Resistenza e resilienza Bree Newsome sull'esperienza nera in America

  • Scott Jenkins
  • 0
  • 4663
  • 1293

L'attivista Bree Newsome ha attirato l'attenzione nazionale nel 2015 quando ha scalato l'asta della bandiera di fronte al Campidoglio della Carolina del Sud e ha abbassato la bandiera confederata di battaglia. 

Per gentile concessione di Bree Newsome

Quando ero in terza media, il mio insegnante di storia ha diretto la classe a immaginarsi come bambini che vivevano durante l'America coloniale e a fare un piccolo opuscolo che descrivesse come sarebbe stata la nostra vita quotidiana. Ho scelto di immaginarmi come un bambino nero schiavo & # x2014; come molto probabilmente sarei stato in America nel 1700 e come alcuni dei miei antenati erano sicuramente & # x2014; molto per la costernazione della mia insegnante. Ho sperimentato diversi incidenti come questo mentre studiavo la storia degli Stati Uniti nella scuola elementare, incidenti che chiarivano che esisteva una tensione tra ciò che era e non era insegnato in classe. Il Black History Month ha ulteriormente messo in luce la tensione dato che questa volta è stato dedicato a concentrarsi sulla storia che è stata trascurata per la maggior parte dell'anno scolastico.

Mentre studiavo l'esperienza nera in America, quello che emerse per me fu una storia di resistenza e resilienza. Era la storia di un popolo che era stato privato delle sue identità culturali indigene africane e della loro stessa umanità da un sistema atroce di razzismo e schiavitù. Era la storia di un popolo che, nel mezzo di una brutale oppressione, non ha mai smesso di resistere e non ha perso la connessione con la propria patria mentre ha sviluppato un'identità e una cultura uniche intorno alla diaspora africana. Personaggi torreggianti di questa storia sono diventati i miei primi eroi ed eroine. Ho particolarmente amato le biografie degli abolizionisti neri che si erano liberati prima di diventare leader nella lotta per la libertà. Harriet Tubman, ovviamente, appariva grande come un'immagine stimolante di libertà e coraggio. Ho frequentato la scuola elementare nel Maryland, la città natale di Tubman, e la immaginavo con la pistola e il pugnale in mano, guidando i suoi amici e la sua famiglia verso la libertà attraverso il territorio boscoso che mi circondava. 

Un ritratto dell'abolizionista Harriet Tubman, "un'immagine ispiratrice di libertà e coraggio".

Foto: © CORBIS / Corbis via Getty Images

Il suo feroce spirito di sfida si animò per me nel poema di Eloise Greenfield:

& # x201C; Harriet Tubman non ha preso niente

Nemmeno non aveva paura di niente

Non è venuto in questo mondo per non essere uno schiavo

E non è rimasto uno o & # x201D;

Le fu parlato con grande riverenza in chiesa, dove i predicatori la chiamavano & # x201C; Moses & # x201D; e descrisse le sue azioni come profetiche. Tubman continua a ispirarmi come esempio di una donna che era inaspettatamente in anticipo sui tempi in molti modi. Il mio studio sulla storia nera mi ha portato a scoprire di più sui tempi precedenti l'America e anche & # x2014; la grande università di Timbuktu; Nzingha, la regina guerriera dell'Angola; i regni di Ghana, Mali e Songhai.

La consapevolezza di questa storia è stata cruciale per lo sviluppo della mia autostima come una giovane ragazza nera negli anni '90, vivendo in un momento in cui i neri americani sembravano fare passi da gigante in campi come i media e la politica mentre eventi come il pestaggio di Rodney King e le rivolte di Los Angeles ci fecero mettere in dubbio ciò che contava come progresso. Sebbene avessi una grande ammirazione per gli attivisti e gli organizzatori neri degli anni '50 e '60, non ho mai aspirato ad essere un attivista. Mentre mi diplomavo al liceo, mi concentrai sull'essere il migliore che potessi essere, raggiungere il successo in una professione di mia scelta, forse diventare il primo nero-qualcosa come molti dei miei eroi. 

