'The Wizard of Lies' La storia di Bernie Madoff

  • Harry Morgan
  • 0
  • 3425
  • 41

Robert De Niro nel ruolo di Bernie Madoff nel film biografico della HBO 'Mago delle bugie.'

(Foto: Craig Blankehorn / Courtesy HBO)

Il biopic della HBO Mago delle bugie, che sarà presentato in anteprima domani, vede protagonista Robert De Niro nel ruolo di Bernard L. Madoff, il condannato finanziere che ha organizzato il più grande programma Ponzi nella storia degli Stati Uniti, per un valore di 64,8 miliardi di dollari sulla carta. Il film è basato sul libro del 2011 Wizard of Lies: Bernie Madoff and the Death of Trust (St. Martin & # x2019; s), scritto da New York Times la reporter Diana B. Henriques, che ha intervistato Madoff nella sua prigione della Carolina del Nord oltre a scambiare corrispondenza scritta. Una prodezza di saggistica narrativa completa che dettaglia la storia di Madoff e le mutevoli maree del mercato azionario statunitense, il lavoro di Henriques potrebbe aver facilmente generato una miniserie o documentario in più parti. (Una miniserie non correlata, Madoff, con Richard Dreyfuss e Blythe Danner, trasmesso su ABC all'inizio del 2016.) Invece, il film biografico della HBO, diretto da Barry Levinson (Buongiorno, Vietnam, Rain Man, Bugsy, ecc.) si concentra principalmente sul caso, iniziato nel dicembre 2008 nel periodo della crisi finanziaria, e sul suo impatto sui Madoff. 

Come consulente, Madoff ha ricevuto ingenti somme di denaro da investire, tuttavia ha filtrato i fondi di denaro per coprire i rimborsi dei clienti e finanziare la sua famiglia'stile di vita elegante. Senza una vera domanda sulla colpa di Madoff una volta che ha confessato, il film offre uno sguardo su come il crimine è stato portato a termine. Una sequenza memorabile, leggermente difficile da guardare, si concentra sulla difficile situazione degli obiettivi del programma & # x2014; le vittime del mondo reale vanno da lavoratori di modesti mezzi a ricchi investitori di hedge fund & # x2014; ma i membri della famiglia Madoff sono tenuti al quindi, con Mago delle bugie diventando una dura e fredda meditazione su come l'atto producesse increspature di alienazione, disfunzione emotiva e morte.

Come previsto, il film prende le libertà con materiale originale. Una scena che attribuisce un confronto tra la moglie Ruth Madoff (Michelle Pfeiffer) e l'attrice Goldie Hawn è posizionata come proveniente da Bernard quando in realtà proveniva da un amico. Un'altra scena unica del film mette in mostra i Madoff in un evento speciale a Montauk, le loro inquietanti dinamiche messe a nudo sotto una tenda da festa. La rappresentazione del finanziere di De Niro è quella di una mente stoica che, quando si trattava dei suoi figli, è anche un bullo e un manipolatore. Tuttavia mantiene una grande devozione dai suoi figli, in particolare il fratello maggiore Mark. La svolta di Pfeiffer mentre la moglie Ruth è particolarmente rassicurante, una figura che si rende conto che lei ha costruito il suo mondo attorno a marito e figli senza prendersi il tempo di coltivare una propria vita. 

Molti si sono chiesti se Ruth e i bambini fossero al corrente dei crimini del patriarca. Il film, seguendo la linea di pensiero presentata nel libro, sostiene che non erano a conoscenza, il che tuttavia non impedisce a un pubblico arrabbiato di cercare punizione in periodi economicamente pericolosi. Henriques appare sullo schermo come se stessa, intervistando un modesto Madoff in prigione e fungendo da sostituto per il pubblico. Considerando la portata del caso, la brevità del film lascia domande senza risposta: quante altre erano a conoscenza? Come sono andate alla fine le vittime di Madoff? Quali cambiamenti ha portato il caso alla loro visione del mondo? 

Ecco un piccolo esempio di fatti aggiuntivi che circondano Madoff, alcuni dei quali ricevono anche il trattamento dello schermo. 

