Biografia di Nina Simone

  • Piers Chambers
  • 0
  • 2853
  • 829
La leggendaria interprete Nina Simone ha cantato un mix di jazz, blues e musica folk negli anni '50 e '60, godendosi in seguito una ripresa della carriera negli anni '80. Attenta attivista per i diritti civili, era conosciuta per brani come "Mississippi Goddam", "Young, Gifted and Black" e "Four Women".

Chi era Nina Simone?

Nata il 21 febbraio 1933 a Tryon, nella Carolina del Nord, Nina Simone ha studiato pianoforte classico alla Juilliard School di New York City, ma se n'è andata presto quando ha finito i soldi. Esibendosi in night club, ha rivolto il suo interesse al jazz, al blues e alla musica folk e ha pubblicato il suo primo album nel 1957, segnando un successo tra i primi 20 con il brano "I Loves You Porgy". Negli anni '60, Simone espande il suo repertorio in modo esemplare mentre viene identificato come voce principale del movimento per i diritti civili. In seguito ha vissuto all'estero e ha avuto importanti problemi di salute mentale e finanziari, sebbene abbia goduto di una ripresa della carriera negli anni '80. Simone è morto in Francia il 21 aprile 2003.

Sfondo e vita precoce

Nata Eunice Kathleen Waymon il 21 febbraio 1933 a Tryon, nella Carolina del Nord, Nina Simone ha iniziato a suonare musica in tenera età, imparando a suonare il pianoforte all'età di 3 anni e cantando nella sua chiesa'coro. Simone'La formazione musicale nel corso degli anni ha enfatizzato il repertorio classico sulla falsariga di Beethoven e Brahms, con Simone che in seguito ha espresso il desiderio di essere riconosciuto come il primo grande pianista di concerti afroamericano. Il suo insegnante di musica ha contribuito a creare un fondo speciale per pagare Simone's istruzione e, dopo aver terminato il liceo, lo stesso fondo è stato utilizzato per inviare il pianista a New York City's la famosa Juilliard School of Music da allenare.

Simone ha insegnato pianoforte e ha lavorato come accompagnatrice per altri artisti mentre era a Juilliard, ma alla fine ha dovuto lasciare la scuola dopo aver finito i fondi. Trasferitosi a Filadelfia, Simone ha vissuto lì con la sua famiglia per risparmiare denaro e partecipare a un programma musicale più economico. La sua carriera ha preso una svolta inaspettata, tuttavia, quando è stata respinta dal Curtis Institute of Music di Filadelfia; in seguito ha affermato che la scuola ha negato la sua ammissione perché era afro-americana. 

Allontanandosi dalla musica classica, ha iniziato a suonare gli standard americani, il jazz e il blues nei club di Atlantic City negli anni '50. In poco tempo, ha iniziato a cantare insieme alla sua musica per volere di un proprietario di un bar. Ha preso il nome d'arte Nina Simone & # x2014; "Nina", derivato dalla parola spagnola "niña", deriva da un soprannome usato dal suo allora fidanzato, mentre "Simone" è stato ispirato dall'attrice francese Simone Signoret. L'attore alla fine ha conquistato fan come gli scrittori Langston Hughes, Lorraine Hansberry e James Baldwin.

Fusione innovativa di stili

Simone iniziò a registrare la sua musica alla fine degli anni '50 con l'etichetta Betlemme, pubblicando il suo primo album completo nel 1957, che conteneva "Plain Gold Ring" e la traccia del titolo "Little Girl Blue". Comprendeva anche la sua solita hit pop Top 20 con la sua versione di "I Loves You Porgy", dal musical George e Ira Gershwin Porgy e Bess

Sotto diverse etichette, Simone ha pubblicato una serie di album dal tardo 'Anni '50 in tutto il 'Anni '60 e primi 'Anni '70, inclusi dischi simili La straordinaria Nina Simone (1959), Nina Simone canta Ellington! (1962), Selvaggio è il vento (1966) e Seta e anima (1967). Ha anche realizzato canzoni di copertina di musica popolare, alla fine mettendo la sua personale rotazione su canzoni come Bob Dylan's "The Times They Are A-Changin'"e i Beatles' "Ecco che arriva il sole." E ha mostrato il suo lato sensuale con brani come "Take Care of Business" nel 1965'S Ti ho fatto un incantesimo e "I Want a Little Sugar in My Bowl" del 1967'S Nina Simone canta il blues

In molti modi, Simone'la musica s ha sfidato le definizioni standard. La sua formazione classica ha dimostrato, indipendentemente dal genere di canzone che ha suonato, e ha attinto da un pozzo di fonti che includeva gospel, pop e folk. Era spesso chiamata "Alta Sacerdotessa dell'Anima", ma odiava quel soprannome. Lei non l'ha fatto'mi piace neanche l'etichetta di "cantante jazz". "Se dovessi essere chiamato qualcosa, avrebbe dovuto essere una cantante folk perché c'erano più folk e blues che jazz nel mio modo di suonare", ha poi scritto nella sua autobiografia.

Cantante di spicco per i diritti civili

A metà degli anni '60, Simone divenne nota come la voce del movimento per i diritti civili. Ha scritto "Mississippi Goddam" in risposta all'assassinio di Medgar Evers nel 1963 e all'attentato alla chiesa di Birmingham che ha ucciso quattro giovani ragazze afroamericane. Ha anche scritto "Four Women", raccontando le complesse storie di un quartetto di figure femminili afro-americane, e "Young, Gifted and Black", prendendo in prestito il titolo di un'opera teatrale di Hansberry, che divenne un inno popolare. Dopo l'assassinio del reverendo Martin Luther King Jr. nel 1968, Simone'il bassista s Greg Taylor ha scritto "Why (The King of Love Is Dead)", interpretato dalla cantante e dalla sua band al Westbury Music Festival.

