Biografia di Chester A. Arthur

  • Russell Fisher
  • 0
  • 3831
  • 300
Chester A. Arthur era il 21 ° presidente degli Stati Uniti. Ha servito come vice presidente quando il presidente James Garfield è stato assassinato e successivamente è entrato alla presidenza.

Sinossi

Chester A. Arthur nacque il 5 ottobre 1829 a North Fairfield, nel Vermont. Eletto vicepresidente con il biglietto repubblicano del 1880, Arthur aderì alla presidenza dopo l'assassinio del presidente James A. Garfield. Come presidente, sostenne il Pendleton Civil Service Act (1883), che prevedeva la nomina aperta e la promozione dei dipendenti federali basati sul merito piuttosto che sul patrocinio. Arthur morì a New York City il 18 novembre 1886.

Primi anni di vita

Chester Alan Arthur era il secondo figlio di Malvina (Stone) Arthur e del reverendo William Arthur, un predicatore abolizionista battista appassionato, emigrato dall'Irlanda. Nato a North Fairfield, nel Vermont, la sua famiglia si trasferì a New York e nel Vermont, mentre suo padre predicava in varie città e villaggi. In tutto Arthur'Nel corso della carriera politica, si vociferava, sebbene mai provato, che fosse effettivamente nato a Bedford, Quebec, Canada.

Chester A. Arthur ha frequentato la scuola a Union Village, New York, e successivamente si è iscritto all'Union College di Schenectady, dove ha mostrato più interesse per le attività extracurricolari e la politica rispetto ai suoi studi. Dopo la laurea nel 1848, ha insegnato a scuola per un po '. Successivamente è stato ammesso al bar e ha praticato la legge a New York City. Nel 1859, sposò Ellen Herndon. La coppia avrebbe avuto tre figli, uno dei quali è morto all'età di 3 anni.

La vita come agente politico

Dopo la guerra civile, Chester A. Arthur divenne un associato del capo del partito repubblicano e del senatore degli Stati Uniti Roscoe Conkling, che usò il patrocinio politico e la disciplina del partito per far avanzare il suo potere e il partito repubblicano a New York. Arthur, con le sue superbe capacità organizzative e amministrative, ha contribuito a fornire supporto alla macchina politica di Conklin. Come collezionista della dogana di New York, ha sorpassato posizioni con agenti politici fedeli a Conklin.

Nel 1878, il presidente Rutherford B. Hayes tentò di riformare il sistema di patrocinio e estromise Chester A. Arthur dall'incarico. Come rimborso, Conklin fece in modo che Arthur fosse sul biglietto repubblicano con il candidato alla presidenza James A. Garfield nel 1880. Sei mesi dopo la sua inaugurazione, Garfield fu assassinato, e Arthur divenne successivamente il 21 ° presidente degli Stati Uniti.

presidente degli Stati Uniti

In diverse occasioni come presidente, Chester A. Arthur ha abbandonato la sua immagine di semplice operatore politico. Mentre il Partito Repubblicano di solito proteggeva le grandi imprese, Arthur sosteneva di abbassare le tariffe per aiutare ad alleviare gli agricoltori indebitati e i consumatori della classe media. Nel 1882, ha posto il veto a un progetto di barile di maiale noto come Rivers and Harbour Act, credendo che le eccedenze federali dovessero andare a sgravi fiscali piuttosto che alle spese del governo. Nel 1883, divenne un campione della riforma del servizio sociale, firmando in legge il Pendleton Act, che istituì una Commissione di servizio civile bipartisan.

Sebbene un fedele partito politico operativo e promotore del sistema di patrocinio durante la sua precedente carriera politica, come presidente, Chester A. Arthur dimostrò di essere al di sopra della politica del partito istituendo una riforma politica.

Vita privata

Arthur trascorse più tempo nella sua vita sociale e carriera politica che con la sua famiglia. Sua moglie Ellen morì nel 1880 e Arthur entrò alla Casa Bianca vedovo. Divenne un po 'dandy nel suo abito e nella sua cerchia sociale a Washington, D.C. si lamentò della condizione fatiscente della Casa Bianca e assunse Louis Comfort Tiffany per rimodellarlo in un luogo da spettacolo.

Anni finali

Arthur mantenne il segreto di soffrire di Bright'malattia di s, un disturbo renale fatale, per diversi anni. lui didn'Non ricevere la sua festa'S nomina per un secondo mandato come presidente e nel 1885 tornò alla sua pratica legale a New York City. Man mano che la sua salute diminuiva, ordinò che tutti i suoi documenti, sia personali che professionali, venissero bruciati.

Arthur morì il 18 novembre 1886, all'età di 57 anni.




Nessun utente ha ancora commentato questo articolo.

Biografie di personaggi famosi.
La tua fonte di storie vere su personaggi famosi. Leggi biografie esclusive e trova connessioni inattese con le tue celebrità preferite.