Gli ultimi anni di Vincent van Gogh

  • Elmer Riley
  • 1
  • 3174
  • 82

Il 27 luglio 1890, il pittore olandese Vincent van Gogh si sparò con un revolver da 7 mm ad Auvers-sur-Oise, un villaggio a meno di un'ora a nord di Parigi. Morì due giorni dopo, a 37 anni. Van Gogh era venuto ad Auvers circa 10 settimane prima dopo due anni nel sud della Francia, dove un esaurimento mentale provocò un lungo periodo in un manicomio. Van Gogh sperava che i suoi nuovi dintorni avrebbero ripristinato la sua fragile psiche, inutilmente. Ma i suoi dolorosi anni scorsi e gli ultimi giorni lo avrebbero anche visto creare gran parte dell'arte che lo ha reso una leggenda.

Van Gogh e suo fratello erano devoti l'uno all'altro

Nato nel marzo del 1853, Van Gogh era il maggiore di cinque bambini sopravvissuti, nati da Anna e Teodoro, un ministro protestante. Ha avuto una carriera precoce peripatetica, lavorando per un commerciante d'arte nei Paesi Bassi e a Londra, come missionario presso una povera comunità in Belgio e brevemente (ma seriamente) considerando di diventare lui stesso ministro.

Durante la sua vita, Van Gogh ha vissuto periodi di isolamento psicologico e fisico, instabilità e depressione. Era spesso malnutrito e in cattiva salute, e ha subito una serie di contrastati rapporti romantici con le donne. Fu solo alla fine degli anni '20 che si dedicò completamente all'arte, incoraggiato in parte da suo fratello minore Theo, un commerciante d'arte con sede a Parigi. I due erano dedicati l'uno all'altro. Theo fornì supporto emotivo e finanziario a Vincent, e i fratelli si scambiarono centinaia di lettere.

Van Gogh si trasferì a Parigi nel 1886. Theo ebbe poco successo nel commercializzare l'opera di suo fratello (Van Gogh vendette solo un dipinto durante la sua vita), ma introdusse Vincent nella fiorente scena artistica francese d'avanguardia, inclusi i pittori Georges Seurat, Camille Pissarro e Paul Gaugin. Van Gogh e Gaugin sono diventati amici intimi. Quando van Gogh decise di trasferirsi ad Arles nel febbraio 1888, sperò di invogliare Gaugin e altri a unirsi a lui per stabilire lì una colonia di artisti.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI BIOGRAPHY.COM

Si è tagliato il lobo sinistro dopo una rissa con un altro artista

Il paesaggio e la luce unica della Francia meridionale hanno scatenato la creatività di van Gogh, e i suoi dipinti e la sua tavolozza hanno assunto nuove profondità di colore ed emozione. Ha lavorato rapidamente e costantemente, sfornando 300 dipinti ad olio, disegni e acquerelli. Ha affittato camere in un edificio locale, la Casa Gialla, utilizzandolo come studio per diversi mesi mentre viveva in una serie di locande nelle vicinanze. Dipinse i ritratti dei suoi padroni di casa, dei conoscenti e dei residenti della città, che lo consideravano di talento, ma volatile, forte e insolito.

Nell'ottobre 1888, Gaugin arrivò finalmente ad Arles. I due artisti vissero e lavorarono insieme alla Casa Gialla, ma i loro diversi temperamenti si scontrarono e l'amicizia presto si inasprì. L'arroganza e la personalità prepotente di Gaugin turbano Van Gogh, favorendo un profondo senso di inadeguatezza e la paura dell'abbandono.

Vincent van Gogh's "La notte stellata"

Foto: VCG Wilson / Corbis via Getty Images

Le cose si sono concluse il 23 dicembre. Gaugin avrebbe poi affermato che Van Gogh lo ha attaccato con un coltello. Ma quello che è certo è che Van Gogh ha girato violentemente il coltello su se stesso, tagliandogli il lobo sinistro. Ha avvolto l'orecchio insanguinato nella carta e lo ha consegnato a una donna in un bordello locale, prima di svenire nella sua stanza. Quando fu scoperto il giorno successivo, non aveva memoria della sua automutilazione, probabilmente un segno di un completo esaurimento psicotico. Gaugin fuggì rapidamente da Arles e i due uomini non si rivolsero mai più. Van Gogh in seguito ha catturato le conseguenze dell'evento in una serie di autoritratti con il suo orecchio bendato.

