Figure nascoste della NASA Donne che devi conoscere

  • Harry Morgan
  • 0
  • 2767
  • 59

Il matematico di ricerca della NASA Katherine Johnson ha fotografato alla sua scrivania presso il NASA Langley Research Center. Johnson è interpretato da Taraji P. Henson nel film Hidden Figures.

(Foto: NASA di cortesia)

Quando il film Figure nascoste aprirà a livello nazionale il 6 gennaio, la maggior parte degli spettatori probabilmente apprenderanno per la prima volta la storia dei computer umani afro-americani & # x201C; & # x201D; che iniziò a lavorare alla NASA (e al suo predecessore, NACA) negli anni '40. Per decenni, queste dipendenti donne, molte delle quali avevano conseguito la laurea avanzata nei loro campi, aiutarono gli Stati Uniti a eccellere nella corsa allo spazio, ma i loro contributi critici rimasero largamente non riconosciuti, non solo al di fuori della NASA, ma al suo interno. 

Hidden Human Computers: The Black Women of NASA, un libro scritto da Sue Bradford Edwards e dalla dottoressa Duchess Harris (la cui nonna, Miriam Daniel Mann, era uno dei & # x201C; computer umani. & # X201D;)

(Foto: cortesia Adbo Publishing)

Figura nascostas introdurrà gli spettatori a tre di queste donne: Mary Jackson, Katherine Johnson e Dorothy Vaughan. Mentre le loro storie sono avvincenti (e chiaramente rappresentano una grande drammatizzazione sotto forma di film), anche il lavoro dei loro colleghi che rimangono ancora nella storia è stato di grande importanza. Ecco alcune delle altre donne di colore della NASA che devi sapere chi ha prestato servizio durante & # x201C; Figure nascoste & # x201D; era. Le loro storie sono raccontate in Computer umani nascosti: le donne di colore della NASA, un libro scritto da Sue Bradford Edwards e dalla dott.ssa Duchess Harris (la cui nonna era uno dei & # x201C; computer & # x201D;), e pubblicato da ABDO a dicembre 2016. 

Abbiamo parlato con Harris per saperne di più sull'altro black & # x201C; computer umani & # x201D; e i loro successi. Ecco alcune delle loro storie:

1. Miriam Daniel Mann

Era il 1943 quando Miriam Daniel Mann venne a conoscenza delle opportunità di lavoro presso il National Advisory Committee for Aeronautics, o il predecessore della NACA, NASA. Mann, che aveva conseguito una laurea in chimica con un minore in matematica presso il Talladega College dell'Alabama, era perfetto per la posizione di computer umano, che era tra i lavori più impegnativi per le donne della sua epoca. Mann, nato nel 1907, fu assunto dalla NACA, che all'epoca operava 24 ore al giorno. I dipendenti hanno lavorato turni da 7 am– 3pm, 3 pm–11pm o 23 pm–7am. La disposizione per un & # x201C; famiglia molto diversa & # x201D; in un'era & # x201C; quando era la norma per le donne rimanere a casa, & # x201D; ha detto la figlia di Mann, Miriam Mann Harris, in un'intervista di storia orale del 2011.

Le prime memorie di Harris ruotano attorno alla carriera di sua madre. & # x201C; I miei primi ricordi sono di mia madre che parlava di avere problemi di matematica tutto il giorno. Allora, tutta la matematica è stata fatta con una matita n. 2 e con l'aiuto di una regola scorrevole. Ricordo il discorso su come tracciare grafici, registri, fare equazioni e ogni sorta di termini dal suono straniero. & # X201D; Harris, che lavorò alla NASA fino a quando la cattiva salute la costrinsero a ritirarsi nel 1966, fu tra i computer umani afroamericani che lavorarono alla missione di John Glenn. 

Miriam Daniel Mann, nella foto seduta sul divano, in una fotografia di famiglia. Il suo lavoro come uno dei primi "computer umani" ha dato un contributo significativo ai progressi della NASA tra gli anni '40 e '60.

