Real-Life Heroes dell'11 settembre 2001

  • Piers Chambers
  • 0
  • 1549
  • 3

Gli attacchi dell'11 settembre hanno provocato migliaia di morti e devastazioni indicibili. Ma tra le persone colpite c'erano diverse persone che hanno dimostrato eroismo nella vita reale. Ecco alcuni gruppi e individui il cui coraggio e impegno nell'aiutare gli altri era evidente l'11 settembre 2001 e nei giorni seguenti:

Gli assistenti del volo 11 di American Airlines Betty Ong e Madeline Amy Sweeney hanno aiutato a identificare i dirottatori

Madeline Amy Sweeney

Foto: US Navy / Getty Images

Il volo 11 dell'American Airlines è stato il primo aereo ad essere dirottato la mattina dell'11 settembre 2001. Dopo che i terroristi hanno preso il controllo intorno alle 8:15, gli assistenti di volo Betty Ong e Madeline Amy Sweeney sono riusciti a contattare la compagnia aerea. Ong descrisse la loro situazione, compresi i terroristi' uso di un gas simile a una mazza, e Sweeney ha riferito dove erano stati seduti i dirottatori. I due hanno aiutato le autorità a comprendere il tipo di minaccia che il paese stava affrontando e le informazioni che condividevano si sarebbero rivelate utili per identificare i dirottatori. Gli assistenti di volo rimasero in attesa fino al momento in cui il loro aereo fu volato deliberatamente nella Torre Nord del World Trade Center alle 8:46 del mattino..

Brian Clark ha salvato un uomo bloccato all'ottantunesimo piano della Torre Sud

Stanley Praimnath era all'81 ° piano della Torre Sud quando un secondo aereo, il volo 175 della United Airlines, colpì alle 9:03. Praimnath'la posizione era abbastanza vicina al punto di attacco da poter vedere l'avvicinarsi dell'aereo. Sebbene sia sopravvissuto miracolosamente, il danno e la distruzione risultanti lo hanno lasciato senza alcuna via d'uscita. Fortunatamente, Brian Clark, che lavorava anche nella torre, rispose a Praimnath'grida aiuto. Con Clark'Per incoraggiamento, Praimnath riuscì a saltare oltre i detriti bloccandogli la strada. I due uomini procedettero a scendere dai piani superiori distrutti e uscirono dalla torre. Clark pensava che anche Praimnath lo avesse aiutato a sopravvivere & # x2014; il gruppo lui'ero stato con quando era andato a Praimnath'L'aiuto era salito più in alto in attesa di aiuto, una decisione con conseguenze fatali quando la Torre Sud crollò alle 9:59.

LEGGI DI PIÙ: In che modo il signor Rogers ha aiutato a guarire la nazione dopo l'11 settembre

Michael Benfante e John Cerqueira hanno portato in salvo una donna su sedia a rotelle

A seguito degli attacchi, uscendo dal World Trade Center's torri tramite ascensore wasn't un'opzione. Quei piani superiori evacuanti dovevano scendere in soffocanti trombe di scale spesso piene di fumo. Il percorso era abbastanza difficile per i disabili; per gli utenti su sedia a rotelle era impossibile. Quando Michael Benfante ha incontrato l'utente su sedia a rotelle Tina Hansen al 68 ° piano della Torre Nord, lui e il collega John Cerqueira l'hanno portata su una sedia di emergenza leggera su più voli e in condizioni pericolose. Fortunatamente, tutti e tre sono usciti sani e salvi dall'edificio.

Patricia Horoho ha allestito un'area di triage dopo gli attacchi del Pentagono

Patricia Horoho partecipa a The Woman of the Year USO del Metropolitan New York 43 ° pranzo annuale il 7 aprile 2009, a New York City.

Foto: BEN GABBE / Patrick McMullan via Getty Images

Il Pentagono è stato il terzo obiettivo del mattino, con il volo 77 dell'American Airlines che ha colpito l'edificio alle 9:37. Grazie agli sforzi dei sopravvissuti e dei primi soccorritori che coraggiosamente sono entrati nel luogo infuocato dell'incidente, molti feriti sono riusciti a uscire dall'edificio. Lì, Patricia Horoho aveva allestito un'area di triage, un'infermiera dell'esercito che era allora tenente colonnello. Sebbene Horoho non avesse nient'altro che un kit di pronto soccorso con cui lavorare inizialmente, la sua conoscenza ed esperienza nella cura delle ustioni e nella gestione del trauma l'hanno aiutata a supervisionare la fornitura di cure mediche. Lei'a quel giorno è stata attribuita la cura di 75 persone, anche se ha notato che "è stato uno sforzo integrato da così tante persone".

