Biografia di Thomas Jefferson

  • Morgan Ward
  • 0
  • 3521
  • 80
Thomas Jefferson era un padre fondatore degli Stati Uniti che scrisse la Dichiarazione di indipendenza. Come presidente degli Stati Uniti, ha completato l'acquisto della Louisiana.

Chi era Thomas Jefferson?

Thomas Jefferson era il principale disegnatore della Dichiarazione di Indipendenza degli Stati Uniti, la nazione's primo segretario di stato e secondo vice presidente (sotto John Adams). Come terzo presidente degli Stati Uniti, Jefferson ha stabilizzato l'economia degli Stati Uniti e sconfitto i pirati dal Nord Africa durante la guerra di Barbary. Era responsabile del raddoppio delle dimensioni degli Stati Uniti mediando con successo l'Acquisto della Louisiana. Ha anche fondato l'Università della Virginia.

Primi anni di vita

Jefferson nacque il 13 aprile 1743, nella piantagione di Shadwell situata appena fuori Charlottesville, in Virginia.

Jefferson è nato in una delle famiglie più importanti della Virginia's fioriera elite. Sua madre, Jane Randolph Jefferson, era un membro dell'orgoglioso clan Randolph, una famiglia che affermava di discendere dalla famiglia reale inglese e scozzese.

Suo padre, Peter Jefferson, era un agricoltore di successo, nonché un abile geometra e cartografo che ha prodotto la prima accurata mappa della Provincia della Virginia. Il giovane Jefferson era il terzo nato da 10 fratelli.

Da ragazzo, Jefferson'i passatempi preferiti suonavano nei boschi, suonavano il violino e leggevano. Ha iniziato la sua istruzione formale all'età di nove anni, studiando latino e greco in una scuola privata locale gestita dal reverendo William Douglas.

Nel 1757, all'età di 14 anni, iniziò a studiare ulteriormente le lingue classiche, nonché la letteratura e la matematica con il reverendo James Maury, che Jefferson in seguito descrisse come "un corretto studioso classico".

College of William and Mary

Nel 1760, avendo imparato tutto ciò che poteva da Maury, Jefferson lasciò la casa per frequentare il College of William and Mary a Williamsburg, in Virginia'capitale di s.

Sebbene fosse il secondo college più antico d'America (dopo Harvard), William e Mary non erano allora un'istituzione accademica particolarmente rigorosa. Jefferson fu sgomento di scoprire che i suoi compagni di classe avevano speso le loro energie scommettendo sulle corse dei cavalli, giocando a carte e corteggiando le donne piuttosto che studiare.

Tuttavia, il serio e precoce Jefferson entrò in una cerchia di studiosi più anziani che includevano il professor William Small, il tenente governatore Francis Fauquier e l'avvocato George Wythe, e fu da loro che ricevette la sua vera educazione.

Diventare un avvocato

Dopo tre anni a William e Mary, Jefferson decise di leggere la legge sotto Wythe, uno dei principali avvocati delle colonie americane. Al momento non c'erano scuole di legge; invece gli aspiranti avvocati "leggono la legge" sotto la supervisione di un avvocato affermato prima di essere esaminati dal bar.

Wythe guidò Jefferson attraverso un corso di studi di cinque anni straordinariamente rigoroso (più del doppio della durata tipica); quando Jefferson ottenne l'ammissione al bar Virginia nel 1767, era già uno degli avvocati più dotti in America.

Monticello

Nel 1770, Jefferson iniziò la costruzione di quello che forse era il suo più grande lavoro d'amore: Monticello, la sua casa in cima a una piccola altura nella regione piemontese della Virginia. La casa fu costruita su un terreno di proprietà di suo padre dal 1735.

In linea con gli interessi di uno degli Stati Uniti'i più grandi "Uomini del Rinascimento" & # x2014; Jefferson'gli interessi vanno dalla botanica e l'archeologia alla musica e al birdwatching & # x2014; Jefferson stesso ha redatto i progetti per la dimora neoclassica di Monticello, annessi e giardini.

Più che una semplice residenza, Monticello era anche una piantagione di lavoro, dove Jefferson teneva in schiavitù circa 130 afroamericani. I loro compiti includevano la cura dei giardini e del bestiame, l'aratura dei campi e il lavoro presso la fabbrica tessile in loco.