(Foto: per gentile concessione della dottoressa Duchessa Harris)

Tuttavia, non era solo la matematica e l'informatica a eseguire Mann. Sua figlia ricorda i silenziosi atti di resistenza della madre contro la segregazione che esisteva all'interno della NASA, inclusa la rimozione di & # x201C; Colored & # x201D; firmare da un tavolo sul retro della caffetteria e accettare l'invito del suo capo femmina bianco a visitare il suo appartamento. Un tale invito, che attraversava linee sia di livello professionale che di razza, era abbastanza insolito per i tempi, & # x201D; Osservò Harris. Sebbene Mann sarebbe morta due anni prima che Neil Armstrong camminasse sulla luna, era consapevole che il suo lavoro e le azioni di informatica e diritti civili hanno dato un contributo significativo ai progressi della NASA tra gli anni '40 e '60.   

2. Kathryn Peddrew

Peddrew, come Mann, si era laureata in chimica ed era stata assunta dal NACA nel 1943. Avrebbe trascorso tutta la sua carriera lì, andando in pensione nel 1986. Era stata cresciuta da genitori che le avevano insegnato che poteva essere tutto ciò che voleva essere e la sua fiducia in se stessa non ha mai vacillato, anche se ha subito discriminazioni di genere e razziali nella sua ricerca di lavoro prima di arrivare alla NASA. Peddrew aveva voluto unirsi al gruppo di ricerca di uno dei suoi professori universitari, che aveva studiato sordità provocata dal chinino in Nuova Guinea, ma gli era stata negata l'opportunità perché il gruppo non aveva un piano di emergenza per l'alloggio di donne separatamente dagli uomini.  

Dopo questa delusione, Peddrew decise di sparare per la luna, facendo domanda per una posizione nella divisione chimica del NACA dopo aver letto un annuncio di lavoro in un bollettino del NACA. È stata assunta, ma quando gli amministratori hanno appreso che era nera, hanno annullato l'offerta per il lavoro di chimica, trasferendola invece alla divisione informatica, che aveva una sezione segregata per le donne nere computer umane. 

Nel corso della sua carriera alla NASA, Peddrew lavorava sia in aeronautica che in aerospaziale, studiando equilibrio nella divisione di ricerca strumentale.

3. Christine Darden

La discriminazione razziale nelle pratiche di assunzione alla NASA non era molto migliorata da quando Christine Darden fece domanda per un incarico alla fine degli anni '60. Darden, che ha conseguito un Master in ingegneria ed è stato qualificato per una posizione di ingegnere all'interno dell'agenzia, è stato comunque assegnato a un ruolo di computer umano, che rappresentava una categoria sub-professionale. La NASA potrebbe approfittare delle conoscenze che le sono state conferite attraverso il suo diploma, ma non le assegnerebbe una posizione o un grado di retribuzione corrispondente che fosse commisurato ad esso.

Christine Darden nella sala di controllo della NASA Langley's Galleria del vento del piano unitario nel 1975.

(Foto: NASA di cortesia)

Darden, tuttavia, non doveva essere considerato conforme. Consapevole del fatto che era in grado di ricoprire una posizione professionale all'interno dell'agenzia, si è confrontata con il suo supervisore ed è stata trasferita a un lavoro di ingegneria nel 1973. In questo ruolo, ha lavorato sulla scienza dei boom sonici, facendo progressi specifici sulla minimizzazione del boom sonico e scrivendo più di 50 articoli accademici sull'argomento.

Nel 1983, Darden ha conseguito un dottorato e nel 1989 è stata nominata al primo di una serie di ruoli dirigenziali e di leadership presso la NASA, incluso il capo tecnico del gruppo Sonic Boom del ramo di integrazione dei veicoli del programma di ricerca ad alta velocità e, un dieci anni dopo, direttore dell'Ufficio di gestione dei programmi dell'Aerospace Performing Center.

