Black History Month Una foto rara e scialle reale Onore Harriet Tubman's Strength & Bravery

  • Morgan Ward
  • 0
  • 4231
  • 163

Harriet Tubman, chiamato & # x201C; Moses & # x201D; della sua gente, nota per essersi liberata e per innumerevoli altre persone dal giogo della schiavitù, è probabilmente la donna afroamericana più riconosciuta del XIX secolo. Oltre ad aiutare i fuggiaschi, ha prestato servizio come scout, spia, cuoco e infermiere per l'esercito dell'Unione durante la guerra civile. Sarah H. Bradford, un'autrice antebellum, ha registrato le prime biografie della vita di Tubman: Scenes nella vita di Harriet Tubman (1869) e Harriet, il Mosè del suo popolo (1886), sebbene Tubman insistesse su una revisione della prima per fornire ai lettori una cronologia più autentica. Tubman ha donato i proventi di questi libri per raccogliere fondi per gli afroamericani poveri e anziani. Oggi, il National Museum of African American History and Culture include nella sua collezione diversi manufatti relativi alla vita di Tubman tra cui il suo scialle, in mostra nella mostra Schiavitù e libertà, & # x201D; e una fotografia molto rara di un giovane Tubman.    

Harriet Tubman, circa 1885.

Dall'artista: Horatio Seymour Squyer, 1848-18 dic 1905 (National Portrait Gallery) [dominio pubblico], tramite Wikimedia Commons

La rinascita di Harriet Tubman

Nato in schiavitù come Araminta & # x201C; Minty & # x201D; Ross, intorno al 1820 o 1822, Tubman è cresciuto nel Maryland's Costa orientale. I suoi genitori, Harriet Green e Benjamin Ross, avevano una famiglia numerosa composta da circa nove figli. Non sappiamo dove sia caduta Tubman nell'ordine di nascita, ma sappiamo che ha assistito alla vendita di almeno due delle sue sorelle e che ha avuto un impatto duraturo su di lei. Le dure realtà della schiavitù perseguitarono la sua infanzia e, di conseguenza, fuggì per la prima volta all'età di sette anni. Con riluttanza è tornata dal suo schiavista dopo essersi nascosta in un maiale per quattro giorni. Durante l'adolescenza Tubman ha sofferto di un trauma cranico che l'ha quasi uccisa e ha lasciato cicatrici psicologiche e visibili per il resto della sua vita.    

Nel 1844, quando aveva circa vent'anni, sposò un uomo di colore libero di nome John Tubman. Cinque anni dopo, prese la decisione di liberarsi dalla schiavitù lasciando indietro suo marito. Come la verità di Sojourner, la decisione di Tubman era basata sulla fede. Attraverso la sua auto-liberazione, è rinata come & # x201C; Harriet, & # x201D; forse in onore di sua madre. Rimase fuggitiva nel Nord e in Canada fino all'abolizione nel 1865. Tubman lavorò con attivisti anti-schiavitù e aiutò altri a fuggire dalla schiavitù. Tornò a sud in tre occasioni per salvare la sua famiglia e fu delusa nel 1851 quando suo marito si rifiutò di unirsi a lei. 

Da quel momento in poi divenne una direttrice della Underground Railroad e viaggiò regolarmente negli stati del sud, portando gli schiavi afroamericani alla libertà. Fu molto attiva negli anni 1860, specialmente durante la guerra civile. Nel 1863, guidò un raid armato che portò alla liberazione di oltre 700 persone schiavizzate che vivevano vicino al fiume Combahee nella Carolina del Sud. Tubman morì nel 1913, nei suoi anni '90, circondato da persone care. Fu commemorata in un memoriale maestoso ben frequentato, con Booker T. Washington che teneva il discorso principale e fu seppellita con onori militari a Auburn, New York. 

Preservare Tubman's Vitalità in una foto rara

La maggior parte delle immagini esistenti di Tubman provengono dalla sua vita più tarda quando aveva sessant'anni. Tuttavia, l'anno scorso, dopo una procedura di gara, la NMAAHC e la Library of Congress hanno acquistato congiuntamente questa rara foto (una carta di visite o una piccola cartolina di circa 3x2 pollici) di Tubman.    