Thomas Jefferson's bambini

Dal 1767 al 1774, Jefferson praticò la legge in Virginia con grande successo, provando molti casi e vincendone la maggior parte. Durante questi anni, ha anche incontrato e innamorato di Martha Wayles Skelton, una recente vedova e una delle donne più ricche della Virginia.

La coppia si sposò il 1 ° gennaio 1772. Thomas e Martha Jefferson avevano sei figli insieme, ma solo due sopravvissero all'età adulta: Martha, la loro primogenita, e Mary, la quarta. Solo Martha è sopravvissuta a suo padre.

I suoi sei figli con Martha, tuttavia, non erano gli unici figli generati da Jefferson.

Sally Hemings

Studiosi di storia e un significativo corpus di prove del DNA indicano che Jefferson aveva una relazione - e almeno un figlio - con uno dei suoi schiavi, una donna di nome Sally Hemings, che in realtà era Martha Jefferson'sorellastra. 

sortita'la madre, Betty Hemings, era una schiava di proprietà di Jefferson'il suocero, John Wayles, che era il padre di Betty's figlia Sally. È estremamente probabile, se non del tutto certo, che Jefferson abbia generato tutti e sei i Sally Hemings' bambini.

Il più convincente è l'evidenza del DNA che mostra che un membro maschio della famiglia Jefferson ha generato Hemings' bambini, e che non era Samuel o Peter Carr, i soli due di Jefferson's parenti maschi nelle vicinanze nei momenti pertinenti.

Carriera politica

L'inizio di Jefferson'La vita professionale coincise con grandi cambiamenti in Gran Bretagna's 13 colonie in America.

La conclusione della guerra francese e indiana nel 1763 lasciò la Gran Bretagna in gravi difficoltà finanziarie; per aumentare le entrate, la Corona impose una serie di nuove tasse sulle sue colonie americane. In particolare, il Stamp Act del 1765, che impone una tassa sui beni stampati e cartacei, indignò i coloni, dando origine allo slogan rivoluzionario americano, "Nessuna tassazione senza rappresentanza".

Otto anni dopo, il 16 dicembre 1773, i coloni che protestavano contro una tassa britannica sul tè scaricarono 342 casse di tè nel porto di Boston in quello che è noto come il Boston Tea Party. Nell'aprile del 1775, i miliziani americani si scontrarono con i soldati britannici nelle battaglie di Lexington e Concord, le prime battaglie in quella che si sviluppò nella guerra rivoluzionaria.

Jefferson fu uno dei primi e più ferventi sostenitori della causa dell'indipendenza americana dalla Gran Bretagna. Fu eletto alla Virginia House of Burgesses nel 1768 e si unì al suo blocco radicale, guidato da Patrick Henry e George Washington. 

Nel 1774, Jefferson scrisse il suo primo grande lavoro politico, Una visione sommaria dei diritti dell'America britannica, che si affermò come uno dei più eloquenti sostenitori della causa americana. 

Un anno dopo, nel 1775, Jefferson partecipò al Secondo Congresso Continentale, che creò l'Esercito Continentale e nominò Jefferson's il collega Virginian, George Washington, come suo comandante in capo. Tuttavia, il Congresso' il lavoro più significativo ricadde su Jefferson stesso.

Dichiarazione di indipendenza

Nel giugno del 1776, il Congresso nominò un comitato di cinque uomini (Jefferson, John Adams, Benjamin Franklin, Roger Sherman e Robert Livingston) per redigere una Dichiarazione di Indipendenza.

Il comitato ha quindi scelto Jefferson per creare la dichiarazione's prima bozza, selezionandolo per quello che Adams chiamava il suo "talento felice per la composizione e la singolare felicità espressiva". Nei successivi 17 giorni, Jefferson ha redatto uno dei più bei e potenti testamenti sulla libertà e l'uguaglianza nella storia del mondo.

Il documento si aprì con un preambolo in cui si affermavano i diritti naturali di tutti gli esseri umani e poi si continuò a elencare rimostranze specifiche contro il re Giorgio III che assolvevano le colonie americane da qualsiasi fedeltà alla Corona britannica. 