Christine Darden ha lavorato alla NASA per quasi 40 anni e si è ritirata nel 2007.

(Foto: NASA di cortesia)

4. Annie Easley

Annie Easley, che entrò a far parte della NASA nel 1955 e che avrebbe lavorato presso l'agenzia per 34 anni, condivideva la stessa consapevolezza di sé e la sicurezza di Darden, così come la stessa tenacia nel garantire che i suoi diritti fossero rispettati. Negli anni '60, Easley scrisse il codice del computer usato per il palco del razzo Centaur. Soprannominato dalla NASA come cavallo di lavoro nello spazio, & # x201C; America & # x2019; Centaur è stato utilizzato in oltre 220 lanci. Il codice di Easley era la base per i codici futuri che sono stati utilizzati nei satelliti militari, meteorologici e di comunicazione. 

Nonostante questo risultato, Easley ha incontrato una discriminazione sbalorditiva, in particolare quando si trattava di accedere ai benefici educativi promessi ai dipendenti della NASA. La NASA aveva istituito una politica che consentiva ai dipendenti una sorta di sovvenzione per coprire corsi pertinenti ai loro lavori. Easley voleva prendere alcune lezioni di matematica in un vicino college della comunità e chiese al suo supervisore maschio se la NASA avrebbe pagato per le lezioni. & # X201C; Oh, no, Annie, non'pago per tutti i corsi di laurea ", ha detto. Ha informato il supervisore che era a conoscenza della politica della NASA sul pagamento delle lezioni, ma ha scavato i tacchi, dicendo:" # x201C; Lo fanno solo per i professionisti ". Ha pagato per le sue lezioni e ha conseguito la laurea in Matematica, ma non dopo che le è stato negato il congedo retribuito (un'altra politica della NASA) per conseguire la laurea. 

Annie Easley ha scritto il codice del computer utilizzato per il palco del razzo Centaur che è stato utilizzato in oltre 220 lanci. Il suo lavoro ha influenzato i codici che sono stati utilizzati nei satelliti militari, meteorologici e di comunicazione.

(Foto: NASA di cortesia)

5. Mary Jackson

Mary Jackson fu assunta dalla NASA nel 1951 come matematica di ricerca nella sezione segreta West Computers, e in seguito avrebbe lavorato come ingegnere aerospaziale. Mentre i suoi contributi agli studi aerodinamici erano significativi, Jackson sentì che avrebbe potuto avere un impatto più profondo sull'agenzia passando dalle scienze applicate alle risorse umane. Se questa sembra una deposizione autoimposta, non lasciarti ingannare. Nel 1979, Jackson aveva assunto un nuovo ruolo come direttrice del programma di azione affermativa e responsabile del programma federale femminile. In tale veste, è stata in grado di apportare cambiamenti che hanno aiutato le donne e le persone di colore e ha aiutato i manager a notare le realizzazioni dei loro impiegati neri e femminili. 

Per troppo tempo, Jackson aveva notato che i suoi colleghi qualificati e talentuosi in bianco e nero (e, soprattutto, in nero) non venivano sempre promossi così rapidamente come i loro colleghi maschi bianchi. Jackson ha dato uno sguardo approfondito alle disuguaglianze strutturali all'interno della NASA che hanno contribuito a questi scenari incapaci di prosperare e ha deciso che avrebbe potuto avere il massimo impatto in un ruolo formale delle risorse umane, piuttosto che semplicemente in uno dei consigli informali a delusi e frustrati colleghi.  

Mary Jackson fu assunta dalla NASA nel 1951 come matematica di ricerca e si ritirò dal Centro ricerche Langley della NASA nel 1985 come ingegnere aeronautico. Il suo lavoro nelle risorse umane ha contribuito a far progredire le donne e le persone di colore alla NASA.