Carte-de-visite di Harriet Tubman, 1868-1869 

Foto: Collezione Benjamin F. Powelson del Museo Nazionale di Storia e Cultura afroamericana condivisa con la Library of Congress, 2017.30.4

Uno del museo'Per le acquisizioni più recenti, l'immagine faceva parte di un album fotografico compilato dalla abolizionista e insegnante Emily Howland. Oltre alla fotografia di Tubman, scattata dal fotografo Benjamin F. Powelson di Auburn, New York, l'album contiene immagini di altri abolizionisti, tra cui Lydia Marie Child. Tubman sembra essere sulla quarantina nella fotografia. Ad oggi, questa è l'immagine più giovane di Tubman di cui siamo a conoscenza e ci consente di vederla com'era alla fine del 1860. In questa foto in studio, Tubman è seduto su una sedia di legno, rivolto a destra, guardando leggermente fuori dalla telecamera. Una delle sue mani è posizionata sulla sedia, l'altra è in grembo appoggiata su una gonna a quadri di percalle. Ha un corpetto di colore scuro abbottonato al centro con forti arricciature sulle maniche. I suoi capelli sono divisi in mezzo e tirati indietro sulla nuca incontrando un colletto di pizzo bianco.

Un regalo della regina Vittoria 

Il secondo oggetto della collezione NMAAHC relativo a Tubman è lo scialle di pizzo bianco e lino di seta che le è stato regalato dalla regina Vittoria d'Inghilterra intorno al 1867, l'anno del Diamond Jubilee del Queens. Anche se Tubman non ha partecipato a questo evento speciale, si ritiene che la regina Vittoria abbia inviato lo scialle in regalo insieme ai dignitari medaglia commemorativi ricevuti per aver partecipato. Secondo due studiosi, la medaglia è stata fissata al vestito nero di Tubman ed è stata sepolta con esso. 

Scialle di pizzo e lino di seta donato ad Harriet Tubman dalla regina Vittoria, ca. 1897.

(Foto: Collezione del Museo Nazionale di Storia e Cultura Afroamericana Smithsonian, Dono di Charles L. Blockson, 2009.50.39)

Il potere della conservazione 

Questi manufatti ci avvicinano più che mai a Tubman come persona e come icona globale. La fotografia ci mostra Tubman come una donna vitale ed energica, una donna capace di guadare attraverso le paludi e sfidare la minaccia dei cacciatori di schiavi di condurre gli altri alla libertà. La fotografia sopravvive perché un abolizionista l'ha catalogata insieme alle immagini di altri abolizionisti, insegnanti e figure.

Pensa allo scialle: 30 anni dopo che Tubman salvò così tanta gente dal suo orribile destino, la regina Vittoria lo regalò a Tubman mostrandole ammirazione e rispetto. 

Lo scialle sopravvive perché i discendenti di Tubman lo hanno conservato abbastanza a lungo da presentarlo a un bibliofilo professionista, il Dr. Charles L. Blockson, che ha ritenuto degno di essere conservato come un tesoro nazionale per il popolo americano. Quando il Dr. Blockson ha donato lo scialle e diversi oggetti al museo nel 2009, non c'era un occhio secco nella stanza, poiché quelli che hanno partecipato hanno cantato Swing Low, Sweet Chariot, & # x201D; la canzone che Tubman avrebbe cantato pochi istanti prima di prendere il suo ultimo respiro. Quasi 100 anni dopo la sua sepoltura, lo staff del museo e tutti i presenti per la donazione, quel giorno sentirono un legame speciale con Tubman.