Storia personale

Madoff è cresciuto a Laurelton, nel Queens, con un padre che era un imprenditore in difficoltà. Anche se a un certo punto stava pensando di perseguire la legge, Madoff abbandonò l'idea ed entrò nel mondo delle azioni da banco. Il suo primo resoconto di attività illecite risale al 1962, quando presumibilmente coprì la sua violazione delle linee guida del settore volte a proteggere i clienti da iniziative ad alto rischio. Madoff alla fine andò in arbitraggio e stabilì la propria ditta. Sarebbe diventato uno dei principali fautori dell'automazione per il commercio azionario negli anni '70 ed è stato anche un attore chiave nel collegamento del NYSE agli scambi regionali in altre parti del paese. Ironia della sorte, anche con la sua spinta tecnologica, un indizio che i rapporti di Madoff fossero fraudolenti si presentò sotto forma di estratti conto, che continuarono a essere stampati e spediti in un'epoca in cui i clienti di altre società di investimento potevano controllare i loro conti elettronicamente. 

Bernard L. Madoff lascia il Tribunale Federale degli Stati Uniti dopo un'audizione sulla sua cauzione il 14 gennaio 2009 a New York.

(Foto: TIMOTHY A. CLARY / AFP / Getty Images)

Origini del regime

Gran parte del caso Madoff rimane ancora un mistero. Una grande domanda ruota intorno quando è iniziata esattamente un'attività fraudolenta. Madoff sostenne che il sistema iniziò nel 1992, ma ci sono ampie prove dai resoconti di Henriques sul fatto che il regime avrebbe potuto iniziare significativamente prima. (Dopo l'intervista, il giornalista verrebbe a descrivere Madoff come un ingannatore principale.) Diversi altri dipendenti Madoff furono coinvolti nel caso, e il commerciante di arbitraggio David Krugel avrebbe testimoniato come parte di un motivo di colpevolezza che aveva iniziato a falsificare i documenti per l'azienda all'inizio degli anni '70. Sebbene Madoff affermasse di aver agito da solo, tale affermazione alla fine è stata contraddetta dagli atti e dalle testimonianze di Frank DiPascali Jr., come interpretato nel film da Hank Azaria, un impiegato che era in prima linea nella falsificazione di informazioni commerciali attraverso la tecnologia informatica. 

Michelle Pfeiffer come Ruth Madoff e Robert De Niro come Bernie Madoff in HBO'S 'Mago delle bugie.'

(Foto: Craig Blankehorn / Courtesy HBO)

Lasciar andare lo stile di vita sontuoso

Inizialmente gli anziani Madoff non sembravano comprendere o preoccuparsi del fatto che gli articoli acquistati e i fondi ricevuti con mezzi fraudolenti non potessero essere considerati legittimamente loro. Madoff provò a inviare assegni per un totale di 173 milioni di dollari ad amici e parenti una volta che si rese conto che il suo piano sarebbe stato scoperto, per poi essere fermato una volta che i suoi figli lo avessero ricevuto dopo aver ricevuto consulenza legale che potevano essere visti come complici. A un certo punto, prima di tentare il suicidio prendendo una grande quantità di Ambien (un atto che Ruth considererebbe un errore), i Madoff hanno inviato una serie di gioielli e oggetti personali ai propri cari. Oltre alle loro case e barche, gran parte dei Madoff & # x2019; oggetti personali sono stati messi all'asta nel corso degli anni dal Servizio Marshals degli Stati Uniti per fornire la restituzione alle vittime. 

Legami familiari e tragedia

Ruth inizialmente visitò suo marito in prigione, ma alla fine interruppe tutti i legami per tentare di ricostruire la sua relazione con i suoi figli, che non volevano alcuna relazione con il padre. Bernie continuò comunque a chiamare Ruth finché non cambiò il suo numero. Il destino dei figli di Madoff è inquietantemente tragico e di portata shakespeariana. Mark, che ha iniziato la sua e-newsletter, era noto per aver continuamente lottato con la costante attenzione dei media che ha ricevuto dal caso, il che ha spinto lui e sua moglie a cambiare il loro cognome in Morgan. Mark si è tolto la vita nel 2010. Il figlio minore Andrew, a cui era stato precedentemente diagnosticato un linfoma a cellule del mantello, ha dichiarato in un'intervista che lo stress irrefrenabile aveva fatto precipitare la ricomparsa della malattia. È morto di linfoma nel 2014. 

