Marian Anderson Una voce che ha rotto le barriere

  • Kenneth Cook
  • 0
  • 1049
  • 37

La cantante Marian Anderson fece sentire la sua voce da contralto come cantante d'opera che si esibì alla Carnegie Hall nel 1928 e al Metropolitan Opera House di New York negli anni '30, la prima cantante nera ad averlo mai fatto. Nel 1939 si esibì al Lincoln Memorial con migliaia di presenti. (Foto di General Photographic Agency / Getty Images)

Il 9 aprile 1939, la star dell'opera americana Marian Anderson tenne un concerto gratuito al Lincoln Memorial che divenne noto in tutto il mondo come un rimprovero pubblico della segregazione e dell'ingiustizia razziale.

Più di 75.000 persone si sono radunate per ascoltare questa giovane cantante nera, che aveva illuminato palcoscenici da Londra a Mosca. Sebbene acclamata a livello internazionale, le era stato negato il principale locale di musica di Washington D.C., Constitution Hall, a causa della sua razza. La Constitution Hall era di proprietà delle Daughters of the Revolution (DAR), un club femminile d'élite che vietava ai neri di esibirsi sul palco.

Meno noto, tuttavia, è che il DAR non è stata l'unica entità a respingerla. Il sistema di scuola pubblica segregata le negò anche un grande auditorium in una scuola superiore tutta bianca. Ma poiché gli organizzatori avevano già annunciato una data del concerto del 9 aprile, lo spettacolo doveva continuare. Ci sono voluti tre mesi e una banda di leader lungimiranti & # x2014; dal mondo dello spettacolo, del governo, dell'educazione e della difesa legale & # x2014; per dominare una delle scene più indelebili nella lunga lotta per l'uguaglianza razziale.

Del concerto di 30 minuti, solo una piccola parte fu catturata per essere trasmessa in quel momento. Le riprese del film la mostrano composta ma emotiva. Canta & # x201C; America & # x201D; magnificamente, ma con gli occhi chiusi, come se fosse a fuoco intenso. Il programma includeva due canzoni classiche, seguite da spiritual e un bis di & # x201C; Nobody Knows the Trouble I & # x2019; ve Seen. & # X201D;

Il titolo del bis potrebbe benissimo applicarsi al lavoro dietro le quinte per far sì che il concerto si realizzi.

I semi sono stati piantati tre anni prima. La Howard University di Washington D.C. presentava regolarmente Anderson in una serie di concerti, ma nel 1936 la sua fama superò i luoghi dell'università.

Constitution Hall fu il logico passo successivo. La leadership dell'università, ritenendo che un artista della sua statura meritasse la sala da 4.000 posti, ha richiesto un'eccezione al divieto razziale.

La richiesta è stata respinta. Nel 1936 e di nuovo nel 1937, la Howard University la presentò alla Armstrong High School, una scuola nera. Nel 1938, con la crescente domanda, Howard trasferì il concerto in un teatro del centro, scrive Allan Keiler nella sua biografia & # x201C; Marian Anderson: A Singer & # x2019; s Journey. & # X201D;

Ma il 1939 sarebbe andato diversamente.

Ai primi di gennaio, il rappresentante artistico di Anderson, il famoso impresario Sol Hurok, accettò il concerto annuale, presentato da Howard, e fino alla data. Il 6 gennaio, i dirigenti universitari hanno nuovamente chiesto un'eccezione alla Constitution Hall. La voce di Anderson era ormai rinomata: aveva incantato i capi di stato in Europa; il grande direttore italiano Arturo Toscanini l'aveva inondata di lode: & # x201C; Quello che ho sentito oggi è il privilegio di ascoltare solo una volta ogni cento anni. & # x201D;

Quando nuovamente respinto, il tesoriere universitario V.D. Johnson indietreggiò, scrivendo una lettera aperta al DAR che correva sul Washington Times-Herald; il giornale ha seguito un feroce editoriale che collega pregiudizi razziali a Hitler e ai nazisti.

Man mano che venivano inviate ulteriori richieste, la controversia aumentò e fu conferito il peso massimo di Washington. I leader della National Association for the Advancement of Colored People si unirono al segretario interno Harold Ickes, un progressista la cui giurisdizione includeva il budget di Howard, e la First Lady Eleanor Roosevelt, nota sostenitrice dell'uguaglianza razziale e della giustizia.

Non temendo progressi, la Howard University cambiò rotta e chiese al Washington School Board l'uso di un ampio auditorium & # x2014; in una scuola superiore bianca.