Il National Museum of African American History and Culture di Washington, DC, è l'unico museo nazionale dedicato esclusivamente alla documentazione della vita, della storia e della cultura afroamericana. I quasi 40.000 oggetti del Museo aiutano tutti gli americani a vedere come le loro storie, le loro storie e le loro culture sono modellate dal viaggio di un popolo e dalla storia di una nazione.

tag
termini:
Storia nera
Di Daina Ramey Berry

    ALTRE STORIE DALLA BIOGRAFIA

    Storia e cultura

    Mese della storia nera: foto di Booker T. Washington che simboleggia l'empowerment nero

    Nella nostra continua copertura del Black History Month, la storica Daina Ramey Berry chiede ai curatori del National Museum of African American History and Culture di condividere le straordinarie storie di importanti personaggi afroamericani. Oggi celebriamo l'educatore e influente leader Booker T. Washington e manufatti del lavoro della sua vita che rappresentavano l'indipendenza e il potere dei neri.

    • Di Daina Ramey BerryJun 17, 2019
    Storia e cultura

    Black History Month: foto di Frederick Douglass e della sua "stella polare" per il suo 200 ° compleanno

    Nella nostra continua copertura del Black History Month, la storica Daina Ramey Berry chiede ai curatori del National Museum of African American History and Culture di condividere le straordinarie storie di importanti personaggi afroamericani. Oggi, in occasione del suo duecentesimo compleanno, celebriamo l'abolizionista Frederick Douglass che ha usato il potere della sua immagine e delle sue parole per diffondere il suo messaggio di libertà e uguaglianza alle generazioni future.

    • Di Daina Ramey BerryJun 18, 2019
    Storia e cultura

    Black History Month: in che modo le prime fotografie svelano lo spirito indomito della verità del soggiorno abolizionista

    La storica Daina Ramey Berry ha chiesto ai curatori del Museo nazionale di storia e cultura afroamericana di condividere le storie straordinarie di importanti personaggi afroamericani. Oggi scopri la verità sulla schiava trasformata in abolizionista Sojourner e su come ha controllato la propria immagine per sostenere il suo attivismo.

    • Di Daina Ramey BerryJun 25, 2019
    Storia e cultura

    Mese della storia nera: come la gioventù nera ha avuto un impatto sul movimento per i diritti civili

    Nell'ultimo giorno del Black History Month, diamo un'occhiata a come i giovani hanno giocato un ruolo chiave nel primo movimento per i diritti civili.

    • Di Greg TimmonsJun 25, 2019
    Storia e cultura

    Fatti poco noti sulla storia nera

    Febbraio è il mese della Black History, il che significa che ogni anno ricordiamo gli afro-americani che hanno fatto la storia e reso l'America come è oggi. Ecco 120 fatti che potresti non conoscere.

    • Di Bio StaffJun 24, 2019
    Storia e cultura

    Black History Unsung Heroes: Dr. Percy Julian

    Il Dr. Percy Julian ha affrontato razzismo, disuguaglianza e numerose sfide per diventare uno dei chimici più influenti nella storia americana.

    • Di Sara KettlerJun 25, 2019
    Storia e cultura

    Black History Unsung Heroes: Claudette Colvin

    Da adolescente ha fatto la storia, ma ci sono voluti decenni per essere riconosciuta per il suo coraggio e risultati.

    • Di Sara KettlerJun 17, 2019
    Storia e cultura

    Celebrando le donne scienziate nere

    Nella nostra copertura continua che celebra il Black History Month, scopri alcune delle donne scienziate afroamericane meno conosciute che hanno avuto impatti rivoluzionari nei rispettivi campi.

    • Di Meredith WorthenJun 14, 2019
    Storia e cultura

    Jean-Michel Basquiat e 9 artisti visivi neri che hanno rotto le barriere

    Che siano scultori, pittori, fotografi, registi o illustratori, gli artisti visivi afroamericani si sono fatti un nome nel corso della storia.

    • Di Eudie PakJun 18, 2019
    Caricamento in corso ... Vedi di più



    Nessun utente ha ancora commentato questo articolo.

    Biografie di personaggi famosi.
    La tua fonte di storie vere su personaggi famosi. Leggi biografie esclusive e trova connessioni inattese con le tue celebrità preferite.