Biografia di Jimmy Carter

  • Harry Morgan
  • 0
  • 4712
  • 1221
Jimmy Carter fu il 39 ° presidente degli Stati Uniti (1977-1981) e in seguito ricevette il premio Nobel per la pace nel 2002.

Chi è Jimmy Carter?

Nato il 1 ottobre 1924 a Plains, in Georgia, Jimmy Carter fu il 39 ° presidente degli Stati Uniti (1977-1981) e servì come nazione's amministratore delegato durante un periodo di gravi problemi in patria e all'estero. carrettiere'La percezione di una cattiva gestione di questi problemi ha portato alla sconfitta nella sua offerta di rielezione. Successivamente si è rivolto alla diplomazia e alla difesa, per la quale ha ricevuto il premio Nobel per la pace nel 2002.

Jimmy Carter

Primi anni di vita

James Earl Carter Jr. è nato il 1 ottobre 1924 a Plains, in Georgia. Suo padre, James Sr., era un duro contadino di arachidi che possedeva il suo piccolo appezzamento di terra, un magazzino e un negozio. Sua madre, Bessie Lillian Gordy, era un'infermiera registrata che negli anni '20 aveva attraversato le divisioni razziali per consigliare le donne di colore sulle questioni sanitarie. 

Quando Jimmy Carter aveva quattro anni, la famiglia si trasferì a Tiro con l'arco, una città a circa due miglia da Pianure. Era una città scarsamente popolata e profondamente rurale, dove i vagoni trainati da muli rimasero il mezzo di trasporto dominante e l'elettricità e l'impianto idraulico interno erano ancora rari. Carter era un ragazzo studioso che evitava i guai e iniziò a lavorare da suo padre's store all'età di dieci anni. Il suo passatempo d'infanzia preferito era seduto con suo padre la sera, ascoltando partite di baseball e politica alla radio a batteria.

Formazione scolastica

Entrambi di Carter'i genitori erano profondamente religiosi. Appartenevano alla Plains Baptist Church e insistevano sul fatto che Carter frequentasse la scuola domenicale, che suo padre insegnava occasionalmente. Carter ha frequentato la White Plains High School mentre la zona'la maggioranza della popolazione nera ha ricevuto un'istruzione a casa o in chiesa. Nonostante questa pervasiva segregazione, due di Carter'i più stretti amici d'infanzia erano afroamericani, così come due degli adulti più influenti della sua vita, la sua tata Annie Mae Hollis e suo padre's lavoratore Jack Clark. 

Mentre la Grande Depressione colpì molto la maggior parte del sud rurale, i Carter riuscirono a prosperare in questi anni e alla fine degli anni Trenta suo padre impiegava oltre 200 lavoratori nelle sue fattorie. Nel 1941 Jimmy Carter divenne la prima persona di suo padre'parte della famiglia per diplomarsi al liceo.

Carter ha studiato ingegneria al Georgia Southwestern Junior College prima di unirsi al programma Naval ROTC per continuare i suoi studi di ingegneria presso il Georgia Institute of Technology. Si rivolse quindi all'Accademia navale di Annapolis, nel Maryland, altamente competitiva, che lo accettò per iniziare gli studi nell'estate del 1943. Con la sua personalità riflessiva, introversa e la sua bassa statura (Carter era alto solo un metro e mezzo, non lo fece) si inserisce bene tra i suoi compagni di mezza nave. Tuttavia, Carter continuò a eccellere negli studiosi, laureandosi nella top ten della sua classe nel 1946. Mentre era in ferie in estate, Carter si era ricollegato con una ragazza di nome Rosalynn Smith che conosceva fin dall'infanzia. Si sposarono nel giugno del 1946.

