Mese del patrimonio nativo americano per celebrare le donne originali delle Americhe

  • Russell Fisher
  • 0
  • 3032
  • 824

Negli annali della storia dei nativi americani, ci sono state alcune donne formidabili che hanno combattuto senza paura in battaglia, hanno servito come leader impegnati, hanno intrapreso viaggi pericolosi e salvato vite. Per celebrare il Mese del Patrimonio dei nativi americani, ecco cinque delle donne più potenti e influenti dei nativi americani di tutti i tempi. 

Nanye-hi (Nancy Ward): amata donna del cherokee

(Foto: AllThingsCherokee.com)

Nanye-hi nacque nel clan Cherokee Wolf intorno al 1738. Nel 1755, rimase accanto a suo marito durante una lotta contro le insenature, masticando il piombo per proiettili al fine di fornire alle sue munizioni creste mortali. Quando suo marito fu colpito a morte, Nanye-hi afferrò un fucile, radunò i suoi compagni combattenti ed entrò in battaglia lei stessa. Con lei dalla loro parte, il Cherokee ha vinto il giorno.

Queste azioni portarono Nanye-hi ad essere nominata Ghighau (la donna amata) dei Cherokee, una posizione potente i cui compiti includevano la guida del Consiglio delle donne e il consiglio dei capi. Nanye-hi prese anche parte ai colloqui sui trattati (con sorpresa dei coloni maschi quando erano dall'altra parte del tavolo delle trattative).

Con il passare degli anni, alcuni Cherokee vollero combattere gli europei che continuavano a radunarsi nella loro terra. Ma Nanye-ciao, che probabilmente si rese conto che il Cherokee non poteva vincere contro i numerosi e ben forniti coloni, pensò che le due parti dovevano imparare a vivere insieme (lei stessa praticava la convivenza, sposando un inglese, Bryant Ward, alla fine 1750, che la portò ad essere conosciuta come Nancy Ward). In una conferenza del trattato del 1781, Nanye-hi dichiarò, & # x201C; Il nostro grido è tutto per la pace; lascialo continuare. Questa pace deve durare per sempre. & # X201D;

Cercare la pace non ha impedito a Nanye-hi di riconoscere i pericoli della cessione del territorio Cherokee & # x2014; nel 1817, ha fatto una richiesta senza successo di non rinunciare a più terra. Quando è morta nel 1822, ha trascorso anni cercando di aiutare la sua gente ad abituarsi a un mondo che cambia.

Sacagawea: la donna che ha reso Lewis e Clark un successo

Sacagawea con Lewis e Clark (foto: Wikimedia Commons)

(Foto: Edgar Samuel Paxson (fotografia personale scattata al Montana State Capitol) [dominio pubblico], tramite Wikimedia Commons

Un indiano shoshone nato intorno al 1788, Sacagawea fu rapita dagli Hidatsa quando aveva circa 12 anni. Alla fine lei e un altro prigioniero furono acquisiti e sposati con Toussaint Charbonneau, un commerciante franco-canadese.

Quando Charbonneau fu assunto come traduttore per la spedizione Lewis e Clark, anche Meriwether Lewis e William Clark volevano approfittare delle conoscenze linguistiche di Sacagawea (sapeva parlare sia Shoshone che Hidatsa). Sacagawea partì con la spedizione il 7 aprile 1805, solo due mesi dopo il parto. Ha portato suo figlio, Jean Baptiste, nel viaggio, dove la presenza di madre e figlio era una risorsa indiscutibile poiché i partiti di guerra non portavano con sé donna e bambini, il gruppo non era visto come un minaccia delle tribù che incontrarono.

Sacagawea ha aiutato la spedizione in altri modi: quando un Charbonneau in preda al panico ha quasi rovesciato una barca, ha salvato strumenti di navigazione, forniture e documenti importanti. Era in grado di localizzare radici, piante e bacche commestibili e medicinali. I punti di riferimento che ricordava si rivelarono utili anche nei loro viaggi.

Quando il gruppo tornò nei villaggi di Hidatsa-Mandan nel 1806, Sacagawea non ricevette alcuna retribuzione (suo marito ottenne $ 500 e 320 acri di terra). Clark ha riconosciuto l'ingiustizia di ciò in una lettera del 1806 a Charbonneau: & # x201C; [Y] la nostra donna che ti ha accompagnato quella lunga rotta pericolosa e stancante verso l'Oceano Pacifico e ritorno ha meritato una ricompensa maggiore per la sua attenzione e servizi su quella rotta rispetto a abbiamo avuto il potere di darle ... & # x201D;

Sacagawea morì nel 1812, subito dopo aver dato alla luce una figlia, Lisette. A indicare quanto l'aveva apprezzata, era Clark ad assumersi la responsabilità di Sacagawea's bambini.