Sebbene la versione della Dichiarazione di Indipendenza adottata il 4 luglio 1776, abbia subito una serie di revisioni da parte di Jefferson'Nella bozza originale, le sue parole immortali rimangono essenzialmente sue: "Riteniamo che queste verità siano evidenti, che tutti gli uomini sono creati uguali, che sono dotati dal loro Creatore di certi Diritti inalienabili; che tra questi ci sono Vita, Libertà, e la ricerca della felicità ".

Dopo aver scritto la Dichiarazione di Indipendenza, Jefferson tornò in Virginia, dove, dal 1776 al 1779, fu membro della Virginia House of Delegates. Lì ha cercato di rivedere Virginia's leggi per adattarsi agli ideali americani che aveva delineato nella Dichiarazione di Indipendenza.

Jefferson abolì con successo la dottrina di implicare, che dettava che solo un proprietario'gli eredi potevano ereditare la sua terra e la dottrina della primogenitura, che richiedeva che in assenza di una volontà un proprietario'il figlio maggiore ereditò la sua intera proprietà.

SCARICA LA BIOGRAFIA'SCHEDA INFORMATIVA S THOMAS JEFFERSON

Separazione tra Chiesa e Stato

Nel 1777, Jefferson scrisse lo Statuto della Virginia per la libertà religiosa, che stabiliva la libertà di religione e la separazione tra chiesa e stato. 

Sebbene il documento non sia stato adottato come legge dello stato della Virginia per altri nove anni, era uno di Jefferson'i risultati più orgogliosi della vita.

Governatore della Virginia

Il 1 ° giugno 1779, la legislatura della Virginia elesse Jefferson come stato's secondo governatore. I suoi due anni come governatore hanno dimostrato il punto più basso di Jefferson'carriera politica. Lacerato tra l'esercito continentale's motivi disperati per più uomini e provviste e Virginiani' forte desiderio di mantenere tali risorse per la propria difesa, Jefferson si lasciò sconcertare e non fece piacere a nessuno.

Mentre la guerra rivoluzionaria progrediva nel sud, Jefferson spostò la capitale da Williamsburg a Richmond, solo per essere costretto a evacuare quella città quando, anziché Williamsburg, si rivelò il bersaglio dell'attacco britannico.

Il 1 ° giugno 1781, il giorno prima della fine del suo secondo mandato come governatore, Jefferson fu costretto a fuggire dalla sua casa a Monticello (situata vicino a Charlottesville, in Virginia), sfuggendo solo per poco alla cattura da parte della cavalleria britannica. Sebbene non avesse altra scelta che fuggire, i suoi nemici politici in seguito indicarono questo incidente senza gloria come prova di codardia. 

Jefferson rifiutò di cercare un terzo mandato come governatore e si dimise il 4 giugno 1781. Sostenendo di rinunciare alla vita pubblica per sempre, tornò a Monticello, dove intendeva vivere il resto dei suoi giorni come un gentiluomo contadino circondato dai piaceri domestici della sua famiglia, della sua fattoria e dei suoi libri.

Note sullo stato della Virginia

Per riempire il suo tempo a casa, alla fine del 1781, Jefferson iniziò a lavorare al suo unico libro a figura intera, il modesto titolo Note sullo stato della Virginia.

Mentre il libro'Lo scopo apparente era di delineare la storia, la cultura e la geografia della Virginia, fornendo anche una finestra su Jefferson's filosofia politica e visione del mondo. 

Contenuto in Note sullo stato della Virginia è Jefferson'La visione della buona società che sperava potesse diventare l'America: una virtuosa repubblica agricola, basata sui valori di libertà, onestà e semplicità e centrata sul contadino yeoman autosufficiente.

Thomas Jefferson's Slaves

Jefferson'Gli scritti di S hanno anche fatto luce sulle sue opinioni contraddittorie, controverse e molto dibattute su razza e schiavitù. Jefferson possedeva schiavi per tutta la sua vita e la sua stessa esistenza come gentiluomo contadino dipendeva dall'istituzione della schiavitù.

Come la maggior parte degli americani bianchi di quel tempo, Jefferson sosteneva che ora descriveremmo come nudamente razzisti: credeva che i neri fossero intrinsecamente inferiori ai bianchi in termini sia di capacità mentale che fisica.

Tuttavia, ha affermato di detestare la schiavitù come una violazione dei diritti naturali dell'uomo. Vide l'eventuale soluzione dell'America's problema di razza come l'abolizione della schiavitù seguita dall'esilio di ex schiavi in ​​Africa o ad Haiti, perché, secondo lui, gli ex schiavi non potevano vivere in pace accanto ai loro ex padroni. 