Frank De Martini e Pablo Ortiz hanno salvato almeno 50 vite nella Torre Nord

Frank De Martini, un direttore di costruzione che lavorava per l'autorità portuale, e Pablo Ortiz, un istruttore di costruzione dell'autorità portuale, erano all'interno della Torre Nord quando fu colpito. Sopravvissero, ma invece di cercare sicurezza iniziarono ad aiutare le persone intrappolate sulla torre'88 ° e 89 ° piano. Insieme ad alcuni dei loro colleghi, si pensa che i due abbiano salvato almeno 50 vite aprendo le porte degli ascensori bloccate, liberando gli uffici, indirizzando le persone alle uscite e fornendo in altro modo una linea di vita tra polvere, fiamme e ostruzioni. Probabilmente stavano cercando di venire in aiuto di altre persone quando la Torre Nord crollò alle 10:28.

LEGGI TUTTO: 9/11 Memorial Museum: 9 fatti / 11 immagini

I passeggeri del volo 93 Todd Beamer, Mark Bingham, Tom Burnett e Jeremy Glick hanno combattuto il loro dirottatore

Il volo 93 della United Airlines fu il quarto aereo dirottato quella mattina. Eppure l'aereo'La partenza dall'aeroporto di Newark era stata ritardata fino alle 8:41 del mattino, e i dirottatori terroristici non lo fecero'prendere il controllo fino alle 9:30 circa. Il tempismo ha significato che quando i passeggeri e l'equipaggio hanno telefonato ai loro cari, hanno saputo degli altri attacchi e hanno capito i dirottatori' intenzioni per il loro volo. Almeno quattro passeggeri & # x2014; Todd Beamer, Mark Bingham, Tom Burnett e Jeremy Glick & # x2014; decise di reagire e cercare di impedire all'aereo su cui si trovavano di diventare un altro missile distruttivo. Burnett disse a sua moglie, un'assistente di volo, "So che lo sappiamo'stai per morire. Là's tre di noi che stanno per fare qualcosa al riguardo. Ti amo tesoro." 

Sull'aereo, l'assistente di volo Sandra Bradshaw fece bollire l'acqua, le cui brocche divennero un'arma insieme alle posate e agli estintori. Un carrello del cibo è stato lanciato alla porta chiusa della cabina di guida. I terroristi, rendendosi conto che la cabina di pilotaggio potrebbe essere violata, hanno fatto schiantare l'aereo in un campo a Shanksville, in Pennsylvania, alle 10:03, uccidendo quelli a bordo. Queste azioni eroiche hanno impedito al Volo 93 di raggiungere l'obiettivo prefissato & # x2014; i terroristi potrebbero aver programmato di colpire la Casa Bianca o il Campidoglio degli Stati Uniti & # x2014; e un numero sconosciuto di vite innocenti fu risparmiato.

Una nave portò in salvo 500.000 persone

Le persone vengono evacuate in barca dopo l'attacco al World Trade Center l'11 settembre 2001.

Foto: Matt Moyer / Corbis via Getty Images

Manhattan'Lo status di isola a volte può essere dimenticato, ma gli attacchi dell'11 settembre hanno messo in luce questo fatto. Sebbene alcuni di coloro che cercavano rifugio dall'area intorno al World Trade Center fossero in grado di viaggiare verso nord, e altri attraversarono il Ponte di Brooklyn a piedi, migliaia non avevano altra scelta che dirigersi a sud verso l'acqua. Tuttavia, invece di trovarsi intrappolati, sono stati accolti da imbarcazioni pronte a fornire il trasporto. Le imbarcazioni avevano iniziato a radunarsi anche prima che venisse emessa una richiesta di assistenza da parte della Guardia costiera. Queste barche arrivarono nonostante l'aria piena di fumo, che rendeva difficile la navigazione, e comprensibili paure che un altro attacco potesse accadere in qualsiasi momento. Alla fine, oltre 100 navi & # x2014; da traghetti e rimorchiatori a pescherecci e navi che normalmente offrivano crociere con cena & # x2014; prese parte al boatlift. Nel corso di nove ore, si stima che 500.000 persone & # x2014; molti spaventati, sanguinanti o sotto shock & # x2014; sono stati portati in luoghi più sicuri.

LEGGI TUTTO: Ricordando l'11 settembre: un giorno che ha cambiato il mondo

La sorella Cynthia Mahoney ha fornito consulenza e resti benedetti a Ground Zero per sei mesi

Gli attacchi dell'11 settembre hanno provocato una perdita immediata di 2.753 vite a New York City. Ciò ha spinto molte persone a fare volontariato per aiutare la città in qualunque modo possibile. Alcuni sono arrivati ​​da luoghi come la California, il Texas e la Virginia. Altri erano residenti a New York City, come la sorella Cynthia Mahoney, una suora che'Di recente si è trasferito lì dalla Carolina del Sud. Ha avuto una formazione medica di emergenza, così rapidamente saltò su un'ambulanza per offrire la sua assistenza. Per sei mesi, ha continuato a tornare a Ground Zero, il sito del World Trade Center distrutto, per fornire consulenza e resti di benedizioni. Ha scritto: "Sono grato di poter lavorare in questa zona di guerra ed essere testimone dell'eroismo ogni singolo giorno ... Ma quando torno a casa, faccio fatica. Cosa'ho visto è stato impegnativo, ma ciò che rimarrà con me per sempre è l'odore. È come niente che io abbia mai sperimentato. "Suor Cynthia è morta nel 2006, dopo aver sofferto di malattie polmonari che credeva fosse legata al suo tempo di volontariato nell'aria piena di tossine a Ground Zero.

