Shakespeare era il vero autore dei suoi spettacoli?

  • Piers Chambers
  • 0
  • 4363
  • 528

Figlio di un guerriero e talvolta politico comunale di Stratford-upon-Avon, William Shakespeare sembra essere cresciuto da mezzi modesti per diventare uno dei più grandi scrittori di storia, un poeta impareggiabile e drammaturgo le cui opere hanno entusiasmato i lettori per più di 400 anni. Ma William Shakespeare ha effettivamente scritto le opere attribuite al suo nome?

Gli storici moderni ritengono che alcune delle sue opere possano essere state parzialmente scritte in tandem con altre. Ma alcuni studiosi e persino colleghi scrittori sono scettici sul fatto che Shakespeare abbia scritto uno dei suoi celebri sonetti o opere teatrali, e che & # x201C; Shakespeare & # x201D; era in realtà uno pseudonimo usato per mascherare la vera identità del vero autore. Circondata da difficili questioni riguardanti la classe sociale e l'educazione, la domanda sulla paternità di Shakespeare non è nuova, con dozzine di possibili teorie su chi sia il Bardo di Avon & # x201D; era davvero & # x2014; o wasn & # x2019; t.

L'argomento contro Shakespeare si basa su critiche chiave

Anti-Stratfordiani, il soprannome dato a coloro che sostengono che Shakespeare non era il vero autore, indica una significativa mancanza di prove come prova delle loro affermazioni. Sostengono che le registrazioni dell'epoca indicano che Shakespeare probabilmente ha ricevuto solo un'istruzione scolastica locale, non ha frequentato l'università e quindi non avrebbe imparato le lingue, la grammatica e il vasto vocabolario in mostra nelle opere di Shakespeare, circa 3.000 parole . Notano che entrambi i genitori di Shakespeare erano probabilmente analfabeti, e sembra che lo fossero anche i suoi figli sopravvissuti, portando allo scetticismo che un noto letterato avrebbe trascurato l'educazione dei propri figli.

Notano anche che nessuna delle lettere e dei documenti commerciali che sopravvivono danno alcun accenno di Shakespeare come autore, e tanto meno uno famoso durante la sua vita. Invece, i documenti scritti descrivono in dettaglio transazioni più banali, come le sue attività di investitore e collezionista di beni immobili. Se la saggezza mondana di Shakespeare era il risultato della lettura e del viaggio scolastici post-grammaticali, discutono, dov'è la prova che abbia mai lasciato l'Inghilterra? Perché il loro non era un lutto pubblico per lui quando è morto? E perché la sua volontà, che elencava una serie di doni a familiari e amici, non include un singolo libro di quella che presumibilmente sarebbe una vasta biblioteca?

Per coloro che credono fermamente che Shakespeare fosse il vero autore delle sue opere teatrali, gli Anti-Stratfordiani stanno semplicemente scegliendo di ignorare i fatti. Un certo numero di contemporanei di Shakespeare, tra cui Christopher Marlowe e Ben Jonson, provenivano da famiglie altrettanto modeste. Non ci sono state dichiarazioni pubbliche durante la vita di Shakespeare secondo cui stava agendo come uno pseudonimo. In effetti, i funzionari Tudor responsabili dell'accertamento della paternità di opere teatrali hanno attribuito diverse opere a Shakespeare, Jonson e altri, inclusi attori che avevano interpretato le sue opere teatrali, gli hanno reso omaggio negli anni successivi alla sua morte e hanno persino contribuito a organizzare la pubblicazione delle sue opere.

Alcuni credono che Francis Bacon sia il 'vero' Shakespeare

Francis Bacon fu una delle prime alternative proposte, a partire dalla metà del XIX secolo. Laureato a Cambridge, Bacon era molto abile. Fu uno dei creatori del metodo scientifico, fu un filosofo molto rispettato e salì nelle file della corte Tudor per diventare Lord Cancelliere e membro della Camera privata. Ma era anche il & # x201C; reale & # x201D; Shakespeare?

