Marie Curie 7 fatti sullo scienziato rivoluzionario

  • Scott Jenkins
  • 0
  • 1028
  • 209

Tech Giants: Conoscere dagli atomi. Questa foto del 1925 mostra la professoressa Marie Curie che lavora nel suo laboratorio all'Università di Parigi. Marie Curie e suo marito, Pierre, scoprirono l'elemento chimico Polonio e ricevettero il Premio Nobel per la fisica nel 1903. (AFP / Getty Images)

Questo settimo novembre commemora la nascita della leggendaria scienziata Marie Curie (nata Maria Salomea Skłodowska) 148 anni fa. Con suo marito Pierre, la francese di origine polacca ha aperto la strada allo studio della radioattività fino alla sua morte nel 1934. Oggi, è riconosciuta in tutto il mondo non solo per le sue scoperte rivoluzionarie vincitrici del Premio Nobel, ma anche per aver coraggiosamente superato molte barriere di genere durante la sua vita.

Curie divenne la prima donna a ricevere un dottorato presso un'università francese, così come la prima donna ad essere impiegata come professore all'Università di Parigi. Non solo è stata la prima donna a vincere il premio Nobel, ma anche la prima persona (uomo o donna) mai vincere il premio due volte e per risultati in due distinti campi scientifici.

Mentre i principali successi di Marie Curie possono essere ben noti, ecco alcuni fatti sorprendenti sulla sua vita personale e professionale che potrebbero non essere.

1) Ha lavorato fuori da una baracca

Può essere una sorpresa sapere che Marie e Pierre hanno condotto la maggior parte della ricerca e della sperimentazione che hanno portato alla scoperta degli elementi di radio e polonio in quello che è stato descritto dal rispettato chimico tedesco Wilhelm Ostwald, come & # x201C; a incrocio tra una stalla e una rimessa di patate. & # x201D; In effetti, quando gli fu mostrato per la prima volta la premessa, suppose che fosse uno scherzo pratico. & # X201D; Anche dopo che la coppia aveva vinto il Premio Nobel per le loro scoperte, Pierre morì non avendo mai messo piede nel nuovo laboratorio che l'Università di Parigi aveva promesso di costruirle.

Pierre Curie, 1910. (Foto: Dujardin [dominio pubblico], via Wikimedia Commons)

Tuttavia, Marie ricorderebbe con affetto il loro tempo insieme nella baracca piena di spifferi, nonostante il fatto che, al fine di estrarre e isolare gli elementi radioattivi, spesso trascorreva intere giornate mescolando calderoni bollenti di pitchblende ricco di uranio fino a quando & # x201C; rotto con affaticamento & # x201D ;. Quando lei e Pierre alla fine presentarono le loro scoperte per una considerazione professionale, Curie aveva attraversato personalmente diverse tonnellate di scorie ricche di uranio in questo modo.

2) È stata originariamente ignorata dal Comitato per le nomine al Premio Nobel

Nel 1903, i membri dell'Accademia delle scienze francese scrissero una lettera all'Accademia svedese in cui nominarono le scoperte collettive nel campo della radioattività fatte da Marie e Pierre Curie, così come il loro contemporaneo Henri Becquerel, per il premio Nobel per la fisica . Eppure, in segno dei tempi e dei suoi atteggiamenti sessisti prevalenti, non è stato offerto alcun riconoscimento dei contributi di Marie, né si è nemmeno menzionato il suo nome. Per fortuna, un simpatico membro del comitato di nomina, un professore di matematica al College University di Stoccolma di nome Gösta Mittage-Leffler, scrisse una lettera a Pierre avvertendolo dell'evidente omissione. Pierre, a sua volta, scrisse al comitato insistendo sul fatto che lui e Marie fossero considerati insieme ... rispetto alla nostra ricerca sugli organismi radioattivi. & # X201D;

Alla fine, la formulazione della nomina ufficiale è stata modificata. Più tardi quell'anno, grazie alla combinazione dei suoi successi e degli sforzi combinati di suo marito e Mittage-Leffler, Marie Curie è diventata la prima donna nella storia a ricevere il premio Nobel.

