Biografia di Neil Armstrong

  • Magnus Crawford
  • 0
  • 4287
  • 159
Astronauta, pilota militare ed educatore, Neil Armstrong ha fatto la storia il 20 luglio 1969, diventando il primo uomo a camminare sulla luna.

Chi era Neil Armstrong?

Neil Armstrong è nato a Wapakoneta, nell'Ohio, il 5 agosto 1930. Dopo aver prestato servizio nella guerra di Corea e poi finito il college, si è unito all'organizzazione che sarebbe diventata la NASA. Armstrong entrò nel programma degli astronauti nel 1962 e fu pilota di comando per la sua prima missione, Gemelli VIII, nel 1966. Fu comandante di veicoli spaziali per Apollo 11, la prima missione lunare con equipaggio, e divenne il primo uomo a camminare sulla luna. Armstrong è morto poco dopo aver subito un intervento al cuore a Cincinnati, Ohio, nel 2012.

Servizio militare

L'astronauta Neil Armstrong ha sviluppato un fascino per il volo in tenera età e ha guadagnato il suo pilota da studente'licenza quando aveva 16 anni. Nel 1947, Armstrong iniziò i suoi studi in ingegneria aeronautica alla Purdue University con una borsa di studio della Marina statunitense.

Nel 1949, come parte della sua borsa di studio, Armstrong si addestrò come pilota nella Marina. Ha iniziato a vedere il servizio attivo nella guerra di Corea due anni dopo e ha continuato a svolgere 78 missioni di combattimento durante questo conflitto militare.

Dopo essersi liberato dal servizio attivo nel 1952, Armstrong tornò al college.

Entra a far parte della NASA 

Alcuni anni dopo, Armstrong entrò a far parte del Comitato consultivo nazionale per l'aeronautica (NACA), che in seguito divenne la National Aeronautics and Space Administration (NASA). Per questa agenzia governativa, ha lavorato in diverse funzioni, tra cui quello di pilota collaudatore e ingegnere. Ha testato molti velivoli ad alta velocità, incluso l'X-15, che poteva raggiungere una velocità massima di 4.000 miglia orarie.

Programma Astronauta

Nel 1962, Armstrong entrò nel programma degli astronauti della NASA. Lui e la sua famiglia si trasferirono a Houston, in Texas, e Armstrong fu il pilota di comando per la sua prima missione, Gemini VIII. Lui e il suo compagno astronauta David Scott furono lanciati sulla terra'orbita il 16 marzo 1966. Mentre erano in orbita, furono in grado di attraccare brevemente la loro capsula spaziale con il veicolo bersaglio Gemini Agena. Questa è stata la prima volta che due veicoli si sono ancorati con successo nello spazio. Durante questa manovra, tuttavia, hanno avuto dei problemi e hanno dovuto interrompere la missione. Atterrarono nell'Oceano Pacifico quasi 11 ore dopo la missione's inizio e sono stati successivamente salvati dagli Stati Uniti. Muratore.

Atterraggio sulla Luna

Armstrong affrontò una sfida ancora più grande nel 1969. Insieme a Michael Collins e Edwin E. "Buzz" Aldrin, faceva parte della NASA's prima missione con equipaggio sulla luna. Il trio fu lanciato nello spazio il 16 luglio 1969. Serve come missione's comandante, Armstrong pilotò il modulo lunare sulla luna's in superficie il 20 luglio 1969, con Aldrin a bordo. Collins rimase sul modulo di comando.

Alle 22:56, Armstrong uscì dal modulo lunare. Ha detto che's un piccolo passo per l'uomo, un grande passo in avanti per l'umanità ", mentre compiva il suo famoso primo passo sulla luna. Per circa due ore e mezza, Armstrong e Aldrin hanno raccolto campioni e condotto esperimenti. Hanno anche fatto fotografie, incluso il loro impronte.

Neil Armstrong all'interno del modulo lunare il 20 luglio 1969.

Foto: NASANewsmakers

Ritornando il 24 luglio 1969, il Apollo 11 l'imbarcazione scese nell'Oceano Pacifico a ovest delle Hawaii. L'equipaggio e l'imbarcazione furono raccolti dagli Stati Uniti. Calabrone, e i tre astronauti furono messi in quarantena per tre settimane.

In poco tempo, i tre Apollo 11 gli astronauti hanno ricevuto una calorosa accoglienza a casa. La folla fiancheggiava le strade di New York City per rallegrare i famosi eroi che erano stati onorati in una sfilata di ticker-tape. Armstrong ha ricevuto numerosi riconoscimenti per i suoi sforzi, tra cui la Medal of Freedom e la Congressional Space Medal of Honor.

Contributi successivi

Armstrong rimase alla NASA, prestando servizio come vice amministratore associato per l'aeronautica fino al 1971. Dopo aver lasciato la NASA, entrò a far parte della facoltà dell'Università di Cincinnati come professore di ingegneria aerospaziale. Armstrong rimase all'università per otto anni. Rimanendo attivo nel suo campo, è stato presidente di Computing Technologies for Aviation, Inc., dal 1982 al 1992.

Aiutando in un momento difficile, Armstrong è stato vicepresidente della Commissione presidenziale sulla navetta spaziale Sfidante incidente nel 1986. La commissione ha indagato sull'esplosione del Sfidante il 28 gennaio 1986, che ha tolto la vita al suo equipaggio, incluso l'insegnante Christa McAuliffe.

