Capo Joseph Il tragico viaggio che ha portato alla sua famosa resa

  • Mark Lindsey
  • 31
  • 4492
  • 1301

Capo Giuseppe. (Foto: MPI / Getty Images)

Si chiamava Nez Perce War, ma per i nativi della Wallowa Valley era una lotta per la sopravvivenza. Nel 1877 il governo federale fece pressioni sul Nez Perce affinché rinunciasse a milioni di acri delle loro terre d'origine per alimentare la corsa all'oro. Rifiutando di essere costretto a una riserva, una banda di circa 700 uomini, donne, bambini e anziani camminò per 1.400 miglia da quello che ora è l'Oregon orientale, attraversando l'Idaho, il Montana e il Wyoming nel tentativo di raggiungere il Canada. Lungo la strada, affrontarono stanchezza e fame mentre combattevano 2.000 soldati statunitensi.

Purtroppo, non hanno mai raggiunto il loro obiettivo. A soli 40 miglia dal confine canadese, il gruppo si trovò circondato dall'esercito americano. A quel punto, il clima gelido, i rifornimenti in diminuzione e le interminabili miglia di terreno spietato avevano messo a dura prova. In questo giorno del 1877, la guerra finì quando il capo Joseph si arrese al generale statunitense Nelson A. Miles, pronunciando notoriamente: "Da dove ora sorge il sole, non combatterò più per sempre".

Un guerriero Nez Perce. (Foto: Edward S. Curtis tramite Wikimedia Commons)

Si chiamano Nimipu, le persone vere. Molto prima che i coloni bianchi si avventurassero nel loro territorio, il Nez Perce occupava circa 28.000 miglia quadrate. Esperti nell'allevamento di cavalli, si arrampicarono in cima alle loro appaloosas e vagarono attraverso i vasti tratti di praterie a ovest delle Montagne Rocciose. Durante tutto l'anno, avrebbero viaggiato fino a dove il cibo era più disponibile; attraversando i monti Bitterroot per cacciare bufali, pescare il salmone nel fiume Columbia e raccogliere la radice di camas vicino al fiume Clearwater.

Chiamata Nez Perce dai commercianti di pellicce francesi canadesi, la tribù intrattenne relazioni pacifiche con gli estranei. Quando Lewis e Clark incontrarono per la prima volta il Nez Perce nel 1805, gli esploratori stanchi e affamati furono accolti con un pasto a base di bufalo, salmone essiccato e pane di Camas. La tribù intrattenne forti relazioni con i membri della loro spedizione, scambiandosi doni e trasmettendo conoscenze locali, come la costruzione di canoe.

Tribù di Nez Perce e un Appaloosa, intorno al 1895. (Foto: dominio pubblico via Wikimedia Commons)

Ma alla fine quelle relazioni iniziarono a logorarsi. Sebbene avessero dato il benvenuto a commercianti, missionari ed esploratori, il Nez Perce sentì presto l'ondata di marea in arrivo quando iniziarono ad apparire più bianchi, attratti dalle ricche risorse della loro casa ancestrale. Il capo Joseph una volta osservò: & # x201C; è sempre stato l'orgoglio del Nez Perce che erano amici degli uomini bianchi. Ma presto scoprimmo che gli uomini bianchi stavano diventando molto ricchi molto velocemente ed erano avidi di possedere tutto ciò che l'indiano aveva ".

Nel 1855, i capi firmarono a malincuore un trattato con il governo degli Stati Uniti, dando loro una riserva che includeva la maggior parte delle loro terre d'origine tradizionali. Ma poco dopo, l'oro fu trovato nel loro territorio - una tragica scoperta per il Nez Perce. Decine di migliaia di americani si precipitarono alla loro riserva, in violazione del trattato. Il governo degli Stati Uniti fece pressioni sulla tribù affinché firmasse un nuovo trattato, che toglieva il 90% della terra alla tribù. Alcuni gruppi hanno aderito. Altri, incluso il gruppo del capo Joseph, non lo fecero. Costretto a lasciare la terra dei loro antenati, il gruppo fu trasferito in Idaho. Durante il loro viaggio, si riteneva che tre giovani guerrieri Nez Perce avessero massacrato una banda di coloni bianchi. Temendo ritorsioni da parte dell'esercito americano, il capo aiutò a condurre uno dei grandi ritiri nella storia militare americana.

Sebbene fosse una vittoria per l'esercito degli Stati Uniti, per il Nez Perce la guerra fu una tragedia. Costretto a lasciare la terra dei propri antenati, il gruppo viaggiò attraverso il deserto incessante per oltre tre mesi. Molti furono uccisi, i cavalli persi e infine i membri della tribù furono fatti prigionieri o mandati in esilio.