Sarah Winnemucca: un avvocato schietto

(Foto: Wikimedia Commons)

Nato intorno al 1844 nell'attuale Nevada, Sarah Winnemucca & # x2014; la figlia e la nipote dei capi del Nord Paiute & # x2014; ho imparato l'inglese e lo spagnolo da bambino, oltre a tre dialetti indiani. Negli anni '70 del XIX secolo, queste abilità la portarono a lavorare come interprete a Fort McDermitt e poi nella riserva di Malheur.

Dopo la guerra di Bannock del 1878 & # x2014; durante il quale Winnemuccca mostrò il suo coraggio lavorando come scout dell'esercito, e salvò anche un gruppo di Paiute che includeva suo padre & # x2014; alcuni Paiute furono trasferiti con la forza nella riserva di Yakima. Winnemucca, che aveva già visto come gli indiani d'America fossero in balia di agenti di prenotazione a volte corrotti, decise di difendere i diritti dei nativi americani e altri miglioramenti sistemici.

Nel 1879, Winnemuccca tenne lezioni a San Francisco. L'anno successivo incontrò il presidente Rutherford B. Hayes a Washington, D.C. Winnemucca divenne anche la prima donna nativa americana a produrre un libro pubblicato, La vita tra i piuti: i loro torti e pretese (1883). Il lavoro includeva affermazioni potenti come: & # x201C; Per la vergogna! Per vergogna! Osi gridare a Liberty, quando ci tieni in luoghi contro la nostra volontà, spingendoci da un posto all'altro come se fossimo bestie. & # X201D;

Il governo degli Stati Uniti si è impegnato in riforme, tra cui un ritorno a Malheur per il Paiute. Tuttavia, alla fine non è cambiato nulla.

Winnemucca morì nel 1891. Nonostante le battute d'arresto che aveva incontrato, era una forte sostenitrice del suo popolo.

Lozen: A Gifted Warrior

(Foto: fotografo non identificato)

Nel 1870, molti Apache si sfregarono per essere costretti a vivere con riserve. Un gruppo guidato da Victorio, leader dell'Apache di Warm Springs, fuggì dalla Riserva di San Carlos nel 1877. Tra i guerrieri a fianco di Victorio mentre eludevano sia le autorità statunitensi che messicane c'era sua sorella minore, Lozen.

Sebbene fosse estremamente insolito per una donna non sposata cavalcare come guerriera, Lozen era parte integrante del gruppo, in parte grazie alle sue abilità speciali. Nato alla fine del 1840, Lozen aveva partecipato a un rito della pubertà che le aveva dato la possibilità di rintracciare i nemici di Apache. Secondo storie orali, la principale fonte di informazioni su Lozen era che le sue mani formicolavano quando affrontava la direzione di un nemico, e la forza di questa sensazione indicava quanto fossero vicini o lontani i suoi avversari. La descrizione di Lozen da parte di Victorio mostra quanto è stata apprezzata: "Forte come un uomo, più coraggiosa della maggior parte e astuta nella strategia, Lozen è uno scudo per il suo popolo." # X201D;

Victorio e la maggior parte dei suoi seguaci furono uccisi dai soldati messicani nel 1880. Ma le abilità di Lozen non avevano fallito; era assente per aiutare una donna incinta. In effetti, molti credevano che, se fosse stata lì, Lozen avrebbe potuto salvare la giornata.

Dopo essersi unito a Geronimo e alla sua band, Lozen ha continuato a essere una risorsa, a un certo punto si è tuffato nel fervore della battaglia per ottenere proiettili estremamente necessari. Inoltre è stata inviata & # x2014; con Dahteste, un'altra donna guerriera & # x2014; da Geronimo a negoziare con le autorità statunitensi. Quando questi colloqui alla fine portarono alla resa di Geronimo nel 1886, Lozen fu tra quelli imprigionati in Florida. Fu quindi inviata nella caserma di Mount Vernon in Alabama, dove morì di tubercolosi nel 1889.

Lozen è stato sepolto in una tomba non contrassegnata, ma non è mai stata dimenticata e rimane una figura onorata nella storia di Apache.

Susan La Flesche: The Healer

(Foto: Wikimedia Commons)

Nata nel 1865, Susan La Flesche è cresciuta nella riserva di Omaha. Durante la sua infanzia, vide un dottore bianco rifiutare di curare una donna indiana americana malata. Ciò ha spinto La Flesche a diventare lei stessa un medico. Nel 1889, fu la prima donna nativa americana a conseguire una laurea in medicina negli Stati Uniti.

