HerStory Le donne dietro il diciannovesimo emendamento

  • Ezra Gilbert
  • 0
  • 1264
  • 51

In una calda serata di agosto, il Tennessee è diventato il 36 ° stato a ratificare il 19 ° emendamento alla Costituzione degli Stati Uniti, garantendo alle donne il diritto di voto. È stato il culmine di un'odissea di 144 anni dalla Dichiarazione di Indipendenza e chiarito una volta per tutte, il significato di & # x201C; tutti gli uomini sono creati uguali. & # X201D; Come nel caso di questo viaggio, il voto finale non è stato facile. 

Tutto dipendeva da un uomo, il 24enne legislatore statale Harry Burn. La mattina del 18 agosto 1920, il signor Burn, che era stato contrario alla ratifica, ricevette una lettera da sua madre che affermava: "Caro figlio & # x2026; Vota per il suffragio e non metterli in dubbio & # x2026; Non dimenticare di essere un bravo ragazzo & # x2026; & # x201D; 

Mentre la telefonata si avvicinava al suo nome, stringeva in mano la lettera di sua madre. 

& # X201C; il sig. Burns & # x2026; & # x201D; l'impiegato dell'assemblea chiamò il suo nome. 

& # X201C; Sì & # x201D.; 

E poi, è stato fatto. La dolorosa lotta era finita. Le donne americane avevano il diritto di voto e con essa la piena cittadinanza. L'arduo lavoro di migliaia di donne & # x2014; e uomini & # x2014; era stato finalmente premiato. Tuttavia, per apprezzare veramente questo risultato, bisogna capire fino a che punto gli atteggiamenti americani nei confronti delle donne si sono evoluti dal secolo precedente. 

Una parata a suffragio a New York City nel 1912. (Foto: Library of Congress [dominio pubblico], via Wikimedia Commons)

"Tutti gli uomini e le donne sono creati uguali"

All'inizio del diciannovesimo secolo, la società americana aveva completamente abbracciato il Culto della vera femminilità, & # x201D; un'ideologia che affermava che le donne erano le più adatte a casa, fungendo da guida morale della famiglia. Questo status di classe protetta aveva lo scopo di proteggere le donne dall'essere maltrattate dalle influenze nefaste del lavoro, della politica e della guerra. In realtà, l'usanza ha spianato la strada alle leggi che vietano alle donne di frequentare le scuole, di entrare nel lavoro professionale, di votare, di prestare servizio in giuria e di testimoniare in tribunale. Molti stati hanno vietato alle donne di possedere proprietà o di stipulare contratti. Fin dalla tenera età, le donne sono state poste sulla strada del matrimonio e della maternità. Per le donne single, le opzioni erano limitate all'insegnamento o all'assistenza infermieristica, con l'etichetta sociale di essere una vecchia cameriera & # x201C; & # x201D; 

Tuttavia, durante questo periodo anche gli Stati Uniti stavano attraversando una tremenda trasformazione. L'industria stava superando l'agricoltura in termini di produttività e redditività. I giorni della schiavitù erano contati, sebbene la sua fine sarebbe avvenuta solo attraverso la guerra civile. L'illuminazione religiosa stava coinvolgendo gli americani a pensare a se stessi come un popolo eletto con una missione per migliorare la società. Il clima politico era maturo e aveva bisogno della guida morale delle donne. In cima alla lista c'era l'abolizione della schiavitù. Due sorelle di una piantagione della Carolina del Sud, Angelina e Sara Grimke, hanno scritto e parlato con fervore per porre fine alla schiavitù. La successiva disapprovazione da parte di alcuni religiosi delle loro attività li ha portati ad espandere i loro sforzi verso i diritti delle donne. 

Mary Wollstonecraft's "Una rivendicazione dei diritti della donna" ha ispirato molte donne a spingere per maggiori diritti. (Immagine: John Opie [dominio pubblico], tramite Wikimedia Commons)

Alimentato dagli scritti dell'attivista per i diritti delle donne del 18 ° secolo Mary Wollstonecraft, il cui libro Una rivendicazione dei diritti della donna, molte donne hanno iniziato a spingere per maggiori diritti. Il momento fondamentale per Elizabeth Cady Stanton è arrivato mentre partecipava alla Convenzione mondiale contro la schiavitù a Londra quando lei e le altre donne presenti sono state bandite dalla partecipazione al procedimento. 