Questa è l'argomentazione dei Baconiani, sostenendo che Bacon voleva evitare di essere contaminato con la reputazione di umile drammaturgo, ma si sentì anche costretto a recitare penne che segretamente miravano all'istituzione reale e politica in cui Bacon recitava una chiave parte. I sostenitori affermano che le idee filosofiche originate da Bacon possono essere trovate nelle opere di Shakespeare e discutono se l'educazione limitata di Shakespeare gli avrebbe fornito le conoscenze scientifiche, così come i codici e le tradizioni legali, che appaiono in tutto il giochi.

Credono che Bacon abbia fornito indizi per intrepidi studiosi successivi, nascondendo messaggi segreti o cifre sulla sua identità come una specie di scia letteraria di pangrattato. Alcuni sono andati anche oltre, sostenendo che le cifre di Bacon rivelano una storia più ampia e alternativa dell'era Tudor, inclusa quella teoria stravagante che Bacon fosse in realtà un figlio illegittimo di Elisabetta..

La teoria di Oxford sostiene l'idea che Edward de Vere fosse Shakespeare

Edward de Vere, il 17 Earl of Oxford era un poeta, drammaturgo e mecenate delle arti, la cui ricchezza e posizione lo rendevano una figura di alto profilo ai tempi di Tudor (era cresciuto ed educato nella famiglia di Elisabetta I & # x2019; s consigliere capo, William Cecil). De Vere ha smesso di pubblicare poesie con il proprio nome poco dopo la comparsa delle prime opere attribuite a Shakespeare, portando gli Oxfordiani a sostenere di aver usato Shakespeare come & # x201C; front & # x201D; per proteggere la sua posizione. Sostengono che un'annualità reale annuale che De Vere ha ricevuto dalla corte potrebbe aver usato per pagare Shakespeare, permettendo a De Vere di mantenere l'anonimato pubblico.

Per questi sostenitori, il lungo viaggio di De Vere in tutta Europa, incluso il suo profondo fascino per la lingua e la cultura italiana, si riflettono nelle numerose opere ambientate in Italia nel canone di Shakespeare. De Vere ha anche avuto un amore permanente per la storia, in particolare la storia antica, rendendolo adatto per scrivere drammi come Giulio Cesare. Indicano anche la sua relazione familiare con Arthur Golding, autore di una traduzione dell'antico poeta romano Ovidio & # x2019; s & # x201C; Metamorfosi, & # x201D; una traduzione che gli studiosi letterari concordano è stata molto influente su chiunque abbia scritto le opere di Shakespeare.

Una delle principali critiche alla teoria di Oxford è che De Vere morì nel 1604 & # x2014; ma la cronologia di Shakespeare accettata indica che dopo la sua morte sono state pubblicate più di una dozzina di opere. Nonostante questa e altre incoerenze, i difensori di De Vere restano fermi e la teoria di Oxford è stata esplorata nel film del 2011, Anonimo.

Un altro contendente è Christopher Marlowe

Un celebre drammaturgo, poeta e traduttore, & # x201C; Kit & # x201D; Marlowe era una stella dell'età Tudor. Il suo lavoro ha indubbiamente influenzato una generazione di scrittori, ma avrebbe potuto anche essere il vero autore delle opere di Shakespeare oltre al suo? I sostenitori della teoria marloviana, resa popolare per la prima volta all'inizio del XIX secolo, sostengono che ci sono significative somiglianze nei due stili di scrittura che non possono essere trascurate, anche se l'analisi moderna lo ha messo in discussione.

Come Shakespeare, Marlowe proveniva da un background modesto, ma le sue capacità intellettuali lo videro conseguire sia la laurea che la laurea presso l'Università di Cambridge. Gli storici ora credono che abbia equilibrato la sua carriera letteraria con un ruolo clandestino come spia per la corte Tudor. Il sostegno di Marlowe ai gruppi anti-religiosi e la pubblicazione di quella che era considerata un'opera ateo lo lasciò in una posizione precaria e pericolosa.

