Biografia di Howard Schultz

  • Joseph Wood
  • 0
  • 5022
  • 1340
Howard Schultz è l'ex CEO e presidente di Starbucks, la società di caffè di grande successo.

Chi è Howard Schultz?

Nato a Brooklyn, New York, il 19 luglio 1953, Howard Schultz si è laureato alla Northern Michigan University con una laurea'laurea in comunicazione prima di diventare direttore delle operazioni di vendita al dettaglio e marketing per la Starbucks Coffee Company nel 1982. Dopo aver fondato la società di caffè Il Giornale nel 1987, ha acquistato Starbucks ed è diventato CEO e presidente della società. Schultz ha annunciato pubblicamente di rassegnare le dimissioni da Starbucks' Amministratore delegato nel 2000, anche se è tornato a capo dell'azienda dal 2008 al 2018. Ha quindi rivelato la sua intenzione di candidarsi alla presidenza come indipendente nel 2020, prima di concludere la sua offerta a settembre 2019.

Vita in anticipo e carriera

Howard D. Schultz è nato a Brooklyn, New York, il 19 luglio 1953, e si è trasferito con la sua famiglia ai progetti Bayview Housing a Canarsie, un quartiere nel sud-est di Brooklyn, quando aveva 3 anni. Schultz era un atleta naturale, che conduceva i campi da basket intorno a casa sua e il campo di calcio a scuola. Nel 1970 fuggì da Canarsie con una borsa di studio per il calcio alla Northern Michigan University.

Dopo essersi laureato in comunicazione all'università nel 1975, Schultz ha trovato lavoro come venditore di elettrodomestici per Hammarplast, una società che vendeva caffettiere europee negli Stati Uniti. Salendo in classifica per diventare direttore delle vendite, nei primi anni '80, Schultz notò che stava vendendo più caffettiere a una piccola operazione a Seattle, Washington, allora nota come Starbucks Coffee Tea and Spice Company, piuttosto che a Macy'S. "Ogni mese, ogni trimestre, questi numeri aumentavano, anche se Starbucks aveva solo pochi negozi", ha ricordato Schultz in seguito. "E io dissi, 'Devo andare a Seattle.'" 

Howard Schultz ricorda ancora distintamente la prima volta che entrò nello Starbucks originale nel 1981. A quel tempo, Starbucks era in circolazione da solo 10 anni e non lo fece'non esiste fuori Seattle. L'azienda'I proprietari originali, i vecchi compagni di college Jerry Baldwin e Gordon Bowker e il loro vicino, Zev Siegl, avevano fondato Starbucks nel 1971. I tre amici si inventarono anche la compagnia del caffè'logo della sirena onnipresente.

"Quando sono entrato in questo negozio per la prima volta & # x2014; so che questo suona davvero hokey & # x2014; sapevo di essere a casa", ha ricordato Schultz in seguito. "Io posso'non lo spiego. Ma sapevo di trovarmi in un posto speciale e il tipo di prodotto mi parlava. "A quel tempo, ha aggiunto," non avevo mai avuto una buona tazza di caffè. Ho incontrato i fondatori dell'azienda e ho sentito davvero per la prima volta la storia di un ottimo caffè ... ho appena detto, 'Dio, questo è qualcosa che io'ho cercato tutta la mia vita professionale.'"Allora Schultz non sapeva quanto sarebbe stata fortunata la sua introduzione alla compagnia, o che avrebbe avuto una parte integrante nella creazione del moderno Starbucks.

Nascita dei moderni Starbucks

Un anno dopo l'incontro con Starbucks' i fondatori, nel 1982, Howard Schultz fu assunto come direttore delle operazioni di vendita al dettaglio e marketing per la crescente società di caffè, che all'epoca vendeva solo chicchi di caffè, non bevande al caffè. "La mia impressione di Howard a quel tempo era che era un comunicatore favoloso", ha ricordato in seguito il co-fondatore Zev Siegl. "Uno a uno, lo è ancora."