(Foto: NASA di cortesia)

Il lavoro di Jackson in questa funzione è stato determinante per garantire una maggiore visibilità all'interno dell'agenzia, ma anche "n. X2014; e soprattutto" al di fuori di essa. Mentre gli amministratori della NASA sono stati finalmente costretti a riconoscere il lavoro delle donne di colore presso l'agenzia, il pubblico era ancora in gran parte al buio sulle donne di colore della NASA e, altrettanto importante, sulla rilevanza della corsa allo spazio e dell'agenzia & # x2019; attività della propria vita durante gli anni '60. 

Di Julie Schwietert Collazo

    ALTRE STORIE DALLA BIOGRAFIA

    Storia e cultura

    Celebrando le donne scienziate nere

    Nella nostra copertura continua che celebra il Black History Month, scopri alcune delle donne scienziate afroamericane meno conosciute che hanno avuto impatti rivoluzionari nei rispettivi campi.

    • Di Meredith WorthenJun 14, 2019
    Storia e cultura

    Festa della parità femminile: 7 attivisti che hanno cambiato la storia

    Per celebrare la Giornata dell'uguaglianza delle donne, scopri di più su alcune attiviste che hanno combattuto per i diritti delle donne sulla lunga strada verso l'uguaglianza.

    • Di Sara KettlerJun 14, 2019
    Storia e cultura

    'Suffragette': le vere donne che hanno ispirato il film

    Scopri sei donne della vita reale (più un uomo) che hanno combattuto per il diritto di voto delle donne.

    • Di Sara KettlerJun 17, 2019
    Storia e cultura

    Mese del patrimonio nativo americano: celebrare le donne originali delle Americhe

    Così spesso quando pensiamo ai grandi eroi dei nativi americani del passato, pensiamo ai coraggiosi guerrieri e capi maschili che hanno guidato il loro popolo attraverso la guerra e il lungo viaggio verso un futuro incerto. Questa volta, abbiamo voluto onorare le donne dei nativi americani che hanno combattuto al loro fianco.

    • Di Sara KettlerJun 25, 2019
    Storia e cultura

    Il movimento per i diritti delle donne e le donne delle cascate di Seneca

    Il 19-20 luglio 1848, la Convenzione delle Cascate Seneca innescò e rafforzò il movimento per i diritti delle donne in America. Guardiamo indietro alle donne che hanno guidato l'evento storico e al modo in cui ha ispirato generazioni di attivismo.

    • Di Meredith WorthenJun 17, 2019
    Storia e cultura

    J.D. Salinger: 6 cose che non sapevi

    Tre anni dopo la sua morte, J.D. Salinger sta ancora facendo notizia con una nuova biografia e documentario e la rivelazione che le sue opere inedite potrebbero presto essere rilasciate.

    • Di Jackie Nash, 18 giu 2019
    Storia e cultura

    HerStory: Le donne dietro il diciannovesimo emendamento

    Il 26 agosto 1920, il diciannovesimo emendamento, che garantiva alle donne il diritto di voto, fu formalmente adottato nella Costituzione degli Stati Uniti. Ecco uno sguardo agli eventi che circondano questo importante capitolo della storia degli Stati Uniti e alle donne che hanno fatto il cambiamento.

    • Di Greg Timmons 24 giugno 2019
    Storia e cultura

    7 cose che potresti non sapere su Duke Ellington

    Dal suo altro soprannome poco lusinghiero al suo segreto alla longevità musicale, c'è molto da imparare sull'enigmatica leggenda del jazz.

    • Di Scott YanowJun 17, 2019
    Storia e cultura

    Walt Disney: 7 cose che non sapevi sull'uomo e sulla magia

    In previsione di "Get a Horse!" Di Walt Disney e il film biografico "Salvare Mr. Banks", diamo un'occhiata a sette fatti meno noti sull'uomo e sull'istituzione.

    • Di Micah WhiteJun 27, 2019
    Caricamento in corso ... Vedi di più



    Nessun utente ha ancora commentato questo articolo.

    Biografie di personaggi famosi.
    La tua fonte di storie vere su personaggi famosi. Leggi biografie esclusive e trova connessioni inattese con le tue celebrità preferite.