Biografia di Harry Belafonte

  • Russell Fisher
  • 0
  • 1735
  • 501
L'attore, cantante e attivista Harry Belafonte ha raggiunto una fama duratura per canzoni come "The Banana Boat Song (Day-O)", nonché per i suoi film e opere umanitarie.

Chi è Harry Belafonte?

Nato il 1 marzo 1927 a New York City, Harry Belafonte ha lottato con la povertà e una turbolenta vita familiare da bambino. La sua carriera professionale è decollata con il musical Carmen Jones, e presto stava bruciando le classifiche con successi come "The Banana Boat Song (Day-O)" e "Jump in the Line". Belafonte ha anche sostenuto molte cause sociali e politiche e ha ottenuto riconoscimenti prestigiosi come la National Medal of Arts.

Harry Belafonte 

genitori

Harold George Belafonte Jr. è nato il 1 marzo 1927 a New York City da immigrati caraibici. Sua madre lavorava come sarta e addetta alle pulizie, e suo padre faceva il cuoco sulle navi mercantili, prima di lasciare la famiglia quando Belafonte era un ragazzo.

Belafonte trascorse anche gran parte dei suoi primi anni in Giamaica, sua madre's paese natio. Lì vide in prima persona l'oppressione dei neri da parte delle autorità inglesi, che gli lasciò un'impressione duratura.

Belafonte tornò a New York City's quartiere di Harlem nel 1940 per vivere con sua madre. Hanno lottato nella povertà e Belafonte è stato spesso curato da altri mentre sua madre lavorava. "Il momento più difficile della mia vita è stato quando ero un bambino", ha detto in seguito Persone rivista. "Mia madre mi ha dato affetto, ma, poiché sono stato lasciato da solo, anche molta angoscia."

Moglie e figli

Belafonte vive a New York City con la sua terza moglie, la fotografa Pamela Frank. La coppia si sposò nel 2008. Belafonte ebbe due figli con la seconda moglie, la ballerina Julie Robinson, e altri due figli dal suo primo matrimonio, con Marguerite Byrd.

Carriera precoce

Abbandonato il liceo, Belafonte si arruolò nella Marina degli Stati Uniti nel 1944. Tornò a New York City dopo la sua dimissione e lavorava come bidello's assistente quando ha partecipato per la prima volta ad una produzione all'American Negro Theater (AMT). Incantato dall'esibizione, il giovane veterinario della Marina si è offerto volontario per lavorare per l'AMT come uno stagehand, decidendo infine di diventare un attore.

Belafonte ha studiato recitazione al Dramatic Workshop gestito da Erwin Piscator, dove i suoi compagni di classe includevano Marlon Brando, Walter Matthau e Bea Arthur. Oltre ad apparire nelle produzioni AMT, ha attirato l'attenzione dell'agente musicale Monte Kay, che ha offerto a Belafonte l'opportunità di esibirsi in un jazz club chiamato Royal Roost. Sostenuto da musicisti di talento come Charlie Parker e Miles Davis, Belafonte divenne un atto popolare nel club. Nel 1949 ottiene il suo primo contratto discografico.

All'inizio degli anni '50, Belafonte aveva abbandonato la musica popolare dal suo repertorio a favore del folk. È diventato uno studente appassionato di canzoni popolari tradizionali da tutto il mondo, e si è esibito in club di New York come il Village Vanguard. 

Film

Durante questo periodo, Belafonte trovò successo come attore: debuttando a Broadway nel 1953, vinse un Tony Award l'anno successivo per il suo lavoro in John Murray Anderson's Almanacco, in cui ha eseguito diverse sue canzoni. Belafonte è apparso anche in un'altra rivista musicale ben accolta, 3 per stasera, nel 1955.

In questo periodo, Belafonte ha lanciato la sua carriera cinematografica. Ha interpretato un preside della scuola al fianco di Dorothy Dandridge nel suo primo film, Strada luminosa (1953). La coppia si riunì l'anno successivo per Otto Preminger'S Carmen Jones, un adattamento cinematografico del musical di Broadway (a sua volta un adattamento dell'opera Georges Bizet Carmen), con Belafonte nel ruolo di Joe accanto a Dandridge, candidato all'Oscar.

Belafonte ebbe un certo successo grazie alle sue collaborazioni con l'amico di lunga data Sidney Poitier, incluso il 1972'S Buck e il predicatore e 1974'S Sabato sera nei quartieri alti. Ha anche fatto numerose apparizioni televisive negli anni '70 e '80, incluso uno spot per gli ospiti The Muppet Show, in cui ha cantato alcune delle sue canzoni più popolari. Belafonte ha anche lavorato con Marlo Thomas sui bambini del 1974's speciale Liberi di essere ... io e te.

Belafonte è tornato sul grande schermo negli anni '90, giocando per la prima volta nel film di Hollywood Il giocatore (1992). Uomo bianco's Onere (1995), interpretato da John Travolta, fu una delusione commerciale e critica, ma Belafonte andò meglio in Robert Altman'S Kansas City (1996), giocando contro il tipo come un gangster senza cuore. Successivamente ha recitato nel dramma politico del 1999 Swing Vote, ed è apparso nel 2006'S poliziotto, sull'assassinio di Robert F. Kennedy.