Van Gogh trascorse i successivi mesi dentro e fuori dagli ospedali, mentre le sue condizioni peggioravano. Molti degli abitanti di Arles si sono rivolti a lui. Alcuni si riferivano a lui come "le fou roux" (il pazzo dai capelli rossi), e dozzine hanno firmato una petizione chiedendo che fosse costretto a lasciare la città.

Van Gogh si è registrato in un manicomio

Nel maggio 1889, Van Gogh entrò volontariamente nel manicomio di Saint-Paul nella vicina Saint-Rémy. Più di un secolo dopo la sua morte, scienziati e storici continuano a discutere la causa della sua instabilità mentale. La diagnosi più ampiamente accettata è il disturbo bipolare, dato il suo & # x201C; manic & # x201D; esplosioni di energia e creatività seguite da depressioni lunghe e debilitanti. Félix Ray, il dottore di Van Gogh ad Arles, gli ha diagnosticato l'epilessia, anche se questo è stato respinto da molti studiosi moderni, come ha una teoria alternativa che soffriva di porfiria avanzata.

All'inizio Van Gogh fu autorizzato a lavorare fuori dall'asilo sotto supervisione e le sue condizioni migliorarono brevemente, prima di peggiorare. Incapace di visitare i suoi amati paesaggi, fu ridotto alla pittura dalla memoria o alla rappresentazione dei suoi immediati dintorni. Nonostante queste limitazioni, durante questo periodo produsse notevoli opere, tra cui il leggendario & # x201C; The Starry Night, & # x201D; che mostra la vista dalla sua finestra d'asilo.

Sentendosi solo e isolato, van Gogh si suicidò

Sempre più scoraggiato e fatalista delle sue possibilità di guarigione, mentre a Saint-Rémy, Van Gogh si dimise nel maggio del 1890. Desideroso di essere più vicino a Theo e disperato di un nuovo inizio, si spostò a nord. Si stabilì nel villaggio di Auvers-sur-Oise, prendendo una stanza all'Auberge Ravoux. Iniziò anche a vedere il dottor Paul Gachet, che aveva precedentemente curato Camille Pisarro, Auguste Renoir e altri. Gachet, specializzato in disturbi nervosi e medicina naturale, era lui stesso un artista dilettante e Theo sperava che la sua natura sensibile sarebbe stata benefica per Vincent. Nel secolo successivo, molti hanno criticato il trattamento non convenzionale di Van Gogh di Gachet, ma i due uomini hanno rapidamente sviluppato un legame stretto.

Vincent van Gogh's "Campo di grano con corvi"

Foto: DeAgostini / Getty Images

L'uscita di Van Gogh durante le sue 10 settimane ad Auvers è stata sorprendente. Potrebbe aver completato 70 opere in altrettanti giorni, essendo stato ancora una volta ispirato dal suo nuovo ambiente. Ma gran parte del suo lavoro di questo periodo finale è anche selvaggio e drammatico, come la brillante intensità & # x2014; e l'instabilità & # x2014; all'interno sparso sulle sue tele. Uno dei suoi quadri finali, & # x201C; Campo di grano con corvi, & # x201D; raffigura un campo isolato, spazzato dal vento e uno stormo di corvi & # x2014; gli uccelli sono spesso usati per rappresentare la morte e la rinascita.

Van Gogh ha scritto apertamente a Theo e agli altri della sua solitudine e isolamento, sebbene abbia anche espresso la speranza di una ripresa mentale e di un successo artistico e finanziario. Il suo lavoro veniva sempre più mostrato a Parigi e in altre parti d'Europa, mentre la sua reputazione cresceva lentamente. Ma ha anche ignorato gran parte dei consigli del Dr. Gachet, continuando a fumare e bere incessantemente. Il suo umore peggiorò quando venne a sapere che Theo, già in difficoltà a causa del suo sostegno finanziario a suo fratello, aveva subito una battuta d'arresto nel suo lavoro.

Gli storici non sanno se ci sia stato un ultimo impulso per il suicidio di van Gogh, ma il 27 luglio probabilmente camminò verso un campo vicino o un fienile e si sparò. Il proiettile mancava dei suoi organi vitali ma si inseriva così profondamente nel suo corpo che i medici non erano in grado di rimuoverlo. Van Gogh riuscì a raggiungere l'Auberge Ravoux, dove lo trovò un oste. Il dottor Gachet e altri furono convocati. Theo arrivò presto e fu con Van Gogh quando morì per un'infezione il 29 luglio.

