Biografia di Simone de Beauvoir

  • Piers Chambers
  • 0
  • 4213
  • 1079
La scrittrice francese Simone de Beauvoir ha gettato le basi per il moderno movimento femminista. Anche filosofa esistenzialista, ha avuto una relazione a lungo termine con Jean-Paul Sartre.

Chi era Simone de Beauvoir?

Simone de Beauvoir è nato a Parigi, in Francia, nel 1908. All'età di 21 anni, De Beauvoir ha incontrato Jean-Paul Sartre, formando una collaborazione e una storia d'amore che avrebbe plasmato la loro vita e le loro convinzioni filosofiche. De Beauvoir ha pubblicato innumerevoli opere di narrativa e saggistica durante la sua lunga carriera, spesso con temi esistenzialisti, tra cui 1949, 1949 Il secondo sesso, che è considerato un'opera pioneristica del moderno movimento femminista. De Beauvoir ha anche prestato la sua voce a varie cause politiche e ha viaggiato molto nel mondo. Morì a Parigi nel 1986 e fu sepolta con Sartre.

Educazione cattolica e ateismo

Simone de Beauvoir è nato Simone Lucie-Ernestine-Marie-Bertrand de Beauvoir il 9 gennaio 1908 a Parigi, in Francia. La figlia maggiore di una famiglia borghese, De Beauvoir è cresciuta rigorosamente cattolica. Fu mandata nelle scuole del convento durante la sua giovinezza ed era così devotamente religiosa che prese in considerazione l'idea di diventare una suora. Tuttavia, all'età di 14 anni, il De Beauvoir intellettualmente curioso ebbe una crisi di fede e si dichiarò ateo. Si dedicò così allo studio dell'esistenza, spostando invece la sua attenzione sulla matematica, sulla letteratura e sulla filosofia.

Nel 1926, De Beauvoir lasciò la casa per frequentare la prestigiosa Sorbona, dove studiò filosofia e salì ai vertici della sua classe. Completò gli esami e una tesi sul matematico e filosofo tedesco Gottfried Wilhelm Leibniz nel 1929. Nello stesso anno De Beauvoir incontrò un altro giovane studente, in erba filosofo esistenzialista Jean-Paul Sartre, con il quale avrebbe presto formato un legame duraturo che avrebbe influenzato profondamente entrambi delle loro vite personali e professionali.

Rapporti con Sartre e la seconda guerra mondiale

Impressionato dall'intelletto di De Beauvoir, Sartre aveva chiesto di presentarle. In breve tempo, la loro relazione è diventata romantica ma è rimasta del tutto non convenzionale. De Beauvoir ha respinto una proposta di matrimonio di Sartre all'inizio. Inoltre, i due non vivrebbero mai sotto lo stesso tetto ed erano entrambi liberi di inseguire altri punti romantici. Rimasero insieme fino a Sartre'La morte decadi più tardi in una relazione a volte piena di tensione e, secondo la biografa Carole Seymour-Jones, alla fine perse la sua chimica sessuale.

Le libertà individuali che la loro struttura di relazione garantiva alla coppia permise a De Beauvoir e Sartre di separarsi per un certo periodo, accettando ciascuno di insegnare in diverse parti della Francia. De Beauvoir insegnò filosofia e letteratura negli anni '30, ma durante la seconda guerra mondiale fu licenziata dal suo incarico dal governo Vichy dopo che l'esercito tedesco occupò Parigi nel 1940. Nel frattempo, Sartre, che fu arruolato nell'esercito francese all'inizio della guerra , fu catturato nel 1940 ma rilasciato l'anno successivo. Sia De Beauvoir che Sartre avrebbero lavorato per la Resistenza francese durante il resto della guerra, ma incapace di insegnare, De Beauvoir iniziò presto anche la sua carriera letteraria.

