Chi era Immortal Beloved di Beethoven?

  • Mark Lindsey
  • 0
  • 2095
  • 516

È uno dei più grandi misteri irrisolti della storia della musica. Chi era la donna che assillò così tanto Ludwig van Beethoven che fu costretto a scrivere una lettera d'amore infame e appassionata e fervida che ha resistito alla prova del tempo? L'identità di Beethoven & # x2019; s & # x201C; Immortal Beloved & # x201D; (tradotto più accuratamente come & # x201C; Eternally Beloved & # x201D;) ha confuso gli storici per due secoli e ha persino ispirato un film. Ma la verità potrebbe non essere mai conosciuta per certo.

La lettera potrebbe non essere mai stata inviata

Dopo la morte di Beethoven nel marzo 1827, il suo assistente, Anton Schindler, scoprì un cassetto nascosto, che conteneva alcune immagini, denaro e due documenti. Una era una lettera, scritta ai suoi fratelli nel 1802 e in seguito conosciuta come Testamento di Heiligenstadt, in cui Beethoven si lamentava della sua crescente sordità e scriveva della sua disperazione e depressione per l'impatto che l'infermità avrebbe sulle sue capacità musicali.

L'altra era una lettera, scritta a matita nello scarabocchio irregolare di Beethoven su 10 piccole pagine. Composto in tre raffiche, rivela il suo tormento emotivo e il desiderio di una donna senza nome. Desidera che stiano insieme, proponendo un incarico in un luogo vicino noto solo come & # x201C; K, & # x201D; che gli storici ritengono probabile Karlsbad, ora la città ceca di Karlovy Vary. Le speranze di Beethoven per la relazione sembrano oscurarsi mentre scrive. L'ultima sezione trasmette le sue dimissioni che il loro grande amore non doveva mai essere & # x2014; mentre firma con le linee, & # x201C; sempre il tuo. Mai mio. Mai nostri. & # X201D; La vicenda condannata coincise con l'inizio di uno dei periodi più bui della vita di Beethoven, durante il quale non riuscì a comporre un'opera importante per diversi anni.

Molti storici credono che la lettera non sia mai stata effettivamente inviata, mentre altri credono che Beethoven possa aver inviato una copia della lettera, mentre si aggrappava all'originale. Indipendentemente da ciò, era chiaramente di grande importanza, poiché lo tenne con sé fino alla sua morte, nonostante una carriera peripatetica durante la quale si trasferì, in media, una volta all'anno. I primi studiosi che cercavano di risolvere l'enigma erano bloccati perché, sebbene la lettera fosse datata 6 e 7 luglio, non era incluso alcun anno, il che rendeva difficile mettere insieme quando nella sua vita era stata scritta. Fu solo negli anni '50 che filigrane e altri indizi visivi permisero una datazione più definitiva del 1812.

Numerose donne sono state presentate come possibili candidate

La vita romantica di Beethoven era rocciosa e non si sposò mai. Ha sviluppato una serie di attaccamenti romantici, che potrebbero essere rimasti non corrisposti e non confermati. Nonostante il suo successo musicale, il suo background sociale relativamente modesto significava che le sue frequenti ricerche di donne nate alla fine erano inutili.

Un allievo di pianoforte di Beethoven, Dorothea von Ertmann, è stato citato come possibile contendente, ma sebbene le abbia dedicato una sonata, la loro relazione sembra essere stata non romantica. La cantante Amalie Sebald coincide con la cronologia e la posizione della lettera, che è stata scritta mentre Beethoven era in un ritiro medico ordinato da medico nella città termale della Boemia di Teplitz, ora Teplice. Sebald e Beethoven erano entrambi a Teplitz nell'estate del 1812, ma anche le sue lettere conosciute le sembrano quelle di un amico.

La patrona delle arti Anna Marie Erdödy, sostenitrice e confidente di Beethoven, ha permesso al compositore di vivere nella sua casa di Vienna per un periodo. Aiutò Beethoven a ottenere un patrocinio reale e il grato compositore le dedicò diverse opere. Ma gli argomenti contro Erdödy si basano sulla geografia. La lettera afferma che Beethoven aveva visto di recente la sua amata e stava abbastanza vicino da visitarla di nuovo poco dopo che la lettera era stata scritta & # x2014; mentre i record collocano Erdödy a grande distanza da Teplitz quell'estate.

Alcuni storici hanno ipotizzato che Beethoven si innamorò profondamente di Therese Malfatti, cugina di un suo caro amico, e addirittura ipotizzò di proporre nel 1810. Ancora una volta, i soldi si fecero strada. I suoi ricchi genitori non approvarono e alla fine si sposò con un nobile. Molti studiosi ritengono che il suo & # x201C; Für Elise & # x201D; è stato scritto in suo onore.