La Marina incaricò Jimmy Carter di lavorare sui sottomarini e, nei primi anni del loro matrimonio, i Carter & # x2013; come molti una famiglia militare & # x2013; spostato frequentemente. Dopo un programma di addestramento a Norfolk, in Virginia, si trasferirono a Pearl Harbor, nelle Hawaii, dove Carter era un ufficiale di elettronica dell'USS Pomfret. Dopo successive pubblicazioni a Groton, nel Connecticut; San Diego, California e Washington, DC, nel 1952 Carter fu incaricato di lavorare con l'ammiraglio Hyman Rickover allo sviluppo di un programma di sottomarini nucleari a Schenectady, New York. Il brillante e notoriamente esigente ammiraglio ha fatto una profonda impressione su Carter. "Penso, secondo mio padre, Rickover abbia avuto più effetti sulla mia vita di qualsiasi altro uomo", ha detto in seguito.

Fattoria di arachidi

Durante questi anni, i Carter ebbero anche tre figli: John William (nato nel 1947), James Earl Carter III (1950) e Donnel Jeffrey (1952). (I Carter in seguito ebbero una figlia, Amy, nata nel 1967). Nel luglio 1953, Carter'Il padre morì di cancro al pancreas e all'indomani della sua morte, l'azienda agricola e l'azienda di famiglia caddero in disordine. Sebbene Rosalynn abbia inizialmente obiettato, Carter ha trasferito la sua famiglia nelle zone rurali della Georgia in modo che potesse prendersi cura di sua madre e assumere la famiglia'affari di s. In Georgia, Carter rianimò la fattoria di famiglia e divenne attivo nella politica della comunità, conquistando un posto nel Consiglio dell'Educazione della Contea di Sumter nel 1955 e alla fine divenne il suo presidente.

Realizzazioni come politico meridionale

Gli anni '50 furono un periodo di grandi cambiamenti nel sud americano. Nel caso storico del 1954 Brown contro Board of Education, la Corte Suprema degli Stati Uniti ordinò all'unanimità la desegregazione delle scuole pubbliche e, in seguito a quella decisione, i manifestanti per i diritti civili hanno chiesto con forza la fine di ogni forma di discriminazione razziale. Tuttavia, la politica nel sud rurale rifletteva ancora ampiamente le prospettive razziali reazionarie del "vecchio sud". Carter era l'unico bianco nelle Pianure a rifiutarsi di unirsi a un gruppo segregazionista chiamato White Citizens' Consiglio, e poco dopo trovò un cartello sulla porta di casa sua che diceva: "Coon e Carter vanno insieme".

Fu solo quando la sentenza della Corte Suprema del 1962 in Baker v. Carr, che impose che i distretti elettorali fossero ridisegnati in un modo che smise di privilegiare gli elettori bianchi rurali, Carter vide un'opportunità per un "nuovo meridionale", come si considerava, per vincere un incarico politico. Nello stesso anno ha corso per il Senato dello Stato della Georgia contro un uomo d'affari locale di nome Homer Moore. Sebbene il voto iniziale mostrasse che Moore aveva vinto le elezioni, era palesemente ovvio che la sua vittoria fosse il risultato di una frode diffusa. In un distretto, furono lanciati 420 voti anche se ne furono rilasciati solo 333. Carter ha fatto appello al risultato e un giudice della Georgia ha scartato i voti fraudolenti e ha dichiarato Carter il vincitore. Come senatore di stato a due mandati, Carter si guadagnò la reputazione di politico duro e indipendente, frenando le spese dispendiose e sostenendo fermamente i diritti civili.

Nel 1966, dopo aver brevemente considerato una corsa per la Camera dei Rappresentanti degli Stati Uniti, Carter decise invece di candidarsi come governatore. Tuttavia, nel bel mezzo di una reazione bianca al movimento per i diritti civili, Carter'La campagna liberale non è riuscita a guadagnare slancio nelle primarie democratiche e ha concluso un terzo posto distante. Il vincitore alla fine fu Lester Maddox, un ardente segregazionista che aveva barricato famigeratamente le porte del suo ristorante e brandito un'ascia per scacciare i clienti neri.