Debutto: 'È venuta per restare'

Il primo grande lavoro pubblicato di De Beauvoir fu il romanzo del 1943 È venuta per restare, che ha usato il triangolo amoroso della vita reale tra De Beauvoir, Sartre e uno studente di nome Olga Kosakiewicz per esaminare gli ideali esistenziali, in particolare la complessità delle relazioni e il problema di una persona'coscienza di s in relazione a & # x201C; l'altro. & # x201D; Ha seguito l'anno successivo il saggio filosofico Pirro e Cineas, prima di tornare alla fiction con i romanzi Il sangue degli altri (1945) e Tutti Gli uomini sono mortali (1946), entrambi incentrati sulla sua indagine in corso sull'esistenza.

Durante gli anni '40, De Beauvoir scrisse anche la commedia Chi morirà? così come redazione e contributi alla rivista Les Temps Modernes, che ha fondato con Sartre per fungere da portavoce delle loro ideologie. Fu in questa recensione mensile che parti del lavoro più noto di De Beauvoir, Il secondo sesso, prima è venuto a stampare.

'Il secondo sesso'

Pubblicato nel 1949, Il secondo sesso è la critica di quasi 1000 pagine del patriarcato di De Beauvoir e lo status di secondo grado concesso alle donne nel corso della storia. Ora considerato come una delle opere più importanti e prime del femminismo, al momento della sua pubblicazione Il secondo sesso è stato accolto con grandi polemiche, con alcuni critici che hanno caratterizzato il libro come pornografia e che il Vaticano ha posto il lavoro sulla chiesa's elenco di testi proibiti.

Quattro anni dopo, la prima edizione in lingua inglese di Il secondo sesso è stato pubblicato in America, ma è generalmente considerato un'ombra dell'originale. Nel 2009 è stato pubblicato un volume inglese molto più fedele e inedito, rafforzando la già significativa reputazione di De Beauvoir come una delle grandi pensatrici del moderno movimento femminista.

'The Prime of Life'

Sebbene Il secondo sesso stabilì De Beauvoir come una delle più importanti icone femministe della sua epoca, a volte il libro ha anche eclissato una carriera variegata che includeva molte altre opere di narrativa, viaggi di scrittura e autobiografia, nonché contributi significativi alla filosofia e all'attivismo politico. Tra i più importanti dei suoi lavori scritti c'erano il romanzo vincente del Prix Goncourt & # x2013 ;. I mandarini (1954), i libri di viaggio America giorno per giorno (1948) e La lunga marcia (1957) e quattro autobiografie: Memorie di una figlia devota (1958), The Prime of Life (1960), Forza della circostanza (1963) e Tutto detto e fatto (1972).

Non contenta di riposare sugli allori delle sue conquiste letterarie e intellettuali, De Beauvoir ha usato la sua fama per prestare la sua voce anche a varie cause politiche. È entrata a far parte di Sartre a sostegno dell'Algeria'la lotta per l'indipendenza degli anni '50 e dell'Ungheria negli anni '50 e il movimento studentesco in Francia alla fine degli anni '60, condannando anche la politica estera americana durante la guerra del Vietnam. Durante gli anni '70, l'opera di De Beauvoir l'ha portata in prima linea nel movimento femminista, a cui ha condiviso il suo intelletto attraverso lezioni e saggi, nonché partecipando a manifestazioni per i diritti di aborto e le donne's uguaglianza.

'Vecchiaia' e morte

Nelle fasi successive della sua carriera, De Beauvoir ha dedicato gran parte del suo pensiero alle indagini sull'invecchiamento e sulla morte. Il suo lavoro del 1964 Una morte molto facile dettagli sulla scomparsa di sua madre, Vecchiaia (1970) analizza il significato e il significato degli anziani nella società e Adieux: un addio a Sartre (1981), pubblicato un anno dopo la sua morte, ricorda gli ultimi anni di vita del suo partner.

De Beauvoir è morta a Parigi il 14 aprile 1986, all'età di 78 anni. Condivide una tomba con Sartre nel cimitero di Montparnasse. 




Nessun utente ha ancora commentato questo articolo.

Biografie di personaggi famosi.
La tua fonte di storie vere su personaggi famosi. Leggi biografie esclusive e trova connessioni inattese con le tue celebrità preferite.