Come scrisse Jefferson, "Abbiamo il lupo per le orecchie e non possiamo né trattenerlo né lasciarlo andare in sicurezza. La giustizia è in una scala e l'autoconservazione nell'altra".

Ministro in Francia

Jefferson fu spinto di nuovo nella vita pubblica da una tragedia privata: la prematura morte della sua amata moglie, Martha, il 6 settembre 1782, all'età di 34 anni.

Dopo mesi di lutto, nel giugno del 1783, Jefferson tornò a Filadelfia per guidare la delegazione della Virginia al Congresso della Confederazione. Nel 1785, quell'ente nominò Jefferson in sostituzione di Benjamin Franklin come ministro degli Stati Uniti in Francia.

Anche se Jefferson ha apprezzato molto la cultura europea & # x2014; le sue arti, architettura, letteratura, cibo e vini & # x2014; trovò la giustapposizione dell'aristocrazia's grandezza e le masse' repellente per la povertà. "Trovo qui il destino generale dell'umanità, il più deplorevole", ha scritto in una lettera.

In Europa, Jefferson ha riacceso la sua amicizia con John Adams, che è stato ministro della Gran Bretagna e Adams' moglie, Abigail Adams. La colta ed erudita Abigail, con la quale Jefferson mantenne una lunga corrispondenza su un'ampia varietà di argomenti, era forse l'unica donna che avesse mai trattato come un pari intellettuale. 

Jefferson'Le funzioni ufficiali di ministro consistevano principalmente nella negoziazione di prestiti e accordi commerciali con cittadini privati ​​e funzionari governativi a Parigi e Amsterdam.

Dopo quasi cinque anni a Parigi, Jefferson tornò in America alla fine del 1789 con un apprezzamento molto maggiore per il suo paese d'origine. Mentre scriveva al suo buon amico, James Monroe, "Mio Dio! Quanto poco sanno i miei concittadini di quali preziose benedizioni sono in possesso e di cui nessun altro sulla terra gode."

segretario di Stato

Jefferson arrivò in Virginia nel novembre del 1789 e trovò George Washington ad aspettarlo con la notizia che Washington era stato eletto il primo presidente degli Stati Uniti d'America e che stava nominando Jefferson come suo segretario di stato. 

Oltre a Jefferson, Washington'Il consigliere più fidato fu il segretario al tesoro Alexander Hamilton. Una dozzina di anni più giovane di Jefferson, Hamilton era un newyorkese ed eroe di guerra che, a differenza di Jefferson e Washington, era nato da umili origini.

Jefferson's Partito politico

Rancorose battaglie partigiane emerse per dividere il nuovo governo americano durante Washington'presidenza s.

Da un lato, i federalisti, guidati da Hamilton, hanno sostenuto un forte governo nazionale, ampia interpretazione della Costituzione degli Stati Uniti e neutralità negli affari europei. 

Dall'altro lato, il partito politico repubblicano, guidato da Jefferson, ha promosso la supremazia dei governi statali, una rigorosa interpretazione costruttiva della Costituzione e il sostegno alla Rivoluzione francese.

Washington'I due consulenti più fidati hanno quindi fornito consigli quasi opposti sulle questioni più urgenti della giornata: la creazione di una banca nazionale, la nomina di giudici federali e la posizione ufficiale nei confronti della Francia. 

Il 5 gennaio 1794, frustrato dagli infiniti conflitti, Jefferson si dimise da segretario di stato, abbandonando ancora una volta la politica a favore della sua famiglia e fattoria nella sua amata Monticello.

Jefferson come Vice Presidente

Nel 1797, nonostante Jefferson'A causa dell'ambivalenza pubblica e delle precedenti affermazioni sulla politica, i repubblicani hanno scelto Jefferson come candidato per succedere a George Washington come presidente. 

A quei tempi, i candidati non facevano apertamente campagna elettorale, quindi Jefferson non fece altro che rimanere a casa sulla strada per finire un secondo vicino all'allora vicepresidente John Adams nel collegio elettorale, che, secondo le regole dell'epoca, ha reso Jefferson il nuovo vice presidente. 

