Biografia di René Magritte

  • Scott Jenkins
  • 0
  • 2821
  • 250
René Magritte era un artista surrealista belga noto per le sue immagini spiritose e stimolanti e per il suo uso di grafica semplice e immagini di tutti i giorni.

Chi era René Magritte?

René Magritte era un artista belga che era noto per il suo lavoro con il surrealismo e per le sue immagini stimolanti. Dopo aver frequentato la scuola d'arte a Bruxelles, ha lavorato nella pubblicità commerciale per sostenersi mentre sperimentava la sua pittura. Negli anni '20, iniziò a dipingere in stile surrealista e divenne noto per le sue immagini spiritose e il suo uso di grafica semplice e oggetti di uso quotidiano, dando nuovi significati a cose familiari. Con una popolarità che è aumentata nel tempo, Magritte è stato in grado di perseguire la sua arte a tempo pieno ed è stato celebrato in diverse mostre internazionali. Ha sperimentato numerosi stili e forme durante la sua vita ed è stata un'influenza primaria sul movimento pop art. 

Primi anni di vita

René François Ghislain Magritte è nato a Lessines, in Belgio, il 21 novembre 1898, il più grande di tre ragazzi. L'attività manifatturiera di suo padre a volte permetteva alla famiglia di vivere in un comfort relativo, ma le difficoltà finanziarie erano una minaccia costante e le costringevano a spostarsi per il paese con una certa regolarità. Il giovane mondo di Magritte subì un colpo molto più distruttivo nel 1912, quando sua madre si suicidò annegandosi in un fiume.

Magritte ha trovato conforto nella tragedia in film e romanzi e soprattutto attraverso la pittura. Le sue prime opere sopravvissute di quest'era furono realizzate nello stile impressionista. Tuttavia, nel 1916, lasciò casa per Bruxelles, dove per i successivi due anni studiò all'Académie Royale des Beaux-Arts. Sebbene alla fine non fosse impressionato dall'istituzione, era comunque esposto a stili emergenti come il cubismo e il futurismo, che alterarono significativamente la direzione del suo lavoro. In effetti, molti dei dipinti di Magritte dei primi anni '20 sono in debito con Pablo Picasso.

Origini di Magritte's Carriera artistica

Nel 1921, Magritte iniziò il suo anno di servizio militare obbligatorio prima di tornare a casa e sposare Georgette Berger, che conosceva da quando era un ragazzo e con cui sarebbe rimasto per il resto della sua vita. Dopo un breve periodo in una fabbrica di carta da parati, ha continuato a dipingere lavorando come poster e pubblicitario freelance. Intorno a questo periodo, Magritte vide il dipinto La canzone dell'amore dal surrealista italiano Giorgio de Chirico e fu così colpito dalle sue immagini che mandò il suo lavoro nella nuova direzione per la quale sarebbe diventato noto.

Posizionando oggetti familiari e banali come bombette, pipe e rocce in contesti e giustapposizioni insoliti, Magritte ha evocato temi di mistero e follia per sfidare i presupposti della percezione umana. Con i primi lavori come The Lost Jockey e L'assassino minacciato, Magritte divenne rapidamente uno degli artisti più importanti del Belgio e si trovò al centro del suo nascente movimento surrealista. Ma quando il suo primo spettacolo personale & # x2014; nel 1927 alla Galerie le Centaure & # x2014; fu scarsamente accolto, un sfiduciato Magritte lasciò la sua terra natale per la Francia.

'Il tradimento delle immagini'

Stabilendosi nel sobborgo di Perreux-sur-Marne a Parigi, Magritte si imbatté rapidamente in alcune delle luci più brillanti del surrealismo e nei padri fondatori, tra cui lo scrittore André Breton, il poeta Paul Éluard e gli artisti Salvador Dalí, Max Ernst e Joan Miró. Nel corso dei prossimi anni, ha prodotto importanti opere come Gli amanti e Il falso specchio e iniziò anche a sperimentare l'uso del testo, come visto nel suo dipinto del 1929 Il tradimento delle immagini.

