Biografia di Saddam Hussein

  • Kenneth Cook
  • 0
  • 3751
  • 65
Saddam Hussein è stato presidente dell'Iraq per più di due decenni ed è visto come un prestanome dei conflitti militari del paese con l'Iran e gli Stati Uniti.

Sinossi

Nato il 28 aprile 1937 a Tikrit, in Iraq, Saddam Hussein era un secolarista che si alzò dal partito politico Baath per assumere una presidenza dittatoriale. Sotto il suo dominio, alcuni segmenti della popolazione godevano dei benefici della ricchezza petrolifera, mentre quelli in opposizione dovevano affrontare torture ed esecuzioni. Dopo conflitti militari con le forze armate guidate dagli Stati Uniti, Saddam Hussein è stato catturato nel 2003. Successivamente è stato giustiziato.

Primi anni di vita

Saddam Hussein è nato il 28 aprile 1937 a Tikrit, in Iraq. Suo padre, che era un pastore, è scomparso diversi mesi prima della nascita di Saddam. Alcuni mesi dopo, Saddam's fratello maggiore è morto di cancro. Quando Saddam nacque, sua madre, gravemente depressa dal figlio maggiore'La morte e la scomparsa di suo marito non furono in grado di prendersi cura efficacemente di Saddam e all'età di 3 anni fu mandato a Baghdad per vivere con suo zio, Khairallah Talfah. Anni dopo, Saddam sarebbe tornato ad Al-Awja per vivere con sua madre, ma dopo aver subito abusi da parte del patrigno, è fuggito a Baghdad per vivere di nuovo con Talfah, un devoto musulmano sunnita e ardente nazionalista arabo la cui politica avrebbe avuto un profonda influenza sul giovane Saddam.

Dopo aver frequentato la scuola nazionalistica al-Karh Secondary a Baghdad, nel 1957, all'età di 20 anni, Saddam si unì al Ba'Ath Party, il cui scopo ideologico ultimo era l'unità degli stati arabi in Medio Oriente. Il 7 ottobre 1959, Saddam e altri membri del partito Ba-ath tentarono di assassinare l'Iraq's l'allora presidente, Abd al-Karim Qasim, la cui resistenza all'adesione alla nascente Repubblica araba unita e all'alleanza con l'Iraq'Il partito comunista lo aveva messo in contrasto con il Ba'athists. Durante l'attentato, Qasim'L'autista fu ucciso e Qasim fu colpito diverse volte, ma sopravvisse. Saddam è stato colpito alla gamba. Molti degli aspiranti assassini furono catturati, processati ed eseguiti, ma Saddam e molti altri riuscirono a fuggire in Siria, dove Saddam rimase brevemente prima di fuggire in Egitto, dove frequentò la scuola di legge.

Salita al potere

Nel 1963, quando Qasim'Il governo fu rovesciato nella cosiddetta Rivoluzione del Ramadan, Saddam tornò in Iraq, ma fu arrestato l'anno seguente a seguito di combattimenti nei Ba'festa di ath. Mentre era in prigione, tuttavia, rimase coinvolto in politica e nel 1966 fu nominato vice segretario del comando regionale. Poco dopo riuscì a fuggire dalla prigione e negli anni seguenti continuò a rafforzare il suo potere politico.

Nel 1968, Saddam partecipò a un Ba senza sangue ma di successo'colpo di stato che ha portato Ahmed Hassan al-Bakr a diventare Iraq's presidente e Saddam suo vice. Durante la presidenza di al-Bakr, Saddam si dimostrò un politico efficace e progressista, sebbene decisamente spietato. Ha fatto molto per modernizzare l'Iraq's infrastrutture, industria e sistema sanitario e aumentati i sussidi per servizi sociali, istruzione e agricoltura a livelli senza pari in altri paesi arabi della regione. Ha anche nazionalizzato l'Iraq's industria petrolifera, poco prima della crisi energetica del 1973, che ha portato a enormi entrate per la nazione. Nello stesso tempo, tuttavia, Saddam ha contribuito a sviluppare l'Iraq'il primo programma di armi chimiche e, per proteggersi dai colpi di stato, creò un potente apparato di sicurezza, che includeva entrambi Ba'gruppi paramilitari atene e il popolo's Army, che utilizzava spesso torture, stupri e omicidi per raggiungere i suoi obiettivi.

Nel 1979, quando al-Bakr tentò di unire l'Iraq e la Siria, in una mossa che avrebbe lasciato Saddam effettivamente impotente, Saddam costrinse al-Bakr a dimettersi, e il 16 luglio 1979 Saddam Hussein divenne presidente dell'Iraq. Meno di una settimana dopo, ha convocato un'assemblea dei Ba'festa di ath. Durante l'incontro, un elenco di 68 nomi è stato letto ad alta voce e ogni persona dell'elenco è stata prontamente arrestata e rimossa dalla stanza. Di questi 68, tutti furono processati e giudicati colpevoli di tradimento e 22 furono condannati a morte. All'inizio di agosto 1979, centinaia di Saddam'i nemici politici erano stati giustiziati.