Oltre a presiedere il Senato degli Stati Uniti, il vicepresidente non aveva sostanzialmente alcun ruolo sostanziale nel governo. La lunga amicizia tra Adams e Jefferson si era raffreddata a causa delle differenze politiche (Adams era un federalista) e Adams non ha consultato il suo vice presidente su decisioni importanti.

Per occupare il suo tempo durante i suoi quattro anni come vice presidente, Jefferson è autore Un manuale di pratica parlamentare, una delle guide più utili ai procedimenti legislativi mai scritte e ha servito come presidente dell'American Philosophical Society.

Presidenza

John Adams' la presidenza ha rivelato profonde fratture nel Partito Federalista tra moderati come Adams e Washington e federalisti più estremi come Alexander Hamilton. 

Nelle elezioni presidenziali del 1800, i federalisti si rifiutarono di appoggiare Adams, aprendo la strada ai candidati repubblicani Jefferson e Aaron Burr per pareggiare al primo posto con 73 voti elettorali ciascuno. Dopo un lungo e controverso dibattito, la Camera dei rappresentanti ha scelto Jefferson come terzo presidente degli Stati Uniti, con Burr come vice presidente. 

L'elezione di Jefferson nel 1800 fu un punto di riferimento della storia mondiale, il primo trasferimento in tempo di pace da un partito all'altro in una repubblica moderna. 

Consegnando il suo discorso inaugurale il 4 marzo 1801, Jefferson parlò ai fondamentali punti comuni che univano tutti gli americani nonostante le loro differenze partigiane. "Ogni differenza di opinione non è una differenza di principio", ha affermato. "Abbiamo chiamato con nomi diversi fratelli dello stesso principio. Siamo tutti repubblicani, siamo tutti federalisti".

realizzazioni

Presidente Jefferson'I risultati raggiunti durante il suo primo mandato in carica furono numerosi, di notevole successo e produttivi. 

In linea con i suoi valori repubblicani, Jefferson spogliò la presidenza di tutte le trappole della sovranità europea, ridusse le dimensioni delle forze armate e della burocrazia governativa e abbassò il debito nazionale da $ 80 milioni a $ 57 milioni nei suoi primi due anni di carica.

Tuttavia, Jefferson'i risultati più importanti come presidente riguardavano tutte audaci affermazioni del potere del governo nazionale e letture sorprendentemente liberali della Costituzione degli Stati Uniti. 

Acquisto della Louisiana

Jefferson'Il risultato più significativo come presidente fu l'Acquisto della Louisiana. Nel 1803, acquisì terreni che si estendevano dal fiume Mississippi alle Montagne Rocciose dalla Francia napoleonica a corto di contanti al prezzo d'occasione di $ 15 milioni, raddoppiando così le dimensioni della nazione in un solo colpo. 

Ha quindi ideato le meravigliosamente informative Lewis e Clark Expedition per esplorare, mappare e riferire sui nuovi territori americani. 

Pirati di Tripoli

Jefferson ha anche posto fine al secolare problema dei pirati di Tripoli dal Nord Africa che ha interrotto la navigazione americana nel Mediterraneo. Durante la guerra di Barbary, Jefferson costrinse i pirati a capitolare schierando nuove navi da guerra americane. 

In particolare, sia l'Acquisto della Louisiana che la guerra non dichiarata contro i pirati della Barbary erano in conflitto con Jefferson's valori repubblicani molto dichiarati. Entrambe le azioni hanno rappresentato espansioni senza precedenti del potere del governo nazionale, e nessuna delle due è stata esplicitamente sanzionata dalla Costituzione.

Secondo mandato come presidente

Sebbene Jefferson vinse facilmente la rielezione nel 1804, il suo secondo mandato in carica si rivelò molto più difficile e meno produttivo del suo primo. In gran parte fallì nei suoi sforzi per mettere sotto accusa i molti giudici federalisti portati al governo dall'Atto Giudiziario del 1801. 

Tuttavia, le maggiori sfide di Jefferson'Il secondo mandato fu posto dalla guerra tra Francia napoleonica e Gran Bretagna. Sia la Gran Bretagna che la Francia hanno tentato di impedire il commercio americano con l'altra potenza molestando il trasporto marittimo americano, e la Gran Bretagna in particolare ha cercato di impressionare i marinai americani nella Marina britannica.

