Intrigo di guerra fredda La vera storia di 'Bridge of Spies'

  • Elmer Riley
  • 0
  • 1598
  • 248

In "Bridge of Spies", Tom Hanks interpreta James Donovan, l'avvocato che ha difeso una spia russa e poi ha negoziato il suo scambio con un pilota americano detenuto dall'Unione Sovietica. 

Steven Spielberg's nuovo film Bridge of Spies drammatizza un incredibile scambio di spie che ha avuto luogo al culmine della guerra fredda. Ha come protagonista Tom Hanks nel ruolo dell'avvocato James Donovan, un uomo che per primo ha difeso un accusato agente russo, poi ha negoziato il suo scambio con un pilota americano detenuto dall'Unione Sovietica. Nel 1964, Donovan pubblicò un libro di memorie sulle sue esperienze indimenticabili chiamato Sconosciuti su un ponte, che è stato recentemente ripubblicato. 

Ecco uno sguardo ad alcuni degli eventi della vita reale e alle persone che hanno ispirato il film:

Arresto di una spia russa

Strangers on a Bridge è James Donovan'Memorie sull'incredibile scambio di spie che ha negoziato durante l'apice della guerra fredda. (Foto: Courtesy Scribner) 

Nel 1948, un agente dell'intelligence sovietica ben addestrato arrivò negli Stati Uniti. Usando l'alias Emil Goldfus, ha creato un artista's studio a Brooklyn come copertina. Mentre il suo vero nome era William Fisher, sarebbe diventato il più noto come Rudolf Abel.

Nel 1952, Abele ebbe la sfortuna di essere assegnato a un incompetente sostenitore: Reino Hayhanen. Dopo alcuni anni di forti bevute e senza risultati di raccolta di informazioni, a Hayhanen fu detto di tornare in Unione Sovietica. Temendo la punizione che le sue carenze avrebbero portato, Hayhanen chiese asilo all'ambasciata degli Stati Uniti a Parigi nel maggio 1957.

Una volta Abel aveva commesso l'errore di portare Hayhanen nel suo studio. Il disertore fu quindi in grado di dire all'FBI come trovare il suo superiore; il 21 giugno 1957, Abele fu arrestato in una stanza d'albergo di New York City.

Rudolf Abel'foto segnaletica dell'FBI. (Foto: FBI [dominio pubblico], tramite Wikimedia Commons)

James Donovan per la difesa

Dopo aver rifiutato di collaborare con il governo degli Stati Uniti, Abel fu accusato di accuse di spionaggio. Adesso aveva bisogno di un avvocato.

Difendere una presunta spia sovietica non fu un compito molto richiesto negli anni '50 in America. Ma la Brooklyn Bar Association conosceva proprio l'uomo per il lavoro: James B. Donovan.

Donovan era un avvocato assicurativo che'd ha lavorato per l'Ufficio dei servizi strategici (precursore della CIA) durante la seconda guerra mondiale. Ha anche lavorato come procuratore associato al principale processo di Norimberga. Soprattutto, credeva che tutti & # x2014; persino una sospetta spia & # x2014; meritava una vigorosa difesa e accettò l'incarico. (Sebbene Donovan e la sua famiglia abbiano subito alcune critiche, tra cui lettere arrabbiate e telefonate nel cuore della notte, il suo impegno a difendere Abele'i diritti di s sono stati ampiamente rispettati).

Il processo

Donovan, supportato da altri due avvocati, si affrettò a prepararsi per Abele's processo, iniziato nell'ottobre del 1957. Abel fu accusato di: 1) cospirazione per trasmettere informazioni militari e nucleari all'Unione Sovietica; 2) cospirazione per raccogliere queste informazioni; e 3) essere negli Stati Uniti senza registrarsi come agente straniero.

Prove contro Abele erano state trovate nella sua stanza d'albergo e nel suo studio; includeva radio ad onde corte, mappe delle aree di difesa degli Stati Uniti e numerosi contenitori scavati (come un pennello da barba, gemelli e una matita). Un'altra prova era un nichel vuoto che Hayhanen aveva perso poco dopo il suo arrivo a New York. (Nel 1953, un giornalista aveva trovato il nichel e il microfilm che conteneva.)

Nonostante i tentativi di Donovan di spiegare o minimizzare queste prove & # x2014; menzionò che molti atti magici usavano monete vuote & # x2014; e uno sforzo per screditare Hayhanen, Abel fu condannato per tutti e tre i motivi il 25 ottobre 1957.