3) Ha rifiutato di incassare le sue scoperte

Dopo aver scoperto Radium nel 1898, Marie e Pierre si sono lasciati sfuggire l'opportunità di ottenerne un brevetto e di trarre profitto dalla sua produzione, nonostante avessero a malapena abbastanza denaro per procurarsi le scorie di uranio di cui avevano bisogno per estrarre l'elemento. Al contrario, i Curie condividevano generosamente il prodotto isolato di Marie's difficili lavori con colleghi ricercatori e distribuito apertamente i segreti del processo necessario per la sua produzione con le parti industriali interessate.

Durante & # x2018; Radium Boom & # x2019; in seguito, sorsero fabbriche negli Stati Uniti dedicate a fornire l'elemento non solo alla comunità scientifica, ma anche a un pubblico curioso e credulone. Sebbene non ancora completamente compreso, il materiale verde brillante ha affascinato i consumatori e si è fatto strada in tutto, dal dentifricio ai prodotti per il miglioramento sessuale. Negli anni '20, il prezzo di un singolo grammo dell'elemento arrivava a $ 100.000 e Curie non poteva permettersi di acquistare abbastanza delle cose che lei stessa aveva scoperto per continuare le sue ricerche.

Tuttavia, non aveva rimpianti. & # x201C; Il radio è un elemento, appartiene alla gente, & # x201D; disse alla giornalista americana Missy Maloney durante un viaggio negli Stati Uniti nel 1921. & # x201C; Il Radium non doveva arricchire nessuno. & # x201D;

4) Einstein la incoraggiò durante uno dei peggiori anni della sua vita

Albert Einstein e Marie Curie. (Foto: dominio pubblico tramite Wikimedia Commons)

Albert Einstein e Marie Curie si incontrarono per la prima volta a Bruxelles alla prestigiosa Conferenza di Solvay nel 1911. Questo evento, solo su invito, riunì i principali scienziati del mondo nel campo della fisica e Marie era l'unica donna tra i suoi 24 membri. Einstein fu così colpito da Curie, che venne in sua difesa più tardi quell'anno, quando fu coinvolta nella controversia e nella frenesia dei media che la circondava.

A questo punto, la Francia aveva raggiunto l'apice del suo crescente sessismo, xenofobia e antisemitismo che definirono gli anni precedenti la prima guerra mondiale. La nomina di Curie all'Accademia delle scienze francese è stata respinta e molti sospettavano che la colpa fosse il pregiudizio contro il suo genere e le sue radici immigrate. Inoltre, è emerso che era stata coinvolta in una relazione romantica con il suo collega sposato, Paul Langevin, anche se all'epoca era estraneo a sua moglie.

Curie è stata etichettata come traditrice e scrittrice di case, ed è stata accusata di cavalcare le falde del marito defunto (Pierre era morto nel 1906 per un incidente stradale) piuttosto che aver realizzato qualsiasi cosa sulla base dei suoi meriti. Sebbene le fosse appena stato assegnato un secondo premio Nobel, il comitato per le nomine ora cercava di scoraggiare Curie dal viaggiare a Stoccolma per accettarlo in modo da evitare uno scandalo. Con la sua vita personale e professionale in disordine, affondò in una profonda depressione e si ritirò (come meglio poteva) dagli occhi del pubblico.

In questo periodo, Curie ricevette una lettera da Albert Einstein in cui descriveva la sua ammirazione per lei, oltre a offrire il suo sincero consiglio su come gestire gli eventi mentre si svolgevano. & # x201C; Sono spinto a dirti quanto sono arrivato ad ammirare il tuo intelletto, la tua spinta e la tua onestà, & # x201D; ha scritto, & # x201C; e che mi considero fortunato di aver fatto la tua conoscenza personale ... & # x201D; Per quanto riguarda la frenesia degli articoli di giornale che la attaccano, Einstein incoraggiò Curie a non semplicemente leggere quel colpo di sapone, ma piuttosto a lasciarlo al rettile per il quale è stato fabbricato. & # X201D;

Non vi è dubbio che la gentilezza mostrata dal suo rispettato collega sia stata incoraggiante. Presto si riprese, riemerse e, nonostante lo scoraggiamento, andò coraggiosamente a Stoccolma per accettare il suo secondo premio Nobel.

