Biografia di Joseph Stalin

  • Virgil Tyler
  • 0
  • 3789
  • 260
Joseph Stalin ha governato l'Unione Sovietica per pi√Ļ di due decenni, istituendo un regno di morte e terrore, modernizzando la Russia e aiutando a sconfiggere il nazismo.

Chi era Joseph Stalin?

Joseph Stalin salì al potere come Segretario Generale del Partito Comunista in Russia, diventando un dittatore sovietico dopo la morte di Vladimir Lenin. Stalin ha costretto la rapida industrializzazione e la collettivizzazione dei terreni agricoli, provocando la morte di milioni di persone a causa della carestia, mentre altri sono stati inviati nei campi di lavoro. La sua Armata Rossa aiutò a sconfiggere la Germania nazista durante la seconda guerra mondiale.

Primi anni di vita

Il 18 dicembre 1879, nel villaggio contadino russo di Gori, in Georgia, nacque Iosif Vissarionovich Dzhugashvili - in seguito noto come Joseph Stalin -. 

Figlio di Besarion Jughashvili, un calzolaio, e Ketevan Geladze, una lavandaia, Stalin era un bambino fragile. All'età di 7 anni, contrasse il vaiolo, lasciando il viso sfregiato. 

Qualche anno dopo è stato ferito in un incidente in carrozza che ha lasciato leggermente deformato il braccio (alcuni resoconti affermano che il suo problema al braccio è stato il risultato di avvelenamento del sangue dalla lesione). 

Gli altri bambini del villaggio lo trattavano crudelmente, infondendo in lui un senso di inferiorità. Per questo motivo, Stalin iniziò una ricerca di grandezza e rispetto. Ha anche sviluppato una serie crudele per coloro che lo hanno attraversato.

Stalin'La madre, una devota cristiana ortodossa russa, voleva che diventasse sacerdote. Nel 1888, riuscì a iscriverlo alla scuola della chiesa di Gori. Stalin andò bene a scuola, e i suoi sforzi gli valse una borsa di studio per il Seminario teologico di Tiflis nel 1894. 

Un anno dopo, Stalin entr√≤ in contatto con Messame Dassy, ‚Äč‚Äčun'organizzazione segreta che sosteneva l'indipendenza georgiana dalla Russia. Alcuni dei membri erano socialisti che lo presentarono agli scritti di Karl Marx e Vladimir Lenin. Stalin si un√¨ al gruppo nel 1898.

Sebbene eccellesse nella scuola del seminario, Stalin se ne andò nel 1899. I conti differiscono per il motivo; i registri scolastici ufficiali dichiarano che non era in grado di pagare le tasse scolastiche e si ritirò. esso's ha anche ipotizzato che gli sia stato chiesto di andarsene a causa delle sue opinioni politiche che sfidavano il regime zarista di Nicola II. 

Stalin scelse di non tornare a casa, ma rimase a Tiflis, dedicando il suo tempo al movimento rivoluzionario. Per un certo periodo trovò lavoro come tutor e successivamente come impiegato presso l'Osservatorio Tiflis. Nel 1901, si unì al Partito socialdemocratico del lavoro e lavorò a tempo pieno per il movimento rivoluzionario. 

Rivoluzione Russa

Nel 1902, fu arrestato per aver coordinato uno sciopero del lavoro ed esiliato in Siberia, il primo dei suoi numerosi arresti ed esiliati negli anni nascenti della Rivoluzione Russa. Fu durante questo periodo che adottò il nome Stalin, che significa "acciaio" in russo.

Sebbene mai un oratore forte come Vladimir Lenin o un intellettuale come Leon Trotsky, Stalin eccelleva nelle banali operazioni della rivoluzione, convocando riunioni, pubblicando volantini e organizzando scioperi e manifestazioni. 

Dopo essere fuggito dall'esilio, fu segnato dall'Okhranka (lo zar's polizia segreta) come fuorilegge e ha continuato il suo lavoro nel nascondersi, raccogliendo denaro attraverso rapine, rapimenti ed estorsioni. Stalin ottenne l'infamia associata alla rapina in banca Tiflis del 1907, che provocò diversi decessi e rubarono 250.000 rubli (circa 3,4 milioni di dollari in dollari USA).

Nel febbraio del 1917 iniziò la rivoluzione russa. A marzo, lo zar aveva abdicato al trono ed era stato posto agli arresti domiciliari. Per un certo periodo, i rivoluzionari hanno sostenuto un governo provvisorio, ritenendo possibile una transizione graduale del potere. 