Dopo aver terminato il suo tirocinio, La Flesche ha iniziato a lavorare alla vasta prenotazione di Omaha (30 miglia per 45 miglia). Si è presa cura di circa 1.300 pazienti che soffrivano di disturbi che includevano la tubercolosi, la difterite e l'influenza. Una logora La Flesche aveva lasciato questa posizione nel 1894, sebbene continuasse a vedere i pazienti nello studio privato e servisse come missionaria medica. Si è anche sposata e ha avuto due figli.

Nel 1909, mentre stava per concludersi un periodo di fiducia che aveva limitato il controllo di Omaha sulle loro proprietà, il governo federale decise che a quei proprietari terrieri mancava ancora la capacità di gestire le loro proprietà. La Flesche ha ritenuto che & # x201C; la maggior parte degli Omaha sono competenti quanto lo stesso numero di bianchi & # x201D; e condusse una delegazione a Washington, D.C., per presentare questo caso. Ciò ha comportato il permesso agli Omaha di controllare la loro terra.

Tuttavia, La Flesche'l'attenzione è rimasta sul miglioramento della salute dell'Omaha; nel corso degli anni ha curato la maggior parte della popolazione. Aiutò anche a raccogliere fondi per aprire l'ospedale Walthill nel 1913. Dopo la sua morte nel 1915, la struttura fu ribattezzata Dr. Susan LaFlesche Picotte Memorial Hospital.

Dall'archivio bio: Questo articolo è stato originariamente pubblicato nel 2014.

Di Sara Kettler

Da personaggi storici a celebrità di oggi, Sara Kettler ama scrivere di persone che hanno condotto vite affascinanti.

    ALTRE STORIE DALLA BIOGRAFIA

    Storia e cultura

    Festa della parità femminile: 7 attivisti che hanno cambiato la storia

    Per celebrare la Giornata dell'uguaglianza delle donne, scopri di più su alcune attiviste che hanno combattuto per i diritti delle donne sulla lunga strada verso l'uguaglianza.

    • Di Sara KettlerJun 14, 2019
    Storia e cultura

    'Suffragette': le vere donne che hanno ispirato il film

    Scopri sei donne della vita reale (più un uomo) che hanno combattuto per il diritto di voto delle donne.

    • Di Sara KettlerJun 17, 2019
    Storia e cultura

    Leader dei nativi americani del selvaggio West

    Le storie di eroismo, tenacia e coraggio del West americano non erano riservate solo al cowboy: molto prima di lui c'era il nativo americano, la cui diversità culturale e spirituale, nonché la sua profonda connessione con la terra, costituivano un ricco…

    • Di Eudie PakJun 18, 2019
    Storia e cultura

    Il movimento per i diritti delle donne e le donne delle cascate di Seneca

    Il 19-20 luglio 1848, la Convenzione delle Cascate Seneca innescò e rafforzò il movimento per i diritti delle donne in America. Guardiamo indietro alle donne che hanno guidato l'evento storico e al modo in cui ha ispirato generazioni di attivismo.

    • Di Meredith WorthenJun 17, 2019
    Storia e cultura

    Dietro gli affari reali e rumorosi di Frida Kahlo con uomini e donne

    Tra i compagni noti e apparenti dell'artista ci sono diversi nomi riconoscibili, tra cui Leon Trotsky e Georgia O'Keeffe.

    • Di Sara KettlerJul 16, 2019
    Storia e cultura

    Celebrando le donne scienziate nere

    Nella nostra copertura continua che celebra il Black History Month, scopri alcune delle donne scienziate afroamericane meno conosciute che hanno avuto impatti rivoluzionari nei rispettivi campi.

    • Di Meredith WorthenJun 14, 2019
    Storia e cultura

    Figure nascoste della NASA: donne che devi conoscere

    Il film "Figure nascoste", che aprirà a livello nazionale questo venerdì, celebra le donne afro-americane che hanno lavorato come "computer umani" della NASA. Scopri di più su questi eroi non celebrati che hanno reso possibile inviare gli americani nello spazio.

    • Di Julie Schwietert CollazoJun 21, 2019
    Storia e cultura

    Cinque afro-americani dimenticati nella storia

    Ognuno di questi pionieri ha realizzato una prima per gli afroamericani

    • Di Joe McGaskoJun 17, 2019
    Storia e cultura

    FDR e le sue donne

    Questo mese ha segnato non solo il 71 ° anniversario del bombardamento di Pearl Harbor, ma anche l'uscita di Hyde Park su Hudson, che racconta il fine settimana trascorso dal re e dalla regina d'Inghilterra a casa di Franklin D. Rooselvelt nel 1939. L'incontro è stato ...

    • Di Katie UvaJun 18, 2019
    Caricamento in corso ... Vedi di più



    Nessun utente ha ancora commentato questo articolo.

    Biografie di personaggi famosi.
    La tua fonte di storie vere su personaggi famosi. Leggi biografie esclusive e trova connessioni inattese con le tue celebrità preferite.