Durante 'Anni '60, Simone ebbe successi di spicco anche in Inghilterra con "I Put a Spell on You", "Ain't Got No-I Got Life / Do What You Devi Do "e" To Love Somebody ", con quest'ultimo scritto da Barry e Robin Gibb e originariamente interpretato dal loro gruppo Bee Gees.  

Lotte e carriera rinascimentale

Mentre gli anni '60 volgevano al termine, Simone stanco della scena musicale americana e del paese's politica razziale profondamente divisa. Dopo essere stata vicina a Malcolm X e Betty Shabazz a Mount Vernon, New York, in seguito ha vissuto in diversi paesi, tra cui Liberia, Svizzera, Inghilterra e Barbados, prima di stabilirsi nel sud della Francia. Per anni, Simone ha anche lottato con gravi problemi di salute mentale e le sue finanze e si è scontrato con manager, etichette discografiche e Internal Revenue Service.

Simone, che si era preso una pausa dalle registrazioni a metà degli anni '70, tornò nel 1978 con l'album Baltimora, con la traccia del titolo una versione di copertina di una melodia di Randy Newman. I critici hanno dato un caloroso benvenuto all'album, ma non ha avuto buoni risultati commerciali.

Simone ha vissuto una rinascita di carriera negli anni '80, quando la sua canzone "My Baby Just Cares For Me" è stata utilizzata in uno spot di profumi Chanel n. 5 nel Regno Unito. La canzone divenne così una delle 10 migliori hit in Gran Bretagna nel 1985. Ha anche scritto la sua autobiografia, Ti ho fatto un incantesimo, che è stato pubblicato nel 1991. La sua prossima registrazione, Una donna single, uscì nel 1993.

In tournée periodicamente, Simone manteneva una forte base di fan che riempiva le sale da concerto ogni volta che si esibiva. Nel 1998, è apparsa nell'area tri-state di New York, il suo primo viaggio lì in cinque anni, suonando in particolare al New Jersey Performing Arts Center di Newark. Il New York Times il critico Jon Pareles ha recensito il concerto, osservando che "c'è ancora potere nella sua voce" e che lo spettacolo presentava "un suono amato, una personalità celebre e un repertorio che li ingrandisce entrambi". Nello stesso anno Simone frequentò il leader sudafricano Nelson Mandela's celebrazione dell'80 ° compleanno.

Morte ed eredità

Nel 1999, Simone si è esibito al Guinness Blues Festival di Dublino, in Irlanda. È stata raggiunta sul palco da sua figlia Lisa Simone Kelly per alcune canzoni. Lisa, di Simone'Il secondo matrimonio con il manager Andrew Stroud, seguì sua madre'passi di s. Tra una serie di risultati performativi, è apparsa a Broadway in Aida, usando il nome d'arte "Simone".

Nei suoi ultimi anni, i rapporti indicano che Nina Simone stava combattendo il cancro al seno. Morì all'età di 70 anni il 21 aprile 2003, nella sua casa di Carry-le-Rouet, in Francia.

Mentre potrebbe essere andata via, Simone ha lasciato un'impressione duratura nel mondo della musica, dell'arte e dell'attivismo. Ha cantato per condividere la sua verità e il suo lavoro risuona ancora con grande emozione e potere. Simone ha ispirato una serie di artisti, tra cui Aretha Franklin, Laura Nyro, Joni Mitchell, Lauryn Hill e Meshell Ndegeocello. La sua voce profonda e distintiva continua ad essere una scelta popolare per le colonne sonore televisive e cinematografiche.

Due documentari sul musicista'La vita di s è stata rilasciata nel 2015: La straordinaria Nina Simone, diretto da Jeff L. Lieberman e Che cosa è successo, signorina Simone?, da Netflix. Quest'ultimo progetto è stato diretto da Liz Garbus e ha offerto il commento della figlia Lisa e dell'ex marito Stroud, tra gli altri. Oltre alla gloriosa musicalità, il progetto ha dettagliato gli aspetti preoccupanti di Simone'la vita, compresi gli abusi subiti dall'ex marito e, a sua volta, l'abuso della figlia Lisa subì da sua madre. Che cosa è successo, signorina Simone? in seguito ha ricevuto una nomination agli Oscar per il miglior documentario. In una svolta controversa, Simone è stato anche ritratto dall'attrice Zoe Saldana nel film biografico del 2016 Nina.

Nel 2016, con Simone'Nella casa d'infanzia di Tryon sul mercato, quattro artisti afroamericani si sono uniti per acquistare la struttura, temendo che venisse demolita. Due anni dopo, il National Trust for Historic Preservation ha designato la casa un "tesoro nazionale", proteggendola in tal modo dalla demolizione, con l'organizzazione che, secondo quanto riferito, intende trovare modi per ripristinarla per l'uso da parte di futuri artisti.




Nessun utente ha ancora commentato questo articolo.

Biografie di personaggi famosi.
La tua fonte di storie vere su personaggi famosi. Leggi biografie esclusive e trova connessioni inattese con le tue celebrità preferite.