Biografia di Giacomo Puccini

  • Mark Lindsey
  • 0
  • 1117
  • 235
Il compositore italiano Giacomo Puccini ha iniziato la tendenza lirica verso il realismo con le sue opere popolari "La Bohème" e "Madame Butterfly".

Sinossi

Il compositore italiano Giacomo Puccini, nato il 22 dicembre 1858, iniziò la tendenza lirica verso il realismo con le sue opere popolari, che sono tra le più eseguite nella storia dell'opera. Ma la fama e la fortuna derivano da successi come La BohEme, Madama Butterfly e Tosca erano complicati da una vita personale spesso travagliata. Puccini morì di shock post-operatorio il 29 novembre 1924.

Un'eredità musicale

Giacomo Puccini nacque il 22 dicembre 1858 a Lucca, in Italia, dove dal 1730 la sua famiglia si era strettamente intrecciata con la vita musicale della città, fornendo cinque generazioni di organisti e compositori al Duomo di San Martino, Lucca e # x2019 ; cuore religioso di s. Fu quindi dato per scontato che Giacomo avrebbe portato avanti questa eredità, succedendo a suo padre, Michele, nel ruolo ricoperto per la prima volta dal suo trisavolo. Tuttavia, nel 1864 Michele morì quando Giacomo aveva solo 5 anni, e quindi la posizione fu mantenuta per lui dalla chiesa in previsione della sua eventuale maturità.

Ma il giovane Giacomo era disinteressato alla musica ed era uno studente generalmente povero, e per un certo periodo sembrò che la dinastia musicale pucciniana sarebbe finita con Michele. La madre di Giacomo, Albina, credeva diversamente e lo trovò un tutor presso la scuola di musica locale. La sua istruzione fu anche sovvenzionata dalla città e, nel tempo, Giacomo iniziò a mostrare progressi. All'età di 14 anni era diventato organista della chiesa e stava iniziando a scrivere anche le sue prime composizioni musicali. Ma Puccini scoprì la sua vera vocazione nel 1876, quando lui e uno dei suoi fratelli camminarono per quasi 20 miglia nella vicina città di Pisa per assistere a una produzione di Giuseppe Verdi Aida. L'esperienza ha piantato in Puccini i semi di quella che sarebbe diventata una lunga e redditizia carriera nell'opera.

Da Milano a 'Manon'

Motivato dalla sua nuova passione, Puccini si lanciò nei suoi studi e nel 1880 ottenne l'ammissione al Conservatorio di Milano, dove ricevette istruzioni da noti compositori. Si laureò alla scuola nel 1883, presentando la composizione strumentale Capriccio sinfonico come suo pezzo d'uscita. Il suo primo tentativo di opera arrivò più tardi quell'anno, quando compose l'atto unico La Villi per una competizione locale. Sebbene sia stato snobbato dai giudici, il lavoro ha vinto se stesso un piccolo gruppo di ammiratori, che alla fine ha finanziato la sua produzione.

Prima esecuzione al Teatro dal Verme di Milano nel maggio 1884, La Villi è stato ben accolto dal pubblico. Ma soprattutto, ha attirato l'attenzione dell'editore musicale Giulio Ricordi, che ha acquisito i diritti sull'opera e ha commissionato a Puccini di comporre una nuova opera per il Teatro alla Scala, uno dei più importanti teatri lirici del paese. Eseguito lì nel 1889, Edgar è stato un totale fallimento. Ma la fiducia di Ricordi nei talenti di Puccini è rimasta irremovibile, e ha continuato a sostenere finanziariamente il compositore mentre si metteva al lavoro per la sua prossima composizione.

Incolpare il fallimento di Edgar sul suo libretto debole (la parte lirica di un'opera), Puccini iniziò a trovare una storia forte su cui basare il suo nuovo lavoro. Decise un romanzo francese del 18 ° secolo su una tragica storia d'amore e collaborò con i librettisti Guiseppe Giacosa e Luigi Illica sul suo adattamento. Manon Lescaut presentato per la prima volta a Torino il 2 febbraio 1893, con grande successo. Prima della fine dell'anno, è stato eseguito anche in teatri d'opera in Germania, Russia, Brasile e Argentina, e le royalties risultanti hanno pagato il 35enne Puccini abbastanza profumatamente. Nonostante questo travolgente successo, tuttavia, il suo meglio doveva ancora venire.

I tre grandi

Con le loro melodie accessibili, soggetto esotico e azione realistica, le prossime tre composizioni di Puccini sono considerate le sue più importanti; nel tempo sarebbero diventati i più rappresentati nella storia dell'opera. Il risultato di un'altra collaborazione tra Puccini, Giacosa e Illica, l'opera in quattro atti La Boheme fu presentato per la prima volta a Torino il 1 ° febbraio 1896, ancora una volta con grande successo di pubblico (se non critico). Nel gennaio 1900, la prossima opera di Puccini, Tosca, è stato presentato in anteprima a Roma ed è stato anche accolto con entusiasmo dal pubblico, nonostante i timori che il suo argomento controverso (dal romanzo dello stesso nome dell'opera) attirasse l'ira del pubblico. Più tardi quell'anno, Puccini partecipò a una produzione della commedia di David Belasco Madam Butterfly a New York City e decise che sarebbe stata la base della sua prossima opera. Diversi anni dopo, il 17 febbraio 1904, Madama Butterfly presentato in anteprima alla Scala. Sebbene inizialmente criticato per essere troppo lungo e troppo simile agli altri lavori di Puccini, La farfalla fu successivamente diviso in tre atti più brevi e divenne più popolare nelle esibizioni successive.

