L'impatto di Langston Hughes sul Rinascimento di Harlem

  • Elmer Riley
  • 0
  • 2805
  • 820

Durante il Rinascimento di Harlem, che ebbe luogo all'incirca dagli anni '20 alla metà-'Negli anni '30, molti artisti neri prosperarono quando l'interesse del pubblico per il loro lavoro decollò. Uno del Rinascimento'Le luci principali erano il poeta e autore Langston Hughes. 

Hughes non solo ha lasciato il segno in questo movimento artistico rompendo i confini con la sua poesia, ha attinto a esperienze internazionali, ha trovato spiriti affini tra i suoi colleghi artisti, ha preso posizione sulle possibilità dell'arte nera e ha influenzato il modo in cui il Rinascimento di Harlem sarebbe stato ricordato.

Hughes ha difeso artisti neri

George Schuyler, redattore di un articolo nero a Pittsburgh, ha scritto l'articolo "The Negro-Art Hokum" per un'edizione di La nazione nel giugno 1926. 

L'articolo scontava l'esistenza di "arte negra", sostenendo che gli artisti afro-americani condividevano influenze europee con le loro controparti bianche e quindi stavano producendo lo stesso tipo di lavoro. Gli spiritual e il jazz, con i loro chiari legami con artisti neri, furono liquidati come arte popolare.

Invitato a rispondere, Hughes scrisse "The Negro Artist and the Racial Mountain". In esso, ha descritto gli artisti neri che respingono la loro identità razziale come "la montagna che ostacola qualsiasi vera arte negra in America". Ma ha dichiarato che invece di ignorare la loro identità, "Noi giovani artisti negri che creiamo ora intendiamo esprimere il nostro sé individuale, dalla pelle scura senza paura o vergogna". 

Questa richiesta di chiarimento per l'importanza di perseguire l'arte da una prospettiva nera non era solo la filosofia alla base di gran parte di Hughes' lavoro, ma si rifletteva anche durante il Rinascimento di Harlem.

Langston Hughes nel 1954

Foto: Fred Stein Archive / Archive Photos / Getty Images

Alcuni critici hanno chiamato Langston Hughes' poesie "a basso tasso"

Hughes ha aperto una nuova strada nella poesia quando ha iniziato a scrivere versi che incorporavano il modo in cui parlavano i neri e la musica jazz e blues. Ha aperto la strada a sfruttare la forma blues nella poesia con "The Weary Blues", che è stato scritto nel 1923 ed è apparso nella sua collezione del 1926 The Weary Blues.

Hughes' prossima raccolta di poesie & # x2014; pubblicato nel febbraio 1927 con il controverso titolo Abiti pregiati per l'ebreo & # X2014; presentava vite nere al di fuori delle classi medie e superiori istruite, tra cui ubriachi e prostitute. 

Una preponderanza di critici neri si oppose a ciò che ritenevano fossero caratterizzazioni negative degli afroamericani & # x2014; molti personaggi neri creati dai bianchi consistevano già in caricature e stereotipi, e questi critici volevano invece vedere rappresentazioni positive. Alcuni erano così infuriati che attaccarono Hughes per iscritto, con uno che lo chiamava "il poeta a basso tasso di Harlem".

Ma Hughes credeva nella dignità di tutte le persone di colore ad apparire nell'arte, indipendentemente dal loro status sociale. Ha sostenuto: "Le mie poesie sono indelicate. Ma lo è anche la vita". E sebbene molti dei suoi contemporanei non abbiano visto i meriti, la collezione è diventata una delle opere di Hughes' migliore. (Il poeta finì per concordare sul fatto che il titolo & # x2014; un riferimento alla vendita di vestiti ai pegnieri ebrei in tempi difficili & # x2014; era una cattiva scelta.)

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI BIOGRAPHY.COM

Hughes' i viaggi lo hanno aiutato a dare diverse prospettive

Hughes arrivò ad Harlem nel 1921, ma presto viaggiò per il mondo come marinaio e prese diversi lavori in tutto il mondo. In effetti, trascorse più tempo fuori da Harlem che durante il Rinascimento di Harlem. 

I suoi viaggi, insieme al fatto che lui'd aveva vissuto in diversi luoghi da bambino e aveva visitato suo padre in Messico, aveva permesso a Hughes di portare varie prospettive e approcci al lavoro che aveva creato.

Nel 1923, quando la nave su cui stava lavorando visitò la costa occidentale dell'Africa, Hughes, che si descriveva come se avesse "pelle marrone rame e capelli neri e lisci", un membro della tribù Kru gli disse che era un uomo bianco, non nero. 

Hughes visse a Parigi per una parte del 1924, dove si guadagnò da vivere come portiere e conobbe musicisti jazz neri. E nell'autunno del 1924, Hughes vide assumere molti marinai bianchi invece di lui quando era alla disperata ricerca di una nave che lo portasse a casa da Genova, in Italia. Ciò portò alla sua lamentosa e potente poesia "I, Too", una meditazione nel giorno in cui tale trattamento disuguale sarebbe finito.

Langston Hughes nel 1954

Foto: Fred Stein Archive / Archive Photos / Getty Images

Hughes e altri giovani artisti neri formarono un gruppo di supporto

Nel 1925 Hughes tornò negli Stati Uniti, dove fu accolto con successo. Presto frequentò la Lincoln University in Pennsylvania, ma tornò ad Harlem nell'estate del 1926. 