Quando la richiesta è stata respinta a febbraio, il pubblico si è unito alla mischia. & # x201C; Gli insegnanti sono stati tra i primi a indignarsi per la decisione del consiglio scolastico, & # x201D; scrive Keiler. & # x201C; Il diciottesimo, il capitolo locale della Federazione Americana degli Insegnanti si riunì alla YWCA per protestare contro il divieto razziale contro Anderson. & # x201D;

The Marian Anderson Citizens & # x2019; Fu formato il Comitato (MACC), che guidò le proteste a cui si unirono sempre più organizzazioni civili. Il 27 febbraio, il problema è diventato nazionale quando Eleanor Roosevelt ha scritto una colonna in cui annunciava le sue dimissioni dalla DAR: & # x201C; Rimanere come membro implica l'approvazione di tale azione, quindi mi dimetto. & # X201D;

Con il DAR ancora impassibile, tutti gli occhi erano sul consiglio scolastico. La burocrazia locale di Washington alla fine cedette, ma poi a metà marzo, il sovrintendente unilateralmente si rifiutò, temendo il pendio scivoloso dell'integrazione.

Un concerto all'aperto era stato preso in considerazione dalla squadra di Anderson, ma l'idea per il Lincoln Memorial è stata attribuita a Walter White, capo del NAACP. Quando tutte le parti erano a bordo, la pianificazione è andata rapidamente. Ickes ha concesso il permesso di utilizzare lo spazio pubblico. La stampa è stata avvisata. NAACP e MACC hanno radunato una folla enorme.

Anderson era stata informata, ma la sera prima era scossa, scrive Keiler: & # x201C; Intorno a mezzanotte, telefonò a Hurok, in uno stato di reale paura, desiderando sapere se doveva davvero andare fino in fondo al concerto . & # x201D;

Come dimostra la storia, ha affrontato le sue paure, prendendo posizione per coloro che non potevano.

La folla quella domenica di Pasqua si estendeva dal Lincoln Memorial, lungo la piscina riflettente e fino al monumento a Washington. Poco prima di salire sul palco, Ickes l'ha introdotta con parole ispiratrici che parlano della possibilità in ogni essere umano: & # x201C; Genius non disegna alcuna linea di colore. & # X201D;

tag
termini:
Storia nera
Di Pia Catton

    ALTRE STORIE DALLA BIOGRAFIA

    Storia e cultura

    Zora Neale Hurston: 7 fatti per il suo 125 ° compleanno

    Per il 125 ° compleanno dell'autore, diamo un'occhiata a sette fatti affascinanti sulla sua vita.

    • Di Sara KettlerJun 27, 2019
    Storia e cultura

    I miracoli che hanno reso Madre Teresa una Santa

    Due miracoli separati di guarigione furono accreditati a Madre Teresa dopo la sua morte, il che le rese possibile essere canonizzata come Santa Teresa.

    • Di Sara KettlerJun 24, 2019
    Storia e cultura

    Celebrando le donne scienziate nere

    Nella nostra copertura continua che celebra il Black History Month, scopri alcune delle donne scienziate afroamericane meno conosciute che hanno avuto impatti rivoluzionari nei rispettivi campi.

    • Di Meredith WorthenJun 14, 2019
    Nelle news

    Ricordando l'11 settembre: un giorno che ha cambiato il mondo

    Facciamo una pausa per ricordare gli eventi di quel tragico giorno, nonché onorare le vittime e l'eroismo dei primi soccorritori.

    • Di Meredith WorthenSep 9, 2019
    Storia e cultura

    La vita di Rosa Parks dopo il boicottaggio del bus Montgomery

    Prima di diventare un'icona dei diritti civili ammirata a livello nazionale, la vita di Rosa Parks consisteva in alti e bassi che includevano lotte per sostenere la sua famiglia e intraprendere nuove strade nell'attivismo.

    • Di Sara KettlerJun 25, 2019
    Storia e cultura

    Titanic: storie di passeggeri che continuano a perseguitarci

    L'autrice Deborah Hopkinson condivide le storie di passeggeri titanici di diversi ceti sociali.

    • Di Deborah HopkinsonJun 18, 2019
    Storia e cultura

    'Little Rock Nine': 60 ° anniversario dell'alta integrazione centrale

    Il 25 settembre 1957 nove studenti neri iniziarono coraggiosamente il loro primo giorno intero in un liceo tutto bianco a Little Rock, nell'Arkansas, tra una folla arrabbiata di studenti, gruppi pro-segregazionisti e un governatore ribelle. Gli studenti sarebbero diventati noti come Little Rock Nine.

    • Di Bio StaffJun 17, 2019
    Storia e cultura

    Maya Angelou e altri 9 autori neri di successo

    Esplorando temi di razzismo, oppressione e violenza, questi scrittori afroamericani si sono giustamente guadagnati il ​​loro posto nel canone di grandi autori.

    • Di Brad Witter, 24 giu 2019
    Storia e cultura

    Martin Luther King Jr. e 8 attivisti neri che hanno guidato il movimento per i diritti civili

    Questi visionari attivisti afroamericani erano alcuni degli agenti più vocali per il cambiamento razziale.

    • Di Brad Witter, 24 giu 2019
    Caricamento in corso ... Vedi di più



    Nessun utente ha ancora commentato questo articolo.

    Biografie di personaggi famosi.
    La tua fonte di storie vere su personaggi famosi. Leggi biografie esclusive e trova connessioni inattese con le tue celebrità preferite.