Ma nell'aprile del 1917, il leader bolscevico Lenin denunciò il governo provvisorio, sostenendo che il popolo doveva sollevarsi e prendere il controllo sequestrando la terra dai ricchi e le fabbriche dagli industriali. A ottobre la rivoluzione era completa e i bolscevichi avevano il controllo.

Capo del Partito Comunista

Il nascente governo sovietico ha attraversato un periodo violento dopo la rivoluzione mentre vari individui si contendevano la posizione e il controllo. 

Nel 1922, Stalin fu nominato alla carica di segretario generale del Partito comunista appena creata. Sebbene in quel momento non fosse un posto significativo, diede a Stalin il controllo su tutti gli appuntamenti dei membri del partito, che gli permise di costruire la sua base. 

Prese appuntamenti astuti e consolidò il suo potere in modo che alla fine quasi tutti i membri del comando centrale gli dovessero la sua posizione. Quando qualcuno si rese conto di ciò che aveva fatto, era troppo tardi. Perfino Lenin, che era gravemente malato, non era in grado di riprendere il controllo di Stalin.

Grande purga

Dopo Lenin'Alla morte, nel 1924, Stalin iniziò a distruggere la vecchia leadership del partito e ad assumere il controllo totale. In un primo momento, ha rimosso le persone dal potere attraverso mischiature burocratiche e denunce. 

Molti furono esiliati all'estero in Europa e nelle Americhe, incluso il presunto successore di Lenin, Leon Trotsky. Tuttavia, ulteriori paranoia si insediarono e Stalin condusse presto un vasto regno di terrore, facendo arrestare le persone nella notte e sottoporre a spettacolari prove. 

I potenziali rivali furono accusati di allinearsi con le nazioni capitaliste, condannati per essere "nemici del popolo" e giustiziati sommariamente. Il periodo noto come Great Purge alla fine si estese oltre l'élite del partito ai funzionari locali sospettati di attività controrivoluzionarie.

SCARICA LA BIOGRAFIA'SCHEDA INFORMATIVA S JOSEPH STALIN

Riforma e carestia

Alla fine degli anni '20 e all'inizio degli anni '30, Stalin ribaltò la politica agraria bolscevica sequestrando la terra donata in precedenza ai contadini e organizzando fattorie collettive. Ciò essenzialmente ridusse i contadini ai servi, come lo erano stati durante la monarchia. 

Stalin credeva che il collettivismo avrebbe accelerato la produzione alimentare, ma i contadini si risentirono di perdere la terra e di lavorare per lo stato. Milioni di persone furono uccise nei lavori forzati o morirono di fame durante la successiva carestia. 

Stalin mise anche in moto una rapida industrializzazione che inizialmente raggiunse enormi successi, ma col tempo costò milioni di vite e ingenti danni all'ambiente. Ogni resistenza ha incontrato una risposta rapida e letale; milioni di persone furono esiliate nei campi di lavoro del Gulag o furono giustiziate.

seconda guerra mondiale

Mentre le nuvole di guerra si radunavano sull'Europa nel 1939, Stalin fece una mossa apparentemente brillante, firmando un patto di non aggressione con la Germania's Adolf Hitler e il suo partito nazista. 

Stalin era convinto di Hitler'integrità e ignorato gli avvertimenti dei suoi comandanti militari che la Germania stava mobilitando eserciti sul suo fronte orientale. Quando la guerra lampo nazista colpì nel giugno 1941, l'esercito sovietico fu completamente impreparato e subito subì ingenti perdite. 

Stalin era così sconvolto da Hitler'il tradimento che ha nascosto nel suo ufficio per diversi giorni. Quando Stalin riprese la sua decisione, gli eserciti tedeschi occuparono tutta l'Ucraina e la Bielorussia e la sua artiglieria circondò Leningrado.

A peggiorare le cose, le purghe degli anni '30 avevano esaurito l'esercito sovietico e la leadership del governo al punto che entrambi erano quasi disfunzionali. Dopo sforzi eroici da parte dell'esercito sovietico e del popolo russo, i tedeschi furono respinti nella battaglia di Stalingrado nel 1943. 

Entro l'anno successivo, l'esercito sovietico stava liberando i paesi dell'Europa orientale, anche prima che gli alleati avessero lanciato una seria sfida contro Hitler al D-Day.

Stalin e l'Occidente

Stalin era stato sospettoso nei confronti dell'Occidente sin dalla nascita dell'Unione Sovietica, e una volta che l'Unione Sovietica era entrata in guerra, Stalin aveva richiesto agli Alleati di aprire un secondo fronte contro la Germania. 

Sia il Primo Ministro britannico Winston Churchill che il Presidente degli Stati Uniti Franklin D. Roosevelt hanno sostenuto che un'azione del genere comporterebbe gravi perdite. Questo ha solo approfondito Stalin's sospetto nei confronti dell'Occidente, con la morte di milioni di russi.