5) Ha fornito assistenza medica personale ai soldati francesi durante la prima guerra mondiale

Quando scoppiò la prima guerra mondiale nel 1914, Curie fu costretta a sospendere le sue ricerche e l'apertura del suo nuovo istituto del Radium a causa della minaccia di una possibile occupazione tedesca di Parigi. Dopo aver consegnato personalmente la sua scorta del prezioso elemento alla sicurezza di un caveau di una banca a Bordeaux, ha iniziato a utilizzare la sua esperienza nel campo della radioattività per aiutare lo sforzo bellico francese.

Nel corso dei prossimi quattro anni, Curie ha aiutato a equipaggiare e gestire più di venti ambulanze (conosciute come & # x201C; Little Curies & # x201D;) e centinaia di ospedali da campo con macchine a raggi X primitive in modo da aiutare i chirurghi nella localizzazione e rimozione di schegge e proiettili dai corpi dei soldati feriti. Non solo ha istruito e supervisionato personalmente le giovani donne nel funzionamento dell'attrezzatura, ma ha anche guidato e gestito una di queste ambulanze, nonostante il pericolo di avventurarsi troppo vicino ai combattimenti in prima linea.

Alla fine della guerra, è stato stimato che le apparecchiature a raggi X di Curie, così come le siringhe a gas Radon progettate per sterilizzare le ferite, potrebbero aver salvato la vita di un milione di soldati. Eppure, quando il governo francese in seguito ha cercato di assegnarle l'onore più illustre del paese, la Légion d'honneur, lei ha rifiutato. In un'altra dimostrazione di altruismo all'inizio del conflitto, Curie aveva persino provato a donare le sue medaglie d'oro al Premio Nobel alla Banca nazionale francese, ma hanno rifiutato.

6) Non aveva idea dei pericoli della radioattività

Oggi, 117 anni dopo il Curies & # x2019; scoperta del radio, anche il pubblico è ben consapevole dei potenziali pericoli associati all'esposizione del corpo umano a elementi radioattivi. Tuttavia, fin dai primi anni durante i quali gli scienziati e i loro contemporanei hanno aperto la strada allo studio della radioattività fino alla metà degli anni '40, poco è stato compreso concretamente sugli effetti sulla salute sia a breve che a lungo termine.

A Pierre piaceva tenere un campione in tasca in modo da poter dimostrare le sue proprietà incandescenti e riscaldanti ai curiosi, e anche una volta legare una fiala del materiale al braccio nudo per dieci ore al fine di studiare il modo curioso che gli bruciava indolore la pelle . Marie, a sua volta, teneva un campione a casa accanto al suo letto come luce notturna. Ricercatori diligenti, i Curies trascorrevano quasi ogni giorno nei confini del loro laboratorio improvvisato, con vari materiali radioattivi sparsi per le loro aree di lavoro. Dopo aver maneggiato regolarmente campioni di radio, si diceva che entrambi avessero sviluppato mani instabili e dita screpolate e sfregiate.

Pierre e Marie Curie nel loro laboratorio. (Foto: dominio pubblico tramite Wikimedia Commons)

(Foto: PhotoQuest / Getty Images)

Sebbene la vita di Pierre fosse tragicamente interrotta nel 1906, al momento della sua morte soffriva di costante dolore e stanchezza. Anche Marie si lamentò di sintomi simili fino a quando non cedette alla leucemia avanzata nel 1934. In nessun momento né si prese in considerazione la possibilità che la loro stessa scoperta fosse la causa del loro dolore e l'eventuale morte di Marie. In effetti, tutta la coppia'Gli appunti di laboratorio e molti dei loro effetti personali sono ancora così radioattivi oggi che non possono essere visti o studiati in sicurezza.

7) Anche sua figlia ha vinto il premio Nobel

Nel caso della figlia maggiore di Marie e Pierre Curie, Irène, si può tranquillamente affermare che la mela non è caduta lontano dall'albero. Seguendo i suoi genitori & # x2019; passi notevoli, Irène si iscrisse alla Facoltà di Scienze di Parigi. Tuttavia, lo scoppio della prima guerra mondiale interruppe i suoi studi. Si unì a sua madre e iniziò a lavorare come infermiera radiografa, gestendo macchine a raggi X per assistere il trattamento dei soldati feriti sul campo di battaglia.