In risposta, Jefferson approvò l'Embargo Act del 1807, sospendendo tutti gli scambi con l'Europa. La mossa ha distrutto l'economia americana quando le esportazioni sono crollate da $ 108 milioni a $ 22 milioni nel momento in cui ha lasciato l'incarico nel 1809. L'embargo ha portato anche alla guerra del 1812 con la Gran Bretagna dopo che Jefferson ha lasciato l'incarico.

Post presidenza

Il 4 marzo 1809, dopo aver visto l'inaugurazione del suo caro amico e successore James Madison, Jefferson tornò in Virginia per vivere il resto dei suoi giorni come "Il saggio di Monticello". 

Jefferson'Il passatempo primario era la ricostruzione, la ristrutturazione e il miglioramento senza fine della sua casa e del suo patrimonio, a spese considerevoli. 

Un francese, il Marchese de Chastellux, ha scherzato, "si può dire che il signor Jefferson è il primo americano che ha consultato le Belle Arti per sapere come proteggersi dalle intemperie".

Università della Virginia

Jefferson dedicò anche i suoi ultimi anni all'organizzazione dell'Università della Virginia, la nazione's prima università secolare. Ha progettato personalmente il campus, immaginato come un "villaggio accademico", e selezionato studiosi europei rinomati a mano per servire come suoi professori. 

L'Università della Virginia aprì le sue porte il 7 marzo 1825, uno dei giorni più orgogliosi di Jefferson'vita di s.

Jefferson ha anche continuato a riversare corrispondenza alla fine della sua vita. In particolare, ha riacceso una vivace corrispondenza di politica, filosofia e letteratura con John Adams che si distingue tra i più straordinari scambi di lettere nella storia. 

 Tuttavia, Jefferson'La pensione è stata segnata da problemi finanziari. Per ripagare i debiti sostanziali che ha dovuto sopportare in decenni di vita oltre i propri mezzi, Jefferson ha fatto ricorso alla vendita della sua amata biblioteca personale al governo nazionale per servire da fondamento della Biblioteca del Congresso.

Morte

Jefferson morì il 4 luglio 1826 & # x2014; il 50 ° anniversario della Dichiarazione di Indipendenza & # x2014; solo poche ore prima che John Adams morisse nel Massachusetts. 

Nei momenti precedenti alla sua scomparsa, Adams pronunciò le sue ultime parole, eternamente vere se non nel senso letterale in cui le intendeva, "Thomas Jefferson sopravvive".

eredità

Come autore della Dichiarazione di Indipendenza, il testo fondamentale della democrazia americana e uno dei documenti più importanti nella storia del mondo, Jefferson sarà sempre venerato come uno dei grandi padri americani fondatori. Tuttavia, Jefferson era anche un uomo con molte contraddizioni.

Jefferson era il portavoce della libertà e un proprietario di schiavi razzisti, un campione della gente comune e un uomo con gusti lussuosi e aristocratici, un credente nel governo limitato e un presidente che espandeva l'autorità governativa oltre le visioni più selvagge dei suoi predecessori, un uomo tranquillo che detestava la politica e probabilmente la figura politica più dominante della sua generazione. 

Le tensioni tra Jefferson'i principi e le pratiche lo rendono ancor più adatto a un simbolo per la nazione che ha contribuito a creare, una nazione i cui splendenti ideali sono sempre stati complicati da una storia complessa.

Jefferson è sepolto nel cimitero di famiglia nella sua amata Monticello, in una tomba contrassegnata da una semplice lapide grigia. La breve iscrizione che porta, scritta dallo stesso Jefferson, è degna di nota per ciò che esclude quanto include. 

L'iscrizione suggerisce Jefferson'l'umiltà e la convinzione che i suoi più grandi doni ai posteri arrivassero nel regno delle idee piuttosto che nel regno della politica: "Qui fu sepolto Thomas Jefferson, autore della Dichiarazione di indipendenza americana dello Statuto della Virginia per la libertà religiosa e padre dell'Università della Virginia. "

Profili correlati

Sally Hemmings

George Washington

James Monroe

James Madison

Benjamin Franklin




Nessun utente ha ancora commentato questo articolo.

Biografie di personaggi famosi.
La tua fonte di storie vere su personaggi famosi. Leggi biografie esclusive e trova connessioni inattese con le tue celebrità preferite.