Leader dei nativi americani del selvaggio West

  • Scott Jenkins
  • 0
  • 1525
  • 384

Le storie di eroismo, tenacia e coraggio del West americano non erano solo riservate al cowboy: molto prima di lui c'era il nativo americano, la cui diversità culturale e spirituale, nonché la sua profonda connessione con la terra, rivelarono un modo di vivere completamente diverso che gli americani sono in grado di ammirare oggi. Ma durante il XIX e il XX secolo, gli Stati Uniti, motivati ​​dalle sue agende politiche ed economiche, avevano una prospettiva ostile nei confronti dei loro vicini più anziani, ritenendoli inferiori e ancor più una minaccia ai suoi piani di espansione verso ovest . In particolare durante la corsa all'oro del 1800, queste due opposte visioni del mondo si scontrarono con la violenza, ma a loro volta diedero vita ai leggendari leader di guerra dei nativi americani. Biografia.com dà un'occhiata a cinque importanti nativi americani che hanno mirabilmente combattuto per la sopravvivenza della loro cultura e terra e hanno lasciato un'eredità duratura per le generazioni a venire.

Geronimo (Dipartimento della Difesa. (File: Geronimo.jpg) [Dominio pubblico], tramite Wikimedia Commons)

Geronimo (1829-1909) Un leader degli Apache che combatté ferocemente contro il Messico e gli Stati Uniti per espandersi nelle terre della sua tribù (ora l'attuale Arizona), Geronimo iniziò a incitare innumerevoli incursioni contro le due parti, dopo che sua moglie e tre figli furono massacrati dalle truppe messicane a metà degli anni 1850. Nato come Goyahkla, Geronimo ricevette il suo nome ormai famoso quando iniziò a combattere in mezzo a una raffica di proiettili, uccidendo numerosi messicani con un semplice coltello per vendicare la morte della sua famiglia. Anche se il modo in cui ha ottenuto il nome "Geronimo" è in discussione, i coloni bianchi all'epoca erano convinti che fosse il "peggior indiano che sia mai vissuto". Il 4 settembre 1886, Geronimo si arrese alle truppe statunitensi, insieme alla sua piccola banda di seguaci. Durante i restanti anni della sua vita, si convertì al cristianesimo (ma fu espulso dalla sua chiesa a causa di giochi d'azzardo incessanti), apparve alle fiere e partecipò alla parata inaugurale del presidente Theodore Roosevelt nel 1905. Inoltre dettò la propria memorie, Geronimo & # x2019; s Story of His Life, nel 1906. Sul suo letto di morte tre anni dopo, secondo quanto riferito Geronimo disse a suo nipote che si pentì di essersi arreso negli Stati Uniti & # x201C; avrei dovuto combattere fino a quando non sarei stato l'ultimo uomo in vita ", gli disse. Geronimo fu sepolto nel prigioniero indiano Apache del cimitero di guerra a Fort Still, Oklahoma.

Toro seduto (foto: O.S. Goff / Hulton Archive / Getty Images)

Toro Seduto (1831-1890) In quanto uomo santo e capo tribale della tribù Hunkpapa Lakota Sioux, Toro Seduto era un simbolo della resistenza dei nativi americani contro le politiche del governo degli Stati Uniti. Nel 1875, dopo un'alleanza con varie tribù, Toro Seduto ebbe una visione trionfale di sconfiggere i soldati statunitensi e, nel 1876, la sua premonizione divenne realtà: lui e il suo popolo sconfissero l'esercito del Generale Custer in una scaramuccia, ora noto come Battaglia del Little Bighorn, nel territorio orientale del Montana. Dopo aver guidato innumerevoli partiti di guerra, Toro Seduto e la sua tribù rimanente fuggirono brevemente in Canada ma alla fine tornarono negli Stati Uniti e si arresero nel 1881 a causa della mancanza di risorse. Successivamente si unì al Wild West Show di Buffalo Bill, guadagnando $ 50 a settimana e si convertì al cattolicesimo. Il 15 dicembre 1890, spinto da agenti indiani che temevano che Sitting Bull stesse pianificando una fuga con i Ghost Dancers, un movimento religioso nativo americano emergente che prevedeva una fine silenziosa dell'espansione bianca, gli agenti di polizia tentarono di arrestarlo. In mezzo alla confusione, gli ufficiali finirono per sparare fatalmente Toro Seduto, insieme a sette dei suoi seguaci. Sebbene fosse stato originariamente sepolto a Fort Yates & # x2014; la riserva del North Dakota dove fu ucciso & # x2014; nel 1953, la sua famiglia trasferì i suoi resti vicino a Mobridge, nel South Dakota, il luogo della sua nascita.

