Dorothy Day Biografia

  • Elmer Riley
  • 0
  • 2924
  • 583
Dorothy Day era un'attivista che lavorava per cause sociali come il pacifismo e il suffragio femminile attraverso il prisma della Chiesa cattolica.

Sinossi

Incuriosita dalla fede cattolica per anni, Dorothy Day si è convertita nel 1927. Nel 1933, ha co-fondato Il lavoratore cattolico, un giornale che promuoveva gli insegnamenti cattolici che ebbe molto successo e generò il Movimento dei lavoratori cattolici, che affrontava le questioni della giustizia sociale. Day ha anche aiutato a creare case speciali per aiutare chi è nel bisogno.

Primi anni di vita

La scrittrice, editrice e riformatrice sociale Dorothy Day è nata l'8 novembre 1897 a New York City. La sua giornata è stata radicale durante il suo tempo, lavorando per cause sociali come il pacifismo e le donne's suffragio. Era il terzo di cinque figli nati dai suoi genitori, Grace e John, che lavorava come giornalista. La famiglia si trasferì in California per il suo lavoro quando Dorothy aveva 6 anni. In seguito vissero a Chicago.

Un brillante studente, Day è stato accettato all'Università dell'Illinois. Fu iscritta lì dal 1914 al 1916, ma abbandonò gli studi per trasferirsi a New York City. Lì, Day fu coinvolto con una folla letteraria e liberale in città's quartiere di Greenwich Village. Drammaturgo Eugene O'Neill era una delle sue amiche in quel momento. Day ha lavorato come giornalista, scrivendo per diverse pubblicazioni socialiste e progressiste negli anni '10 e '70 '20s. Ha intervistato una serie di personaggi pubblici interessanti della giornata, tra cui Leon Trotsky.

Giornalista e attivista

Socialmente e politicamente attiva, la Day è stata arrestata più volte per il suo coinvolgimento nelle proteste. Ha persino fatto uno sciopero della fame dopo essere stata incarcerata per aver protestato davanti alla Casa Bianca nel 1917 come parte di uno sforzo per garantire il diritto di voto alle donne.

Nella sua vita personale, Day ha vissuto un po 'di tumulto. Per un certo periodo è stata coinvolta con lo scrittore Lionel Moise. Dopo che Day rimase incinta, si arrese a Moise'insistenza sul fatto che lei abbia abortito, ma la relazione non lo ha ancora fatto't ultimo. Il giorno poi sposò un promotore letterario di nome Berkeley Tobey, con il quale visitò l'Europa, ma si separarono in un anno.

Usando le sue esperienze come attivista progressista e bohémien artistica, Day scrisse L'undicesima Vergine, un romanzo che fu pubblicato nel 1924. Fu anche in questo periodo che iniziò una relazione con Forster Batterham, biologo e anarchico. Mentre la coppia non si è mai sposata, hanno accolto una figlia di nome Tamar Teresa e Day ha fatto battezzare il bambino in una chiesa cattolica & # x2014; una decisione che l'ha avviata sulla via del suo risveglio spirituale. Alla fine del 1927, si convertì al cattolicesimo e lasciò Batterham, anche se in seguito si dolse per lui.

'Il lavoratore cattolico'

Il giorno incontrò Peter Maurin, un immigrato francese ed ex fratello cristiano, nel 1932. L'anno seguente fondarono Il lavoratore cattolico, un giornale che promuoveva gli insegnamenti cattolici ed esaminava le questioni sociali. La pubblicazione ebbe molto successo e generò il Movimento dei lavoratori cattolici, che seguì i suoi principi religiosi per affrontare le questioni di giustizia sociale. Come parte della fiducia del movimento nell'ospitalità, Day ha aiutato a creare case speciali per aiutare chi è nel bisogno.

Oltre a scrivere per Il lavoratore cattolico, Day ha anche scritto diverse opere autobiografiche. Spiegò la sua conversione religiosa nel 1938'S Da Union Square a Roma, scrivendo il libro come una lettera a suo fratello, un fervente comunista. Nel 1952, Day pubblicò la sua seconda autobiografia, La lunga solitudine.

Morte ed eredità

Dorothy Day ha dedicato gran parte della sua vita al servizio delle sue convinzioni socialiste e della sua fede adottiva. Morì il 29 novembre 1980, a New York City, a Maryhouse & # x2014; una delle case coloniali cattoliche che aveva aiutato a fondare. Il movimento che ha creato continua a prosperare fino ad oggi, con oltre 200 comunità negli Stati Uniti e altre 28 comunità all'estero.

Nel corso degli anni, il giorno'La storia della vita è stata oggetto di numerosi libri e film. Nel 1996, Moira Kelly l'ha interpretata nel film Angeli divertenti: The Dorothy Day Story. Martin Sheen l'ha interpretata Operaio Cattolico co-fondatore, Peter Maurin, nel film. Day è stato anche l'argomento del documentario del 2006 Dorothy Day: Don't Chiamami un santo

Nonostante quel documentario'Per quanto riguarda il titolo, molte persone hanno proposto che Day venga nominata santa per il suo attivismo sociale e il suo impegno nella sua fede. Nel 2015, Papa Francesco l'ha definita una dei "quattro grandi americani", insieme ad Abraham Lincoln, Martin Luther King Jr. e Thomas Merton.




Nessun utente ha ancora commentato questo articolo.

Biografie di personaggi famosi.
La tua fonte di storie vere su personaggi famosi. Leggi biografie esclusive e trova connessioni inattese con le tue celebrità preferite.