I governatori erano limitati a un termine ai sensi della legge della Georgia, quindi Carter iniziò quasi immediatamente a posizionarsi per le elezioni governative del 1970. Questa volta, Carter lanciò una campagna specificamente mirata agli elettori rurali bianchi che lo avevano respinto come troppo liberale nel 1966. Carter si oppose pubblicamente al bus come metodo di integrazione delle scuole pubbliche, limitò le apparizioni pubbliche con i leader neri e corteggiò attivamente l'approvazione di diversi hanno notato i segregazionisti, incluso il governatore Maddox. Ha così completamente invertito il suo fermo impegno nei confronti dei diritti civili che il liberale Atlanta Constitution Journal lo ha definito un "contadino di arachidi della Georgia del Sud ignorante, razzista, arretrato, ultra-conservatore e col collo rosso". Tuttavia, la strategia ha funzionato e nel 1970 Carter ha sconfitto Carl Sanders per diventare governatore della Georgia.

Una volta eletto governatore, Carter tornò in gran parte ai valori progressisti che aveva promosso all'inizio della sua carriera. Ha chiesto pubblicamente la fine della segregazione, aumentato del 25% il numero di funzionari neri nel governo statale e promosso l'educazione e la riforma carceraria. carrettiere'La firma del governatore stava tagliando e razionalizzando l'enorme burocrazia statale in una macchina snella ed efficiente. Tuttavia, Carter mostrò disprezzo per le bellezze del decoro politico e alienò molti alleati democratici tradizionali, con i quali avrebbe altrimenti lavorato a stretto contatto.

Sul palco nazionale

Sempre lungimirante, Carter osservò attentamente le correnti politiche nazionali degli anni '70. Dopo che il liberale George McGovern fu martellato dal repubblicano Richard Nixon nelle elezioni presidenziali del 1972, Carter decise che i democratici avevano bisogno di una figura centrista per riconquistare la presidenza nel 1976. Quando lo scandalo Watergate mise in crisi la fiducia americana nella politica di Washington, Carter concluse inoltre che il prossimo presidente dovrebbe essere un estraneo. Pensava di adattarsi al conto su entrambi i punti.

Jimmy Carter era uno dei dieci candidati per la nomina presidenziale democratica nel 1976, e all'inizio era probabilmente il meno noto. Tuttavia, in un momento di profonda frustrazione con i politici dell'establishment, Carter'L'anonimato si è rivelato un vantaggio. Ha fatto una campagna su temi centristi come la riduzione degli sprechi governativi, l'equilibrio del bilancio e l'aumento dell'assistenza del governo ai poveri. Tuttavia, i centrotavola di Carter'l'appello era il suo status di estraneo e la sua integrità. "IO'Non dirò mai una bugia, "dichiarò Carter notoriamente"'Non eviterò mai una questione controversa. "Un altro dei suoi slogan della sua campagna pubblicitaria era" Un leader, per un cambiamento ". Questi temi colpiscono con un sentimento elettorale tradito dal suo stesso governo durante lo scandalo Watergate.

Carter ha ottenuto la nomination democratica per sfidare l'operatore storico repubblicano Gerald Ford, Nixon'in precedenza vice presidente, che aveva assunto la presidenza quando Nixon si era dimesso in seguito a Watergate. Sebbene Carter sia entrato in gara con un vantaggio di due cifre sulla Ford poco entusiasmante, ha fatto diversi gaffes che hanno ristretto le urne. Soprattutto, in un'intervista con Playboy, Carter ha ammesso di aver commesso adulterio "nel suo cuore" e ha fatto molte altre osservazioni sprezzanti sul sesso e l'infedeltà che hanno alienato molti elettori. Sebbene le elezioni si siano rivelate molto più vicine di quanto inizialmente previsto, Carter ha comunque vinto per diventare il 39 ° Presidente degli Stati Uniti d'America.

