporti della Prima Guerra Mondiale. Decise di essere un pilota.

Nel 1918, ad eccezione della ricca socialite occasionale, le donne pilota erano rare. Le donne pilota afroamericane erano inesistenti. Coleman fu sbalzato dal sessismo e dal razzismo dei piloti americani che derisero il suo desiderio di volare. Sentendo le sue pene, il giornalista nero Robert Abbott, l'editore di The Chicago Defender, la incoraggiò ad andare in Francia per imparare a volare. Finanziò un viaggio a Parigi nel 1920 e per sette mesi Coleman si allenò con alcuni dei migliori piloti d'Europa. Nonostante fosse l'unica persona di colore nella sua classe, è stata trattata con rispetto e ha ottenuto la licenza di pilota internazionale entro il 1921. Quando è tornata in America, i giornali hanno saputo della storia insolita e sono diventata una celebrità minore quasi da un giorno all'altro.

All'inizio degli anni '20, l'aviazione commerciale era ancora agli inizi, quindi la maggior parte dei volantini attivi erano acrobazie che si esibivano in spettacoli aerei. Coleman ha cercato il meglio sul campo (di nuovo, in Europa) per l'allenamento, e ha preso il circuito dello show aereo, dove è stata un grande successo. Soprannominato & # x201C; Queen Bess, & # x201D; Coleman era conosciuta per le sue acrobazie aeree temerarie e la sua razza e il suo genere divennero un punto di forza anziché una responsabilità. Per cinque anni, ha girovagato per il paese, guadagnandosi da vivere. Era una vita dura, tuttavia, piena di rischi; nel 1923, ad esempio, finì in ospedale con una gamba rotta quando il suo aereo si schiantò a causa di un guasto meccanico.

Un successivo fallimento meccanico più grave porterebbe alla prematura scomparsa di Coleman nel 1926. Acquistò un aereo sostitutivo per quello che aveva perso nel 1923, e il suo copilota, un uomo di nome William D. Wills , ha pilotato la cassa & # x201C; & # x201D; dal Texas alla Florida, sede del prossimo spettacolo aereo. L'aereo ha avuto problemi meccanici durante il viaggio e aveva un disperato bisogno di una revisione, ma Wills e Coleman lo hanno portato involontariamente il 30 aprile per esaminare il terreno per il salto con il paracadute che Coleman aveva pianificato per il giorno successivo. L'aereo fallì di nuovo, ma questa volta non poté essere pilotato in sicurezza sul terreno; Wills è stato ucciso all'impatto e Coleman, che non aveva indossato una cintura di sicurezza per poter guardare il paesaggio sul lato dell'aereo, è stato lanciato dal suo sedile ed è morto all'istante.

Coleman aveva sperato di ispirare altri giovani afroamericani a salire sui cieli stabilendo una scuola di volo. Il suo sogno di iniziare una scuola non sarebbe mai stato realizzato, ma essendo la prima donna americana di colore a volare, ha ispirato innumerevoli giovani uomini e donne a fare lo stesso, compresa la persona discussa dopo.

Jesse LeRoy Brown: Navy Pilot

Jesse LeRoy Brown (Foto: fotografia ufficiale della Marina degli Stati Uniti, ora nelle raccolte degli Archivi nazionali. (Foto n .: 80-G-708014 da [1]) [Dominio pubblico], tramite Wikimedia Commons)

Come Bessie Coleman, Jesse LeRoy Brown è nata in circostanze molto modeste. Nato pochi mesi dopo l'ultimo volo di Coleman, Brown è cresciuto in diverse parti del Mississippi, a seconda di dove suo padre si è assicurato un impiego. Come Coleman, Brown era un giovane determinato, che eccelleva nei suoi compiti, laureandosi con il massimo dei voti al liceo. L'insetto volante lo colse presto; all'età di sei anni, suo padre lo portò ad uno spettacolo aereo e questo determinò il corso della sua vita. Leggeva costantemente l'aviazione e apprendeva che esistevano davvero dei piloti neri (uno dei piloti di cui aveva appreso era Bessie Coleman). A quel punto, nessun pilota afroamericano era ancora stato ammesso nell'esercito degli Stati Uniti e il giovane sfacciato Brown scrisse persino una lettera al presidente Roosevelt per mettere in discussione questo stato di cose.

