La vita di Rosa Parks dopo il boicottaggio del bus Montgomery

  • Scott Jenkins
  • 0
  • 5489
  • 188

Nel dicembre del 1955, Rosa Parks' il rifiuto da parte di una donna di colore di rinunciare a sedersi su un autobus separato a Montgomery, in Alabama, ha scatenato un boicottaggio di autobus in tutta la città. Quella protesta giunse a conclusione positiva un anno dopo, quando la Corte Suprema decretò che gli autobus dovevano essere integrati. 

Sarebbero passati decenni prima che Parks' il ruolo nel boicottaggio l'ha resa una figura rispettata in tutto il paese; tra il boicottaggio degli autobus e il riconoscimento diffuso per il suo lavoro, Parks' la vita comprendeva sia difficoltà che trionfi.

Parks e suo marito hanno perso il lavoro dopo il boicottaggio

Poco dopo l'inizio del boicottaggio degli autobus Montgomery, Parks perse il lavoro di sarta's assistente presso il grande magazzino Montgomery Fair. Anche suo marito Raymond ha dovuto lasciare il lavoro come barbiere presso la base aeronautica di Maxwell perché lui'mi era stato ordinato di non discutere di sua moglie. 

Eppure il boicottaggio's conclusione non didn'rendi facile per entrambi tornare a guadagnarsi da vivere & # x2014; Parks era troppo identificato con la protesta per lei o suo marito per ottenere un altro lavoro regolare in Alabama.

Parks era stato un volontario dedicato per la Montgomery Improvement Association (MIA), un gruppo locale che aveva contribuito a coordinare il boicottaggio, ma l'organizzazione non lo fece'non assumerla, né nessun altro gruppo per i diritti civili. Nonostante contributi come viaggiare per parlare del boicottaggio per raccogliere fondi per il MIA e il NAACP, la leadership maschile non si identificava con Parks' esigenze. 

C'era anche gelosia tra i locali per la quantità di attenzione che i parchi avevano ricevuto. Alla fine, decise che la sua unica scelta era quella di lasciare l'Alabama con suo marito e sua madre.

La sua famiglia si trasferì a Detroit, sperando di trovare lavoro

Nel 1957 Parks e la sua famiglia andarono a Detroit, dove vivevano suo fratello e suo cugino. Sfortunatamente, trovare lavoro non c'era ancora'è facile, neanche. Parks presto si diresse in Virginia per fare un lavoro come hostess presso l'Hampton Institute's Holly Tree Inn. Ma quando la promessa di un alloggio per sua madre e Raymond non arrivò mai, Parks tornò a Detroit alla fine del semestre autunnale del 1958.

Tornato a Detroit, Raymond ha dovuto seguire la formazione necessaria prima di poter diventare un barbiere e Parks ha trovato solo lavori di cucito a cottimo. Quindi ha subito un'operazione per un'ulcera (una condizione che si era sviluppata sotto lo stress del boicottaggio del bus) e aveva bisogno di rimuovere un tumore alla gola. 

I costi medici e le difficoltà a lavorare mentre i malati spingevano Parks e la sua famiglia al limite. Nel luglio 1960, Jet la rivista la descrisse come "uno straccio lacerato del suo ex sé & # x2014; squattrinato, indebitato, malato di ulcere allo stomaco e un tumore alla gola, compresso in due stanze con suo marito e sua madre".

Rosa Parks parla alla conclusione di Selma del 1965 a Mongomery Civil Rights March

Foto: Stephen F. Somerstein / Getty Images

Alla fine le cose iniziarono a cambiare per la famiglia Parks nel 1961

Parks era rimasta coinvolta nella lotta per i diritti civili dopo essersi trasferita a Detroit, ma non lo fece'avere il titolo universitario richiesto per posizioni in organizzazioni come la NAACP. E, come in Alabama, nessuno nella leadership prevalentemente maschile ha cercato di aiutarla a trovare un lavoro.

