Biografia di Jake LaMotta

  • Joseph Wood
  • 0
  • 4681
  • 562
Jake LaMotta era un ex campione di boxe dei pesi medi la cui vita e carriera sono il soggetto dell'acclamato film di Martin Scorsese "Raging Bull".

Chi era Jake LaMotta?

Il pugile Jake LaMotta è nato nel 1922 a New York City. Un temibile rissa, il "Bronx Bull" è diventato il campione mondiale dei pesi medi nel 1949, e si è impegnato in numerosi incontri memorabili con il collega campione Sugar Ray Robinson prima di ritirarsi nel 1954. La sua autobiografia del 1970 fu adattata a Martin Scorsese's acclamato film biografico del 1980 Toro scatenato, interpretato da Robert De Niro nel ruolo di LaMotta.

Primi anni di vita

Il pugile professionista Giacobbe "Jake" LaMotta è nato il 10 luglio 1922 a New York City. Cresciuto nel distretto del Bronx di New York City, ha sviluppato un carattere esplosivo in giovane età. Incoraggiato da suo padre, LaMotta iniziò a mettere al lavoro la sua natura violenta, iniziando a combattere in strada per aiutare a guadagnare denaro per la sua famiglia. Successivamente, LaMotta si è messa nei guai dopo aver tentato di rapinare una gioielleria e aver trascorso del tempo nella scuola di riforma.

Successo professionale nel pugilato

All'età di 19 anni, la ruvida e streetwise LaMotta divenne un pugile professionista. Aggressivo e implacabile sul ring, era noto per la sua capacità di dare un pugno. Ma era anche un combattente ingannevolmente intelligente, spesso ingannando gli avversari nel pensare che stesse perdendo vapore prima di lanciare il suo attacco.

Dopo aver subito una sconfitta nel suo primo combattimento con la leggenda del pugilato Sugar Ray Robinson, LaMotta divenne il primo pugile a sconfiggere Robinson in un incontro del 1943. Altri battitori pesanti hanno avuto un assaggio di LaMotta's uno stile da toro, tra cui Fritzie Zivic, Tommy Bell e Tony Janiro. Ma la sua battaglia più famosa fu la sua perdita di Billy Fox nel 1947, che provocò una diffusa speculazione sul fatto che egli volutamente lanciò l'incontro.

Nel 1949, LaMotta sconfisse il campione francese Marcel Cerdan per il campionato dei pesi medi. I due erano in programma per una rivincita, che doveva essere annullata dopo la morte di Cerdan in un incidente aereo. LaMotta ha poi difeso con successo il suo titolo contro Tiberio Mitri e Laurent Dauthuille, quest'ultima vittoria arrivando con un drammatico knock-last dell'ultimo secondo.

Jake La Motta, in allenamento per incontrare Marcel Cerdan, il campione francese dei pesi medi a Detroit. (Foto: Keystone / Getty Images)

(Foto: Keystone / Getty Images)

Nel 1951, affrontò il rivale di lunga data Sugar Ray Robinson sul ring per la sesta e ultima volta. In un incontro soprannominato il "San Valentino's Day Massacre, "Robinson ha ottenuto un forte pugno dopo pugno, ma LaMotta ha rifiutato di scendere. Il pestaggio è stato così grave che un arbitro è entrato per terminare la lotta nel 13 ° round. 

LaMotta è passato ai pesi massimi leggeri e ha combattuto ancora qualche volta dopo questa tremenda sconfitta, ma non ha mai guadagnato un altro colpo di titolo. Dopo una perdita di Billy Kilgore nel 1954, il Bronx Bull annunciò che si sarebbe ritirato definitivamente dal ring. Ha concluso con un record di carriera di 83-19-4, con 30 knockout.

Lotte post-boxe

Dopo che la sua carriera nel pugilato era finita, LaMotta gestiva un bar a Miami e secondo quanto riferito usciva con starette di Hollywood come Jayne Mansfield e Hedy Lamarr. Ma la sua bella vita si inasprì verso la fine del decennio, quando fu arrestato con l'accusa di promuovere la prostituzione e di contribuire alla delinquenza di un minore, e scontò sei mesi di prigione. Tempi più duri arrivarono nel 1960, quando ammise di aver fatto un tuffo durante la lotta alla Fox in una sottocommissione del Senato che indagava sul coinvolgimento del crimine organizzato nella boxe.

'Toro scatenato'

Nel 1970, LaMotta ha condiviso i dettagli della sua violenta, burrascosa vita personale e carriera professionale nella sua autobiografia Raging Bull: My Story. Ha rivelato le sue insicurezze, la natura gelosa e la storia della violenza contro le donne. Il libro è stato trasformato nel film del 1980 Toro scatenato, interpretato da Robert De Niro nel ruolo di LaMotta e diretto da Martin Scorsese.

Oltre a mostrare la sua abilità sul ring, il film ha esaminato LaMotta'modi distruttivi e carattere vulcanico oltre le corde, in particolare la sua relazione violenta con la sua seconda moglie, Vikki, interpretata da Cathy Moriarty. Il film ha vinto due Oscar, incluso il miglior attore per De Niro, e la popolarità che ne è derivata ha rinnovato l'interesse del pubblico per l'ex campione. Sfruttando questa nuova ondata di attenzione, la seconda puntata delle sue memorie, Raging Bull II, è stato pubblicato nel 1986.

LEGGI L'ARTICOLO: "Uno sguardo dietro le quinte di Toro scatenato"

Anni successivi e eredità

LaMotta è stato introdotto nella International Boxing Hall of Fame nel 1990. Nel 1998, ha vissuto un'immensa tragedia personale quando ha perso i suoi due figli dal suo secondo matrimonio, Jack e Joseph. Jack morì di cancro e Joseph morì sette mesi dopo in un incidente aereo. 

Nel corso degli anni, LaMotta si è impegnato con apparizioni personali e spettacoli di autografi, e ha persino commercializzato una linea di sughi per la pasta per un certo periodo. Nel 2012, a 90 anni, si esibì in una rivista autobiografica intitolata Lady and the Champ che è corso fuori Broadway per due settimane. 

All'inizio del 2013, LaMotta si è sposata per la settima volta, con l'attrice Denise Baker, sua co-protagonista e scrittrice di Lady and the Champ. Un secondo film sulla sua vita, Il toro del Bronx, con attori rispettati come William Forsythe, Paul Sorvino e Joe Mantegna, presentato in anteprima al Newport Film Festival nel 2016 e uscito un anno dopo.

L'ex campione è morto per complicazioni della polmonite in una casa di cura di Miami il 19 settembre 2017. Aveva 95 anni. 




Nessun utente ha ancora commentato questo articolo.

Biografie di personaggi famosi.
La tua fonte di storie vere su personaggi famosi. Leggi biografie esclusive e trova connessioni inattese con le tue celebrità preferite.