'Il mago delle bugie' anteprime su HBO il 20 maggio alle 20:00 ET. 

Di Clarence Haynes

Originario di New York, Clarence Haynes è una scrittrice e content manager i cui articoli si concentrano su arte, cultura e storia.

    ALTRE STORIE DALLA BIOGRAFIA

    Nelle news

    La vera storia dietro 'Commozione cerebrale'

    Con l'uscita di "Commozione cerebrale" il 25 dicembre, ecco uno sguardo alla vera storia del Dr. Bennet Omalu e alla sua battaglia per sensibilizzare sul problema del danno cerebrale nei giocatori in pensione della NFL.

    • Di Tim OttJun 17, 2019
    Nelle news

    La storia della zingara Rose Blanchard e sua madre

    La madre della zingara Rose Blanchard, Dee Dee, ha falsamente affermato che sua figlia soffriva di diverse malattie fino a quando la zingara ha organizzato il suo fidanzato per uccidere sua madre nel 2015.

    • Di Sara KettlerJul 17, 2019
    Nelle news

    The People We Lost in 2018

    Ecco uno sguardo ad alcuni dei leggendari musicisti, scrittori, attori, politici e imprenditori che si sono fatti da soli che sono morti quest'anno che hanno cambiato per sempre il mondo attraverso la loro arte visionaria e sforzi ispiratori.

    • Di Eudie PakJun 18, 2019
    Crimine e scandalo

    La vera storia dietro 'La vera storia'

    Basato sul caso reale di un assassino accusato e di un giornalista caduto in disgrazia, "True Story" rivela che "dire la verità" può essere un concetto sfuggente. Meglio attenersi ai fatti.

    • Di John CalhounJun 17, 2019
    Celebrità

    Schema Ponzi di Bernie Madoff: 6 vittime di celebrità

    Nel 2009, il consulente finanziario si è dichiarato colpevole di aver eseguito la più grande frode di investimento che il mondo abbia mai conosciuto, con molti nomi importanti come suoi clienti.

    • Di Eudie Pak, 24 giu 2019
    Nelle news

    'The Assassination of Gianni Versace': The True Story of His Tragic Death

    La tanto attesa seconda stagione di "American Crime Story" esamina gli eventi che hanno portato alla morte di Versace ed esplora il contesto culturale del suo omicidio, incluso il clima omofobico degli anni '90.

    • Di Meredith WorthenJun 18, 2019
    Nelle news

    La vera storia dietro 'The Zookeeper's Wife'

    L'eroismo della vita reale di Jan e Antonina Zabinski, che hanno contribuito a salvare 300 ebrei e ribelli durante l'Olocausto, è diventato un film di Hollywood.

    • Di Bio StaffJun 20, 2019
    Storia e cultura

    La vera storia dietro "The Post" di Spielberg

    In "The Post" di Steven Spielberg, Meryl Streep dà vita alla decisione di Katharine Graham del 1971 di far pubblicare al Washington Post i Pentagon Papers top secret. Tuttavia, c'è solo così tanto che un film può includere. Ecco la vera storia dietro "The Post".

    • Di Sara KettlerJun 21, 2019
    Celebrità

    Le canzoni socialmente consapevoli di Prince

    In onore di quello che sarebbe stato il sessantesimo compleanno di Prince, presentiamo un piccolo assaggio delle sue melodie che parlano ai contorni complessi della società e al modo in cui viviamo.

    • Di Clarence Haynes, 25 giu 2019
    Caricamento in corso ... Vedi di più



    Nessun utente ha ancora commentato questo articolo.

    Biografie di personaggi famosi.
    La tua fonte di storie vere su personaggi famosi. Leggi biografie esclusive e trova connessioni inattese con le tue celebrità preferite.