Biografia di Geraldine A. Ferraro

  • Joseph Wood
  • 0
  • 3635
  • 179
Geraldine A. Ferraro era un membro del Congresso e la prima donna a candidarsi per la vice presidenza degli Stati Uniti su una grande piattaforma del partito.

Sinossi

Nata il 26 agosto 1935 a Newburgh, New York, Geraldine A. Ferraro ha lavorato come assistente procuratore distrettuale prima di essere eletta democratica alla Camera dei Rappresentanti degli Stati Uniti nel 1978. Ferraro è stata la prima donna a presiedere il suo partito's 1984 comitato di piattaforma e la prima nominata vicepresidente femminile, in esecuzione con Walter Mondale. In seguito ha lavorato per le Nazioni Unite e con Hillary Clinton. Muore il 26 marzo 2011 a Boston, nel Massachusetts.

Sfondo di New York

Nata il 26 agosto 1935 a Newburgh, New York, Geraldine Anne Ferraro aprì una nuova strada per le donne nel 1984 come prima vicepresidente femminile in carica presidenziale per un importante partito politico. Di recente, tuttavia, ha fatto ondate con i suoi commenti sul senatore Barack Obama durante la battaglia per diventare il candidato presidenziale democratico del 2008. Di origini italo-americane della classe operaia, ha perso suo padre se aveva solo otto anni. Sua madre si trasferì con Ferraro e suo fratello nel South Bronx, dove lavorava come sarta.

Dopo aver frequentato la Marymount School, Geraldine A. Ferraro andò al Marymount Manhattan College all'età di 16 anni con una borsa di studio. Si laureò nel 1956 e poco dopo divenne insegnante nel sistema scolastico pubblico di New York City. Interessata a una carriera legale, Ferraro ha preso lezioni notturne alla Fordham University, dove ha conseguito la laurea in giurisprudenza nel 1960.

Nello stesso anno, Ferraro sposò l'agente immobiliare John Zaccaro. La coppia ebbe tre figli, Donna, John Jr. e Laura. Mentre i suoi figli erano piccoli, lavorava in uno studio privato. Nel 1974, Ferraro iniziò la sua carriera nel servizio pubblico, diventando assistente procuratore distrettuale nella Contea di Queens. Uno dei suoi contributi più importanti all'ufficio del procuratore distrettuale è stato la creazione dell'ufficio speciale per le vittime, che ha perseguito una varietà di casi che coinvolgono crimini contro bambini e anziani, nonché reati sessuali e abusi domestici.

Democratico in aumento

Democratica, Geraldine A. Ferraro fece la sua prima offerta per un incarico nel 1978, chiedendo l'elezione alla Camera dei Rappresentanti per il nono distretto di New York City. Nella sua terra natale del Queens, si è posizionata come un politico duro nei confronti del crimine e come una persona che ha capito le lotte della classe lavoratrice. Ferraro ha vinto le elezioni e si è dimostrato un democratico in aumento.

Durante i suoi tre mandati in carica, Ferraro ha combattuto per i diritti delle donne, sollecitando l'approvazione dell'emendamento sulla parità di diritti. Inoltre è diventata una feroce avversaria del presidente Ronald Reagan e delle sue politiche economiche, opponendosi a possibili tagli ai programmi di sicurezza sociale e Medicare. Ferraro ha fatto parte di numerosi comitati, tra cui il comitato dei lavori pubblici e il comitato del bilancio. Come una delle poche donne al Congresso in quel momento, divenne un potente simbolo del movimento femminista.

All'interno del Partito Democratico, Ferraro si è evoluto in uno dei membri d'élite del partito. Nel suo secondo mandato, è stata scelta per essere la segretaria del Democratic Caucus, il che significava che aveva un ruolo nella pianificazione della direzione e delle politiche future del partito. Nel gennaio 1984, Ferraro divenne presidente del Comitato della piattaforma del Partito Democratico per la sua convenzione nazionale.