James Donovan (seduto, a sinistra) rappresenta Rudolf Abel (seduto, a destra) nella corte federale di Brooklyn nel 1957. (Foto: Bettmann / Getty Images)

Prigione o morte?

Dopo la sua condanna, Abele dovette affrontare più della prigione: la trasmissione di informazioni strategiche in un paese straniero comportava una potenziale condanna a morte. Donovan ora doveva lottare per la vita del suo cliente. 

Fortunatamente, l'avvocato era abbastanza previdente da sostenere che potrebbe essere una buona idea tenere una spia in giro: "È possibile che in un futuro prevedibile un americano di grado equivalente venga catturato dalla Russia sovietica o da un alleato; in quel momento un lo scambio di prigionieri attraverso canali diplomatici potrebbe essere considerato nel migliore interesse nazionale degli Stati Uniti ".

Donovan ha vinto questa battaglia & # x2014; il 15 novembre 1957, il giudice Mortimer Byers condannò Abel a 30 anni' detenzione, non morte, con l'accusa più grave.

Un nichel cavo (a sinistra) contenente microfilm (a destra) è stato usato come prova per condannare Rudolf Abel. (Foto: FBI [dominio pubblico], tramite Wikimedia Commons)

Appello alla Corte suprema

Mentre Abel andava in prigione, Donovan continuava a lavorare sul suo cliente'per conto di. Abel era stato arrestato e trattenuto dagli ufficiali del Servizio immigrazione e naturalizzazione, ma gli agenti dell'FBI lo avevano interrogato e perquisito la sua camera d'albergo senza ottenere un mandato. Donovan credeva che questo violasse le protezioni del Quarto emendamento contro la ricerca e il sequestro irragionevoli e ha presentato un ricorso in tal senso.

Anche se Abele era un cittadino straniero, Donovan & # x2014; e i tribunali & # x2014; credeva di meritare la piena protezione costituzionale e alla fine la Corte Suprema accettò di esaminare il caso. Ma il 28 marzo 1960, la Corte decretò da 5 a 4 contro Abele.

Cattura di un pilota americano

Dopo che il suo appello fallì, sembrava che Abel potesse passare decenni in prigione. Quindi il pilota Francis Gary Powers fu abbattuto sull'Unione Sovietica il 1 ° maggio 1960. Powers aveva pilotato un aereo spia U-2 e funzionari sovietici lo avevano processato per spionaggio; ha ricevuto una condanna a 10 anni.

Quando Powers fu catturato, si parlò che poteva essere scambiato per Abel. Oliver Powers, il pilota's padre, ha persino scritto ad Abele di uno scambio. Nel 1961, Donovan ricevette una lettera dalla Germania dell'Est & # x2014; inviato con supervisione del KGB & # x2014; confermando quel lato's interesse per un affare. 

Il governo degli Stati Uniti era anche disposto a rinunciare ad Abel per i poteri. Tuttavia, aveva bisogno di qualcuno che mettesse a punto i dettagli.

Un viaggio rischioso

A Donovan è stato chiesto di negoziare lo scambio. Funzionari del governo gli dissero che Powers era la priorità, ma c'erano anche due studenti americani tenuti dietro la cortina di ferro: Frederic Pryor stava affrontando un processo nella Germania orientale per spionaggio e Marvin Makinen stava scontando un periodo in Russia per fotografare installazioni militari sovietiche.

A Donovan fu anche detto che non lo avrebbe fatto'lavorare a titolo ufficiale & # x2014; se qualcosa è andato storto durante i negoziati a Berlino est, lui'essere da solo. Tuttavia, ha deciso di rischiare. Senza dirlo a nessuno & # x2014; anche la sua famiglia & # x2014; dove stava davvero andando, Donovan si recò in Europa alla fine di gennaio del 1962.

Mark Rylance nei panni di Rudolf Abel e Tom Hanks nei panni di James Donovan in "Bridge of Spies".

Negoziati

Dopo essere arrivato a Berlino Ovest, Donovan fece diversi incroci a Berlino Est con il treno della S-Bahn. Doveva affrontare un guanto di guardie al confine della città divisa; ha anche incontrato una banda di strada e la polizia della Germania dell'Est in diverse occasioni. Eppure erano i suoi negoziati & # x2014; durante il quale ha avuto a che fare con rappresentanti sia sovietici che della Germania dell'Est & # x2014; quello era il più frustrante.

