Biografia di Patrick Henry

  • Virgil Tyler
  • 0
  • 3636
  • 866
Patrick Henry era un avvocato, un oratore e una figura di spicco della rivoluzione americana che è meglio conosciuta per le sue parole "Dammi la libertà o dammi la morte!"

Chi era Patrick Henry?

Patrick Henry era un oratore dell'era della rivoluzione americana famoso per la sua citazione "Dammi la libertà o dammi la morte!" Henry era un leader influente nell'opposizione radicale al governo britannico, ma accettò il nuovo governo federale solo dopo l'approvazione della Carta dei diritti, di cui era in gran parte responsabile. Con i suoi discorsi persuasivi e appassionati, Henry ha contribuito a dare il via alla rivoluzione americana. 

Primi anni di vita

Henry nacque il 29 maggio 1736, nella Contea di Hanover, in Virginia, in una piantagione appartenuta a sua madre'famiglia s. A differenza di sua madre, che aveva forti radici nella regione, suo padre emigrò nella colonia dalla Scozia.

Il secondo di nove figli, Henry ricevette gran parte della sua istruzione da suo padre, che aveva frequentato l'università in Scozia, e suo zio, un ministro anglicano. Era un bambino musicale, suonava sia il violino che il flauto. Potrebbe aver modellato il suo grande stile oratorio sui sermoni religiosi di suo zio e altri. A volte Henry frequentava i servizi con sua madre che erano tenuti da predicatori presbiteriani che visitavano la zona.

All'età di 15 anni, Henry gestiva un negozio per suo padre. Gli affari non lo fecero'Alla fine, ed Henry ebbe il suo primo assaggio di fallimento. Sposò Sarah Shelton, figlia di un oste locale, nel 1754. Come parte di sua moglie's dote, Henry ricevette alcuni terreni agricoli. Ha provato a coltivare tabacco lì per tre anni, ma non l'ha fatto'Va bene in questa nuova avventura. Nel 1757, Henry e sua moglie persero la casa col fuoco. Ha quindi gestito una taverna per suo suocero e ha studiato per diventare avvocato. Nel 1760, ottenne la licenza di legge. Lui e Shelton hanno avuto sei figli insieme.

Avvocato e politico

Come avvocato, Henry si guadagnò la reputazione di oratore potente e persuasivo con il caso del 1763 noto come "Parson'Causa. "La Virginia Colony ha approvato una legge che modifica il modo in cui i ministri della chiesa sono stati pagati, con conseguente perdita monetaria per i ministri. Quando il re Giorgio III ha annullato la legge, un sacerdote della Virginia ha fatto causa per arretrati e ha vinto il suo caso. Henry ha parlato contro il ministro quando il caso è andato a una giuria per decidere i danni. Sottolineando l'avidità e l'interferenza reale nelle questioni coloniali associate a questa decisione legale, è riuscito a convincere la giuria a concedere il premio più basso possibile & # x2014; uno scoreggia o uno centesimo.

Nel 1765, Enrico vinse le elezioni alla Casa delle Burgesse. Si dimostrò una delle prime voci di dissenso contro la Gran Bretagna's politiche coloniali. Durante il dibattito sul Stamp Act del 1765, che tassò effettivamente ogni tipo di carta stampata usata dai coloni, Henry si dichiarò contrario alla misura. Ha insistito sul fatto che solo la colonia stessa dovrebbe essere in grado di riscuotere tasse sui suoi cittadini. Alcuni nell'assemblea hanno gridato che i suoi commenti erano tradimento, ma Henry non era stordito. I suoi suggerimenti per gestire la questione furono stampati e distribuiti ad altre colonie, contribuendo a stimolare il crescente malcontento con il dominio britannico.

Rivoluzionario americano

Una forza attiva nella crescente ribellione contro la Gran Bretagna, Henry ebbe la straordinaria capacità di tradurre la sua ideologia politica nella lingua dell'uomo comune. Fu selezionato per servire come delegato al Congresso continentale di Filadelfia nel 1774. Lì incontrò Samuel Adams e, insieme, alimentarono i fuochi per la rivoluzione. Durante il procedimento, Henry chiese ai coloni di unirsi nella loro opposizione al dominio britannico: "Le distinzioni tra Virginiani, Pennsylvanians, New Yorkers e New Englander, non sono più. Non sono un Virginian, ma un americano".