Beethoven'S 'Amata immortale' una lettera, trovata in un cassetto segreto nella sua scrivania, conteneva 10 pagine.

Foto: Universal History Archive / Universal Images Group tramite Getty Images

Due sorelle e una cugina sono state coinvolte nel dibattito

Julie & # x201C; Giulietta & # x201D; Guicciardi entrò nella vita di Beethoven alla fine del 1790. La ricca figlia di nobili genitori, iniziò a prendere lezioni di piano con lui nel 1801, e quasi immediatamente si innamorò di lei. Il suo matrimonio con un conte, che era anche compositore, apparentemente fece ben poco per smorzare l'ardore di Beethoven. Ha dedicato la sua famosa & # x201C; Moonlight Sonata & # x201D; a Guicciardi, e secondo come riferito in seguito disse ad Anton Schindler che era stata un grande amore. Schindler, a sua volta, nominò Guicciardi come & # x201C; Immortal Beloved & # x201D; nella sua biografia di Beethoven, ma da allora quell'idea è stata contestata, in particolare perché sembra essere scomparsa dalla vita di Beethoven diversi anni prima che la lettera fosse scritta.

Tra i dubbi dubbi sulla candidatura di Giulietta Guicciardi c'era anche suo cugino, Teréz Brunsvik. La famiglia Brunsvik era membro della nobiltà ungherese, e sia lei che sua sorella Josephine erano studenti di Beethoven. Ancora una volta, sembra essersi rapidamente innamorato di Josephine e le è rimasto vicino dopo il suo matrimonio. Quando rimase vedova diversi anni dopo, persegue il suo caso. La prova dei suoi sentimenti è venuta alla luce solo negli anni '50, quando un biografo di Beethoven pubblicò più di una dozzina di lettere d'amore scritte a Brunsvik.

Temendo che avrebbe perso la custodia dei suoi figli nati aristocratici se avesse sposato un comune, Brunsvik apparentemente ha respinto Beethoven. Ma dopo aver avuto un figlio fuori dal matrimonio, ha sposato una persona comune, con risultati disastrosi. La coppia diseguale litigò e si separò rapidamente, spingendo Teréz Brunsvik a scrivere in modo criptico nel suo diario che Josephine sarebbe stata meglio con Beethoven.

Curiosamente, entrambe le sorelle & # x2019; i diari diventano quasi silenziosi per gran parte dell'estate del 1812, quando credeva che Josephine fosse a Praga, che Beethoven visitò mentre si recava a Teplitz. Nove mesi dopo il & # x201C; Beloved & # x201D; fu scritta una lettera, Brunsvik diede alla luce una figlia, che alcuni storici hanno teorizzato fosse Beethoven, sebbene non esistano prove certe. Dopo anni di tumulti finanziari ed emotivi, Brunsvik morì nel 1821.

Antonie Brentano e suo marito erano amici intimi di Beethoven. Il compositore ha dedicato un nuovo lavoro

Foto: ullstein bild / ullstein bild via Getty Images

Un altro contendente è emerso negli anni '70

La figlia di un diplomatico austriaco, Antonie & # x201C; Toni & # x201D; Brentano era profondamente coinvolto nelle arti e divenne molto vicino a Beethoven intorno al 1810. Anche lei era a Praga all'inizio di luglio 1812, prima di recarsi a Karlsbad la stessa settimana in cui Beethoven scrisse il & # x201C; Beloved & # x201D; lettera. (Beethoven arrivò lì due settimane dopo.)

Beethoven dedicò un nuovo lavoro a Brentano più tardi quell'anno, & # x201C; An die Geliebte, & # x201D; che può essere tradotto come & # x201C; All'Amato. & # x201D; La partitura originale contiene un'iscrizione, che si ritiene sia nella scrittura di Brentano, in cui aveva chiesto a Beethoven di comporla per lei. Una foto di Brentano, originariamente pensata per rappresentare Anna Marie Erdödy, è stata trovata nel cassetto con & # x201C; Beloved & # x201D; lettera.

Gli scettici, tuttavia, sottolineano che, a differenza di molte altre donne nella vita di Beethoven, Brentano si sposò felicemente e fu incinta del suo sesto figlio nell'estate del 1812. Suo marito era vicino a Beethoven quanto lei lo era, ed entrambi Brentanos rimasero amichevoli con Beethoven fino alla sua morte. Beethoven potrebbe essere stato sciocco quando si è innamorato, ma a tutti gli effetti, era un uomo estremamente onorevole, portando molti a dubitare che avrebbe portato avanti una relazione passionale sotto il naso del suo buon amico.

Il 'Amata immortale' il film ha quasi certamente sbagliato

Il film del 1994, interpretato da Gary Oldman come Beethoven, ha vinto i complimenti per il suo uso evocativo e creativo della musica del compositore. Ma ha mancato molto il segno, secondo storici e studiosi.