Irène Joliot-Curie (Foto: Harcourt ([1]) [CC BY 4.0], via Wikimedia Commons)

Nel 1925, Irène aveva conseguito il dottorato, dopo essersi unita a sua madre nel campo dello studio della radioattività. Dieci anni dopo, lei e suo marito, Frédéric Joliot, ricevettero congiuntamente il premio Nobel per la chimica per le scoperte che avevano fatto nella sintesi di nuovi elementi radioattivi. Anche se è stato un piacere per Marie essere stato testimone della riuscita ricerca di sua figlia e del genero, non è sopravvissuta per vederli vincere il premio.

L'eredità della famiglia Curie è sia commovente che adeguatamente realizzata. Irène e Frédéric Joliot hanno avuto due figli, Helene e Pierre, in onore dei loro incredibili nonni le cui morti erano tragicamente premature. A loro volta, i nipoti di Marie continuerebbero entrambi a distinguersi anche nel campo della scienza. Helene divenne un fisico nucleare e, a 88 anni, mantiene ancora un posto nel comitato consultivo del governo francese. Pierre sarebbe diventato un eminente biologo. Oggi, all'età di 83 anni, è ricercatore presso il Centro nazionale francese per la ricerca scientifica e membro dell'Accademia delle scienze francese.

Di Brendan McHugh

    ALTRE STORIE DALLA BIOGRAFIA

    Storia e cultura

    7 fatti su Indira Gandhi

    Il 24 gennaio 1966, Indira Gandhi ha prestato giuramento come prima donna primo ministro indiano. Ecco sette fatti sulla sua affascinante vita e sulla sua complessa eredità.

    • Di Sara KettlerJun 18, 2019
    Storia e cultura

    6 fatti sorprendenti su Alfred Nobel

    Nell'anniversario della morte di Alfred Nobel, che coincide oggi con la cerimonia del Premio Nobel per la pace, ecco alcuni fatti sorprendenti sulla vita e l'eredità di Nobel.

    • Di Sara KettlerJun 14, 2019
    Storia e cultura

    Zora Neale Hurston: 7 fatti per il suo 125 ° compleanno

    Per il 125 ° compleanno dell'autore, diamo un'occhiata a sette fatti affascinanti sulla sua vita.

    • Di Sara KettlerJun 27, 2019
    Nelle news

    Lettera di Einstein a Marie Curie: Ignora gli Haters

    Gli odiatori odieranno persino il fisico vincitore del Premio Nobel Marie Curie. In una lettera rilasciata di recente, il collega genio scientifico Albert Einstein ha offerto alcune parole di supporto a Curie mentre affrontava i suoi critici.

    • Di Bio StaffJun 14, 2019
    Storia e cultura

    7 fatti affascinanti su re Luigi XIV

    Il re di Francia Luigi XIV morì in questa data nel 1715. Nel 300 ° anniversario della morte di uno dei monarchi più longevi della storia europea, leggi sette fatti sorprendenti sul "Re Sole".

    • Di Christopher Klein 24 giugno 2019
    Storia e cultura

    7 fatti sull'icona letteraria Langston Hughes

    Langston Hughes è nato oggi nel 1902. Ecco sette fatti sull'influente poeta, romanziere e drammaturgo che ha catturato l'esperienza afroamericana.

    • Di Tim OttJun 21, 2019
    Storia e cultura

    7 fatti su Martha Washington

    In onore del compleanno di Martha Washington, ecco sette fatti affascinanti su una delle madri fondatrici d'America e la First First Lady.

    • Di Sara KettlerJun 24, 2019
    Storia e cultura

    7 fatti su George Washington Carver

    Per celebrare il National Peanut Month, non abbiamo guardato oltre lo scienziato George Washington Carver che, nonostante fosse noto come "The Peanut Man", era molto più di questo.

    • Di Sara KettlerJun 18, 2019
    Storia e cultura

    Alice Ball e 7 scienziate le cui scoperte sono state attribuite agli uomini

    Il lavoro di queste donne è stato trascurato durante la loro vita, mentre gli uomini hanno ricevuto il riconoscimento.

    • Di Eudie PakJun 14, 2019
    Caricamento in corso ... Vedi di più



    Nessun utente ha ancora commentato questo articolo.

    Biografie di personaggi famosi.
    La tua fonte di storie vere su personaggi famosi. Leggi biografie esclusive e trova connessioni inattese con le tue celebrità preferite.