La vita segreta di Coco Chanel come agente nazista

  • Scott Jenkins
  • 0
  • 3042
  • 735

Grazie alla sua introduzione del vestitino nero, degli abiti firmati e del profumo Chanel n. 5, Coco Chanel ha il merito di trasformare i gusti sartoriali per la donna moderna del 20 ° secolo, il suo nome diventa sinonimo di impeccabile senso della moda.

Negli ultimi anni, tuttavia, la disponibilità di documenti del governo francese declassificati ha rivelato il suo lavoro segreto per l'intelligence militare nazista durante la seconda guerra mondiale.

Chanel è cresciuto in condizioni di povertà, ma è salito nelle file della società all'inizio della seconda guerra mondiale  

Nata in povertà nel 1883 e mandata in un convento-orfanotrofio all'età di 12 anni, Chanel ha superato i suoi primi inizi per debuttare con le sue donne visionarie's indossare dalla prima guerra mondiale.

La sua ascesa meteorica la spinse nella stratosfera dell'Europa'le figure più potenti e influenti. Insieme a chiacchiere con luminari artistici come Pablo Picasso e Serge Diaghilev, divenne amica di Winston Churchill e amante di Hugh Richard Arthur Grosvenor, il duca di Westminster.

Chanel'la posizione di rilievo e le connessioni l'hanno aiutata a riprendere il controllo della sua vita in un momento cruciale, come Adolph Hitler'Le forze di s iniziarono a chiudersi sulla Germania'vicini di casa alla fine degli anni '30.

Hugh Richard Arthur Grosvenor, il duca di Westminster, Coco Chanel e Winson Churchilll

Foto: Hulton Archive / Getty Images

Chanel uscì con un ufficiale militare tedesco

Dopo che i nazisti presero il controllo di Parigi nel 1940, Chanel si unì al barone Hans Günther von Dincklage, un ufficiale di Abwehr, l'intelligence militare tedesca. La loro storia d'amore ha permesso a Chanel di trasferirsi in confortevoli alloggi a Parigi' L'Hôtel Ritz, poi raddoppiato come quartier generale tedesco, la tenne saldamente radicata nell'alta società, che era stata anche infiltrata da ufficiali tedeschi.

Chanel'Le relazioni con Dincklage le hanno anche permesso di affrontare importanti questioni personali. Il più urgente fu il suo bisogno di assistere alla liberazione di suo nipote André Palasse, che fu imprigionato in uno stalag tedesco nel 1940.

Poi c'erano i suoi interessi commerciali: dal 1924, quando la famiglia ebrea Wertheimer aveva sostenuto il lancio della sua linea di profumi in cambio della maggior parte dei profitti, la maison della moda aveva cercato di rinegoziare le cose a condizioni più favorevoli. Ora, con le leggi di "arianizzazione" che obbligano gli ebrei a rinunciare ai loro affari, Chanel ha visto l'opportunità di rivendicare un ramo redditizio del suo impero.

Chanel divenne l'agente Abwehr F-7124 nel 1941

Dincklage presentò il suo amante a un altro importante agente dell'Abwehr, il barone Louis de Vaufreland, che avrebbe promesso di aiutare Chanel a liberare suo nipote in cambio del suo servizio a Berlino. Nel 1941, Chanel fu registrata come agente F-7124, con il nome in codice di "Westminster", dopo la sua precedente fiamma.

Incaricato di ottenere "informazioni politiche" dai colleghi di Madrid, Chanel si recò nella città spagnola per alcuni mesi a metà del 1941 con Vaufreland, sotto le sembianze di affari. Secondo Hal Vaughn'libro di s Dormendo con il nemico, c'è un resoconto della sua cena con il diplomatico britannico Brian Wallace, durante il quale ha discusso casualmente la vita nella Parigi occupata e l'animosità che francesi e tedeschi hanno tenuto l'uno verso l'altro.

esso's non è chiaro se Chanel'Le interazioni a Madrid hanno spostato l'ago in qualche modo, ma apparentemente erano abbastanza per impressionare i supervisori di Abwehr e guadagnare il rilascio di Palasse.

Tuttavia, il suo desiderio di recuperare i profitti del suo profumo raggiunse un punto morto, quando apprese che i Wertheimer avevano trasferito il controllo della società a un francese non ebreo di nome Félix Amiot prima di fuggire negli Stati Uniti.

Fu cacciata come spia tedesca nel 1944

Tra la fine del 1943 e l'inizio del 1944, con la marea che si ribellava contro la Germania, Chanel fu intercettato per un'altra missione dal generale Walter Schellenberg delle SS. Chiamato "Operation Modellhut" & # x2013; Tedesco per "cappello modello" & # x2013; doveva usare la sua connessione personale con Churchill, ora in Inghilterra'primo ministro, per dire che molti alti ufficiali delle SS stavano cercando di porre fine allo spargimento di sangue.

Chanel organizzò il rilascio di Vera Lombardi, una sua amica comune e Churchill's, da una prigione italiana. Viaggiarono a Madrid con Dincklage, dove Lombardi fu incaricato di consegnare Chanel'lettera s a Churchill presso l'ambasciata britannica.