Il Crazy Horse Monument nel South Dakota.

Cavallo Pazzo (1840-1877) Leader dei popoli Oglala Lakota, Crazy Horse era un coraggioso combattente e protettore delle tradizioni culturali della sua tribù e così tanto che si rifiutò di lasciare che qualcuno scattasse la sua fotografia. È noto per aver avuto ruoli chiave in varie battaglie, in particolare la Battaglia del Piccolo Bighorn nel 1876, dove aiutò il Toro Seduto a sconfiggere il Generale Custer. A differenza dei suoi compagni leader del Lakota, Sitting Bull e Gall, che finirono per fuggire in Canada, Crazy Horse rimase negli Stati Uniti per combattere le truppe americane, ma alla fine si arrese nel maggio del 1877. Nel settembre dello stesso anno, Crazy Horse incontrò il suo termina quando lascia la sua prenotazione senza permesso di riportare la moglie malata dai genitori. Sapendo che sarebbe stato arrestato, inizialmente non ha resistito agli ufficiali, ma quando ha scoperto che lo stavano portando in una casa di guardia (a causa delle voci che stava pianificando di schiudere una ribellione), li ha combattuti e ha cercato di scappare. Con le sue braccia trattenute da un soldato, un altro ha pugnalato la sua baionetta al capo della guerra, alla fine uccidendolo. Sebbene i suoi genitori abbiano seppellito i suoi resti nel Sud Dakota, non si conosce la posizione esatta dei suoi resti.

Chief Joseph (Foto: MPI / Getty Images)

Capo Giuseppe (1840-1904) Mentre molti capi e capi di guerra dei nativi americani erano noti per la loro resistenza combattiva verso gli Stati Uniti.'L'espansione verso ovest, il capo Joseph, leader Wallowa del Nez Perce, era noto per i suoi sforzi concertati per negoziare e vivere in pace con i suoi nuovi vicini. Sebbene suo padre, Joseph the Elder, avesse negoziato un pacifico trattato di terra con il governo degli Stati Uniti che si estendeva dall'Oregon all'Idaho, quest'ultimo ha rinunciato al suo accordo. Per onorare la memoria di suo padre, che morì nel 1871, il capo Joseph resistette a rimanere all'interno dei confini della riserva dell'Idaho che il governo aveva imposto. Nel 1877, la minaccia di un attacco di cavalleria degli Stati Uniti lo fece rilassare e iniziò a condurre il suo popolo alla riserva. Tuttavia, il leader di Nez Perce si trovò in una situazione difficile quando alcuni dei suoi giovani guerrieri erano arrabbiati per il fatto che la loro patria era stata rubata da loro e saccheggiarono e uccisero i coloni bianchi vicini; la cavalleria degli Stati Uniti iniziò a inseguire il gruppo e, con riluttanza, il capo Joseph decise di unirsi alla banda in guerra. Le sue tattiche di difesa e di marcia di 1.400 miglia della sua tribù impressionarono il generale William Tecumseh Sherman, e da quel momento in poi fu conosciuto come il Napoleone Rosso & # x201C; & # x201D; Stanco dello spargimento di sangue, il capo Joseph si arrese il 5 ottobre 1877. Il suo discorso di resa emotiva fu inciso negli annali della storia americana, e fino alla sua morte parlò contro l'ingiustizia e la discriminazione degli Stati Uniti contro i nativi americani. Nel 1904, morì, secondo il suo dottore, di un cuore spezzato & # x201C; & # x201D;

