Perché Edoardo VIII Abdicò il trono per sposare Wallis Simpson

  • Magnus Crawford
  • 0
  • 1429
  • 85

L'11 dicembre 1936, il re Edoardo VIII del Regno Unito affrontò i suoi sudditi attraverso un annuncio radiofonico che era previsto e ancora scioccante.

Notando che aveva assolto i suoi doveri reali e che ora aveva dichiarato la sua fedeltà a suo fratello minore e al futuro re Giorgio VI, Edward tentò di spiegare perché stava diventando il primo monarca britannico ad abdicare al trono.

"Devi credermi quando ti dico che ho trovato impossibile portare il pesante onere della responsabilità e di adempiere ai miei doveri di re come vorrei fare senza l'aiuto e il sostegno della donna che amo", ha affermato, riferendosi agli ostacoli religiosi e culturali nel modo di sposare il suo amante americano divorziato due volte, Wallis Simpson.

Lasciò il paese poche ore dopo, ponendo fine a un regno di 325 giorni che portò l'incrocio della storica monarchia britannica. Anche se una crisi costituzionale fu evitata, e l'ex re era ora libero di sposarsi come voleva, il calvario garantì che i nomi di Edward e Wallis sarebbero stati collegati per sempre nell'infamia.

Edoardo VIII diede la sua trasmissione di abdicazione alla nazione l'11 dicembre 1936.

Foto: The Print Collector / Getty Images

Edward si godeva la vita da principe ma temeva di diventare re

Nato nel 1894 come figlio maggiore di George, duca di York, Edward divenne erede al trono quando suo padre fu incoronato re Giorgio V nel maggio 1910 e fu formalmente investito come principe del Galles l'estate successiva.

Da giovane, Edward è emerso come uno dei membri più popolari della famiglia reale. Aveva prestato servizio durante la Grande Guerra, anche se in prima linea, e aveva fatto numerosi tour del Commonwealth per conto della Corona. Incarnava anche la persona di un bel principe carismatico e godeva il bottino sociale e sessuale della sua esistenza incantata.

Dietro le quinte, tuttavia, gli aiutanti si chiedevano se il principe avesse il focus e si spingesse ad assumersi le responsabilità di essere re. Anche Edward espresse privatamente terrore al pensiero, poiché sapeva di essere stato tagliato da una stoffa diversa rispetto a suo padre tradizionalista. Ha impiegato più tempo a Fort Belvedere, una casa di campagna a sud-est di Londra, dove poteva passare le ore nel suo giardino e intrattenere gli amici dell'alta società.

Era colpito da Simpson's indipendenza e ingegno

Il principe incontrò Simpson a casa di amici all'inizio del 1931. A pochi anni dal divorzio dal pilota della marina statunitense Earl Winfield Spencer, si era trasferita a Londra con il suo secondo marito, il broker marittimo Ernest Simpson.

Per suo conto, il primo incontro tra i futuri piccioncini era del tutto insignificante: ostacolato da un raffreddore, Edward scrisse nel suo libro di memorie, "non si sentiva o sembrava il suo meglio" e la loro conversazione "accanita" si rivolse all'argomento temuto di il tempo.

Tuttavia, i loro circoli sociali li hanno riuniti di nuovo, e quando Simpson è stato presentato alla corte più tardi quell'anno, il principe si è trovato "colpito dalla grazia della sua carrozza e dalla dignità dei suoi movimenti", aggiungendo, "Ho visto lei come la donna più indipendente che abbia mai incontrato, e in quel momento si formò la speranza che un giorno avrei potuto condividere la mia vita con lei ".

Anzi, mentre Simpson non lo era'considerava una bellezza normale, aveva un'intelligenza rapida e un innegabile magnetismo, ed Edward divenne ossessionato da questa donna mondana che non aveva paura di sfidare i suoi capricci. Da parte sua, ecco il principe accattivante del Galles, lo scapolo più idoneo al mondo, che la rende al centro della sua attenzione reale, e Simpson fu travolto dall'intrigo romantico.

Nel 1934, dopo il principe'Quando l'amante regolare partì per un lungo viaggio, Edward iniziò a rinunciare alle solite arie di segretezza riguardo alla loro relazione. Andarono in vacanza insieme quell'estate, senza suo marito, e l'anno successivo Wallis iniziò ad accompagnare il principe agli eventi reali.