I primi soccorritori lavoravano giorno e notte alla ricerca di resti

I pompieri camminano verso una delle torri del World Trade Center prima che crollasse l'11 settembre 2001.

Foto: Jose Jimenez / Primera Hora / Getty Images

Tra gli uomini e le donne uccisi l'11 settembre c'erano molti primi soccorritori che erano al World Trade Center per assistere le persone intrappolate e ferite dagli attacchi. Tra i morti vi sono 23 poliziotti di New York City, 37 ufficiali dell'autorità portuale e 343 membri dei vigili del fuoco di New York City. Coloro che persero la vita in servizio erano eroi. Eppure i primi soccorritori che hanno continuato a presentarsi e lavorare nei giorni successivi agli attacchi hanno dimostrato il loro eroismo. Dopo aver perso colleghi, amici e familiari, vigili del fuoco, agenti di polizia e altri, hanno denunciato il dovere a Ground Zero. Lì subirono turni estenuanti e condizioni pericolose mentre cercavano sopravvissuti e cercavano resti.

Di Sara Kettler

Da personaggi storici a celebrità di oggi, Sara Kettler ama scrivere di persone che hanno condotto vite affascinanti.

    ALTRE STORIE DALLA BIOGRAFIA

    Celebrità

    Come il signor Rogers ha aiutato a guarire la nazione dopo l'11 settembre

    Dopo gli attacchi terroristici del settembre 2001, Fred Rogers ha offerto sincere parole di speranza e di recupero.

    • Di Sara Kettler, 9 aprile 2019
    Storia e cultura

    La vita di Rosa Parks dopo il boicottaggio del bus Montgomery

    Prima di diventare un'icona dei diritti civili ammirata a livello nazionale, la vita di Rosa Parks consisteva in alti e bassi che includevano lotte per sostenere la sua famiglia e intraprendere nuove strade nell'attivismo.

    • Di Sara KettlerJun 25, 2019
    Storia e cultura

    La vita movimentata di Roald Dahl prima di diventare un amato autore di libri per bambini

    Prima di scrivere "James and the Giant Peach", "Charlie and the Chocolate Factory", "Matilda" e altro, Roald Dahl era un pilota da combattimento e una spia durante la seconda guerra mondiale.

    • Di Sara KettlerJun 25, 2019
    Celebrità

    Marilyn Monroe: fatti affascinanti sulla vera donna dietro la leggenda

    Ecco uno sguardo sorprendente alla Marilyn che ha vissuto oltre il bagliore della sua celebrità.

    • Di Sara KettlerAug 5, 2019
    Storia e cultura

    Black History Unsung Heroes: Dr. Percy Julian

    Il Dr. Percy Julian ha affrontato razzismo, disuguaglianza e numerose sfide per diventare uno dei chimici più influenti nella storia americana.

    • Di Sara KettlerJun 25, 2019
    Nelle news

    'Detroit': la vera storia dietro al film

    Con l'apertura di "Detroit" di Kathryn Bigelow, ripensiamo agli eventi della vita reale che hanno attanagliato la città 50 anni fa.

    • Di Sara KettlerJun 21, 2019
    Storia e cultura

    Black History Unsung Heroes: Claudette Colvin

    Da adolescente ha fatto la storia, ma ci sono voluti decenni per essere riconosciuta per il suo coraggio e risultati.

    • Di Sara KettlerJun 17, 2019
    Storia e cultura

    Gli alti e bassi della vita amorosa della principessa Margaret

    La sorella minore della regina Elisabetta II condusse una vita incantata come membro della famiglia reale britannica, ma fu sfortunatamente innamorata.

    • Di Sara KettlerJun 25, 2019
    Storia e cultura

    'Suffragette': le vere donne che hanno ispirato il film

    Scopri sei donne della vita reale (più un uomo) che hanno combattuto per il diritto di voto delle donne.

    • Di Sara KettlerJun 17, 2019
    Caricamento in corso ... Vedi di più



    Nessun utente ha ancora commentato questo articolo.

    Biografie di personaggi famosi.
    La tua fonte di storie vere su personaggi famosi. Leggi biografie esclusive e trova connessioni inattese con le tue celebrità preferite.