Come Ulysses S. Grant ha guadagnato il soprannome di Surrender Grant incondizionato

  • Magnus Crawford
  • 0
  • 1405
  • 383

La cattura di Fort Donelson, nel Tennessee, nel febbraio 1862 fu la prima grande vittoria dell'Unione della guerra civile americana, aprendo una strada nel cuore della Confederazione. Fort Donelson segnò anche una svolta nella carriera di Ulisse S. Grant, la cui fermezza e risolutezza durante la battaglia, incluso il suo rifiuto di accettare qualcosa di meno di una completa e totale resa confederata, lo catapultò in fama.

Gran parte della vita iniziale di Grant era stata un fallimento

Hiram Ulysses Grant (divenne noto come Ulysses S. Grant a causa di un errore nella sua lettera di raccomandazione di West Point) si laureò a West Point nel 1843, uno studente indifferente classificato 21 su 39 studenti. Nonostante i primi successi nella guerra messicano-americana, Grant trascorse anni in desolati avamposti dell'esercito (dove la sua solitudine portò al bere che avrebbe rovinato la sua reputazione). Soffrì di una serie di fallimenti finanziari quando le imprese speculative fallirono e la vita post-militare non si dimostrò migliore, poiché Grant fallì come agricoltore e lottò per saldare i debiti come partner nel settore della pelletteria di famiglia a Galena, Illinois.

La guerra civile arrivò al momento giusto per Grant

Dopo lo scoppio della guerra, nell'aprile 1861, Grant si unì avidamente, prendendo il comando di un reggimento di volontari dell'Illinois. Il suo primo successo arrivò più tardi quell'anno, quando catturò Paducah, nel Kentucky. Fu promosso brigadiere generale nel luglio 1861 e all'inizio del 1862 iniziò a chiudere due roccaforti confederate nel Tennessee occidentale. Il 6 febbraio, Fort Henry, situato sul fiume Tennessee, si arrese prima che fosse lanciato un assalto su larga scala guidato da Grant e dall'ufficiale navale americano Andrew Hull Foote.

Grant quindi rivolse la sua attenzione al più grande Fort Donelson sul vicino fiume Cumberland, un passaggio chiave nel teatro occidentale sorvegliato da 16.000 truppe confederate. Entro il 13 febbraio, 25.000 uomini di Grant avevano circondato il forte, con ulteriore supporto navale. Combattere combattimenti avanti e indietro, con il bombardamento navale che indebolisce le difese del forte, seguito da un contrattacco confederato che quasi spezzò le linee di Grant # x2019;.

La vittoria arrivò dopo che il comandante del generale di brigata John B. Floyd del forte si ritirò, piuttosto che premere le truppe di Grant. Rendendosi conto che la loro situazione era senza speranza, Floyd consegnò il suo comando al generale Simon Bolivar Buckner e lui e altri ufficiali confederati, tra cui Nathan Bedford Forrest, riuscirono a fuggire, lasciando Buckner a coordinare la resa con Grant.

Una scena della battaglia di Fort Donelson

Foto: MPI / Getty Images

Buckner aveva tutte le ragioni per aspettarsi che Grant accettasse una resa negoziata

Non solo era una tradizione militare standard dell'epoca, ma i due si conoscevano da decenni. Frequentarono contemporaneamente West Point e avevano prestato servizio insieme nell'esercito degli Stati Uniti durante la guerra messicano-americana. Quando Grant stava lottando nei suoi giorni post-dell'esercito, prima della Guerra Civile, Buckner gli aveva prestato denaro durante un periodo particolarmente basso nella vita di Grant.

Con grande sorpresa di Buckner, Grant si rifiutò di negoziare. Il 16 febbraio, ha inviato una risposta leggendaria:

Signore: La data di questa data che propone l'armistizio e la nomina dei commissari per la risoluzione dei termini della capitolazione è appena stata ricevuta. Non si accettano termini se non la consegna incondizionata e immediata. Propongo di passare immediatamente alle tue opere.