George V e la Queen Mary non erano contenti della presenza di "quella donna", come Simpson era derisoriamente noto, ma praticamente tutti coloro che erano collegati al principe sembravano credere che alla fine sarebbe passata la sua infatuazione per l'americano, senza capire che era determinato a farla sua moglie.

La duchessa e il duca di Windsor raccolgono fiori sul terreno della loro casa, la Moulin de la Tuilerie, nel comune di Gif-sur-Yvette, fuori Parigi, Francia, 1955.

Foto: Frank Scherschel / The LIFE Picture Collection / Getty Images

Edward ha insistito sul matrimonio nonostante i consigli del suo primo ministro

Con la morte di Giorgio V, il 20 gennaio 1936, arrivò la chiamata al servizio di Edward. Si ruppe immediatamente con la tradizione osservando l'annuncio della propria adesione, con Simpson al suo fianco, e divenne presto il primo monarca britannico a volare su un aereo quando si recò a Londra per il suo Consiglio di adesione.

Come temuto dagli aiutanti reali, Edward mostrò scarso interesse per qualsiasi tipo di governatorato quotidiano. Era principalmente preoccupato di sposare Simpson, e da suo marito, almeno, non vi era alcun respingimento, poiché l'uomo d'affari accettò di lasciare che il re avesse la sua strada.

Convincere la Chiesa d'Inghilterra e il resto del governo era un'altra storia. La Chiesa non sposerebbe un divorzio con un ex marito vivente & # x2014; figuriamoci due & # x2014; e mentre il re poteva cercare una cerimonia civile, l'atto lo metteva in contrasto con la sua posizione di capo della Chiesa.

Intorno al tempo in cui Simpson ricevette il divorzio preliminare nell'ottobre del 1936, il Primo Ministro Stanley Baldwin affrontò finalmente Edward sulla gravità della situazione. Nel corso di diversi incontri, ha espresso la sua convinzione che il matrimonio tra Edward e Wallis non sarebbe stato sostenuto dal governo o dal popolo britannico e ha spiegato perché il Parlamento, in quanto rappresentante del popolo, potesse determinare chi fosse adatto per essere regina.

Edward ha proposto un matrimonio morganatico, in cui Simpson non avrebbe ricevuto un titolo reale, ma questo è stato respinto. Anche Edward era così's richiesta di presentare la propria causa ai suoi soggetti tramite un indirizzo radio.

Senza possibilità di scendere a compromessi, Edward informò Baldwin il 5 dicembre che avrebbe rinunciato. Il 10 dicembre è stato presentato un disegno di legge alla Camera dei Comuni e due giorni dopo è entrata in vigore la Dichiarazione di Abdication Act, liberando formalmente l'ex re del "pesante fardello" di cui parlava.

Il 3 giugno 1937, Edward e Simpson si sposarono al castello di Candé in Francia's Valle della Loira, dall'unico cappellano reale che ha accettato di svolgere il servizio.

Edward e Simpson vivevano con le ripercussioni della sua decisione

Ora noto come il duca e la duchessa di Windsor, Edward e Simpson trascorsero gran parte dei loro anni rimanenti in Francia, in contrasto con la famiglia reale britannica. Furono spediti per servire come governatore e first lady delle Bahamas durante la Seconda Guerra Mondiale, evitando strettamente la cattura da parte di agenti nazisti.

Con Giorgio VI che subì un brutto periodo di salute alla fine degli anni '40, gli addetti ai lavori reali presero l'idea di far reinstallare Edward come reggente sul giovane erede George's figlia Elisabetta, se il re non riuscisse a riprendersi. Tuttavia, Edward mostrò di nuovo poca spinta a reclamare il trono e il momento passò. Frequentò i funerali di suo fratello nel 1952 e sua madre nel 1953, ma fu relegato a guardare l'incoronazione della regina Elisabetta nel giugno 1953 in televisione e attese altri 12 anni fino a quando non ricevette un invito a un'altra cerimonia reale.