Canzoni

Il successo di Carmen Jones nel 1954 fece di Belafonte una star e presto divenne una sensazione musicale. Con RCA Victor Records, ha pubblicato Calipso (1956), un album con la sua interpretazione della musica popolare caraibica tradizionale. "The Banana Boat Song (Day-O)" si è rivelato un grande successo. Più che una melodia popolare, ha avuto anche un significato speciale per Belafonte: "Quella canzone è un modo di vivere", ha detto in seguito Belafonte Il New York Times. "E ''s una canzone su mio padre, mia madre, i miei zii, gli uomini e le donne che lavorano nei campi di banane, nei campi di canna della Giamaica ".

Presentazione dell'America a un nuovo genere di musica, Calipso divenne il primo album completo a vendere 1 milione di copie e portò Belafonte a essere soprannominato il "Re di Calipso". Il cantante ha anche lavorato con altri artisti folk, tra cui Bob Dylan e Odetta, con i quali ha registrato una versione dei bambini tradizionali's canzone "Ecco's a Hole in My Bucket. "Nel 1961, Belafonte ebbe un altro grande successo con" Jump in the Line ".

Belafonte è stato il primo afroamericano a vincere un Emmy, per Revlon Revue: stasera con Belafonte (1959) e il primo produttore televisivo afroamericano. Nel 1970, ha collaborato con la cantante Lena Horne per uno speciale televisivo di un'ora che ha mostrato i loro talenti. Belafonte continuò a pubblicare album negli anni '70, anche se la sua produzione rallentò a metà del decennio. 

Attivismo sociale e politico

Sempre schietto, Belafonte ha trovato ispirazione per il suo attivismo da figure come il cantante Paul Robeson e lo scrittore e attivista W.E.B. Du Bois. Dopo aver incontrato il leader dei diritti civili Martin Luther King Jr. negli anni '50, i due divennero buoni amici e Belafonte emerse come una voce forte per il movimento. Ha fornito sostegno finanziario al Comitato di coordinamento nonviolento degli studenti e ha partecipato a numerosi raduni e proteste. Belafonte aiutò a organizzare la marzo del 1963 a Washington, in cui King tenne il suo famoso discorso "I Have a Dream", e incontrò il leader dei diritti civili poco prima di essere assassinato nel 1968.

A metà degli anni '60, Belafonte iniziò anche a supportare nuovi artisti africani. Ha incontrato per la prima volta l'artista sudafricano in esilio Miriam Makeba, noto come & # x201C; Mama Africa, & # x201D; a Londra nel 1958, e insieme hanno vinto un Grammy per la migliore registrazione folk per il loro album del 1965, Una serata con Belafonte / Makeba. L'ha aiutata a presentarla al pubblico internazionale e ha richiamato l'attenzione sulla vita sotto l'apartheid in Sudafrica.

Negli anni '80, Belafonte ha condotto uno sforzo per aiutare le persone in Africa. Ha avuto l'idea di registrare una canzone con altre celebrità, che sarebbe stata venduta per raccogliere fondi per fornire sollievo alla carestia in Etiopia. Scritto da Michael Jackson e Lionel Richie, "We Are the World" presentava voci di grandi musicisti come Ray Charles, Diana Ross e Bruce Springsteen. La canzone è stata pubblicata nel 1985, raccogliendo milioni di dollari e diventando un successo internazionale.

Nel corso degli anni, Belafonte ha sostenuto anche molte altre cause. Oltre al suo ruolo di ambasciatore di buona volontà dell'UNICEF, ha fatto una campagna per porre fine alla pratica dell'apartheid in Sudafrica e ha parlato apertamente delle azioni militari statunitensi in Iraq.

A volte Belafonte è atterrato in acqua calda per le sue opinioni candidamente espresse. Nel 2006 ha fatto notizia quando si è riferito al presidente George W. Bush come "il più grande terrorista del mondo" per aver lanciato la guerra in Iraq. Ha anche insultato due eminenti membri afroamericani dell'amministrazione Bush, il generale Colin Powell e Condoleeza Rice, definendoli "schiavi domestici". Nonostante la pressione dei media, si è fermamente rifiutato di scusarsi per le sue osservazioni. Per quanto riguarda Powell e Rice, Belafonte ha affermato di "servire coloro che continuano a progettare la nostra oppressione".

Premi

Harry Belafonte ha raggiunto alcuni dei più alti onori possibili in oltre mezzo secolo agli occhi del pubblico. Ha ricevuto il Kennedy Center Honors nel 1989, la National Medal of Arts nel 1994 e un Grammy Lifetime Achievement Award nel 2000. Inoltre, nel 2014 ha ricevuto il Jean Hersholt Humanitarian Award ai Governors Awards.




Nessun utente ha ancora commentato questo articolo.

Biografie di personaggi famosi.
La tua fonte di storie vere su personaggi famosi. Leggi biografie esclusive e trova connessioni inattese con le tue celebrità preferite.