L'anno seguente, Henry fece forse il discorso più famoso della sua carriera. Era uno dei partecipanti alla Convenzione della Virginia nel marzo 1775. Il gruppo stava discutendo su come risolvere la crisi con la Gran Bretagna & # x2014; attraverso la forza o attraverso fini pacifici. Henry suonò la chiamata alle armi, dicendo: "I nostri fratelli sono già sul campo! Perché restiamo qui inattivi? ... La vita è così cara, o la pace è così dolce, da essere acquistata al prezzo di catene e schiavitù? Vieta, Dio onnipotente! Non so quale corso possano prendere gli altri, ma quanto a me, dammi la libertà o dammi la morte! "

Solo poco tempo dopo, i primi colpi furono sparati e la rivoluzione americana era in corso. Henry divenne il comandante in capo della Virginia'forze, ma ha rassegnato le dimissioni dopo sei mesi. Concentrandosi sulla statualità, ha contribuito a scrivere lo stato'costituzione s nel 1776. Henry vinse le elezioni come Virginia's primo governatore nello stesso anno.

Come governatore, Henry ha sostenuto la rivoluzione in numerosi modi. Ha aiutato a fornire soldati e attrezzature per George Washington. Mandò anche truppe della Virginia & # x2014; comandate da George Rogers Clark & ​​# x2014; per scacciare le forze britanniche nel nord-ovest. Dopo tre mandati come governatore, Henry lasciò l'incarico nel 1779. Rimase attivo in politica come membro dell'assemblea statale. A metà del 1780, Henry servì altri due termini come governatore.

Henry aveva forti opinioni anti-federaliste, credendo che un potente governo federale avrebbe portato a un tipo simile di tirannia che i coloni avevano vissuto sotto il dominio britannico. Nel 1787, rifiutò l'opportunità di partecipare alla Convenzione della Costituzione a Filadelfia. La sua opposizione a questo famoso documento non vacillò, anche dopo aver ricevuto una bozza della Costituzione da Washington dopo la convention. Quando giunse il momento per la Virginia di ratificare la Costituzione, Henry si dichiarò contrario al documento, definendo i suoi principi "pericolosi". Sentiva che avrebbe avuto un impatto negativo sugli stati' diritti. Considerando il forte sostegno a Henry in Virginia, molti federalisti, tra cui James Madison, temevano che Henry avrebbe avuto successo nei suoi sforzi anticostituzionali. Ma la maggior parte dei legislatori non fu influenzata da Henry'lato s, e il documento è stato ratificato con un voto da 89 a 79.

Anni finali e eredità

Nel 1790, Henry lasciò il servizio pubblico. Ha scelto di tornare ad essere un avvocato e ha avuto una pratica fiorente. Nel corso degli anni, Henry ha ricevuto numerosi incarichi in posizioni come la giustizia della Corte Suprema, il Segretario di Stato e il Procuratore Generale, ma li ha respinti tutti. Preferiva stare con la sua seconda moglie, Dorothea, e i loro numerosi figli, piuttosto che navigare nel mondo della politica. La sua prima moglie era morta nel 1775, dopo una battaglia con malattie mentali. Henry era il padre di 17 figli tra i suoi due matrimoni.

Henry trascorse i suoi ultimi anni nella sua tenuta, chiamata "Red Hill", nella contea di Charlotte, in Virginia. Nel 1799, Henry fu finalmente persuaso a candidarsi per un incarico. Ormai aveva cambiato partito politico, diventando parte dei federalisti. Su sollecitazione del suo amico, Washington, Henry lottò per un seggio nella legislatura della Virginia. Ha vinto il posto, ma non l'ha fatto't vivere abbastanza a lungo per servire. Morì il 6 giugno 1799, nella sua casa di Red Hill.

Mentre non ha mai ricoperto la carica nazionale, Patrick Henry è ricordato come uno dei grandi leader rivoluzionari. È stato chiamato la "tromba" e la "voce" della rivoluzione americana. I suoi discorsi potenti servirono da richiamo alla ribellione e le sue proposte politiche offrirono suggerimenti per una nuova nazione.




Nessun utente ha ancora commentato questo articolo.

Biografie di personaggi famosi.
La tua fonte di storie vere su personaggi famosi. Leggi biografie esclusive e trova connessioni inattese con le tue celebrità preferite.