La misteriosa morte di Marlowe nel maggio 1593 ha portato a secoli di speculazioni. Anche se l'inchiesta di un medico legale concluse definitivamente che era stato pugnalato durante una discussione in un pub, le cospirazioni turbinano che la sua morte è stata falsificata. Forse per evitare un mandato d'arresto per quella scrittura antireligiosa. O per aiutare a nascondere il suo ruolo di agente segreto di Cecil. O, come ritengono i marloviani, consentire a Marlowe di intraprendere una nuova carriera letteraria come Shakespeare, la cui prima opera con quel nome è stata messa in vendita due settimane dopo la morte di Marlowe.

Diverse donne sono state inoltre presentate come potenziali candidate

Negli anni '30, l'autore Gilbert Slater propose che l'opera di Shakespeare potrebbe non essere stata scritta da un nobile istruito & # x2014; ma da una nobildonna ben educata. Attingendo a ciò che vedeva come attributi femminili per soggetto e stile di scrittura, così come alla lunga lista di personaggi femminili forti e che infrangevano le convenzioni, Slater dichiarò che Shakespeare era stato probabilmente un fronte per Mary Sidney. Fratello del poeta Philip Sidney, Mary ricevette un'istruzione classica avanzata, e il suo tempo trascorso alla corte di Elisabetta I avrebbe offerto ampia esposizione alla politica reale che ebbe un ruolo così importante nell'opera di Shakespeare.

Sidney era un abile scrittore, completando una traduzione molto elogiata di opere religiose, e diversi film drammatici & # x201C; (opere teatrali scritte per spettacoli privati ​​o per piccoli gruppi), un formato spesso usato da donne dell'epoca che non erano in grado di partecipare apertamente al teatro professionale. Sidney era anche un noto mecenate delle arti, gestiva un importante salone letterario che contava i poeti Edmund Spenser e Jonson tra i suoi membri e forniva fondi a una compagnia teatrale che fu una delle prime a produrre opere teatrali di Shakespeare.

Più recentemente, Emilia Bassano è stata al centro di una rinnovata ricerca. La figlia londinese di mercanti veneziani, Bassano è stata una delle prime donne inglesi a pubblicare un volume di poesie. Gli storici ritengono che la famiglia di Bassano fosse probabilmente ebrei convertiti, e l'inclusione di personaggi e temi ebraici, trattati in un modo più positivo rispetto a molti altri autori del giorno, potrebbe essere spiegato dalla paternità di Bassano. Lo stesso vale per i frequenti scenari in Italia, in particolare Venezia, con i quali Bassano aveva ovviamente stretti legami.

Emilia era un nome insolito nell'Inghilterra dell'era Tudor ma è usata frequentemente per i personaggi femminili di Shakespeare, così come le variazioni del suo cognome. Alcuni indicano anche dettagli autobiografici della vita di Bassano, tra cui la visita in Danimarca dei membri della famiglia in cui è cresciuta, un'ambientazione resa famosa in Frazione. Era l'amante di uno dei patroni chiave della compagnia di recitazione di Shakespeare, che probabilmente la portò in contatto con il Bard, e alcuni hanno ipotizzato che potesse essere stata la sua amante. 

Alcuni nomi famosi hanno espresso il loro supporto per qualsiasi numero di possibili alternative

Mark Twain ha sostenuto il caso di Bacon in un breve lavoro, & # x201C; Is Shakespeare Dead? & # X201D; e la sua cara amica Helen Keller fu d'accordo. Sigmund Freud scrisse una lettera a sostegno dell'affermazione di Oxford, e persino il collega poeta Walt Whitman intervenne, sollevando i suoi dubbi sul fatto che Shakespeare avesse l'educazione e il background per produrre le opere a lui attribuite.