Brown ha fatto domanda per un college integrato, nello Stato dell'Ohio, e si è sostenuto nei suoi studi lavorando diversi lavori part-time. Nel 1945, apprese che la Marina degli Stati Uniti stava reclutando piloti e fece domanda. Nonostante incontrasse resistenza a causa della sua razza, Brown fu ammesso al programma perché i suoi esami di ammissione erano di così alta qualità. Nel 1947, completò tre fasi dell'addestramento degli ufficiali navali in Illinois, Iowa e Florida, incluso l'addestramento avanzato di volo. Presto fu abile nel pilotaggio di aerei da combattimento e nel 1948 ricevette il suo distintivo da aviatore navale. Ha ricevuto la sua commissione navale ed è diventato un ufficiale nel 1949. I giornali prestarono attenzione ai progressi di Brown, e il suo status di ufficiale navale su commissione lo rese un simbolo del successo nero nelle pubblicazioni in bianco e nero (sarebbe stato profilato in entrambe The Chicago Defender e Vita).

Nell'estate del 1950 scoppiò la guerra di Corea e la nave della Brown, la nave da guerra USS Leyte, fu inviata nella penisola coreana. Brown e i suoi compagni piloti volarono missioni quotidiane per proteggere le truppe minacciate dall'entrata in guerra della Cina a novembre. Il 4 dicembre, volando con il suo squadrone di sei aerei sugli obiettivi nemici, Brown scoprì che stava perdendo carburante, probabilmente a causa del fuoco della fanteria cinese. Si schiantò contro il suo aereo e sopravvisse allo schianto, ma la sua gamba fu bloccata sotto i detriti del suo aereo e non riuscì a liberarlo. Il Wingman di Brown, Thomas Hudner, il pilota più vicino a lui in aria, scorse Brown e prese l'inusuale fase di schianto atterrando il suo aereo per cercare di salvarlo. Tuttavia, Brown aveva perso molto sangue e stava già cadendo dentro e fuori dalla coscienza. Un tentativo di portare un elicottero fallì quando calò la notte e al mattino era innegabile che Brown fosse morto.

Sebbene Jesse L. Brown morisse giovane, la sua storia avrebbe ispirato molti afroamericani a diventare piloti militari. Inoltre, la dedizione dimostrata da Hudner, un uomo bianco, per il suo capo squadrone nel fervore della guerra ha dimostrato quanto possano essere irrilevanti le questioni di razza nell'esercito, che era stata così spesso un'arena storicamente instabile per le relazioni razziali.

Matthew Henson: Arctic Explorer

Matthew Henson (foto: Biblioteca del Congresso degli Stati Uniti, tramite Wikimedia Commons)

Matthew Henson è nato nel Maryland subito dopo la guerra civile e ha avuto un'infanzia sfortunata. Entrambi i suoi genitori morirono quando era un ragazzo, e Henson visse con uno zio a Washington, DC prima di mettersi in proprio da solo all'età di 11 anni. Si recò a piedi a Baltimora, dove sperava di poter lavorare su una nave . Ci riuscì e divenne un ragazzo di cabina su un mercantile. Vide il mondo (Cina, Europa, Nord Africa) e imparò a leggere e scrivere grazie al gentile capitano della nave, che vide che il ragazzo era brillante e desideroso di imparare. Dopo sei anni di navigazione nell'oceano, il capitano di Henson morì; addolorato per l'uomo che aveva fatto così tanto per lui, Henson tornò a Washington e prese un lavoro come commesso in un negozio di pellicceria.

Fu nel negozio che Henson incontrò il tenente della marina Robert Edwin Peary, che vendeva pellicce e brillava al giovane mentre discutevano delle loro varie avventure. Peary gli ha dato un lavoro come suo assistente in un prossimo viaggio di indagine del Nicaragua. Henson, mancando l'avventura del viaggio, divenne presto un membro permanente dell'equipaggio di Peary. Quando Peary annunciò di raggiungere la vetta della Groenlandia nel 1891, Henson si unì felicemente all'agente nel suo viaggio. Nel corso degli anni 1890, Peary e la sua squadra tornarono più volte in Groenlandia, combattendo condizioni meteorologiche estreme, perdita di membri della squadra e fame per raggiungere il loro obiettivo (in un viaggio, furono costretti a mangiare i cani tirando le slitte). Peary crebbe fino a contare su Henson, le cui abilità di carpenteria, meccanica e di guida del cane non erano seconde a nessuno.