Mentre la marea della guerra si trasformava lentamente negli Alleati' favore, Roosevelt e Churchill si incontrarono con Stalin per discutere di accordi del dopoguerra. Al primo di questi incontri, a Teheran, in Iran, alla fine del 1943, la recente vittoria a Stalingrado mise Stalin in una solida posizione di contrattazione. Chiese agli Alleati di aprire un secondo fronte contro la Germania, che accettarono nella primavera del 1944. 

Nel febbraio del 1945, i tre leader si incontrarono di nuovo alla Conferenza di Yalta in Crimea. Con le truppe sovietiche che liberavano i paesi dell'Europa orientale, Stalin era di nuovo in una posizione di forza e negoziava praticamente una mano libera nella riorganizzazione dei loro governi. Ha anche accettato di entrare in guerra contro il Giappone una volta sconfitta la Germania.

La situazione cambiò alla Conferenza di Potsdam nel luglio 1945. Roosevelt morì quell'aprile e fu sostituito dal presidente Harry S. Truman. Le elezioni parlamentari britanniche avevano sostituito il primo ministro Churchill con Clement Attlee come Gran Bretagna'principale negoziatore. 

Ormai, gli inglesi e gli americani erano sospettosi di Stalin'intenzioni e voleva evitare il coinvolgimento sovietico in un Giappone del dopoguerra. Il lancio di due bombe atomiche nell'agosto del 1945 costrinse il Giappone's arrendersi prima che i sovietici potessero mobilitarsi.

Stalin e relazioni con l'estero

Convinto degli Alleati' ostilità verso l'Unione Sovietica, Stalin divenne ossessionato dalla minaccia di un'invasione dall'Occidente. Tra il 1945 e il 1948, stabilì regimi comunisti in molti paesi dell'Europa orientale, creando una vasta zona cuscinetto tra l'Europa occidentale e la "Madre Russia". 

Le potenze occidentali interpretarono queste azioni come prova di Stalin'Il desiderio di mettere l'Europa sotto il controllo comunista, formò così l'Organizzazione del Trattato del Nord Atlantico (NATO) per contrastare l'influenza sovietica. 

Nel 1948, Stalin ordinò un blocco economico nella città tedesca di Berlino, nella speranza di ottenere il pieno controllo della città. Gli Alleati reagirono con il massiccio ponte aereo di Berlino, rifornendo la città e costringendo infine Stalin a ritirarsi.

Stalin subì un'altra sconfitta in politica estera dopo aver incoraggiato il leader comunista nordcoreano Kim Il Sung a invadere la Corea del Sud, ritenendo che gli Stati Uniti non avrebbero interferito. 

In precedenza, aveva ordinato al rappresentante sovietico presso le Nazioni Unite di boicottare il Consiglio di sicurezza perché si rifiutava di accettare il popolo comunista appena formato's Repubblica di Cina nelle Nazioni Unite. Quando la risoluzione a sostegno della Corea del Sud giunse al voto in seno al Consiglio di sicurezza, l'Unione Sovietica non fu in grado di usare il suo veto.

Quante persone hanno ucciso Joseph Stalin?

esso's ha stimato che Stalin ha ucciso fino a 20 milioni di persone, direttamente o indirettamente, attraverso carestie, campi di lavoro forzato, collettivizzazione ed esecuzioni.

Alcuni studiosi hanno sostenuto che Stalin'Il record di omicidi equivale al genocidio e lo rende uno di storia'i pi√Ļ spietati assassini di massa.¬†

Morte

Sebbene la sua popolarità dai suoi successi durante la seconda guerra mondiale fosse forte, Stalin'La salute iniziò a peggiorare nei primi anni '50. Dopo che fu scoperto un complotto per omicidio, ordinò al capo della polizia segreta di istigare una nuova purga del Partito Comunista. 

Prima che potesse essere giustiziato, tuttavia, Stalin morì il 5 marzo 1953. Lasciò un'eredità di morte e orrore, anche se trasformò una Russia arretrata in una superpotenza mondiale.

Stalin fu infine denunciato dal suo successore, Nikita Krusciov, nel 1956. Tuttavia, ha trovato una popolarità riaccesa tra molte della Russia's giovani.

Profili correlati

Adolf Hitler

Benito Mussolini

Vladimir Lenin

Winston Churchill

Karl Marx




Nessun utente ha ancora commentato questo articolo.

Biografie di personaggi famosi.
La tua fonte di storie vere su personaggi famosi. Leggi biografie esclusive e trova connessioni inattese con le tue celebrità preferite.