Decenni di conflitto

Lo stesso anno in cui Saddam salì alla presidenza, l'Ayatollah Khomeini guidò con successo una rivoluzione islamica in Iraq'vicino di casa a nord-est, l'Iran. Saddam, il cui potere politico dipendeva in parte dal sostegno dell'Iraq'La popolazione sunnita minoritaria, preoccupata che gli sviluppi nella maggioranza sciita dell'Iran potrebbero portare a una simile rivolta in Iraq. In risposta, il 22 settembre 1980, Saddam ordinò alle forze irachene di invadere la regione ricca di petrolio del Khuzestan in Iran. Il conflitto presto sbocciò in una guerra totale, ma le nazioni occidentali e gran parte del mondo arabo, timorosi della diffusione del radicalismo islamico e di ciò che avrebbe significato per la regione e il mondo, appoggiarono saldamente il loro sostegno dietro Saddam, nonostante il fatto che la sua invasione dell'Iran ha chiaramente violato il diritto internazionale. Durante il conflitto, queste stesse paure causerebbero essenzialmente alla comunità internazionale di ignorare l'Iraq'l'uso di armi chimiche, i suoi rapporti genocidi con la sua popolazione curda e il suo fiorente programma nucleare. Il 20 agosto 1988, dopo anni di intenso conflitto che causò centinaia di migliaia di morti da entrambe le parti, fu finalmente raggiunto un accordo di cessate il fuoco.

All'indomani del conflitto, alla ricerca di un mezzo per rivitalizzare l'Iraq'Nell'economia e nelle infrastrutture devastate dalla guerra, alla fine degli anni '80, Saddam rivolse la sua attenzione all'Iraq's ricco vicino di casa, Kuwait. Usando la giustificazione che era una parte storica dell'Iraq, il 2 agosto 1990, Saddam ordinò l'invasione del Kuwait. Una risoluzione del Consiglio di sicurezza dell'ONU è stata prontamente approvata, imponendo sanzioni economiche all'Iraq e fissando una scadenza entro la quale le forze irachene devono lasciare il Kuwait. Quando la scadenza del 15 gennaio 1991 fu ignorata, una forza della coalizione delle Nazioni Unite guidata dagli Stati Uniti affrontò le forze irachene e, solo sei settimane dopo, le aveva cacciate dal Kuwait. È stato firmato un accordo di cessate il fuoco, i cui termini includevano l'Iraq che smantellava i suoi programmi di germi e armi chimiche. Le sanzioni economiche precedentemente imposte imposte all'Iraq sono rimaste in vigore. Nonostante ciò e il fatto che i suoi militari abbiano subito una schiacciante sconfitta, Saddam rivendicò la vittoria nel conflitto.

La guerra del Golfo'Le conseguenti difficoltà economiche hanno ulteriormente diviso una popolazione irachena già fratturata. Durante gli anni '90, si verificarono varie rivolte sciite e curde, ma il resto del mondo, temendo un'altra guerra, l'indipendenza curda (nel caso della Turchia) o la diffusione del fondamentalismo islamico, fecero poco o nulla per sostenere queste ribellioni, e loro furono infine schiacciati da Saddam's forze di sicurezza sempre più repressive. Allo stesso tempo, l'Iraq è rimasto anche sotto un intenso controllo internazionale. Nel 1993, quando le forze irachene violarono una zona di non volo imposta dalle Nazioni Unite, gli Stati Uniti lanciarono un dannoso attacco missilistico a Baghdad. Nel 1998, ulteriori violazioni delle zone di non volo e dell'Iraq'La presunta continuazione dei suoi programmi sulle armi ha portato a ulteriori attacchi missilistici contro l'Iraq, che si sarebbero verificati in modo intermittente fino al febbraio 2001.

Saddam's autunno

I membri dell'amministrazione Bush avevano sospettato che il governo di Saddam Hussein avesse una relazione con Osama bin Laden'organizzazione al s Qaeda. Nel suo discorso sullo stato dell'Unione del gennaio 2002, il presidente degli Stati Uniti George W. Bush ha nominato l'Iraq come parte del suo cosiddetto "Asse del male", insieme all'Iran e alla Corea del Nord, e ha affermato che il paese stava sviluppando armi di distruzione di massa e sostenere il terrorismo.

Più tardi nello stesso anno, iniziarono le ispezioni delle Nazioni Unite su sospetti siti di armi in Iraq, ma alla fine furono trovate poche o nessuna prova dell'esistenza di tali programmi. Nonostante ciò, il 20 marzo 2003, con la scusa che l'Iraq avesse in realtà un programma di armi segrete e che stesse pianificando attacchi, una coalizione guidata dagli Stati Uniti ha invaso l'Iraq. Nel giro di poche settimane, il governo e le forze armate furono rovesciati e il 9 aprile 2003 Baghdad cadde. Saddam, tuttavia, riuscì a eludere la cattura.

Cattura, prova ed esecuzione

Nei mesi seguenti iniziò un'intensa ricerca di Saddam. Mentre si nascondeva, Saddam ha rilasciato diverse registrazioni audio, in cui ha denunciato l'Iraq's invasori e ha chiesto resistenza. Alla fine, il 13 dicembre 2003, Saddam fu trovato nascosto in un piccolo bunker sotterraneo vicino a una fattoria ad-Dawr, vicino a Tikrit. Da lì, fu trasferito in una base americana a Baghdad, dove rimase fino al 30 giugno 2004, quando fu ufficialmente consegnato al governo ad interim iracheno per essere processato per crimini contro l'umanità.

Durante il successivo processo, Saddam si sarebbe rivelato un imputato belligerante, sfidando spesso in modo clamoroso la corte's autorità e fare affermazioni bizzarre. Il 5 novembre 2006, Saddam è stato dichiarato colpevole e condannato a morte. La sentenza è stata impugnata, ma alla fine è stata confermata da una corte d'appello. Il 30 dicembre 2006, a Camp Justice, una base irachena a Baghdad, Saddam è stato impiccato, nonostante la sua richiesta di essere fucilato. Fu sepolto ad Al-Awja, la sua città natale, il 31 dicembre 2006.




Nessun utente ha ancora commentato questo articolo.

Biografie di personaggi famosi.
La tua fonte di storie vere su personaggi famosi. Leggi biografie esclusive e trova connessioni inattese con le tue celebrità preferite.