All'inizio del secolo, Peary era diventato determinato a raggiungere il Polo Nord. Nel corso dei prossimi anni, Peary, sempre con Henson al suo fianco, avrebbe fatto un tentativo dopo l'altro, ognuno senza successo a causa della durezza delle condizioni. Nel 1908, decisero di fare un ultimo tentativo poiché il tempo correva contro di loro (Peary aveva 50 anni, Henson 40). I precedenti tentativi erano stati ostacolati da difficoltà di comunicazione con gli eschimesi nativi; Henson ha imparato la loro lingua in modo da poter parlare con loro, l'unico membro del team a farlo. Guadagnando gli eschimesi & # x2019; Fiducia e fiducia, Henson ha spianato la strada al successo della spedizione (così come una speciale nave per il taglio del ghiaccio costruita appositamente per la spedizione). In realtà Henson arrivò più vicino al Polo prima di Peary, ma fu lo stesso Peary a arrancare gli ultimi chilometri per piantare la bandiera americana. Peary sembrava risentirsi di Henson per essere arrivato davanti a lui, e le loro relazioni durante il viaggio di ritorno erano tese e mai più le stesse.

Il comandante Peary, ovviamente, fu celebrato per i suoi successi al suo ritorno in America; sebbene Matt Henson fosse tecnicamente arrivato prima, non ricevette la stessa attenzione e in breve tempo dovette trovare nuovo lavoro. Ha finito per parcheggiare le auto a New York. Fortunatamente, gli amici fecero pressioni per suo conto e le sorti di Henson iniziarono a cambiare. Ha ricevuto un incarico di servizio civile dal presidente Taft che gli ha dato una vita più comoda. Ha pubblicato un'autobiografia nel 1912, e una successiva biografia ha reso più noto il ruolo di Henson nelle spedizioni del Polo Nord. Ha ricevuto una medaglia congressuale nel 1944 e una citazione presidenziale nel 1950. Quando morì nel 1955, Matthew Henson poteva riposare tranquillamente, essendo stato riconosciuto come co-fondatore del Polo Nord.

William H. Hastie: avvocato e giudice

William Hastie (foto: US National Archives and Records Administration [dominio pubblico], tramite Wikimedia Commons)

William Hastie è nato a Knoxville, nel Tennessee nel 1904, e come Bessie Coleman o Jesse Brown, ha mostrato un'intelligenza precoce e una determinazione precoce per avere successo. I suoi genitori, un impiegato del governo e un insegnante, erano in una posizione migliore rispetto alla maggior parte per aiutare il figlio a eccellere, e frequentò l'Amherst College nel Massachusetts, dove si laureò nella sua classe. Ispirato da suo cugino Charles Houston, che aveva una posizione presso la Howard University School of Law, Hastie decise di iscriversi alla facoltà di giurisprudenza. Dopo un'eccezionale carriera accademica, ha superato l'esame di avvocato ed è diventato un avvocato praticante e un insegnante presso Howard. Nel 1933, tornò ad Harvard per ottenere il dottorato in studi giudiziari.

Fu a questo punto che la nuova amministrazione di Franklin Roosevelt notò il giovane, che ora chiamava Washington, DC la sua casa. Fu uno dei primi afro-americani nominati dall'amministrazione, prestando servizio come avvocato presso il Dipartimento degli Interni. Come parte del suo lavoro lì, ha redatto una costituzione per le Isole Vergini, che erano diventate un territorio americano dopo la prima guerra mondiale. Prendendo atto del suo lavoro, Roosevelt nominò Hastie alla corte federale delle Isole Vergini, rendendolo effettivamente il primo giudice federale afroamericano nella storia. Non rimarrebbe molto a lungo, tuttavia, a causa dello scoppio della seconda guerra mondiale & # x2013; Hastie partì per un lavoro nel dipartimento di guerra, dove sperava di promuovere l'integrazione delle unità di addestramento. Sfortunatamente, i suoi tentativi di farlo erano frustrati e l'idea non avrebbe preso piede fino a quando non fosse passato. La franchezza di Hastie, tuttavia, ha avuto molto a che fare con stimolare il dibattito pubblico sull'argomento.

Hastie tornò alle Isole Vergini quando il Congresso approvò un atto che assegnava un governatore alla regione, che fino a quel momento era stata liberamente governata dal Dipartimento degli Interni e dai militari. Roosevelt nominò Hastie come primo governatore, rendendolo il primissimo governatore nero di uno stato o territorio degli Stati Uniti a ricoprire un mandato a tempo pieno (nel 1872, Pinckney Pinchback aveva scontato 35 giorni in cui il governatore della Louisiana fu messo sotto accusa, rendendolo tecnicamente il primo governatore afroamericano nella storia, ma il suo servizio era una misura di stopgap). Il primo amore di Hastie rimase la legge, tuttavia, e tornò sulla terraferma nel 1949 per accettare la nomina del presidente Harry Truman alla corte federale d'appello. Sebbene ci fosse resistenza alla sua nomina al Senato, che impiegò sei mesi per confermarlo, il supporto di Truman ha portato il giorno e Hastie divenne un giudice federale nel 1950. Avrebbe mantenuto la posizione fino al suo pensionamento nel 1971.