Candidato alla Presidenza

Più tardi quell'anno, Ferraro fu menzionato come possibile compagno di corsa per Walter Mondale, il candidato presidenziale democratico del 1984. Mondale era stato vicepresidente sotto il presidente Jimmy Carter ed era molto cauto nel fare la sua selezione. Alla fine decise di scegliere Geraldine Ferraro, che divenne la prima donna a ricevere la nomination vicepresidente da entrambi i paesi's due grandi feste. Mondale e Ferraro hanno fatto una coppia interessante & # x2014; era un Midwesterner, ed era una cattolica romana e una newyorkese.

Sulla scia della campagna, Ferraro era un'abile oratrice pubblica e di solito incontrava folle considerevoli ovunque andasse. Ma sia lei che Mondale stavano combattendo duramente contro gli storici operatori storici, il presidente Ronald Reagan e il vicepresidente George Bush. La loro causa non fu aiutata quando sorsero accuse di cattiva condotta finanziaria da parte di Ferraro; c'erano domande su come era stata finanziata la sua prima campagna congressuale, e poi altre storie sono nate su suo marito quando inizialmente si era rifiutato di rivelare le sue dichiarazioni fiscali. Mentre alla fine sono stati rilasciati tutti i documenti correlati, le speculazioni su Ferraro e suo marito hanno in qualche modo offuscato la sua reputazione.

Come molti avevano predetto, il biglietto Reagan-Bush vinse facilmente la rielezione. Ferraro finì il resto del mandato alla Camera, lasciando l'incarico nel 1985. Poco dopo scrisse un promemoria sulla campagna, Ferraro, la mia storia (1985).

Commenti controversi e anni successivi

Negli ultimi anni, Ferraro rimase attivo in politica. Ha servito come delegata supplente alla Conferenza mondiale sui diritti umani nel 1993 ed è stata nominata ambasciatrice degli Stati Uniti presso la Commissione per i diritti umani delle Nazioni Unite dal presidente Bill Clinton nel 1994. Ha anche ospitato la CNN's talk show politico Fuoco incrociato dal 1996 al 1998. Lavorando nel settore privato, Ferraro è stato partner del CEO Perspective Group e successivamente ha presieduto il Global Consulting Group's pratica degli affari pubblici. Nel 2007 è diventata preside della Blank Rome Government Relations LLC, fornendo consulenza ai clienti su varie questioni di ordine pubblico.

Nel 2008, Ferraro si è trovata nel mezzo di una frenesia mediatica. Lavorando come raccolta fondi per la promettente presidenza democratica Hillary Clinton, Ferraro ha detto al quotidiano Torrance, California Brezza giornaliera che lo status di leader di Clinton'L'avversario, il senatore Barack Obama, potrebbe essere attribuito alla sua razza. Durante l'intervista, ha dichiarato: "Se Obama fosse un uomo bianco, non sarebbe in questa posizione. E se fosse una donna (di qualsiasi colore) non sarebbe in questa posizione. Sembra essere molto fortunato ad essere chi è. E il paese è coinvolto nel concetto ".

In seguito Ferraro ha difeso i suoi commenti Buon giorno America. Parlando con la giornalista Diane Sawyer, ha affermato che i suoi commenti sono stati portati fuori contesto dal Brezza giornaliera e che era "ferita, assolutamente ferita, dal modo in cui hanno preso questa cosa e l'hanno fatta girare per insinuare in qualche modo, in qualsiasi modo, io sono un razzista".

Geraldine A. Ferraro è deceduta il 26 marzo 2011, a 75 anni, a Boston, nel Massachusetts. In una dichiarazione rilasciata poco dopo la sua morte, la sua famiglia disse: "Geraldine Anne Ferraro Zaccaro era ampiamente conosciuta come leader, combattente per la giustizia e instancabile sostenitrice di coloro che non avevano voce. Per noi era una moglie, una madre, nonna e zia, una donna devota e profondamente amata dalla sua famiglia. Il suo coraggio e la sua generosità di spirito durante la sua vita conducendo battaglie grandi e piccole, pubbliche e personali, non saranno mai dimenticate e ci mancherà molto. "




Nessun utente ha ancora commentato questo articolo.

Biografie di personaggi famosi.
La tua fonte di storie vere su personaggi famosi. Leggi biografie esclusive e trova connessioni inattese con le tue celebrità preferite.