Diffusa dalla sua fama, Puccini ha trascorso i prossimi anni viaggiando per il mondo per assistere alle produzioni delle sue opere per assicurarsi che soddisfacessero i suoi alti standard. Continuerebbe a lavorare anche su nuove composizioni, ma la sua vita personale spesso complicata farebbe in modo che uno non sarebbe immediatamente disponibile per qualche tempo.

Scandali personali

Il periodo tra il 1903 e il 1910 si rivelò uno dei più difficili della vita di Puccini. Dopo essersi ripreso da un incidente automobilistico quasi fatale, il 3 gennaio 1904, Puccini sposò una donna di nome Elvira Gemignani, con la quale aveva avuto una relazione illecita dal 1884. (Gemignani si era sposato quando lei e Puccini avevano iniziato le loro relazioni). La coppia viveva nel piccolo e tranquillo villaggio di pescatori di Torre del Lago dal 1891, ma nel corso degli anni Elvira era diventata sempre più infelice, a causa delle numerose altre donne con cui Puccini era coinvolto. 

Le cose raggiunsero un vertice drammatico degno di una delle opere di Puccini quando la gelosia di Elvira la portò ad accusare una serva di nome Doria Manfredi di avere una relazione con suo marito, minacciandola pubblicamente e molestandola nel villaggio. Nel 1909, la sconvolta Doria si uccise ingerendo veleno. Dopo un esame medico ha dimostrato di essere stata vergine, la sua famiglia ha accusato calunnia e persecuzione contro Elvira.

Mortificato da ciò che Elvira aveva fatto, Puccini si separò da lei e la mandò a vivere a Milano. Alla fine fu processata, dichiarata colpevole e condannata a cinque mesi di prigione. Alla fine però, Puccini intervenne sulla questione, riprendendo Elvira e pagando una somma sostanziale alla famiglia di Doria per convincerli a far cadere le accuse.

Sbiadimento successo, fallimento della salute

Mentre affrontava le crisi in corso nella sua vita personale, Puccini ha continuato a comporre. Il 10 dicembre 1910, sei anni dopo la sua ultima opera, La ragazza del Golden West presentato in anteprima al Metropolitan Opera House di New York City. Sebbene la produzione iniziale & # x2014; che includeva il tenore di fama mondiale Enrico Caruso nel cast & # x2014; fosse un successo, l'opera non riuscì a ottenere una popolarità duratura e, nel corso del prossimo decennio, seguì una serie di relative delusioni.

Nel 1912, il fedele sostenitore e socio in affari di Puccini Guilio Ricordi morì, e poco dopo, Puccini iniziò a lavorare su un'opera in tre parti (realistica, tragica e commedia) a cui Ricordi era sempre stato contrario. Il Trittico. Puccini ha poi riorientato i suoi sforzi quando i rappresentanti di un teatro d'opera austriaco gli hanno offerto una grande somma per comporre 10 pezzi per un'operetta. Tuttavia, il lavoro sul progetto è stato presto complicato dai rispettivi paesi & # x2019; alleanze durante la prima guerra mondiale e per un certo periodo le composizioni furono fondate. quando La Rondine fu infine eseguito a Monaco nel 1918, ebbe un discreto successo, ma come il suo predecessore, non ebbe un impatto duraturo. L'anno seguente, Il Trittico ha debuttato a New York City, ma è stato presto dimenticato.

Cercando di raggiungere il suo antico splendore di fronte alla popolarità in via di estinzione, Puccini iniziò a scrivere i suoi capolavori nel 1920, gettando tutte le sue speranze ed energie nel progetto, che ha intitolato Turandot. Ma le sue ambizioni non sarebbero mai state pienamente realizzate.

Coda

Nel 1923, Puccini si lamentò di un mal di gola ricorrente e chiese un parere medico. Sebbene una prima consultazione non abbia rivelato nulla di grave, durante un successivo esame gli è stato diagnosticato un cancro alla gola. Poiché a quel punto il cancro era progredito oltre il punto in cui poteva essere operato, Puccini si recò a Bruxelles nel 1924 per un trattamento sperimentale con radiazioni. Troppo debole per sopportare la procedura, morì in ospedale sette giorni dopo, il 29 novembre 1924. Al momento della sua morte, Puccini era diventato il compositore d'opera di maggior successo commerciale di tutti i tempi, del valore di circa $ 200 milioni.

Dopo una prima sepoltura a Milano, nel 1926 il suo corpo fu trasferito nella sua tenuta di Torre del Lago, dove fu costruita una piccola cappella per contenere i suoi resti. Una celebrazione dell'opera chiamata & # x201C; Festival Puccini & # x201D; si tiene in città ogni anno in onore del suo residente più famoso.




Nessun utente ha ancora commentato questo articolo.

Biografie di personaggi famosi.
La tua fonte di storie vere su personaggi famosi. Leggi biografie esclusive e trova connessioni inattese con le tue celebrità preferite.