In quanto giudice federale nero di rango più elevato, Hastie è stato in grado di parlare apertamente di razzismo e segregazione e di supportare le decisioni che li hanno combattuti. Naturalmente, ha anche affrontato innumerevoli casi che non avevano nulla a che fare con la razza, ed è diventato uno dei membri più rispettati della panchina. Per un po 'sembrò probabile che sarebbe stato nominato per la Corte Suprema, ma sebbene questa nomina non fosse mai avvenuta (Thurgood Marshall sarebbe diventato la prima giustizia nera della Corte Suprema nel 1967), Hastie lasciò alle spalle un record di servizio pubblico che pochi potevano meglio. Dopo il pensionamento, Hastie divenne un attivista per cause nere e un avvocato per gruppi di interesse pubblico fino alla sua morte nel 1976.

tag
termini:
Storia nera
Di Joe McGasko

    ALTRE STORIE DALLA BIOGRAFIA

    Storia e cultura

    Inventori afroamericani

    Gli afro-americani hanno affrontato molti ostacoli nel corso della storia, ma ciò non ha impedito a individui brillanti e innovativi di sviluppare invenzioni che hanno cambiato il mondo. Dal semaforo alla banca del sangue, ecco alcuni famosi afro-americani ...

    • Di Leila TahaJun 18, 2019
    Storia e cultura

    Da American Slave a American Man: The Escape of Frederick Douglass

    Il 3 settembre 1838, Frederick Douglass fuggì verso la libertà e trovò la sua vocazione come voce principale nel movimento abolizionista.

    • Di Joe McGaskoJun 18, 2019
    Storia e cultura

    Insegnanti famosi nella storia

    Questi rinomati educatori sono solo una manciata di molti insegnanti che hanno trasformato la vita delle persone.

    • Di Joe McGaskoJun 16, 2019
    Storia e cultura

    Fatti poco noti sulla storia nera

    Febbraio è il mese della Black History, il che significa che ogni anno ricordiamo gli afro-americani che hanno fatto la storia e reso l'America come è oggi. Ecco 120 fatti che potresti non conoscere.

    • Di Bio StaffJun 24, 2019
    Storia e cultura

    Black History Unsung Heroes: Claudette Colvin

    Da adolescente ha fatto la storia, ma ci sono voluti decenni per essere riconosciuta per il suo coraggio e risultati.

    • Di Sara KettlerJun 17, 2019
    Storia e cultura

    Black History Unsung Heroes: Dr. Percy Julian

    Il Dr. Percy Julian ha affrontato razzismo, disuguaglianza e numerose sfide per diventare uno dei chimici più influenti nella storia americana.

    • Di Sara KettlerJun 25, 2019
    Storia e cultura

    Black History Month: foto di Frederick Douglass e della sua "stella polare" per il suo 200 ° compleanno

    Nella nostra continua copertura del Black History Month, la storica Daina Ramey Berry chiede ai curatori del National Museum of African American History and Culture di condividere le straordinarie storie di importanti personaggi afroamericani. Oggi, in occasione del suo duecentesimo compleanno, celebriamo l'abolizionista Frederick Douglass che ha usato il potere della sua immagine e delle sue parole per diffondere il suo messaggio di libertà e uguaglianza alle generazioni future.

    • Di Daina Ramey BerryJun 18, 2019
    Storia e cultura

    Black History Month: in che modo le prime fotografie svelano lo spirito indomito della verità del soggiorno abolizionista

    La storica Daina Ramey Berry ha chiesto ai curatori del Museo nazionale di storia e cultura afroamericana di condividere le storie straordinarie di importanti personaggi afroamericani. Oggi scopri la verità sulla schiava trasformata in abolizionista Sojourner e su come ha controllato la propria immagine per sostenere il suo attivismo.

    • Di Daina Ramey BerryJun 25, 2019
    Storia e cultura

    Mese della storia nera: foto di Booker T. Washington che simboleggia l'empowerment nero

    Nella nostra continua copertura del Black History Month, la storica Daina Ramey Berry chiede ai curatori del National Museum of African American History and Culture di condividere le straordinarie storie di importanti personaggi afroamericani. Oggi celebriamo l'educatore e influente leader Booker T. Washington e manufatti del lavoro della sua vita che rappresentavano l'indipendenza e il potere dei neri.

    • Di Daina Ramey BerryJun 17, 2019
    Caricamento in corso ... Vedi di più



    Nessun utente ha ancora commentato questo articolo.

    Biografie di personaggi famosi.
    La tua fonte di storie vere su personaggi famosi. Leggi biografie esclusive e trova connessioni inattese con le tue celebrità preferite.