All'inizio, Schultz iniziò a lasciare il segno nella compagnia mentre produceva Starbucks' missione sua. Nel 1983, mentre viaggiava a Milano, in Italia, fu colpito dal numero di bar che incontrava. Gli venne allora un'idea: Starbucks non doveva vendere solo caffè fagioli ma caffè bevande. "Ho visto qualcosa. Non solo il romanticismo del caffè, ma ... un senso di comunità. E la connessione che le persone hanno dovuto al caffè e al luogo e l'un l'altro", ha ricordato Schultz. "E dopo una settimana in Italia, ero così convinto di un entusiasmo così sfrenato che non potevo'Non vedo l'ora di tornare a Seattle per parlare del fatto che avevo visto il futuro ".

Schultz'l'entusiasmo per l'apertura di bar nei negozi Starbucks, tuttavia, non lo era't condiviso dalla società'creatori di s. "Noi abbiamo detto, 'Oh no, quello'non è per noi,'"Siegl ricordato." Per tutto il 'Anni '70, abbiamo servito il caffè nel nostro negozio. A un certo punto avevamo persino una bella macchina per caffè espresso dietro il bancone. Ma eravamo nel settore dei fagioli. "Ciononostante, Schultz è stato persistente fino a quando, finalmente, i proprietari gli hanno lasciato creare un bar in un nuovo negozio che stava aprendo a Seattle. Fu un successo immediato, portando centinaia di persone al giorno e introducendo una lingua completamente nuova & # x2014; la lingua della caffetteria & # x2014; a Seattle nel 1984.

Ma il successo del bar ha dimostrato ai fondatori originali di non averlo fatto'non voglio andare nella direzione che Schultz voleva prendere. Non l'hanno fatto'voglio diventare grande. Deluso, Schultz lasciò Starbucks nel 1985 per aprire una sua catena di bar, Il Giornale, che ottenne rapidamente successo.

Due anni dopo, con l'aiuto degli investitori, Schultz acquistò Starbucks, fondendo Il Giornale con la società di Seattle. Successivamente, divenne CEO e presidente di Starbucks (in seguito noto come Starbucks Coffee Company). Schultz ha dovuto convincere gli investitori che gli americani avrebbero effettivamente sborsato prezzi elevati per una bevanda che erano abituati a ottenere per 50 centesimi. All'epoca, la maggior parte degli americani non lo fece'Conosco un chicco di caffè di alta qualità da un cucchiaino di caffè istantaneo Nescafé. In effetti, il consumo di caffè negli Stati Uniti era in calo dal 1962. 

Nel 2000, Schultz annunciò pubblicamente di rassegnare le dimissioni da Starbucks' AMMINISTRATORE DELEGATO. Otto anni dopo, tuttavia, è tornato a capo dell'azienda. In un'intervista del 2009 con la CBS, Schultz ha detto di Starbucks' missione, "Noi'non si tratta di riempire le pance; noi'per quanto riguarda il riempimento delle anime ".

Successo continuo

Nel 2006, Howard Schultz è stato classificato al n. 359 Forbes rivista's Elenco "Forbes 400", che presenta i 400 individui più ricchi degli Stati Uniti. Nel 2013, è stato classificato n. 311 nella stessa lista e n. 931 Forbes's elenco di miliardari in tutto il mondo.

Oggi, nessuna azienda vende più bevande al caffè a più persone in più posti di Starbucks. Nel 2012, Starbucks era cresciuto fino a comprendere oltre 17.600 negozi in 39 paesi in tutto il mondo e la sua capitalizzazione di mercato era valutata in $ 35,6 miliardi. Entro il 2014, Starbucks contava oltre 21.000 negozi in tutto il mondo e una capitalizzazione di mercato di $ 60 miliardi. Secondo quanto riferito, l'azienda di caffè incredibilmente popolare apre due o tre nuovi negozi ogni giorno e attira circa 60 milioni di clienti a settimana. Secondo la compagnia's sito web, Starbucks è stato "impegnato a reperire eticamente e tostare il caffè arabica di alta qualità nel mondo" dal 1971.