Tuttavia, questo piano fu fatto saltare quando Lombardi denunciò Chanel e i suoi collaboratori come spie tedesche. Lombardi fu riportato in custodia, anche se Chanel riuscì a tornare in sicurezza a Parigi.

Chanel sfuggì alla punizione e cancellò la prova delle sue azioni che la legarono ad Abwehr

Nell'agosto del 1944, pochi mesi dopo il fiasco di Madrid, le forze francesi rivendicarono Parigi dai tedeschi. Con la sua reputazione di "collaboratrice orizzontale", Chanel fu accolta per essere interrogata dinanzi al Free French Purge Committee, anche se fu rilasciata in breve tempo e fuggì prontamente in Svizzera.

Dopo la guerra'In conclusione, Chanel apparve in un tribunale francese per rendere conto delle testimonianze giurate di ufficiali tedeschi arrestati che la legarono ad Abwehr. Riuscì a liberarsi dai guai, confermando che Vaufreland aveva promesso di far uscire suo nipote dal carcere, ma altrimenti negando l'entità delle loro interazioni.

Secondo Dormendo con il nemico, Chanel si occupò anche di cancellare le prove delle sue azioni, ove possibile. Dopo aver appreso che un Schellenberg malato stava pianificando di pubblicare il suo libro di memorie, Chanel pagò le sue spese mediche e si assicurò che la sua famiglia fosse su basi finanziarie solide; il libro di memorie successivo non menzionava il suo coinvolgimento come agente.

Alla fine, Chanel non ha mai sopportato alcuna conseguenza per i suoi rapporti in guerra con i nazisti. Nel 1954 fece un celebre ritorno nel mondo della moda, aiutata dalla stessa famiglia Wertheimer che aveva combattuto per così tanti anni, e visse i suoi anni da celebrità, prima della sua morte all'Hôtel Ritz nel 1971.

Di Tim Ott

Tim Ott ha scritto per Biografia e altri siti A + E dal 2012.

    ALTRE STORIE DALLA BIOGRAFIA

    Storia e cultura

    Le pagine segrete del diario di Anne Frank

    La rivelazione di passaggi precedentemente nascosti nel 2018 ha rivelato che c'era ancora molto da imparare sul famoso documentarista dell'oppressione nazista.

    • Di Tim OttJun 16, 2019
    Storia e cultura

    La vita movimentata di Roald Dahl prima di diventare un amato autore di libri per bambini

    Prima di scrivere "James and the Giant Peach", "Charlie and the Chocolate Factory", "Matilda" e altro, Roald Dahl era un pilota da combattimento e una spia durante la seconda guerra mondiale.

    • Di Sara KettlerJun 25, 2019
    Storia e cultura

    8 fatti alla moda su Coco Chanel

    Dai un'occhiata a questi otto fatti alla moda sul designer Coco Chanel che l'ha resa una controversia e una leggenda.

    • Di Araceli CruzJun 17, 2019
    Storia e cultura

    Erano simpatizzanti nazisti Edward VIII e Wallis Simpson?

    Avendo una relazione amichevole con Adolf Hitler, molti ipotizzarono che il Duca e la Duchessa di Windsor fossero coinvolti in un complotto per rovesciare la corona britannica durante la seconda guerra mondiale.

    • Di Barbara MaranzaniJun 20, 2019
    Storia e cultura

    La vita e la leggenda di Wild Bill Hickok

    Mentre Luke Hemsworth entra nel ruolo di Wild Bill Hickok sul grande schermo, diamo uno sguardo alla vita drammatica del leggendario pistolero.

    • Di Tim OttJun 27, 2019
    Storia e cultura

    Come Roberto Clemente ha vissuto la vita al massimo prima di morire tragicamente in un incidente aereo

    L'icona del baseball è diventata uno dei grandi giocatori del suo sport e ha lasciato un'eredità definita dalla sua compassione e impegno per il benessere degli altri.

    • Di Tim OttSep 26, 2019
    Storia e cultura

    Mata Hari era una spia o un capro espiatorio?

    Più di un secolo dopo la sua esecuzione con accuse di spionaggio durante la prima guerra mondiale, continua il dibattito sulla colpa o l'innocenza della leggendaria Mata Hari.

    • Di Barbara Maranzani, 24 giu 2019
    Storia e cultura

    L'incredibile storia d'amore di Ruth Bader e Marty Ginsburg

    L'ascesa al vertice del giudice della Corte Suprema fu aiutata da un collega brillante mente legale e compagno inseparabile di oltre 50 anni.

    • Di Tim OttJun 25, 2019
    Storia e cultura

    Gli ultimi giorni di Abraham Lincoln

    Il Grande Emancipatore stava crogiolandosi nel trionfo di una vittoria della Guerra Civile e nella promessa di riaccendere i sogni quando incontrò la sua scioccante fine.

    • Di Tim OttJun 14, 2019
    Caricamento in corso ... Vedi di più



    Nessun utente ha ancora commentato questo articolo.

    Biografie di personaggi famosi.
    La tua fonte di storie vere su personaggi famosi. Leggi biografie esclusive e trova connessioni inattese con le tue celebrità preferite.