Tuttavia, quando i due uomini alla fine si incontrarono per il primo dei diversi giorni di incontri, Grant dettò la resa incondizionata & # x201D; ammorbidito considerevolmente. Mentre Buckner e i suoi uomini divennero prigionieri di guerra, ai soldati confederati fu permesso di conservare i loro effetti personali e gli ufficiali incaricati conservarono armi e spade (un'indennità insolita). Grant fornì le razioni per le truppe disperatamente affamate di Buckner e permise ai confederati feriti di essere curati negli ospedali dell'Unione nel Kentucky. Secondo quanto riferito, ha anche cercato di ripagare Buckner per il suo prestito da molto tempo, sebbene Bruckner lo abbia rifiutato bruscamente.

Nonostante le pressioni del suo personale e dei suoi ufficiali, Grant non ha insistito per una cerimonia formale di resa, desiderando entrambi di proteggere i soldati su entrambi i lati dal clima invernale e non volendo mettere in imbarazzo Buckner e i suoi uomini, dichiarando & # x201C; We have the fort , gli uomini, le pistole. Perché dovremmo attraversare forme vane e mortificare e ferire lo spirito di uomini coraggiosi, che, dopo tutto, sono i nostri concittadini? & # X201D;

La vittoria di Grant a Fort Donelson lo ha reso una leggenda

Il Nord, alla disperata ricerca di una vittoria, prese immediatamente Grant. I giornali hanno annunciato il suo successo, soprannominandolo & # x201C; Resa incondizionata & # x201D; Concedere. I resoconti di Grant che fumavano con calma un sigaro durante i suoi incontri con Buckner portarono a migliaia di nordici riconoscenti a inviarli come regali & # x2014; con la conseguenza involontaria di un peggioramento della dipendenza da fumo che ha portato al suo cancro alla gola fatale. Mark Twain è stato così preso con Grant che, secondo quanto riferito, ha portato con sé la sua lettera a Buckner per il resto della sua vita. I due in seguito divennero amici intimi e Twain pubblicò le memorie più vendute di Grant, che fornirono un cuscino finanziario disperatamente necessario per la famiglia di Grant..

Soprattutto, Fort Donelson mise Grant sul radar del presidente Abraham Lincoln, che aveva anche un disperato bisogno di entrambe le vittorie e degli ufficiali capaci e determinati che potevano fornirle. Grant è stato rapidamente promosso al maggiore generale dei volontari. Quando Grant vacillò il primo giorno della Battaglia di Shiloh nell'aprile 1862, Lincoln fu costretto a rimuoverlo dal comando. Ha rifiutato, affermando, & # x201C; Non posso risparmiarlo. Combatte. & # X201D; Grant ha provato Lincoln il giorno dopo, ottenendo una sanguinosa vittoria. Era uno schema che si sarebbe ripetuto per il resto della guerra, dato che il corpo sconvolgente delle vittorie di Grant gli ha fatto guadagnare una nuova reputazione, quella di un macellaio di & # x201C; & # x201D;

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI BIOGRAPHY.COM

In seguito Grant avrebbe catturato altri due eserciti confederati

Nel luglio del 1963, mentre la battaglia di Gettysburg imperversava in Oriente, Grant conquistò il principale porto confederato a Vicksburg, Mississippi, dopo un assedio di 47 giorni. La sua controparte, il tenente generale John Pemberton, si arrese il 4 luglio, sperando giustamente di poter estrarre termini comprensivi dal Giorno dell'Indipendenza di Grant in America. Sebbene Grant abbia catturato 30.000 truppe confederate, ha negoziato la libertà condizionale di molti di loro, alcuni dei quali sono tornati a combattere per il Sud. Vicksburg, tuttavia, diede all'Unione il pieno controllo del fiume Mississippi e tagliò la Confederazione in due.