Nel film, l'assistente di Beethoven va alla ricerca del & # x201C; Beloved & # x201D; dopo aver trovato la lettera dopo la morte di Beethoven. Scopre che la donna che ha suscitato tale passione era la cognata di Beethoven, Johanna. Figlia di ricchi mercanti viennesi, la sua relazione con Beethoven la lascia incinta. Quando ritarda a sposarla, lei sposa suo fratello minore, Kaspar Anton Karl (comunemente noto come Karl). Il film descrive la relazione tumultuosa tra Beethoven e Johanna e il loro amore non corrisposto, con Johanna in grado di leggere la lettera d'amore bruciante di Beethoven solo dopo la sua morte.

Il grande schermo è degno di nota come la storia, non si allinea ai fatti. Beethoven e Johanna avevano una relazione notoriamente terribile, e aveva fortemente disapprovato il suo matrimonio con suo fratello. Il suo coinvolgimento e la sua convinzione in un successivo schema di appropriazione indebita & # x2014; quasi contemporaneamente al & # x201C; Beloved & # x201D; la lettera è stata scritta & # x2014; quasi certamente ha accentuato l'antipatia di Beethoven.

Quando Karl sviluppò la tubercolosi pochi anni dopo aver sposato Johanna, inizialmente dettò un testamento affidando la custodia esclusiva di suo figlio, Karl, a Beethoven, non a Johanna. Mentre Karl esprimeva la sua speranza che i due potessero mettere da parte le loro differenze per il bene del bambino, la sua morte nel 1815 diede inizio a una battaglia di custodia di lunga durata e altamente acrimonica, che prese un grande tributo emotivo su tutti i soggetti coinvolti, incidendo profondamente su Beethoven & # x2019; s stato psicologico e portando suo nipote a tentare il suicidio. 

Di Barbara Maranzani

Barbara Maranzani è una scrittrice ed editrice con sede a New York, focalizzata sulla storia americana ed europea.

    ALTRE STORIE DALLA BIOGRAFIA

    Storia e cultura

    Cosa era l'eredità di Cristoforo Colombo?

    Il famoso esploratore era sempre alla ricerca di nuovi posti, ma la sua eredità duratura ha persone che cercano la sua vera nazionalità.

    • Di Barbara MaranzaniJun 17, 2019
    Storia e cultura

    Mata Hari era una spia o un capro espiatorio?

    Più di un secolo dopo la sua esecuzione con accuse di spionaggio durante la prima guerra mondiale, continua il dibattito sulla colpa o l'innocenza della leggendaria Mata Hari.

    • Di Barbara Maranzani, 24 giu 2019
    Storia e cultura

    Shakespeare è stato il vero autore dei suoi spettacoli?

    Le teorie suggeriscono che lo scrittore non compose le sue famose opere come "Amleto" e "Giulio Cesare".

    • Di Barbara MaranzaniJun 28, 2019
    Storia e cultura

    Cosa stava portando Abraham Lincoln nelle sue tasche la notte in cui fu ucciso

    Il contenuto personale è stato messo in una scatola e non è stato rivelato fino a più di 100 anni dopo l'assassinio del presidente.

    • Di Barbara Maranzani, 10 giu 2019
    Storia e cultura

    Chi era la madre di Hitler?

    Klara Pözl Hitler era devota a suo figlio Adolf e la loro era una delle poche relazioni strette nella vita di Hitler.

    • Di Sara KettlerJun 14, 2019
    Storia e cultura

    Chi era Maria Altmann? La vera storia dietro 'Woman in Gold'

    "Woman in Gold", un nuovo film emozionante che apre questa settimana, vede Helen Mirren nei panni di Maria Altmann, una rifugiata ebrea nella vita reale la cui arte di famiglia è stata rubata dai nazisti nella seconda guerra mondiale.

    • Di Catherine McHughJun 24, 2019
    Storia e cultura

    Come Isaac Newton ha cambiato il nostro mondo

    Considerata una delle grandi menti della rivoluzione scientifica, le scoperte del 17 ° secolo di Newton hanno plasmato il nostro mondo moderno.

    • Di Barbara MaranzaniJun 18, 2019
    Storia e cultura

    Chi era l'ispirazione del dottor Seuss per il Grinch? Lui stesso!

    Lo scrittore di libri per bambini in rima doveva solo guardarsi allo specchio per trovare la sua musa anti-natalizia.

    • Di Brad WitterJun 17, 2019
    Storia e cultura

    Come Mozart ha fatto - e quasi perso - una fortuna

    Lo stato finanziario fluttuante del musicista ha portato molti a credere che sia morto povero.

    • Di Barbara MaranzaniJul 22, 2019
    Caricamento in corso ... Vedi di più



    Nessun utente ha ancora commentato questo articolo.