Quando Stanton tornò nella sua città natale di Seneca Falls, New York, lei e la sua amica Lucretia Mott organizzarono la prima convention per le donne, tenutasi il 19-20 luglio 1848. Lì introdusse una Dichiarazione dei diritti e sentimenti & # x201D; modellato sulla Dichiarazione di Indipendenza. Mentre si trovava davanti alla delegazione, lesse nervosamente il documento, 

& # x201C; Riteniamo che queste verità siano evidenti che tutti gli uomini e le donne sono creati uguali; che sono dotati dal loro Creatore di certi diritti inalienabili; che tra queste la vita, la libertà e la ricerca della felicità. & # x201D; 

I delegati della convention annuirono con approvazione, ascoltando le parole familiari pronunciate. Incoraggiato, Stanton presentò diverse risoluzioni, l'ultima che sosteneva il diritto di voto di una donna. Molti delegati, sia uomini che donne, erano sconvolti dall'audacia. Alcuni dubitavano che le donne fossero qualificate per votare, mentre altre ritenevano che un tale diritto non fosse necessario poiché la maggior parte delle donne avrebbe probabilmente votato con i loro mariti. Dopo un discorso commovente dell'abolizionista afroamericano Frederick Douglass, la risoluzione è passata. La collaborazione tra abolizione e suffragio si era consolidata e, a quanto pare, i due movimenti avrebbero raggiunto i rispettivi obiettivi insieme. 

Un movimento diviso

L'abolizionista afroamericano Frederick Douglass. (Foto: National Portrait Gallery, Smithsonian Institution [dominio pubblico], tramite Wikimedia Commons)

La successiva battaglia cruciale per l'uguaglianza delle donne ebbe luogo nel 1868 durante i dibattiti del Congresso sul 15 ° emendamento, garantendo il diritto di voto. Le donne avevano lavorato duramente negli ultimi 20 anni per la libertà e la titolarità dei neri e si aspettavano che sarebbero state incluse in questo obiettivo. Mentre molti abolizionisti inizialmente sostenevano il suffragio sia per gli afroamericani che per le donne, i leader sentivano che adesso era l'ora del negro & # x2019; s & # x201D; e chiedere di più metterebbe a repentaglio la causa. In una inaspettata inversione di tendenza, Frederick Douglass fece un'appassionata richiesta alla convention dell'American Equal Rights Association per lasciare che l'uomo nero andasse per primo, allontanando lo sforzo dall'affrancare le donne. 

Elizabeth Cady Stanton e Susan B. Anthony hanno visto questo come un tradimento e hanno fatto una campagna contro qualsiasi emendamento che negasse alle donne il diritto di voto. Ciò causò una breccia nel movimento delle donne e portò Stanton e Anthony a formare la Suffrage Association (NWSA) della National Women, mentre Lucy Stone, suo marito Henry Blackwell e Julia Ward Howe fondarono l'American Woman Suffrage Association (AWSA), che ha sostenuto il 15 ° emendamento. 

Molte donne afroamericane hanno anche spinto per i diritti delle donne, a cominciare da Sojourner Truth, che nel 1851 l'ha resa appassionata & # x201C; Ain & # x2019; t I a Woman & # x201D; discorso. Altre donne afroamericane, come Mary Anne Shadd Cary e Charlotte Forten Grimke (nipote di due abolizionisti / suffragisti Margaretta e Harriet Forten) hanno partecipato a organizzazioni di suffragio. Sfortunatamente, come nel caso della società, spesso le donne afroamericane non erano sempre state accolte dai suffragisti bianchi e dovevano partecipare a organizzazioni separate. Nel 1896, molti club di donne di colore si unirono per formare la National Association of Colored Women con Mary Church Terrell come presidente. 