Presidenza

Carter assunse la presidenza in un momento di notevole ottimismo, inizialmente godendo di valutazioni di approvazione altissime. A simboleggiare il suo impegno per un nuovo tipo di leadership, dopo il suo discorso inaugurale, Carter è uscito dalla sua limousine per raggiungere la Casa Bianca tra i suoi sostenitori. carrettiere'la principale priorità interna riguardava la politica energetica. Con i prezzi del petrolio in aumento e all'indomani dell'embargo petrolifero del 1973, Carter riteneva imperativo curare gli Stati Uniti dalla sua dipendenza dal petrolio straniero. Sebbene Carter sia riuscita a ridurre il consumo di petrolio straniero dell'8 percento e a sviluppare enormi depositi di emergenza di petrolio e gas naturale, la Rivoluzione iraniana del 1979 ha nuovamente aumentato i prezzi del petrolio e portato a lunghe code nelle stazioni di rifornimento, mettendo in ombra Carter'risultati raggiunti.

Accordi di Camp David

carrettiere'La politica estera era incentrata sulla promessa di rendere i diritti umani una preoccupazione centrale negli Stati Uniti' relazioni con altri paesi. Sospese gli aiuti economici e militari a Cile, El Salvador e Nicaragua per protestare contro quei regimi' violazioni dei diritti umani. Ma Carter'il risultato più importante della politica estera è stata la sua mediazione riuscita degli accordi di Camp David tra Israele ed Egitto, che ha portato a uno storico trattato di pace in cui Israele si è ritirato dal Sinai e le due parti si sono riconosciute ufficialmente a vicenda's governi.

Tuttavia, nonostante questi risultati degni di nota, Carter'La presidenza è stata ampiamente considerata un fallimento. Ha avuto pessime relazioni con il Congresso e i media, soffocando la sua capacità di emanare leggi o comunicare efficacemente le sue politiche. Nel 1979 Carter pronunciò un discorso disastroso, indicato come il discorso "Crisis of Confidence", in cui sembrava incolpare l'America's problemi sul povero spirito della sua gente. Numerosi errori di politica estera hanno contribuito a Carter'allentamento della presa sulla presidenza. Le sue trattative segrete per restituire il Canale di Panama a Panama hanno portato molte persone a credere che fosse un leader debole che aveva "dato via" il canale senza assicurarsi le disposizioni necessarie per difendere gli interessi degli Stati Uniti.

Crisi degli ostaggi in Iran

Probabilmente il più grande fattore in Carter'Il declino delle fortune politiche, tuttavia, fu la crisi iraniana degli ostaggi. Nel novembre 1979, studenti radicali iraniani hanno sequestrato l'ambasciata degli Stati Uniti a Teheran, prendendo in ostaggio 66 americani. carrettiere'incapacità di negoziare gli ostaggi' il rilascio, seguito da una missione di salvataggio mal riuscita, lo fece sembrare un leader impotente che era stato fuorviato da un gruppo di studenti radicali. Gli ostaggi sono stati trattenuti per 444 giorni prima di essere finalmente rilasciati il ​​giorno in cui Carter ha lasciato l'incarico.

Ronald Reagan, ex attore e governatore della California, ha sfidato Carter per la presidenza nel 1980. Reagan ha condotto una campagna regolare ed efficace, semplicemente chiedendo agli elettori: "Stai meglio di quanto non fossi quattro anni fa?" La maggior parte no; Reagan schiacciò Carter nelle elezioni del 1980, che era essenzialmente un referendum su una presidenza fallita. Come la New York Times per dirla "Il giorno delle elezioni, il problema era il signor Carter".

Eredità umanitaria

Nonostante una presidenza di un mandato in gran parte senza successo, Jimmy Carter ha successivamente riabilitato la sua reputazione attraverso i suoi sforzi umanitari dopo aver lasciato la Casa Bianca. Ora è ampiamente considerato uno dei più grandi ex presidenti della storia americana. 

Ha lavorato a lungo con Habitat for Humanity e ha fondato il Carter Presidential Center per promuovere i diritti umani e alleviare la sofferenza in tutto il mondo. In particolare, Carter ha lavorato efficacemente come ex presidente per sviluppare sistemi di assistenza sanitaria basati sulla comunità in Africa e in America Latina, per supervisionare le elezioni nelle democrazie nascenti e per promuovere la pace in Medio Oriente. 