L'estate del 2013 si è rivelata una svolta nella mia vita quando ho assistito a due grandi ingiustizie che si verificano nel sud: il caso di Trayvon Martin, un adolescente nero che era stato assassinato da un vigilante razzista e un nuovo attacco a diritti di voto neri nello stato della Carolina del Nord, iniziata con la Corte Suprema degli Stati Uniti, che ha abbattuto parti fondamentali del Voting Rights Act del 1965. È stato allora che ho deciso di impegnarmi per l'attivismo e mi sono offerto volontario per essere arrestato in un sit-in per i diritti di voto organizzato dal NAACP.

L'attivista Sybrina Fulton posa accanto a un collage di suo figlio Trayvon Martin presso lo spazio pop-up ManifestJustice il 6 maggio 2015 a Los Angeles.

(Foto: Amanda Edwards_WireImage)

Come ho detto, in precedenza non avevo pianificato di essere un attivista e certamente non avrei mai immaginato di mettermi in condizione di essere arrestato, ma era la mia familiarità con la storia nera e in particolare il Movimento per i diritti civili che ha lottato con la mia coscienza in quel momento. Ho capito che solo un paio di generazioni prima, i neri americani erano stati terrorizzati e talvolta assassinati per aver tentato di votare. Ora, c'è stato un chiaro sforzo per riportarci indietro e il riconoscimento di quanto rapidamente questi diritti potessero essere erosi mi ha spinto oltre l'ammirazione degli eroi dei diritti civili a prendere lo stendardo.

Attivisti per i diritti civili attraversano il ponte Edmund Pettus nella Selma a Montgomery March per i diritti di voto nel 1965.

(Foto: Bettman via Getty)

In verità, non sono mai stati solo i volti famosi della storia che hanno informato il mio attivismo. Per tre o quattro generazioni dopo la schiavitù, la mia famiglia rimase nelle stesse aree generali delle Caroline. Questo mi ha dato il vantaggio di sapere di più sull'esperienza personale della mia famiglia di schiavitù, emancipazione e lotta per superare il moderno razzismo sistemico. Non è mai stato un mistero per me ciò che rappresentava la bandiera confederata. La mia famiglia mi ha raccontato delle proprie esperienze con il Ku Klux Klan, quante persone di colore sono state linciate e molte altre sono state cacciate dal sud dal terrorismo. 

Bree Newsome in viaggio per abbattere la bandiera confederata nella Carolina del Sud, 2015.

(Foto: AP Photo_Bruce Smith)

Nel 2015, quando ho preso la decisione di ridimensionare l'asta della bandiera e rimuovere la bandiera confederata che era stata originariamente sollevata nella casa di stato della Carolina del Sud nel 1961, l'ho fatto per motivi profondamente personali. Nell'orribile crimine contro l'odio che ha portato la vita di nove parrocchiani neri a Madre Emanuel, ho riconosciuto una storia di violenze suprematiste bianche che avevano colpito a lungo anche la mia famiglia, inclusi i miei tre bisnonni, Theodore e Minerva Diggs, che erano stati ridotti in schiavitù Rembert, SC alla vigilia della guerra civile.

Con quell'azione, ho finito per diventare parte della storia, ma ho anche imparato a riconoscere qualcosa sulla natura della storia stessa. La storia viene spesso compresa raccontando importanti punti di svolta, momenti e figure chiave. Tuttavia, se vogliamo capire correttamente come avvengono i cambiamenti sociali, in che modo un evento così massiccio ed efficace come il Movimento per i diritti civili è giunto a compimento, è importante capire che il movimento sociale sembra migliaia di persone che fanno migliaia di cose in migliaia di posti contemporaneamente. Sono persone come i fanti del Movimento per i diritti civili che sono spesso gli eroi non celebrati della storia. Non è mai una marcia, una persona, una protesta o una tattica che alla fine porta al cambiamento. È il contributo individuale di molti.

Bree Newsome viene arrestato dopo aver abbattuto la bandiera confederata.