E, più famoso, dopo essere diventato capo dell'Esercito dell'Unione, Grant accettò la resa dell'Esercito della Virginia del Nord di Robert E. Lee alla corte dell'Appomattox il 9 aprile 1865, segnando la fine di importanti combattimenti nella Guerra Civile . Come a Fort Donelson, Grant si dimostrò un magnanimo vincitore, permettendo a Lee e ai suoi uomini di conservare le loro armi, cavalli e muli e di tornare a casa dalle loro famiglie, fornendo di nuovo cibo per le truppe del sud affamate. Quando i soldati di Grant iniziarono una celebrazione improvvisata mentre Lee cavalcava via, Grant immediatamente la interruppe, in seguito ricordando, & # x201C; I Confederati erano ora i nostri connazionali, e non volevamo esultare per la loro caduta. & # X201D;

I nemici di Grant a Fort Donelson gli hanno fatto il massimo complimento

A seguito dei suoi due controversi termini scandalosi di presidente, Grant si ritirò a New York, dove morì nel luglio 1885, a 63 anni. Tra i suoi portatori di palloni c'erano diversi generali dell'Unione che avevano combattuto a stretto contatto al suo fianco durante la guerra, tra cui William Tecumseh Sherman e Philip Sheridan. Forse più sorprendenti furono due ex generali confederati che servirono anche come portatori di onorificenze, Joseph E. Johnston e Simon Bolivar Buckner, la cui resa a Grant 23 anni prima aveva segnato un punto di svolta nella guerra civile americana.

Di Barbara Maranzani

Barbara Maranzani è una scrittrice ed editrice con sede a New York, focalizzata sulla storia americana ed europea.

    ALTRE STORIE DALLA BIOGRAFIA

    Storia e cultura

    Come Leonardo da Vinci ha cambiato la tua vita

    Leonardo da Vinci è uno degli artisti più famosi della storia. Ma sono i suoi straordinari successi come ingegnere, inventore e scienziato che hanno lasciato un'eredità duratura sul mondo che ci circonda.

    • Di Barbara MaranzaniJun 21, 2019
    Storia e cultura

    All'interno della casa di Key West di Ernest Hemingway e come ha ispirato molti dei suoi famosi scritti

    Il vincitore del Premio Nobel si ritirò sull'isola della Florida negli anni '20 e alla fine scoprì una nuova musa: la città stessa.

    • Di Barbara MaranzaniJun 17, 2019
    Storia e cultura

    Come l'ha definito l'abitudine del sigaro di Winston Churchill

    Il Primo Ministro veniva visto di rado senza il suo accessorio preferito: un sigaro.

    • Di Barbara MaranzaniJun 27, 2019
    Storia e cultura

    Come Mozart ha fatto - e quasi perso - una fortuna

    Lo stato finanziario fluttuante del musicista ha portato molti a credere che sia morto povero.

    • Di Barbara MaranzaniJul 22, 2019
    Storia e cultura

    Come Galileo ti ha cambiato la vita

    Le scoperte e le teorie dello scienziato hanno gettato le basi per la fisica e l'astronomia moderne.

    • Di Barbara MaranzaniJun 18, 2019
    Storia e cultura

    Come George Washington Carver è passato dallo schiavo al pioniere dell'educazione

    Evitando il blocco stradale dopo il blocco stradale, "l'uomo di arachidi" era determinato a lasciare un'eredità duratura.

    • Di Barbara MaranzaniJun 18, 2019
    Storia e cultura

    Cosa stava portando Abraham Lincoln nelle sue tasche la notte in cui fu ucciso

    Il contenuto personale è stato messo in una scatola e non è stato rivelato fino a più di 100 anni dopo l'assassinio del presidente.

    • Di Barbara Maranzani, 10 giu 2019
    Storia e cultura

    All'interno dell'ammirazione permanente di Winston Churchill di John F. Kennedy

    Nonostante il padre di JFK facesse la febbre con il Primo Ministro durante la seconda guerra mondiale, il defunto presidente idolatrava e prese spunto dal politico britannico.

    • Di Barbara Maranzani, 4 aprile 2019
    Storia e cultura

    Mata Hari era una spia o un capro espiatorio?

    Più di un secolo dopo la sua esecuzione con accuse di spionaggio durante la prima guerra mondiale, continua il dibattito sulla colpa o l'innocenza della leggendaria Mata Hari.

    • Di Barbara Maranzani, 24 giu 2019
    Caricamento in corso ... Vedi di più



    Nessun utente ha ancora commentato questo articolo.

    Biografie di personaggi famosi.
    La tua fonte di storie vere su personaggi famosi. Leggi biografie esclusive e trova connessioni inattese con le tue celebrità preferite.