Red Cloud (Foto di Transcendental Graphics / Getty Images)

nuvole rosse (1822-1909) Nato nell'attuale North Platte, nel Nebraska, Red Cloud trascorse gran parte della sua giovane vita in guerra. Le abilità di combattimento del leader Oglala Lakota Sioux lo resero uno dei più formidabili avversari dell'esercito americano e, nel 1866-1868, condusse una campagna vittoriosa, nota come Guerra di Red Cloud e # x2019; assumere il controllo del Wyoming e del territorio meridionale del Montana. In effetti, il collega leader del Lakota, Crazy Horse, ha svolto un ruolo importante in quella battaglia che ha portato a molte vittime negli Stati Uniti. La vittoria di Red Cloud nel 1868 portò al Trattato di Fort Laramie nel 1868, che conferì alla sua tribù la proprietà dei Black Hills, ma queste distese protette di terra nel South Dakota e nel Wyoming furono rapidamente invase dai coloni bianchi in cerca di oro. Red Cloud, insieme ad altri leader dei nativi americani, viaggiò a Washington D.C. per convincere il presidente Grant a onorare i trattati che erano stati inizialmente concordati. Sebbene non trovasse una soluzione pacifica, non prese parte alla Grande Guerra dei Sioux del 1876-1877, guidata dai suoi compagni di tribù, Crazy Horse e Sitting Bull. Indipendentemente da ciò, Red Cloud continuò a recarsi a Washington D.C. per combattere per il suo popolo e finì per sopravvivere a tutti i principali leader Sioux. Nel 1909 morì all'età di 87 anni e fu sepolto a Pine Ridge Reservation.

Di Eudie Pak

Eudie Pak è un editore / scrittore di New York City.

    ALTRE STORIE DALLA BIOGRAFIA

    Storia e cultura

    Pocahontas: separare il fatto dalla finzione sui nativi americani

    Molte storie sono state raccontate su Pocahontas, ma non tutte sono vere.

    • Di Eudie Pak, 25 giu 2019
    Storia e cultura

    Mese del patrimonio nativo americano: celebrare le donne originali delle Americhe

    Così spesso quando pensiamo ai grandi eroi dei nativi americani del passato, pensiamo ai coraggiosi guerrieri e capi maschili che hanno guidato il loro popolo attraverso la guerra e il lungo viaggio verso un futuro incerto. Questa volta, abbiamo voluto onorare le donne dei nativi americani che hanno combattuto al loro fianco.

    • Di Sara KettlerJun 25, 2019
    Storia e cultura

    Jackie Robinson e altri 10 pionieri afroamericani nello sport

    Questi atleti neri hanno rotto le barriere, hanno rappresentato le loro comunità e hanno fatto la storia con le loro impressionanti capacità atletiche.

    • Di Eudie PakAug 9, 2019
    Storia e cultura

    Sonia Sotomayor e altri 9 pionieri latini del XIX, XX e XXI secolo

    Esplora i molti modi in cui le donne latine hanno infranto le barriere di genere e culturali.

    • Di Eudie Pak, 7 agosto 2019
    Storia e cultura

    Jesse Jackson e 6 politici neri che presero il posto di Presidente degli Stati Uniti

    Barack Obama potrebbe essere stato il primo presidente nero eletto alla Casa Bianca, ma molti hanno tentato prima di lui.

    • Di Eudie Pak, 20 giu 2019
    Storia e cultura

    Inventori afroamericani

    Gli afro-americani hanno affrontato molti ostacoli nel corso della storia, ma ciò non ha impedito a individui brillanti e innovativi di sviluppare invenzioni che hanno cambiato il mondo. Dal semaforo alla banca del sangue, ecco alcuni famosi afro-americani ...

    • Di Leila TahaJun 18, 2019
    Storia e cultura

    Li adoriamo, sì sì sì: 7 modi in cui i Beatles hanno cambiato la cultura americana

    Mentre celebriamo i 50 anni dei Beatles in America, osserviamo sette modi in cui i ragazzi hanno cambiato il nostro panorama culturale.

    • Di Joe McGaskoJun 24, 2019
    Storia e cultura

    12 membri notevoli della famiglia Kennedy

    La famiglia politica americana è stata dedicata al servizio civile per più di un secolo.

    • Di Eudie PakAug 12, 2019
    Storia e cultura

    Jean-Michel Basquiat e 9 artisti visivi neri che hanno rotto le barriere

    Che siano scultori, pittori, fotografi, registi o illustratori, gli artisti visivi afroamericani si sono fatti un nome nel corso della storia.

    • Di Eudie PakJun 18, 2019
    Caricamento in corso ... Vedi di più



    Nessun utente ha ancora commentato questo articolo.

    Biografie di personaggi famosi.
    La tua fonte di storie vere su personaggi famosi. Leggi biografie esclusive e trova connessioni inattese con le tue celebrità preferite.