(Foto: AP Photo_Bruce Smith)

Di recente ho appreso la storia di Lynda Blackmon Lowery che, all'età di 15 anni, era il membro più giovane della Selma March del 1965. La storia di Lowery è importante perché rappresenta così tanti i cui nomi sono meno conosciuti ma senza i quali il Movimento per i diritti civili non sarebbe successo. Lo stesso è vero oggi. Ci sono molte migliaia di persone che lavorano ogni giorno nelle loro comunità a favore della giustizia e dell'uguaglianza che sono eroi non celebrati. Qui & # x2019; s alla speranza che la storia prenda nota del loro servizio e sacrificio.  

tag
termini:
Storia nera
Di Bree Newsome

    ALTRE STORIE DALLA BIOGRAFIA

    Storia e cultura

    Fatti poco noti sulla storia nera

    Febbraio è il mese della Black History, il che significa che ogni anno ricordiamo gli afro-americani che hanno fatto la storia e reso l'America come è oggi. Ecco 120 fatti che potresti non conoscere.

    • Di Bio StaffJun 24, 2019
    Storia e cultura

    Mese della storia nera: come la gioventù nera ha avuto un impatto sul movimento per i diritti civili

    Nell'ultimo giorno del Black History Month, diamo un'occhiata a come i giovani hanno giocato un ruolo chiave nel primo movimento per i diritti civili.

    • Di Greg TimmonsJun 25, 2019
    Storia e cultura

    Mese della storia nera: foto di Booker T. Washington che simboleggia l'empowerment nero

    Nella nostra continua copertura del Black History Month, la storica Daina Ramey Berry chiede ai curatori del National Museum of African American History and Culture di condividere le straordinarie storie di importanti personaggi afroamericani. Oggi celebriamo l'educatore e influente leader Booker T. Washington e manufatti del lavoro della sua vita che rappresentavano l'indipendenza e il potere dei neri.

    • Di Daina Ramey BerryJun 17, 2019
    Storia e cultura

    Black History Month: A Rare Photo & Royal Shawl Honor Harriet Tubman's Strength & Bravery

    Nella nostra continua copertura del Black History Month, la storica Daina Ramey Berry chiede ai curatori del National Museum of African American History and Culture di condividere le straordinarie storie di importanti personaggi afroamericani. Oggi vedi una rara foto di Harriet Tubman ai suoi vertici e scopri come la regina Vittoria ha onorato il coraggioso combattente per la libertà con un regalo reale.

    • Di Daina Ramey BerryJun 18, 2019
    Storia e cultura

    Black History Month: foto di Frederick Douglass e della sua "stella polare" per il suo 200 ° compleanno

    Nella nostra continua copertura del Black History Month, la storica Daina Ramey Berry chiede ai curatori del National Museum of African American History and Culture di condividere le straordinarie storie di importanti personaggi afroamericani. Oggi, in occasione del suo duecentesimo compleanno, celebriamo l'abolizionista Frederick Douglass che ha usato il potere della sua immagine e delle sue parole per diffondere il suo messaggio di libertà e uguaglianza alle generazioni future.

    • Di Daina Ramey BerryJun 18, 2019
    Storia e cultura

    Shirley Chisholm e le altre 9 prime donne di colore al Congresso

    Questi pionieri politici hanno rotto le barriere razziali e di genere durante il loro tempo come membri della Camera dei rappresentanti.

    • Di Eudie Pak, 25 giu 2019
    Storia e cultura

    Black History Unsung Heroes: Dr. Percy Julian

    Il Dr. Percy Julian ha affrontato razzismo, disuguaglianza e numerose sfide per diventare uno dei chimici più influenti nella storia americana.

    • Di Sara KettlerJun 25, 2019
    Storia e cultura

    Maya Angelou e altri 9 autori neri di successo

    Esplorando temi di razzismo, oppressione e violenza, questi scrittori afroamericani si sono giustamente guadagnati il ​​loro posto nel canone di grandi autori.

    • Di Brad Witter, 24 giu 2019
    Storia e cultura

    Sidney Poitier e altri 9 attori e attrici neri che hanno vinto degli Oscar

    Queste star afroamericane hanno infranto le barriere razziali vincendo un Oscar per le loro esibizioni.

    • Di Eudie Pak, 25 giu 2019
    Caricamento in corso ... Vedi di più



    Nessun utente ha ancora commentato questo articolo.

    Biografie di personaggi famosi.
    La tua fonte di storie vere su personaggi famosi. Leggi biografie esclusive e trova connessioni inattese con le tue celebrità preferite.