Cause sociali: matrimonio gay e sensibilità razziale

Nel marzo 2013, Schultz ha fatto notizia e ha ottenuto ampi applausi dopo aver rilasciato una dichiarazione a sostegno della legalizzazione del matrimonio gay. Dopo che un azionista si è lamentato del fatto che Starbucks avesse perso le vendite a causa del suo sostegno al matrimonio gay (la società aveva annunciato il suo sostegno a un referendum per legalizzare l'unione gay nello stato di Washington), Schultz ha risposto: "Non tutte le decisioni sono una decisione economica. Nonostante dato che reciti statistiche ristrette nel tempo, nell'ultimo anno abbiamo fornito un rendimento per gli azionisti del 38%'Non so in quante cose investi, ma sospetto che non molte cose, aziende, prodotti, investimenti siano tornati al 38 percento negli ultimi 12 mesi.

"L'obiettivo in cui stiamo prendendo quella decisione è attraverso l'obiettivo della nostra gente", ha continuato. "Diamo lavoro a oltre 200.000 persone in questa azienda e vogliamo abbracciare la diversità. Di tutti i tipi. Se ritieni, rispettosamente, di poter ottenere un rendimento superiore rispetto al 38% ottenuto l'anno scorso,'s un paese libero. Puoi vendere le tue azioni in Starbucks e acquistare azioni di un'altra società. "

Nell'aprile 2018, la società ha riscontrato un altro problema con i tasti di scelta rapida quando due uomini afroamericani sono stati arrestati in una località di Filadelfia per aver trasgredito, dopo essersi riuniti al negozio senza aver ordinato nulla. Schultz ha successivamente guidato un programma di allenamento per pregiudizi razziali per aiutare a garantire che un incidente così sfortunato non sarebbe'non succedere di nuovo.

Pensionamento e speculazione presidenziale

All'inizio di giugno 2018, Howard Schultz ha annunciato che alla fine del mese si sarebbe dimesso da presidente di Starbucks. All'epoca, la catena era cresciuta fino a includere oltre 28.000 negozi in 77 paesi.

La mossa ha aggiunto carburante alla voce secondo cui l'uomo d'affari di successo stava prendendo in considerazione una corsa alla presidenza nel 2020 e Schultz ha fatto ben poco per diffondere la speculazione. "Da qualche tempo sono profondamente preoccupato per il nostro Paese & # x2014; la crescente divisione in patria e la nostra posizione nel mondo", ha detto Il New York Times, sebbene abbia aggiunto che era "molto lontano dal prendere qualsiasi decisione sul futuro".

Nel gennaio 2019, Schultz ha rivelato che si stava preparando a candidarsi come presidente come indipendente, anche se ha detto che avrebbe prima girato il paese per promuovere il suo nuovo libro, Da zero: un viaggio per reinventare la promessa d'America, prima di decidere se partecipare ufficialmente alla gara.

Insieme alle critiche agli agenti atmosferici per il potenziale allontanamento dei voti dall'eventuale candidato democratico, Schultz ha subito una battuta d'arresto quando il mal di schiena ha provocato una serie di operazioni e lo ha costretto a lasciare la campagna elettorale. Nel settembre 2019, l'uomo d'affari ha annunciato che stava abbandonando la sua offerta per la presidenza.

"La mia convinzione nella necessità di riformare il nostro sistema a due parti non ha vacillato, ma ho concluso che una campagna indipendente per la Casa Bianca non è il modo in cui posso servire al meglio il nostro paese in questo momento", ha scritto Schultz in una lettera pubblicata su il suo sito web.

Schultz ha due figli, Jordan e Addison, con sua moglie Sheri (Kersch) Schultz. Possiede una casa nella sezione Madison Park di Seattle, Washington. 




Nessun utente ha ancora commentato questo articolo.

Biografie di personaggi famosi.
La tua fonte di storie vere su personaggi famosi. Leggi biografie esclusive e trova connessioni inattese con le tue celebrità preferite.