Durante la seconda metà del XIX secolo, il movimento a suffragio rimase diviso. Negli anni 1870, alcune donne usarono la lingua del 14 ° emendamento per cercare di votare. Nel 1872, Susan B. Anthony fu arrestata quando votò illegalmente nelle elezioni presidenziali. È stata multata di $ 100, che non ha mai pagato, e ha continuato. Questa tattica di invocare il 14 ° emendamento per arricchire le donne fu definitivamente soppressa quando la Corte Suprema decretò in Minore contro Happersett (1875) che il 14 ° emendamento non garantiva alle donne il diritto di voto. 

Il 29 maggio 1851, abolizionista e suffragista Sojourner Truth's ha tenuto un discorso potente ed estemporaneo & # x201C; Ain & # x2019; t I a Woman & # x201D; alle donne's Convenzione di Akron, Ohio. (Foto: Biblioteca del Congresso degli Stati Uniti [dominio pubblico], tramite Wikimedia Commons)

"data-full-height =" 402 "data-full-src =" https://www.biography.com/.image/c_limit%2Ccs_srgb%2Cfl_progressive%2Ch_2000%2Cq_auto:good%2Cw_2000/MTE1ODA0OTcxODA3OTY2z 9511284-1-402.jpg "data-full-width =" 402 "data-image-id =" ci019b6c021fd8860d "data-image-slug =" Sojourner-Truth-9511284-1-402 "data-public-id =" MTE1ODA0OTcxODA3OTY2NzMz ">10Gallery10 Immagini

Nel 1874, Francis Willard fondò la Christian Temperance Union (WCTU) femminile che presto divenne il movimento femminile più grande e potente del paese. Le sue centinaia di migliaia di membri hanno contribuito a sostenere il movimento del suffragio, ma collegare il suffragio alla proibizione è stato fortemente contrastato da molti che non erano contro l'alcol e indebolendo lo sforzo. 

Nel 1890, l'acronimo tra le due associazioni di suffragio femminile si era placato e si unirono alla National American Suffrage Association (NAWSA). Con la scomparsa di Elizabeth Cady Stanton nel 1902 e Susan B. Anthony nel 1906, una nuova generazione di leader assunse il controllo del movimento femminile. Il presidente della NAWSA Carrie Chapman Catt ha perseguito una strategia stato per stato per ottenere il voto per le donne, che nel 1896 ha avuto successo in quattro stati: Wyoming, Utah, Idaho e Colorado. Tuttavia, l'obiettivo del suffragio nazionale era molto lontano. Tuttavia, Catt lasciò l'organizzazione stanca dei litigi interni.

Alla fine del XIX e all'inizio del XX secolo, il movimento progressista emerse per affrontare le questioni associate all'industrializzazione, all'immigrazione e all'urbanizzazione. Molti nel movimento operaio hanno visto le donne come alleate e potenziali elettori per la loro causa. Nel 1906, Harriot Stanton Blatch, figlia di Elizabeth Cady Stanton, fondò la Lega delle pari opportunità delle donne autosufficienti per organizzare suffragisti della classe operaia. Nel 1910, condussero la prima marcia del suffragio su larga scala negli Stati Uniti. Inoltre, le donne di colore fondarono club che lavoravano esclusivamente per il suffragio femminile, come l'Alpha Suffrage Club di Chicago, fondato da Ida B. Wells nel 1913.

Nel 1915, Carrie Chapman Catt tornò come presidente della NAWSA e trasformò l'organizzazione in un'efficace macchina politica, reclutando sostenitori chiave, raccogliendo fondi e conducendo manifestazioni pubbliche con partecipanti che indossavano uniformi bianche progettate per attirare folle e giornalisti di giornali. Catt ha istituito un ufficio a Washington per esercitare pressioni sui membri del Congresso e convincere i partiti democratici e repubblicani a sostenere il suffragio femminile. Inoltre, ha sviluppato una stretta relazione con il presidente Woodrow Wilson per ottenere il suo sostegno. 

Nel 1919, sia la Camera dei Rappresentanti degli Stati Uniti che il Senato hanno finalmente votato per approvare il 19 ° emendamento. Il disegno di legge passò agli stati, in cerca dell'approvazione di tre quarti delle legislature statali. Alla fine accadde un anno dopo quella calda notte di agosto nel Tennessee, quando il giovane Hank Burn seguì il consiglio di sua madre e espresse il suo voto per il suffragio femminile. 