Ma nonostante i progressi che Magritte stava compiendo nella sua arte, non aveva ancora trovato un significativo successo finanziario e nel 1930, lui e Georgette tornarono a Bruxelles, dove fondò un'agenzia pubblicitaria con suo fratello minore Paul. Sebbene le esigenze del loro studio abbiano lasciato a Magritte poco tempo per il suo lavoro nei prossimi anni, l'interesse per i suoi dipinti ha iniziato a crescere e presto ha venduto abbastanza per lasciare alle spalle il suo lavoro commerciale.

Surrealismo in pieno sole

Alla fine degli anni '30, la nuova popolarità di Magritte ebbe come risultato esposizioni del suo lavoro a New York City e Londra. Tuttavia, l'inizio della seconda guerra mondiale cambierà presto il corso della sua vita e della sua arte. La sua decisione di rimanere in Belgio in seguito all'occupazione nazista causò una divisione tra lui e André Breton, e la sofferenza e la violenza causate dalla guerra lo portarono via dagli umori spesso oscuri e caotici del surrealismo. & # x201C; Contro il pessimismo diffuso, & # x201D; ha detto, & # x201C; ora propongo una ricerca di gioia e piacere. & # x201D; Opere di questo periodo, come ad esempio Il ritorno della fiamma e La radura, dimostrano questo cambiamento, con le loro tavolozze più luminose e la tecnica più impressionistica.

Dopo la guerra, Magritte finalizzò la sua rottura con il ramo del surrealismo di Breton quando lui e molti altri artisti firmarono un manifesto intitolato "Surrealism in Full Sunlight. & # X201D; Un periodo di sperimentazione durante il quale Magritte ha creato dipinti sgargianti e provocatori, seguiti prima di tornare al suo stile e soggetto più familiari, tra cui una reimmaginazione del 1948 della sua Fantino perduto, dipinse lo stesso anno della sua prima mostra personale a Parigi.

'Il dominio incantato' e 'Il figlio dell'uomo'

Con l'arrivo degli anni '50, Magritte godette del continuo interesse internazionale nel suo lavoro e continuò la sua prolifica produzione. Nel 1951, fu incaricato di dipingere un ciclo di murales per il casinò di Knocke-le-Zoute, una città sulla costa belga. Completato nel 1953 e intitolato Il dominio incantato, erano una celebrazione di alcune delle sue immagini più conosciute. Seguirono altre commissioni in tutto il Belgio, così come le grandi mostre del suo lavoro a Bruxelles e la Sidney Janis Gallery di New York. Alcune delle sue opere più importanti di questo periodo includono i dipinti Golconda e La chiave di vetro. Ha anche introdotto l'ormai iconica mela nel suo lavoro, in modo molto riconoscibile nel 1964 Il figlio dell'uomo.

Più tardi vita ed eredità

Nonostante fosse stato diagnosticato un cancro al pancreas nel 1963, Magritte fu in grado di recarsi a New York City per una retrospettiva del 1965 del suo lavoro al Museum of Modern Art. Magritte ha anche esplorato altri media durante questo periodo, realizzando una serie di cortometraggi che presentavano sua moglie, Georgette, oltre a sperimentare la scultura. Dopo un periodo di malattia prolungata, il 15 agosto 1967, Magritte morì all'età di 68 anni. Il suo lavoro si rivelò un'influenza primaria su artisti pop come Andy Warhol e da allora è stato celebrato in innumerevoli mostre in tutto il mondo. Il Museo Magritte è stato aperto a Bruxelles nel 2009.




Nessun utente ha ancora commentato questo articolo.

Biografie di personaggi famosi.
La tua fonte di storie vere su personaggi famosi. Leggi biografie esclusive e trova connessioni inattese con le tue celebrità preferite.