La figlia di Roald Dahl è tragicamente morta di morbillo a sette anni

  • Virgil Tyler
  • 0
  • 2843
  • 82

Autore Roald Dahl'la figlia maggiore, Olivia, contrasse il morbillo quando aveva sette anni. La sua malattia ha provocato una rara ma grave complicazione: encefalite da morbillo, un'infiammazione del cervello. Olivia morì il 17 novembre 1962, pochi giorni dopo essersi ammalata. Dahl è stato devastato dalla perdita di sua figlia, ma ha anche usato Olivia's morte per incoraggiare altri genitori a vaccinare i propri figli.

Dopo un terribile incidente, Dahl e la sua famiglia si trasferirono in Inghilterra

Nel 1960, Dahl e sua moglie, l'attrice americana Patricia Neal, ebbero tre figli: le figlie Olivia e Tessa e il figlio Theo. Il 5 dicembre 1960, la tragedia colpì la giovane famiglia quando Theo'La carrozzina è stata investita da un taxi a New York City. Inviato volando in aria, il bambino di quattro mesi'il cranio è stato frantumato quando è atterrato.

Theo'la prognosi era inizialmente disastrosa. Tuttavia, ha iniziato a riprendersi dall'incidente, anche se avrebbe richiesto più interventi chirurgici per alleviare gli accumuli di liquidi attorno al suo cervello. Nel 1961, come Theo'Le condizioni si stabilizzarono, Dahl e Neal decisero di lasciare New York e di stabilirsi nel villaggio inglese di Great Missenden.

Dahl era in grado di scrivere in una capanna sulla proprietà (stava lavorando Charlie e la fabbrica di cioccolato). Ha anche escogitato dei modi per intrattenere i bambini, come quando ha scritto le sue figlie' nomi sul prato con weedkiller, dicendo loro che era stato fatto dalle fate. Condivide un legame particolarmente stretto con Olivia, a cui piaceva inventare storie come suo padre.

Nel 1962 Olivia Dahl si ammalò gravemente di morbillo

Nel novembre 1962, i Dahl impararono che c'era stato un focolaio di morbillo a Olivia, una bambina di sette anni'scuola di s. Al momento non era disponibile un vaccino contro il morbillo, quindi era probabile che le persone esposte prendessero il virus facilmente trasmissibile. Tuttavia, era disponibile un trattamento: gamma globulina, una proteina del plasma sanguigno i cui anticorpi potrebbero prevenire o ridurre la gravità dell'infezione.

In America, la gamma globulina veniva regolarmente somministrata ai bambini, ma nel Regno Unito veniva generalmente somministrata solo a donne in gravidanza. Dahl'Il cognato, Ashley Miles, era un eminente medico del Regno Unito, quindi Neal si rivolse a lui per cercare di ottenere la gamma globulina per i bambini. Tuttavia, Miles ha fornito abbastanza per Theo, che si stava ancora riprendendo dal suo incidente, dicendo: "Lascia che le ragazze prendano il morbillo, andrà bene per loro".

Ben presto Olivia sviluppò la ben nota eruzione cutanea. Dopo tre giorni stava abbastanza bene da prendere lezioni di scacchi da Dahl, e persino battere suo padre al gioco. Ma il quarto giorno della sua malattia era letargica. Quando Dahl ha cercato di intrattenerla, ha "notato che le sue dita e la sua mente non stavano lavorando insieme e non poteva fare nulla". Più tardi quel giorno Olivia iniziò ad avere convulsioni.

Olivia'la morte ha devastato Dahl

Olivia è stata portata d'urgenza in ospedale, dove è stata trovata un'encefalite da morbillo, un'infiammazione del cervello. Il trattamento non ha potuto'salvare la ragazza in coma, morta il 17 novembre 1962. Anni dopo, dopo Dahl'Alla morte stessa, la sua famiglia ha scoperto un quaderno in cui lui'ha descritto vedere sua figlia's corpo in ospedale: "Sono entrato nella sua stanza. Il lenzuolo era sopra di lei. Il dottore ha detto all'infermiera di uscire. Lascialo in pace. L'ho baciata. Era calda. Sono uscita. 'Lei è calda.' Ho detto ai dottori in sala, 'perché è così calda?'"

Nella vita, Dahl'La preferenza era sempre stata quella di trovare un modo di agire di fronte alle avversità. Seguendo suo figlio's incidente, Dahl aveva contribuito a creare una valvola per curare Theo's idrocefalo (Theo si riprese prima che la valvola fosse pronta, ma migliaia di altri pazienti ne trassero beneficio). Ma ora non c'era niente che potesse fare. Poco dopo aver perso Olivia, Dahl disse ad un amico: "Vorrei che avessimo avuto la possibilità di lottare per lei".

Neal avrebbe detto in seguito Persone rivista che dopo aver perso la figlia "Roald è quasi impazzito". La consapevolezza che la gamma globulina avrebbe potuto prevenire l'encefalite che uccise sua figlia gli pesava nella mente. Dato Theo'Per caso, si chiese se la sua famiglia fosse maledetta. La religione non ha dato conforto, come ha detto un dirigente della chiesa che nell'aldilà non ci sarebbero stati cani, cosa che Dahl sapeva che Olivia avrebbe odiato.