I moderni antistratfordiani includono coloro che interpretano le parole di Shakespeare, tra cui gli attori Michael York, Derek Jacobi, Jeremy Irons e Mark Rylance, ex direttore artistico di Shakespeare e Globe Theatre ricostruito di Shakespeare & # x2019; s e l'autore di un libro che sostiene Bacon come il vero autore. Il dibattito ha persino attirato l'attenzione di due ex giudici della Corte suprema degli Stati Uniti, con Sandra Day O & # x2019; Connor e John Paul Stevens tra i luminari che firmano una petizione presentata dalla Shakespeare Authorship Coalition. 

Di Barbara Maranzani

Barbara Maranzani è una scrittrice ed editrice con sede a New York, focalizzata sulla storia americana ed europea.

    ALTRE STORIE DALLA BIOGRAFIA

    Storia e cultura

    Mata Hari era una spia o un capro espiatorio?

    Più di un secolo dopo la sua esecuzione con accuse di spionaggio durante la prima guerra mondiale, continua il dibattito sulla colpa o l'innocenza della leggendaria Mata Hari.

    • Di Barbara Maranzani, 24 giu 2019
    Storia e cultura

    Cosa era l'eredità di Cristoforo Colombo?

    Il famoso esploratore era sempre alla ricerca di nuovi posti, ma la sua eredità duratura ha persone che cercano la sua vera nazionalità.

    • Di Barbara MaranzaniJun 17, 2019
    Storia e cultura

    Cosa stava portando Abraham Lincoln nelle sue tasche la notte in cui fu ucciso

    Il contenuto personale è stato messo in una scatola e non è stato rivelato fino a più di 100 anni dopo l'assassinio del presidente.

    • Di Barbara Maranzani, 10 giu 2019
    Storia e cultura

    Chi era "Immortal Beloved" di Beethoven?

    'Sempre tuo. Mai mio. Mai nostro. Due secoli dopo, gli storici non hanno ancora concordato l'identità della donna che ha ispirato le famose linee del compositore.

    • Di Barbara MaranzaniJul 15, 2019
    Storia e cultura

    Theodore Roosevelt: Cosa rivela la sua casa di Sagamore Hill sulla sua personalità

    Il sito storico è stato un luogo di conforto per l'ex presidente e la sua famiglia in tempi buoni e cattivi.

    • Di Barbara MaranzaniJun 27, 2019
    Storia e cultura

    Perché la vita di William Shakespeare è considerata un mistero?

    Segreto sia nella vita che nella morte, il drammaturgo è rimasto una figura sfuggente.

    • Di Hadley MearesJun 27, 2019
    Storia e cultura

    L'improbabile matrimonio di Alexander Hamilton e sua moglie Eliza

    Il padre fondatore e il socialite newyorkese provenivano da contesti opposti ma in qualche modo hanno trovato l'amore durante la Rivoluzione.

    • Di Barbara MaranzaniJun 14, 2019
    Storia e cultura

    Chi era l'autore di Mary Poppins P.L. Travers?

    Nato il 9 agosto 1899, P.L. Travers è diventata famosa per la sua serie di libri "Mary Poppins", ma con suo grande dispiacere è stata l'interpretazione cinematografica di Walt Disney del suo primo romanzo a rendere la sua stella ancora più luminosa. Diamo un'occhiata alla donna dietro "Mary Poppins".

    • Di Bio StaffJun 24, 2019
    Storia e cultura

    400 ° anniversario di William Shakespeare: The Life & Legacy of The Bard

    Quattrocento anni dopo la morte di Shakespeare, celebriamo l'eredità di probabilmente il più grande drammaturgo in lingua inglese.

    • Di Greg Timmons 27 giu 2019
    Caricamento in corso ... Vedi di più



    Nessun utente ha ancora commentato questo articolo.

    Biografie di personaggi famosi.
    La tua fonte di storie vere su personaggi famosi. Leggi biografie esclusive e trova connessioni inattese con le tue celebrità preferite.