Tuttavia, la battaglia per l'uguaglianza delle donne non finì qui. Nel giro di un decennio, le leggi statali privarono il diritto di voto della maggior parte delle donne afroamericane e degli uomini sotto l'usanza di Jim Crow. Ci vorrebbe un altro movimento negli anni '60 prima che tutti i neri del Sud fossero arricchiti. La lotta per l'uguaglianza di genere continua oggi per pari retribuzione, opportunità e pari giustizia in casi di stupro e aggressione. 

Greg Timmons è scrittore freelance e consulente educativo.

Dall'archivio bio: Questo articolo è stato originariamente pubblicato il 4 giugno 2015.

Di Greg Timmons

    ALTRE STORIE DALLA BIOGRAFIA

    Storia e cultura

    Il movimento per i diritti delle donne e le donne delle cascate di Seneca

    Il 19-20 luglio 1848, la Convenzione delle Cascate Seneca innescò e rafforzò il movimento per i diritti delle donne in America. Guardiamo indietro alle donne che hanno guidato l'evento storico e al modo in cui ha ispirato generazioni di attivismo.

    • Di Meredith WorthenJun 17, 2019
    Storia e cultura

    'Suffragette': le vere donne che hanno ispirato il film

    Scopri sei donne della vita reale (più un uomo) che hanno combattuto per il diritto di voto delle donne.

    • Di Sara KettlerJun 17, 2019
    Storia e cultura

    La morte del "re": ricordare Elvis

    Il mondo andò in lutto il 16 agosto 1977, quando il re del Rock 'n' Roll morì all'età di 42 anni. Guardiamo agli eventi che circondano la morte prematura di Elvis e come vive la sua eredità.

    • Di Greg TimmonsJun 17, 2019
    Storia e cultura

    Festa della parità femminile: 7 attivisti che hanno cambiato la storia

    Per celebrare la Giornata dell'uguaglianza delle donne, scopri di più su alcune attiviste che hanno combattuto per i diritti delle donne sulla lunga strada verso l'uguaglianza.

    • Di Sara KettlerJun 14, 2019
    Storia e cultura

    Mese della storia nera: come la gioventù nera ha avuto un impatto sul movimento per i diritti civili

    Nell'ultimo giorno del Black History Month, diamo un'occhiata a come i giovani hanno giocato un ruolo chiave nel primo movimento per i diritti civili.

    • Di Greg TimmonsJun 25, 2019
    Storia e cultura

    "Battle of the Sexes": la vera storia di come Billie Jean King abbia colpito il mondo dello sport femminile

    L'atmosfera carnevalesca di "Battle of the Sexes" del 20 settembre 1973 smentiva l'importanza dell'evento per il grande tennis Billie Jean King e le generazioni di atlete che seguirono.

    • Di Tim OttSep 19, 2019
    Storia e cultura

    Celebrando le donne scienziate nere

    Nella nostra copertura continua che celebra il Black History Month, scopri alcune delle donne scienziate afroamericane meno conosciute che hanno avuto impatti rivoluzionari nei rispettivi campi.

    • Di Meredith WorthenJun 14, 2019
    Nelle news

    'Detroit': la vera storia dietro al film

    Con l'apertura di "Detroit" di Kathryn Bigelow, ripensiamo agli eventi della vita reale che hanno attanagliato la città 50 anni fa.

    • Di Sara KettlerJun 21, 2019
    Storia e cultura

    L'importanza del primo anno in carica di un presidente

    Sebbene non sia mai del tutto conclusivo, l'esame della storia del primo anno in carica dei precedenti presidenti offre una prospettiva utile sugli attuali presidenti.

    • Di Greg TimmonsJun 17, 2019
    Caricamento in corso ... Vedi di più



    Nessun utente ha ancora commentato questo articolo.

    Biografie di personaggi famosi.
    La tua fonte di storie vere su personaggi famosi. Leggi biografie esclusive e trova connessioni inattese con le tue celebrità preferite.