Theo non recuperò mai la morte di suo fratello e morì pochi mesi dopo. Il suo corpo fu in seguito reinterpretato accanto al suo amato fratello nel cimitero comunale di Auvers. Nei decenni successivi ai fratelli & # x2019; morti, fu la vedova di Theo, Johanna, che lavorò instancabilmente per promuovere postumo il lavoro di Van Gogh, contribuendo infine a renderlo uno dei pittori più famosi e rispettati della storia. 

Di Barbara Maranzani

Barbara Maranzani è una scrittrice ed editrice con sede a New York, focalizzata sulla storia americana ed europea.

    ALTRE STORIE DALLA BIOGRAFIA

    Storia e cultura

    7 fatti su Vincent van Gogh

    Oggi segna il 163 ° anniversario della nascita di uno dei più grandi artisti della storia mondiale. Ecco uno sguardo alla sua vita affascinante e torturata.

    • Di David ShewardJun 27, 2019
    Storia e cultura

    Gli ultimi anni della principessa Diana

    Prima della sua prematura scomparsa nel 1997, la People's Princess era determinata a forgiare il proprio cammino.

    • Di Sara KettlerAug 22, 2019
    Storia e cultura

    “Henri Matisse: The Cut-Outs”: gli ultimi anni di un maestro moderno

    Affrontando le difficoltà della vecchiaia e della malattia nei suoi ultimi anni, Matisse si rivolse al "disegno con le forbici", realizzando le sue famose opere d'arte ritagliate. La mostra Matisse al Museum of Modern Art di New York offre agli amanti dell'arte uno sguardo su questo ultimo capitolo innovativo della vita e della carriera dell'artista.

    • Di Jessica Murphy, 18 giu 2019
    Storia e cultura

    Come l'amicizia tumultuosa di Vincent van Gogh con Paul Gauguin lo ha spinto a tagliarsi l'orecchio

    Il legame tra i maestri post-impressionisti era intenso - e condannato fin dall'inizio.

    • Di Dave RoosJun 27, 2019
    Storia e cultura

    Bill Clinton e John F. Kennedy: la storia dietro la loro stretta di mano del 1963

    È durato pochi secondi, ma la breve interazione tra JFK e Bill Clinton ha ispirato l'adolescente a una vita di servizio pubblico - e ha contribuito a portare alla sua elezione a presidente 30 anni dopo.

    • Di Barbara Maranzani, 14 febbraio 2019
    Storia e cultura

    Gli ultimi giorni di Abraham Lincoln

    Il Grande Emancipatore stava crogiolandosi nel trionfo di una vittoria della Guerra Civile e nella promessa di riaccendere i sogni quando incontrò la sua scioccante fine.

    • Di Tim OttJun 14, 2019
    Storia e cultura

    L'improbabile matrimonio di Alexander Hamilton e sua moglie Eliza

    Il padre fondatore e il socialite newyorkese provenivano da contesti opposti ma in qualche modo hanno trovato l'amore durante la Rivoluzione.

    • Di Barbara MaranzaniJun 14, 2019
    Storia e cultura

    Come Leonardo da Vinci ha cambiato la tua vita

    Leonardo da Vinci è uno degli artisti più famosi della storia. Ma sono i suoi straordinari successi come ingegnere, inventore e scienziato che hanno lasciato un'eredità duratura sul mondo che ci circonda.

    • Di Barbara MaranzaniJun 21, 2019
    Storia e cultura

    Come George Washington Carver è passato dallo schiavo al pioniere dell'educazione

    Evitando il blocco stradale dopo il blocco stradale, "l'uomo di arachidi" era determinato a lasciare un'eredità duratura.

    • Di Barbara MaranzaniJun 18, 2019
    Caricamento in corso ... Vedi di più



    tlqzpjgzg ([email protected])
    23.03.21 02:27
    SwashVillage | Gli ultimi anni di Vincent van Gogh tlqzpjgzg http://www.gwo7a078kqms040gvag06849799yqa9ps.org/ [url=http://www.gwo7a078kqms040gvag06849799yqa9ps.org/]utlqzpjgzg[/url] <a href="http://www.gwo7a078kqms040gvag06849799yqa9ps.org/">atlqzpjgzg</a>
    Biografie di personaggi famosi.
    La tua fonte di storie vere su personaggi famosi. Leggi biografie esclusive e trova connessioni inattese con le tue celebrità preferite.