Lì, lui e altri giovani artisti del Rinascimento di Harlem come il romanziere Wallace Thurman, la scrittrice Zora Neale Hurston, l'artista Gwendolyn Bennett e il pittore Aaron Douglas formarono insieme un gruppo di supporto.

Hughes faceva parte del gruppo's decisione di collaborare Fuoco!!, una rivista destinata a giovani artisti neri come loro. Invece dei limiti sui contenuti che hanno dovuto affrontare in pubblicazioni più stabili come il NAACP'S Crisi rivista, hanno mirato ad affrontare una gamma più ampia e senza censure di argomenti, tra cui sesso e razza.

Sfortunatamente, il gruppo è riuscito a pubblicare solo un numero di Fuoco!!. (E Hughes e Hurston hanno avuto un litigio dopo una collaborazione fallita in una commedia chiamata Mulo Bone.) Ma creando la rivista, Hughes e gli altri avevano ancora preso posizione per il tipo di idee che volevano perseguire per andare avanti.

Ha continuato a diffondere la parola del Rinascimento di Harlem molto tempo dopo che era finita

Oltre a ciò che scrisse durante il Rinascimento di Harlem, Hughes contribuì a rendere il movimento stesso più noto. Nel 1931, si imbarcò in un tour per leggere le sue poesie attraverso il sud. Il suo onorario era apparentemente di $ 50, ma avrebbe abbassato l'importo, o lo avrebbe abbandonato del tutto, in luoghi che non potevano'non me lo posso permettere. 

Il suo tour e la volontà di offrire programmi gratuiti quando necessario hanno aiutato molti a conoscere il Rinascimento di Harlem.

E nella sua autobiografia Il grande mare (1940), Hughes fornì un resoconto di prima mano del Rinascimento di Harlem in una sezione intitolata "Rinascimento nero". Le sue descrizioni delle persone, dell'arte e degli avvenimenti influenzerebbero il modo in cui il movimento fu compreso e ricordato. 

Hughes ha anche contribuito a spostare il nome dell'epoca da "Negro Renaissance" a "Harlem Renaissance", poiché il suo libro è stato uno dei primi a usare quest'ultimo termine.

Di Sara Kettler

Da personaggi storici a celebrità di oggi, Sara Kettler ama scrivere di persone che hanno condotto vite affascinanti.

    ALTRE STORIE DALLA BIOGRAFIA

    Storia e cultura

    7 fatti sull'icona letteraria Langston Hughes

    Langston Hughes è nato oggi nel 1902. Ecco sette fatti sull'influente poeta, romanziere e drammaturgo che ha catturato l'esperienza afroamericana.

    • Di Tim OttJun 21, 2019
    Celebrità

    Come Elvis Presley ha salvato il Memoriale USS Arizona

    La leggenda del Rock 'n' roll ha cambiato il mondo della musica, ma ha un'altra eredità importante che è meno conosciuta - senza la sua assistenza, il Memoriale USS Arizona a Pearl Harbor potrebbe non esistere.

    • Di Sara KettlerJun 17, 2019
    Storia e cultura

    Come le mogli e le amanti di Pablo Picasso hanno ispirato la sua arte

    L'artista spagnolo aveva la reputazione di spezzare il cuore di numerose donne che usava come muse per il suo lavoro.

    • Di Eudie Pak, 21 giu 2019
    Storia e cultura

    Maya Angelou e altri 9 autori neri di successo

    Esplorando temi di razzismo, oppressione e violenza, questi scrittori afroamericani si sono giustamente guadagnati il ​​loro posto nel canone di grandi autori.

    • Di Brad Witter, 24 giu 2019
    Storia e cultura

    Zora Neale Hurston: 7 fatti per il suo 125 ° compleanno

    Per il 125 ° compleanno dell'autore, diamo un'occhiata a sette fatti affascinanti sulla sua vita.

    • Di Sara KettlerJun 27, 2019
    Storia e cultura

    Come Leonardo da Vinci ha cambiato la tua vita

    Leonardo da Vinci è uno degli artisti più famosi della storia. Ma sono i suoi straordinari successi come ingegnere, inventore e scienziato che hanno lasciato un'eredità duratura sul mondo che ci circonda.

    • Di Barbara MaranzaniJun 21, 2019
    Storia e cultura

    Cosa era l'eredità di Cristoforo Colombo?

    Il famoso esploratore era sempre alla ricerca di nuovi posti, ma la sua eredità duratura ha persone che cercano la sua vera nazionalità.

    • Di Barbara MaranzaniJun 17, 2019
    Storia e cultura

    I miracoli che hanno reso Madre Teresa una Santa

    Due miracoli separati di guarigione furono accreditati a Madre Teresa dopo la sua morte, il che le rese possibile essere canonizzata come Santa Teresa.

    • Di Sara KettlerJun 24, 2019
    Storia e cultura

    Jean-Michel Basquiat e 9 artisti visivi neri che hanno rotto le barriere

    Che siano scultori, pittori, fotografi, registi o illustratori, gli artisti visivi afroamericani si sono fatti un nome nel corso della storia.

    • Di Eudie PakJun 18, 2019
    Caricamento in corso ... Vedi di più



    Nessun utente ha ancora commentato questo articolo.

    Biografie di personaggi famosi.
    La tua fonte di storie vere su personaggi famosi. Leggi biografie esclusive e trova connessioni inattese con le tue celebrità preferite.