Nel 2002 Jimmy Carter ha ricevuto il premio Nobel per la pace "per i suoi decenni di instancabili sforzi per trovare soluzioni pacifiche ai conflitti internazionali, far progredire la democrazia e i diritti umani e promuovere lo sviluppo economico e sociale". Carter ha anche scritto molti libri negli anni successivi alla sua presidenza, tra cui diverse memorie, I nostri valori in pericolo: l'America's crisi morale (2006) e Palestina: Peace Not Apartheid (2007).

Jimmy Carter non passerà alla storia come uno degli Stati Uniti'i presidenti più efficaci. Tuttavia, a causa del suo instancabile lavoro sia prima che dopo la sua presidenza a sostegno dell'uguaglianza, dei diritti umani e della riduzione della sofferenza umana, Carter scenderà come una delle nazioni's grandi attivisti sociali. 

Offrendo la sua conferenza Nobel nel 2002, Carter ha concluso con parole che possono essere viste sia come la sua missione di vita sia come il suo invito all'azione per le generazioni future. "Il legame della nostra comune umanità è più forte della divisione delle nostre paure e pregiudizi", ha detto. "Dio ci dà la capacità di scelta. Possiamo scegliere di alleviare la sofferenza. Possiamo scegliere di lavorare insieme per la pace. Possiamo apportare questi cambiamenti & # x2014; e dobbiamo."

Anni recenti

Il 12 agosto 2015, Carter è stato sottoposto a un intervento chirurgico per rimuovere una massa dal fegato e ha scoperto di avere un cancro. In una dichiarazione, ha detto: "Recenti interventi chirurgici al fegato hanno rivelato che ho un cancro che ora è in altre parti del mio corpo. Riorganizzerò il mio programma, se necessario, in modo da poter essere sottoposto a trattamento da parte dei medici di Emory Healthcare."

Una settimana dopo, il 20 agosto, Carter tenne una conferenza stampa in cui disse che i medici avevano trovato il melanoma, "quattro punti molto piccoli", nel suo cervello. Ha spiegato che avrebbe iniziato il trattamento con radiazioni quel giorno e avrebbe dovuto modificare il suo fitto programma & # x201C; in modo abbastanza drammatico. & # X201D;  

& # x201C; I & # x2019; m perfettamente a mio agio con qualunque cosa accada, & # x201D; ha detto l'ex presidente, aggiungendo che ha condotto & # x201C; una vita meravigliosa. & # x201D; & # x201C; Ora lo sento's nelle mani di Dio. & # x201D;

All'inizio di dicembre, Carter ha annunciato ufficialmente che un esame non aveva rivelato alcuna traccia delle quattro lesioni cerebrali. Tornato al lavoro, ha continuato a lucidare il libro n. 32, Fede: un viaggio per tutti, che riflette sull'importanza della spiritualità nella sua stessa vita e sulla sua influenza nel plasmare la storia americana.

Fare il giro dei media per promuovere il libro'Nel rilascio di fine marzo 2018, Carter ha discusso alcuni degli argomenti politici del giorno, comprese le interviste condotte da presunte amanti del presidente Donald Trump. Ha anche affrontato questioni politiche più urgenti, compresa l'importanza di stringere relazioni più forti con la Corea del Nord.

Il 21 marzo 2019, Carter è diventato il presidente degli Stati Uniti più longevo a 94 anni e 172 giorni, superando il marchio stabilito da George H.W. Cespuglio. A maggio, è stato rivelato che aveva subito un intervento chirurgico dopo essere caduto e essersi rotto un fianco.

video

Jimmy Carter - Legacy (TV-14; 2:27) Jimmy Carter - The Great Mediator (TV-14; 1:14) Jimmy Carter - Mini Biografia (TV-14; 4:52)



Nessun utente ha ancora commentato questo articolo.

Biografie di personaggi famosi.
La tua fonte di storie vere su personaggi famosi. Leggi biografie esclusive e trova connessioni inattese con le tue celebrità preferite.