Un po 'di supporto è arrivato Parks' modo, in particolare dopo che i suoi problemi sono diventati più pubblici e il NAACP ha finito per pagare il conto dell'ospedale, che era andato in riscossione. 

Nella primavera del 1961, la sua situazione era migliore: Raymond stava barberando mentre era abbastanza in salute da gestire un lavoro regolare come sarta presso la Stockton Sewing Company. Lì ha messo in 10 ore al giorno ed è stato pagato 75 centesimi per ogni pezzo di grembiule e gonne che ha completato, che ha aggiunto abbastanza per vivere.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI BIOGRAPHY.COM

Parks ha lavorato a stretto contatto con Martin Luther King Jr. e Malcolm X

Avendo lavorato con Martin Luther King Jr. al boicottaggio degli autobus, Parks ha davvero ammirato il leader dei diritti civili. Alla Southern Christian Leadership Conference's convention annuale nel 1962, vide un uomo attaccare King & # x2014; e sperimentò come King si assicurò che l'attaccante non avesse subito ritorsioni. Dopo il suo assassinio nel 1968, si recò a Memphis per sostenere gli operatori sanitari' marcia in cui King era stato coinvolto prima di procedere con King'funerale di s.

Tuttavia, Parks ha anche trovato molto da apprezzare in Malcolm X'leadership di s. Le sue convinzioni si allineavano più strettamente con Malcolm's, e differiva dal re's, sui limiti della non violenza. 

In un'intervista del 1967, Parks dichiarò: "Se possiamo proteggerci dalla violenza, in realtà non è la violenza da parte nostra. Questa è solo l'autoprotezione, cercando di evitare di essere vittimizzati dalla violenza".

Martin Luther King Jr delinea le strategie di boicottaggio ai suoi consulenti e organizzatori, tra cui Rosa Parks

Foto: Don Cravens / The LIFE Images Collection / Getty Images

Alla fine ottenne un lavoro come assistente del deputato John Conyers

Dopo essersi trasferito a Detroit e nonostante le sue difficoltà, Parks è rimasta impegnata ad aiutare la sua comunità. Si è unita a gruppi di quartiere che si sono concentrati su tutto, dalle scuole alla registrazione degli elettori. 

Nel 1964 si offrì volontaria per John Conyers' campagna congressuale. La candidata ha apprezzato il suo sostegno e l'ha accreditata per aver fatto venire King Jr. a Detroit e fornire un sostegno. Dopo che Conyers ha vinto le elezioni, ha assunto Parks come receptionist e assistente per il suo ufficio di Detroit. Ha iniziato nel 1965 ed è rimasta fino al suo pensionamento nel 1988.

Il lavoro fu un vantaggio per Parks' situazione finanziaria, in quanto offriva una pensione e un'assicurazione sanitaria. E Parks si è distinto per il lavoro che andava dall'aiutare i componenti dei senzatetto a unirsi ai Conyers per protestare contro la decisione della General Motors di chiudere gli impianti locali. Inoltre il suo passato non era'dimenticato; Conyers una volta osservò: "Rosa Parks era così famosa che la gente sarebbe venuta nel mio ufficio per incontrarla, non io."

Anni dopo il boicottaggio, Parks era ancora un obiettivo

Sfortunatamente, Parks non è stato sempre ammirato universalmente. Per molti bianchi che volevano mantenere lo status quo razzista, lei'ero stato una figura odiata dal boicottaggio dell'autobus Montgomery. Durante quell'azione, loro'aveva fatto chiamate minacciose e inviato minacce di morte. Gli attacchi erano stati così velenosi che Parks' il marito Raymond ha avuto un esaurimento nervoso.

Sebbene il boicottaggio fosse terminato nel 1956, negli anni '70 continuarono a essere inviate missioni odiose a Parks. Fu accusata di essere traditrice e di nutrire simpatie comuniste. (I razzisti spesso sentivano che gli afroamericani non erano in grado di organizzarsi da soli e dovevano ottenere un aiuto esterno.) 