Dahl andò avanti ma non dimenticò mai sua figlia

Inizialmente, Dahl non è stato in grado di scrivere dopo aver perso Olivia. Invece, si concentrò sulla costruzione di un giardino elaborato, con centinaia di piante da tutto il mondo, per circondare Olivia's grave. Ha anche bevuto di più e aumentato il numero di barbiturici che stava assumendo (erano stati prescritti per il suo mal di schiena). Ma col tempo è riuscito a tornare al lavoro e completare Charlie e la fabbrica di cioccolato (1964). Il GGG, scritto nel 1982, è stato dedicato a Olivia. Dahl ha tenuto una foto di Olivia sul muro della sua capanna per la scrittura per il resto della sua vita.

Domande su sua figlia'La morte ha sempre perseguitato Dahl. Olivia aveva ricevuto una vaccinazione contro il vaiolo, ma in seguito non ha mai dimostrato una risposta del sistema immunitario. Dahl si chiese se una reazione anormale a questo vaccino avesse avuto un ruolo nella sua successiva encefalite. Ha trascorso anni a scrivere ai dottori su questa possibilità e ha persino preso in considerazione l'idea di avviare uno studio per valutare la sua teoria.

Nonostante morti come Olivia's, Dahl sapeva che molte persone continuavano a considerare il morbillo relativamente innocuo. Nel 1986, scrisse "Morbillo: una malattia pericolosa", una lettera pubblica che esortava le persone a vaccinare i propri figli: "Secondo me i genitori che ora rifiutano di vaccinare i propri figli stanno mettendo a rischio la vita di quei bambini". Ha anche osservato: "Dovrei pensare che ci sarebbero più possibilità che tuo figlio soffra a morte in una tavoletta di cioccolato che non si ammali gravemente a causa di un'immunizzazione del morbillo". La lettera si concludeva con il pensiero di Olivia: "So quanto sarebbe felice se solo potesse sapere che la sua morte ha contribuito a salvare una buona dose di malattia e morte tra gli altri bambini".

Di Sara Kettler

Da personaggi storici a celebrità di oggi, Sara Kettler ama scrivere di persone che hanno condotto vite affascinanti.

    ALTRE STORIE DALLA BIOGRAFIA

    Celebrità

    Come Jeff Dunham si è insegnato il ventriloquismo a otto anni

    Dopo che il comico ha ricevuto la sua prima bambola da ventriloquo, ha iniziato a insegnare a se stesso l'abilità del ventriloquo attraverso lo studio e la pratica dedicati.

    • Di Sara KettlerJun 18, 2019
    Celebrità

    Perché Lauren Bacall si considerava "fortunata" ad aver sposato Humphrey Bogart

    La leggendaria storia d'amore delle star del cinema è iniziata sullo schermo e portata alla vita reale fino alla morte prematura di Bogart.

    • Di Sara Kettler, set 4, 2019
    Celebrità

    Elizabeth Taylor era "ancora follemente innamorata" dell'ex Richard Burton quando morì

    La storia d'amore dei costar "Cleopatra" comprendeva due matrimoni, due divorzi e un'intensa passione.

    • Di Sara Kettler, 29 agosto 2019
    Storia e cultura

    J.M. Barrie e Peter Pan: dalla fantasia alle realtà oscure

    L'autore dietro uno dei personaggi delle fiabe dell'infanzia più amati di tutti i tempi era noto per il suo gioioso abbraccio di giovinezza e creatività, ma c'erano elementi oscuri che circondavano la sua vita che rimangono misteri.

    • Di Sara KettlerJun 20, 2019
    Celebrità

    Inside Gianni Versace's Mansion e cosa ha rivelato dello stilista in ritardo

    La tenuta di Miami era una dimora lussuosa che metteva in mostra la sua visione creativa - e anche lo stesso posto in cui gli hanno sparato a morte.

    • Di Sara KettlerJun 18, 2019
    Storia e cultura

    Gli ultimi anni della principessa Diana

    Prima della sua prematura scomparsa nel 1997, la People's Princess era determinata a forgiare il proprio cammino.

    • Di Sara KettlerAug 22, 2019
    Celebrità

    La faida permanente tra le sorelle Olivia de Havilland e Joan Fontaine

    La rivalità tra le attrici comprendeva la loro infanzia, carriera, vita amorosa e persino gli Oscar.

    • Di Sara KettlerJun 24, 2019
    Celebrità

    Come Sonny e Cher sono passati dalla coppia potente della TV agli ex amari

    Sorridendo all'esterno, il famoso legame del duo era ancora più profondo, più complesso e più pieno di quanto la loro immagine pubblica suggerisse.

    • Di Sara KettlerJun 10, 2019
    Celebrità

    Madonna dice che sarebbe una "persona completamente diversa" se sua madre non fosse morta giovane

    La mamma della Material Girl è morta di cancro quando il cantante aveva cinque anni.

    • Di Sara KettlerJun 10, 2019
    Caricamento in corso ... Vedi di più



    Nessun utente ha ancora commentato questo articolo.

    Biografie di personaggi famosi.
    La tua fonte di storie vere su personaggi famosi. Leggi biografie esclusive e trova connessioni inattese con le tue celebrità preferite.