William Tecumseh Sherman Biografia

  • Russell Fisher
  • 0
  • 1552
  • 338
William Tecumseh Sherman era un leader dell'esercito della US Civil War Union noto per "Sherman's March", in cui lui e le sue truppe distrussero il sud.

Sinossi

William Tecumseh Sherman'la prima carriera militare fu quasi un disastro, dovendo essere temporaneamente sollevato dal comando. Ritornò nella battaglia di Shiloh alla vittoria e poi radunò 100.000 truppe distruggendo Atlanta e devastando la Georgia nella sua Marcia verso il Mare. Spesso accreditato con il detto "la guerra è un inferno", era un grande architetto della moderna guerra totale.

Primi anni di vita

William Tecumseh Sherman è nato da una famiglia di spicco a Lancaster, nell'Ohio, l'8 febbraio 1820, uno di 11 figli. Suo padre, Charles Sherman, era un avvocato di successo e la giustizia della Corte suprema dell'Ohio. Quando William aveva 9 anni, suo padre morì improvvisamente, lasciando la famiglia con poche finanze. Fu cresciuto da un amico di famiglia, Thomas Ewing, senatore dell'Ohio e membro di spicco del Whig Party. Ci sono state molte speculazioni su Sherman'secondo nome. Nelle sue memorie, scrisse che suo padre gli diede il nome William Tecumseh perché ammirava il capo degli Shawnee.

Carriera militare iniziale

Nel 1836, il senatore Ewing si assicur√≤ a William T. Sherman un appuntamento all'Accademia militare degli Stati Uniti a West Point. L√¨, eccelleva a livello accademico, ma aveva scarso rispetto per il sistema dei demeriti. Non si √® mai messo nei guai profondi, ma ha avuto numerosi reati minori in questo disco. Sherman si laure√≤ nel 1840, sesto nella sua classe. Vide per la prima volta un'azione contro gli indiani Seminole in Florida e ricevette numerosi incarichi attraverso la Georgia e la Carolina del Sud, dove conobbe molti del Vecchio Sud'le famiglie pi√Ļ rispettate.

William T. Sherman'la prima carriera militare fu tutt'altro che spettacolare. A differenza di molti dei suoi colleghi che hanno visto l'azione durante la guerra messicano-americana, Sherman ha trascorso questo tempo di stanza in California come ufficiale esecutivo. Nel 1850, sposò Eleanor Boyle Ewing, la figlia di Thomas Ewing. Con la sua mancanza di esperienza di combattimento, Sherman sentì che l'esercito americano era un vicolo cieco, quindi si dimise dalla sua commissione nel 1853. Rimase in California durante i giorni di gloria della corsa all'oro come banchiere, ma che finì nel panico del 1857 Si stabilì in Kansas per praticare la legge, ma senza molto successo.

Nel 1859, William T. Sherman era a capo di un'accademia militare in Louisiana. Ha dimostrato di essere un amministratore efficace e popolare con la comunit√†. Mentre le tensioni sezionali aumentavano, Sherman avvert√¨ i suoi amici secessionisti che una guerra sarebbe stata lunga e sanguinosa, con il Nord alla fine vincente. Quando la Louisiana lasci√≤ l'Unione, Sherman si dimise e si trasfer√¨ a St. Louis, non volendo avere nulla a che fare con il conflitto. Sebbene conservatore della schiavit√Ļ, era un forte sostenitore dell'Unione. Dopo il fuoco a Fort Sumter, chiese a suo fratello, il senatore John Sherman, di organizzare una commissione nell'esercito.

Servizio nella guerra civile

Nel maggio 1861, William T. Sherman fu nominato colonnello nella tredicesima fanteria degli Stati Uniti, e gli fu assegnato il comando di una brigata sotto il generale William McDowell a Washington, DC, combattendo nella prima battaglia di Bull Run, in cui le truppe dell'Unione furono duramente picchiate. Fu quindi inviato in Kentucky e divenne profondamente pessimista per la guerra, lamentandosi con i suoi superiori delle carenze mentre esagerando il nemico'forza della truppa. Alla fine fu messo in congedo, considerato inadatto al dovere. La stampa raccolse i suoi problemi e lo descrisse come "pazzo". Si ritiene che Sherman abbia sofferto di un esaurimento nervoso.

A metà dicembre 1861, Sherman tornò al servizio nel Missouri e gli furono assegnati i comandi del posteriore. Nel Kentucky, ha fornito supporto logistico al generale di brigata Ulysses S. Grant'la cattura di Fort Donelson nel febbraio 1862. Il mese seguente, Sherman fu assegnato a servire con Grant nell'esercito del Tennessee occidentale. Il suo primo test da comandante in combattimento arrivò a Shiloh.