Ad un certo punto, l'avvocato della Germania dell'Est Wolfgang Vogel ha presentato un'offerta per scambiare Pryor con Abel, senza liberazione di Powers o Makinen. Quindi il funzionario sovietico Ivan Schischkin disse a Donovan che Makinen sarebbe stato rilasciato al posto dei poteri. Nessuna offerta era accettabile per gli Stati Uniti e Donovan minacciava di interrompere i negoziati.

Alla fine fu convenuto che Pryor sarebbe stato rilasciato separatamente, a cui sarebbe immediatamente seguito uno scambio di Poteri e Abele. (Makinen'il rilascio sarebbe arrivato nel 1963.)

Lo scambio

Il 10 febbraio 1962, Donovan, Abel e altri arrivarono al Ponte Glienicke, che collegava la Germania orientale e occidentale. Le parti americana e sovietica si incontrarono al centro del ponte alle 8:20 del mattino, ma dovettero attendere la conferma di Pryor's rilascio per completare lo scambio.

Alle 8:45 gli americani hanno finalmente saputo che Pryor era stato consegnato al Checkpoint Charlie, un punto di passaggio tra East e West Berlin. Abel e Powers furono scambiati ufficialmente alle 8:52 del mattino.

Di Sara Kettler

Da personaggi storici a celebrità di oggi, Sara Kettler ama scrivere di persone che hanno condotto vite affascinanti.

    ALTRE STORIE DALLA BIOGRAFIA

    Storia e cultura

    La vera storia dietro "The Post" di Spielberg

    In "The Post" di Steven Spielberg, Meryl Streep dà vita alla decisione di Katharine Graham del 1971 di far pubblicare al Washington Post i Pentagon Papers top secret. Tuttavia, c'è solo così tanto che un film può includere. Ecco la vera storia dietro "The Post".

    • Di Sara KettlerJun 21, 2019
    Storia e cultura

    Butch Cassidy e Sundance Kid: la vera storia dei famosi fuorilegge

    Membri del Wild Bunch, la vita e la morte dei ladri hanno ispirato il film del 1969 con Paul Newman e Robert Redford.

    • Di Hadley MearesAug 22, 2019
    Nelle news

    'Detroit': la vera storia dietro al film

    Con l'apertura di "Detroit" di Kathryn Bigelow, ripensiamo agli eventi della vita reale che hanno attanagliato la città 50 anni fa.

    • Di Sara KettlerJun 21, 2019
    Storia e cultura

    La vera storia di "Mark Felt: l'uomo che ha distrutto la Casa Bianca"

    Con l'apertura del film biografico Mark Felt, con Liam Neeson, diamo uno sguardo al vero ex agente dell'FBI che ha contribuito a esporre lo scandalo Watergate.

    • Di Sara Kettler, 6 agosto 2019
    Storia e cultura

    The Inside Story of Rudyard Kipling e 'The Jungle Book'

    Mentre un nuovo libro della giungla stellato arriva oggi sugli schermi dei film, ecco uno sguardo al classico originale e al suo creatore.

    • Di Wendy Mead, 25 giu 2019
    Celebrità

    Don Shirley e Tony Lip: la vera storia dietro la loro amicizia

    Il film "Green Book" si basa su un viaggio reale fatto dal pianista nero Donald Shirley e dal buttafuori bianco Tony Lip e dall'improbabile amicizia derivante dal viaggio.

    • Di Sara KettlerJun 17, 2019
    Crimine e scandalo

    La vera storia dietro 'La vera storia'

    Basato sul caso reale di un assassino accusato e di un giornalista caduto in disgrazia, "True Story" rivela che "dire la verità" può essere un concetto sfuggente. Meglio attenersi ai fatti.

    • Di John CalhounJun 17, 2019
    Storia e cultura

    "Battle of the Sexes": la vera storia di come Billie Jean King abbia colpito il mondo dello sport femminile

    L'atmosfera carnevalesca di "Battle of the Sexes" del 20 settembre 1973 smentiva l'importanza dell'evento per il grande tennis Billie Jean King e le generazioni di atlete che seguirono.

    • Di Tim OttSep 19, 2019
    Storia e cultura

    La vera storia dietro la Walk Walk del World Trade Center di Philippe Petit

    Ecco uno sguardo al "crimine artistico del secolo" di Philippe Petit, che ha ispirato i film "Man on a Wire" e "The Walk".

    • Di John CalhounAug 6, 2019
    Caricamento in corso ... Vedi di più



    Nessun utente ha ancora commentato questo articolo.

    Biografie di personaggi famosi.
    La tua fonte di storie vere su personaggi famosi. Leggi biografie esclusive e trova connessioni inattese con le tue celebrità preferite.