Nonostante sia uno degli astronauti più famosi della storia, Armstrong si è allontanato in gran parte dagli occhi del pubblico. In una rara intervista per il programma di notizie 60 minuti nel 2005, ha descritto la luna all'intervistatore Ed Bradley: "It's una superficie brillante in quella luce del sole. L'orizzonte ti sembra abbastanza vicino perché la curvatura è molto più pronunciata che qui sulla terra. esso'è un posto interessante dove stare. Lo consiglio."

Anche negli ultimi anni, Armstrong rimase impegnato nell'esplorazione dello spazio. L'astronauta timido nella stampa è tornato alla ribalta nel 2010 per esprimere le sue preoccupazioni per le modifiche apportate al programma spaziale statunitense. Ha testimoniato al Congresso contro il presidente Barack Obama's la decisione di annullare il programma Costellazione, che includeva un'altra missione sulla luna. Obama ha anche cercato di incoraggiare le compagnie private a farsi coinvolgere nel settore dei viaggi nello spazio e ad andare avanti con missioni spaziali senza pilota.

Prendere questa nuova decisione, ha affermato Armstrong, costerebbe agli Stati Uniti la sua posizione di leader nell'esplorazione dello spazio. "L'America è rispettata per i contributi che ha apportato nell'imparare a navigare su questo nuovo oceano. Se la leadership che abbiamo acquisito attraverso i nostri investimenti è semplicemente lasciata svanire, altre nazioni entreranno sicuramente dove abbiamo vacillato. Non credo sarebbe nel nostro interesse ", ha detto al Congresso.

'Primo uomo' Libro e film

L'iconico astronauta's biografia autorizzata, First Man: The Life of Neil A. Armstrong, è stato pubblicato nel 2005. È stato scritto da James R. Hansen, che ha condotto interviste con Armstrong, così come la sua famiglia, amici e collaboratori.

Il libro è stato successivamente adattato per un film biografico, con Primo uomo uscirà nelle sale nel 2018. Diretto da Damien Chazelle, il film è interpretato da Ryan Gosling nei panni di Armstrong, con Claire Foy, Jason Clarke e Kyle Chandler in ruoli secondari.

Matrimoni e figli

Armstrong sposò Janet Shearon il 28 gennaio 1956. La coppia si unì presto alla loro famiglia. Il figlio Eric arrivò nel 1957, seguito dalla figlia Karen nel 1959. Purtroppo, Karen morì per complicazioni legate a un tumore cerebrale inoperabile nel gennaio 1962. L'anno seguente, Armstrongs accolse il loro terzo figlio, il figlio Mark.

Dopo il divorzio da Janet nel 1994, Armstrong sposò la sua seconda moglie, Carol Held Knight.

Morte e polemiche

Armstrong ha subito un'operazione di bypass cardiaco in un ospedale di Cincinnati, nell'Ohio, nell'agosto 2012. Due settimane dopo, il 25 agosto 2012, Armstrong, 82 anni, è deceduto per complicazioni dovute all'operazione.

Poco dopo la sua morte, la sua famiglia ha rilasciato una dichiarazione: "Per coloro che possono chiedere cosa possono fare per onorare Neil, abbiamo una semplice richiesta. Onora il suo esempio di servizio, realizzazione e modestia, e la prossima volta che vai fuori in un notte chiara e vedere la luna che ti sorride, pensa a Neil Armstrong e fagli l'occhiolino. "

Notizie di Armstrong'La morte si diffuse rapidamente in tutto il mondo. Il presidente Obama è stato tra quelli che offrono tributi al defunto pioniere dello spazio, dichiarando: "Neil era tra i più grandi eroi americani & # x2014; non solo del suo tempo, ma di tutti i tempi".

Aldrin ha aggiunto: "So di essere stato raggiunto da milioni di altri nel lutto per la scomparsa di un vero eroe americano e il miglior pilota che abbia mai conosciuto. Il mio amico Neil ha fatto il piccolo passo, ma un grande salto che ha cambiato il mondo e sarà ricordato per sempre come un momento di riferimento nella storia umana ".

A luglio 2019, poco dopo le celebrazioni in occasione del 50 ° anniversario dello sbarco sulla luna, Il New York Times riportato su una controversia precedentemente sconosciuta che circonda l'astronauta's morte. Secondo I tempi, dopo che Armstrong è entrato in Mercy Health & # x2014; Fairfield Hospital con sintomi di malattie cardiache nell'agosto 2012, i medici hanno preso una discutibile decisione di eseguire immediatamente un intervento chirurgico di bypass. Successivamente, quando la rimozione di fili temporanei per un pacemaker ha provocato sanguinamento interno, è stata fatta un'altra mossa discutibile per portare Armstrong in un laboratorio di cateterizzazione anziché direttamente in una sala operatoria.

Alla fine l'ospedale raggiunse un accordo da 6 milioni di dollari con Armstrong's famiglia sopravvissuta, con la stipula che i dettagli relativi all'assistenza medica e all'insediamento rimangono privati.

Guarda una raccolta di episodi con Apollo 11 su History Vault

Profili correlati

John Glenn

Buzz Aldrin




Nessun utente ha ancora commentato questo articolo.

Biografie di personaggi famosi.
La tua fonte di storie vere su personaggi famosi. Leggi biografie esclusive e trova connessioni inattese con le tue celebrità preferite.