Probabilmente temendo rinnovate critiche per apparire eccessivamente allarmato, William T. Sherman inizialmente respinse i rapporti dell'intelligence secondo cui il generale confederato Albert Sidney Johnston era nella zona. Prese poche precauzioni puntellando i picchetti o inviando pattuglie di ricognizione. La mattina del 6 aprile 1862, i Confederati colpirono l'inferno'furia propria. Sherman e Grant radunarono le loro truppe e respinsero l'offensiva ribelle di giorno'Spedire. Con i rinforzi in arrivo quella notte, le truppe dell'Unione furono in grado di lanciare un contrattacco la mattina successiva, disperdendo le truppe confederate. L'esperienza ha unito Sherman e Grant a un'amicizia che dura tutta la vita.

William T. Sherman rimase in Occidente, servendo con Grant nella lunga campagna contro Vicksburg. Tuttavia, la stampa è stata implacabile nella sua critica di entrambi gli uomini. Mentre un giornale si lamentava, "L'esercito veniva rovinato in spedizioni di tartarughe di fango, sotto la guida di un ubriacone [Grant] il cui consigliere confidenziale [Sherman] era un pazzo". Alla fine, Vicksburg cadde e Sherman ricevette il comando di tre eserciti in Occidente.

Evoluzione verso "Total War"

Nel febbraio 1864, Sherman lanciò una campagna da Vicksburg, Mississippi, per distruggere il centro ferroviario di Meridian e liberare la resistenza confederata dal Mississippi centrale. Tre linee ferroviarie si intersecavano a Meridian, che si trovava tra Jackson, la capitale dello stato, e la fonderia di cannoni e il centro di produzione di Selma, in Alabama. La velocità era l'essenza, quindi l'esercito di Sherman tagliò le linee di rifornimento da Vicksburg e foraggiò fuori dalla terra. I confederati, sotto il generale Leonidas Polk, resistettero, ma le sue 10.000 truppe non potevano competere con i 45.000 soldati dell'Unione. Mentre Sherman si spostava a ovest di Vicksburg, impiegò tattiche di finta per tenere a bada le forze di Polk a protezione di Mobile, in Alabama. L'11 febbraio 1864, l'esercito di Sherman attaccò e distrusse il centro ferroviario di Meridian, quindi disperse distaccamenti in quattro direzioni distruggendo binari della ferrovia, ponti, cavalletti e qualsiasi equipaggiamento del treno sulla loro strada. Questo è stato un preludio a Sherman & # x2019; s & # x201C; marcia verso il mare & # x201D; in Georgia e un'importante pietra miliare nell'evoluzione della strategia nell'ascesa incessante della guerra civile verso la guerra totale. & # x201D;

All'inizio di settembre del 1864, sotto un pesante assedio, il tenente generale confederato John Bell Hood e i suoi uomini furono costretti a evacuare Atlanta, distruggendo il maggior numero possibile di rifornimenti e munizioni prima che William T. Sherman prendesse Atlanta e alla fine bruciasse ciò che ne restava il terreno. Con 60.000 uomini, iniziò la sua celebre "Marcia verso il Mare", aprendosi la Georgia con un percorso di distruzione totale largo 60 miglia. Sherman capì che per vincere la guerra e salvare l'Unione, il suo esercito avrebbe dovuto spezzare il sud'la volontà di combattere. Tutto fu ordinato di essere distrutto in questa strategia militare, nota come "guerra totale".

Quando Grant divenne presidente nel 1869, William T. Sherman subentr√≤ come comandante generale dell'esercito degli Stati Uniti. Uno dei suoi compiti era proteggere la costruzione delle ferrovie dagli attacchi degli indiani ostili. Credendo che i nativi americani fossero un ostacolo al progresso, ordin√≤ la distruzione totale delle trib√Ļ in guerra. Nonostante il suo duro trattamento nei confronti dei nativi americani, Sherman ha parlato contro funzionari governativi senza scrupoli che li hanno maltrattati sulle riserve.

La vita dopo la guerra

Nel febbraio 1884, William T. Sherman si ritirò dall'esercito. Visse a St. Louis prima di trasferirsi a New York nel 1886. Lì dedicò il suo tempo al teatro, alla pittura amatoriale e alle cene e ai banchetti. Ha rifiutato di candidarsi alla presidenza, dicendo: "Non accetterò se nominato e non servirò se eletto".

William Tecumseh Sherman morì il 14 febbraio 1891 a New York City. Secondo i suoi desideri, fu sepolto nel cimitero del Calvario a St. Louis. Il presidente Benjamin Harrison ordinò che tutte le bandiere nazionali fossero sventolate a mezz'asta. Sebbene diffamato nel sud come un demone che perpetuò atrocità contro i civili, gli storici danno a Sherman il massimo dei voti come stratega militare e tattico arguto. Ha cambiato la natura della guerra e l'ha riconosciuta per quello che era: "La guerra è un inferno". 




Nessun utente ha ancora commentato questo articolo.

Biografie di personaggi famosi.
La tua fonte di storie vere su personaggi famosi. Leggi biografie esclusive e trova connessioni inattese con le tue celebrità preferite.