Insieme a nutrire risentimento verso suo marito'Si diceva che la famiglia Simpson avesse concentrato la sua ira su Edward, l'uomo che la portò via dalla sua felice vita londinese e la rese un oggetto di disprezzo. Ma rimasero insieme e vissero come celebrità minori fino a quando Edward morì nel 1972. Simpson lo seguì nel 1986 e fu sepolto accanto a suo marito al Royal Burial Grounds adiacente al Castello di Windsor.

Alla fine il duca prese la sua strada, che doveva sposare la donna che si incantava nella sua vita nei primi anni '30, ma la domanda rimane: la sua abdicazione era davvero un atto d'amore, come sosteneva? O ha insistito per un matrimonio proibito perché sapeva che era l'unica via d'uscita dal regno che non avrebbe mai voluto?

Il pubblico può ponderare le prove, lasciate indietro in memorie e lettere, ma la risposta finale, a quanto pare, risiede con due dei più famigerati occupanti del Royal Burial Ground. 

Di Tim Ott

Tim Ott ha scritto per Biografia e altri siti A + E dal 2012.

    ALTRE STORIE DALLA BIOGRAFIA

    Storia e cultura

    Erano simpatizzanti nazisti Edward VIII e Wallis Simpson?

    Avendo una relazione amichevole con Adolf Hitler, molti ipotizzarono che il Duca e la Duchessa di Windsor fossero coinvolti in un complotto per rovesciare la corona britannica durante la seconda guerra mondiale.

    • Di Barbara MaranzaniJun 20, 2019
    Storia e cultura

    7 fatti sorprendenti sul re Enrico VIII

    Enrico VIII fu incoronato re d'Inghilterra nel 1509. Allora perché il monarca Tudor ci affascina ancora? Ecco alcuni fatti sorprendenti.

    • Di Sara KettlerJun 18, 2019
    Storia e cultura

    In che modo la salute inadeguata di Enrico VIII influenzò la sua vita e il suo regno

    Molti credono che l'ex re britannico abbia vissuto un'esistenza irregolare a causa di problemi di salute in corso, e talvolta da scoprire.

    • Di Barbara MaranzaniJul 30, 2019
    Storia e cultura

    Perché Robert Frost non riuscì a leggere la poesia che scrisse per l'inaugurazione di John F. Kennedy

    Incapace di recitare il suo nuovo lavoro in una giornata accecante, il poeta ha improvvisato di offrire un momento memorabile al presidente entrante.

    • Di Tim OttJun 18, 2019
    Storia e cultura

    Perché la principessa Margaret era l'ospite peggiore del partito

    Spesso prepotente e difficile, la sorella minore della Regina Elisabetta amava divertirsi, a spese degli altri.

    • Di Hadley MearesJun 21, 2019
    Storia e cultura

    Stephen Hawking: 10 dei più divertenti zinger del fisico

    Hawking era altrettanto conosciuto per il suo ingegno quanto per le sue teorie.

    • Di Tim OttJun 25, 2019
    Storia e cultura

    Perché Nelson Mandela è stato visto come un "terrorista" dagli Stati Uniti fino al 2008

    Ronald Reagan ha visto il grande statista come un nemico intenzionato a diffondere il comunismo e Margaret Thatcher ha affermato di avere "una mente chiusa" nei documenti appena rilasciati.

    • Di Becky LittleJun 24, 2019
    Storia e cultura

    Strategia di fine partita: l'attivismo di Jackie Robinson

    Jackie Robinson, nato oggi nel 1919, è ricordato per l'integrazione del baseball della Major League, ma ha anche lasciato un record altrettanto impressionante come crociato per i diritti afro-americani dopo la fine della sua carriera atletica.

    • Di Tim OttJun 18, 2019
    Storia e cultura

    The Kennedys and The Windsors: The Parallels Between the Two Families

    Uno è una dinastia politica americana. L'altro è regalità britannica. Sebbene provenienti da mondi diversi, le loro vite sono state intrecciate per decenni.

    • Di Sara KettlerJun 21, 2019
    Caricamento in corso ... Vedi di più



    Nessun utente ha ancora commentato questo articolo.

    Biografie di personaggi famosi.
    La tua fonte di storie vere su personaggi famosi. Leggi biografie esclusive e trova connessioni inattese con le tue celebrità preferite.