Anche lavorando per Conyers, è rimasta un bersaglio; angurie marce e posta odiata le arrivarono nel suo ufficio quando lei iniziò lì. Eppure, come sempre, tali attacchi crudeli non lo hanno fatto'impedire a Parks di fare il suo lavoro

tag
termini:
Storia nera
Di Sara Kettler

Da personaggi storici a celebrità di oggi, Sara Kettler ama scrivere di persone che hanno condotto vite affascinanti.

    ALTRE STORIE DALLA BIOGRAFIA

    Storia e cultura

    Rosa Parks: prima dell'autobus

    Scopri la vita personale e l'eredità di Rosa Parks attraverso la serie di video "American Freedom Stories" di Bio.com.

    • Di Andrew CannizzaroJun 25, 2019
    Storia e cultura

    Ricordando Rosa Parks per il suo centesimo compleanno

    "Abbiamo ricevuto una chiamata all'arrivo, l'autista dell'autobus ha detto che aveva una donna colorata seduta nella sezione bianca del bus e che non sarebbe tornata indietro." ...

    • Di Kim Gilmore, 25 giu 2019
    Storia e cultura

    Black History Unsung Heroes: Claudette Colvin

    Da adolescente ha fatto la storia, ma ci sono voluti decenni per essere riconosciuta per il suo coraggio e risultati.

    • Di Sara KettlerJun 17, 2019
    Storia e cultura

    50 ° anniversario dell'assassinio di Malcolm X: la sua eredità sopravvive

    Il 21 febbraio segna il 50 ° anniversario dell'assassinio di Malcolm X. In questa occasione, dai uno sguardo alla vita e all'eredità di questo attivista per i diritti civili afroamericano.

    • Di Jessica Murphy, 24 giu 2019
    Storia e cultura

    Martin Luther King Jr. e 8 attivisti neri che hanno guidato il movimento per i diritti civili

    Questi visionari attivisti afroamericani erano alcuni degli agenti più vocali per il cambiamento razziale.

    • Di Brad Witter, 24 giu 2019
    Storia e cultura

    Gli alti e bassi della vita amorosa della principessa Margaret

    La sorella minore della regina Elisabetta II condusse una vita incantata come membro della famiglia reale britannica, ma fu sfortunatamente innamorata.

    • Di Sara KettlerJun 25, 2019
    Storia e cultura

    Harry T. Moore: Champion of the Early Civil Rights Movement

    In onore del Black History Month, la storica Daina Ramey Berry chiede ai curatori del Museo nazionale di storia e cultura afroamericana di condividere importanti storie di pionieristiche figure afro-americane. Oggi celebriamo educatori e attivisti per i diritti civili Harry T. e Harriette Moore con uno sguardo ad alcuni dei loro beni personali che rivelano la loro umanità in tempi disumani per la comunità nera in America.

    • Di Daina Ramey BerryJun 18, 2019
    Storia e cultura

    Onorare James Baldwin e il potere duraturo delle sue parole

    I curatori del Museo nazionale di storia e cultura afroamericana condividono manufatti e storie della vita dello scrittore e attivista per i diritti civili James Baldwin.

    • Di Daina Ramey BerryJul 30, 2019
    Storia e cultura

    Real-Life Heroes dell'11 settembre 2001

    Molti mettono la propria vita in pericolo per salvare gli altri durante e dopo gli attacchi terroristici dell'11 settembre.

    • Di Sara KettlerSep 9, 2019
    Caricamento in corso ... Vedi di più



    Nessun utente ha ancora commentato questo articolo.

    Biografie di personaggi famosi.
    La tua fonte di storie vere su personaggi famosi. Leggi biografie esclusive e trova connessioni inattese con le tue celebrità preferite.