Ancora oggi, capo Giuseppe'il famoso discorso di resa lo immortala come un grande leader durante un periodo profondamente tragico:

Capo Giuseppe con la sua famiglia, intorno al 1880. (Foto: di F. M. Sargent [dominio pubblico], via Wikimedia Commons)


Sono stanco di combattere. I nostri capi vengono uccisi. Looking Glass è morto. Toohoolhoolzote è morto. I vecchi sono tutti morti. Sono i giovani che dicono "Sì" o "No". Chi ha guidato i giovani [Olikut] è morto. Fa freddo e non abbiamo coperte. I bambini si stanno congelando a morte. La mia gente, alcuni di loro, è scappata sulle colline e non ha coperte, né cibo. Nessuno sa dove siano - forse si sta congelando a morte. Voglio avere il tempo di cercare i miei figli e vedere quanti di loro riesco a trovare. Forse li troverò tra i morti. Ascoltami, miei capi! Sono stanco. Il mio cuore è malato e triste. Da dove ora sorge il sole non combatterò più per sempre.

Di B. Myint

    ALTRE STORIE DALLA BIOGRAFIA

    Storia e cultura

    Capo Giuseppe: con le sue stesse parole

    Il 5 ottobre 1877, il capo Joseph si arrese formalmente alle truppe statunitensi dopo che lui e la sua tribù, il Nez Perce, combatterono e sconfissero i loro nemici durante un ritiro di 1.400 miglia lungo tre mesi lungo l'Occidente nella speranza di raggiungere il Canada. Erano a sole 40 miglia di distanza dal confine quando alla fine si arresero.

    • Di Bio StaffJun 17, 2019
    Storia e cultura

    Il simbolismo di Kooky sulla copertina dell'album "Abbey Road" dei Beatles

    L'8 agosto 1969, il fotografo Iain Macmillan cattura i Beatles che attraversano la strada fuori dal loro studio di Abbey Road. La foto diventa una delle copertine degli album più iconiche della musica.

    • Di B. MyintSep 6, 2019
    Storia e cultura

    Christy Brown: The Tragic Ending hanno lasciato il mio piede sinistro

    Sebbene la versione cinematografica del 1989 dell'autobiografia di Brown si concluda con una nota alta - con l'artista che condivide una bottiglia di champagne con la donna che sarebbe diventata sua moglie, Mary Carr - la sua vita, purtroppo, non ebbe un finale a Hollywood.

    • Di B. MyintJun 17, 2019
    Storia e cultura

    50 ° anniversario dell'assassinio di Malcolm X: la sua eredità sopravvive

    Il 21 febbraio segna il 50 ° anniversario dell'assassinio di Malcolm X. In questa occasione, dai uno sguardo alla vita e all'eredità di questo attivista per i diritti civili afroamericano.

    • Di Jessica Murphy, 24 giu 2019
    Storia e cultura

    Il "vero" Elephant Man: uno sguardo alla vita di Joseph Merrick

    Le deformità fisiche estreme di Joseph Merrick lo hanno reso un'attrazione da baraccone nella vita e l'affascinante soggetto di produzioni teatrali e cinematografiche postume, incluso l'attuale spettacolo di Broadway con Bradley Cooper. Ecco uno sguardo alla tragica vita reale che ha ispirato "The Elephant Man".

    • Di David ShewardJun 21, 2019
    Storia e cultura

    5 fatti sui fratelli Grimm

    Con la nuova versione cinematografica di "Into the Woods" e programmi TV come "C'era una volta" e "Grimm", è chiaro come la pantofola di vetro di Cenerentola che le fiabe sono calde grazie, in parte, ai fratelli tedeschi che le hanno fatte così popolare.

    • Di B. Myint, 27 giu 2019
    Storia e cultura

    'Suffragette': le vere donne che hanno ispirato il film

    Scopri sei donne della vita reale (più un uomo) che hanno combattuto per il diritto di voto delle donne.

    • Di Sara KettlerJun 17, 2019
    Storia e cultura

    Charles Darwin: 5 fatti sul padre dell'evoluzione

    Oggi, in occasione dell'anniversario della nascita di Charles Darwin, osserviamo una selezione naturale di cinque fatti poco noti sull'uomo dietro la teoria dell'evoluzione.

    • Di B. MyintJun 17, 2019
    Storia e cultura

    Si Se Puede! 7 fatti su Dolores Huerta

    Ecco alcuni fatti sull'attivista straordinario dietro le parole "Sì, possiamo."

    • Di B. MyintJun 17, 2019
    Caricamento in corso ... Vedi di più



    PennyMisa ([email protected])
    29.11.22 00:10
    what are the best essay writing services [url="https://buytopessays.com"]service essay writing[/url] reliable essay writing service
    ChelsaeMisa ([email protected])
    27.11.22 14:57
    write my essay org [url="https://buy-eessay-online.com"]college essay help nyc[/url] college essay review services
    NaniceMisa ([email protected])
    26.11.22 05:40
    college essay writing company [url="https://buyacademicessay.com"]reviews of essay writing services[/url] custom essay toronto
    CharitaMisa ([email protected])
    24.11.22 20:23
    best writing essay [url="https://bestsessays.org"]lord of the flies essay help[/url] cheap essay writing service online
    AshlenMisa ([email protected])
    23.11.22 12:43
    college essay writing help [url="https://bestessaysden.com"]best essay writer[/url] essay on helping poor people
    Biografie di personaggi famosi.
    La tua fonte di storie vere su personaggi famosi. Leggi biografie esclusive e trova connessioni inattese con le tue celebrità preferite.