Vita (e morte) di Jeffrey Dahmer in prigione

  • Magnus Crawford
  • 0
  • 2953
  • 552

Il serial killer Jeffrey Dahmer ha ammesso di aver ucciso 17 giovani tra il 1978 e il suo arresto nel 1991. I suoi orribili crimini, che hanno coinvolto tentativi di lobotomie per creare "zombi viventi", sesso con cadaveri, smembramento delle sue vittime e cannibalizzazione di parti del loro corpo, lo ha reso una figura famosa. Disse Dateline nel 1994 che ha ucciso le sue vittime perché lui'Volevo "tenerli con me il più a lungo possibile, anche se ciò significava solo mantenerne una parte". Dahmer è stato condannato a 16 termini di vita consecutivi & # x2014; più di 900 anni & # x2014; ma essere infame significava che il suo tempo dietro le sbarre non sarebbe mai stato quello di un prigioniero medio. 

Originariamente isolato, Dahmer ha ottenuto più libertà dopo un anno

Nel febbraio 1992, Dahmer arrivò alla Columbia Correctional Institution di Portage, nel Wisconsin. Per la sua notorietà & # x2014; la natura egregia dei suoi crimini aveva attirato l'attenzione di tutto il mondo & # x2014; i funzionari della prigione ritengono che sia più sicuro tenere Dahmer lontano dalla popolazione, piuttosto che rischiare un altro detenuto che cerca di farsi un nome attaccando il famoso serial killer. In custodia protettiva, Dahmer era isolato dagli altri prigionieri e doveva essere incatenato quando non era nella sua cella.

Dahmer non l'ha fatto'non provoca grandi ondate nel suo primo anno di prigione. Quindi, quando ha chiesto maggiore libertà di movimento e interazione con altri detenuti, i funzionari della prigione hanno ascoltato. Dahmer fu trasferito dalla sua cella isolata in un'unità per prigionieri con problemi emotivi. Ha anche finito per essere in grado di frequentare le lezioni, mangiare pasti comuni ed eseguire compiti lavorativi. Tuttavia, sebbene sembrasse andare d'accordo con i suoi compagni di prigione, questo contatto più stretto, a volte incustodito, con gli altri si sarebbe rivelato fatale per Dahmer.

Dahmer spesso si abbandonava a morbose battute e insulti legati al suo passato. Una volta ha messo un cartello pubblicizzando un incontro per "Cannibals Anonymous". Avrebbe detto ai prigionieri e alle guardie: "Mordo", poi si diletta in ogni reazione nervosa. E il killer cannibale avrebbe modellato il cibo della prigione per assomigliare a parti del corpo o arti recisi, con ketchup usato come sangue, al fine di disturbare i suoi compagni prigionieri. Le parti del corpo finte in particolare innervosivano il detenuto che avrebbe finito per uccidere Dahmer.

Jeffrey Dahmer in prigione

Foto: EUGENE GARCIA / AFP / Getty Images

Dahmer ebbe una chiamata religiosa e fu battezzato in prigione

Alcuni di Dahmer's il tempo dietro le sbarre è stato trascorso nello studio religioso; suo padre, un cristiano rinato, gli aveva inviato del materiale e il prigioniero aveva seguito un corso di corrispondenza biblica. Nella primavera del 1994, Dahmer ha espresso interesse per la conversione. Roy Ratcliff, un ministro della Chiesa di Cristo, venne a visitarlo e accettò di aiutarlo. Nel maggio 1994, un Dahmer vestito di nascosto fu immerso in una vasca idromassaggio nella prigione e battezzato da Ratcliff.

Al tempo della sua conversione religiosa, molti hanno interrogato Dahmer's sincerità, poiché era un abile manipolatore che'in passato aveva usato la sua intelligenza per cavarsela con i crimini. Ma Dahmer era abbastanza impegnato da incontrare il pastore che'lo battezzò per sessioni settimanali di studio della Bibbia. L'ultima volta si sono riuniti cinque giorni prima di Dahmer's morte. Durante questo incontro, hanno discusso del Libro dell'Apocalisse, i cui argomenti includono morte, punizione per i peccati e dannazione.

Nel servizio di cappella nel luglio 1994, un altro prigioniero ha cercato di tagliare Dahmer'gola di s. Ma la lama dell'arma fatta in casa si spezzò, quindi Dahmer era appena graffiato. In seguito fu mandato in isolamento temporaneo, ma non lo fece'voglio rimanere lì. Dahmer ha spiegato che il suo aggressore, un cubano, aveva cercato di fare qualcosa per essere espulso a casa. Ciò ha indotto la prigione a etichettare l'attacco come un "incidente isolato", e quindi i funzionari hanno deciso che il loro famoso prigioniero poteva tornare a vivere tra la popolazione generale.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI BIOGRAPHY.COM

Dahmer è stato assassinato mentre puliva la prigione'bagno s

La mattina del 28 novembre 1994, Dahmer era in servizio di pulizia & # x2014; che lui'd iniziato tre settimane prima & # x2014; nella prigione's bagni in palestra con altri due detenuti, Jesse Anderson e Christopher Scarver. I tre furono lasciati soli per 20 minuti; quando le guardie tornarono trovarono i corpi arrossati di Dahmer e Anderson, che'ero stato battuto da Scarver. Dahmer fu dichiarato morto un'ora dopo; Anderson finì anche per morire per l'attacco. In un'intervista del 2015, Scarver lo ha dichiarato'aborrì Dahmer e sollevò la questione se il personale della prigione, chi'ne ero consapevole, li avevo lasciati soli apposta.

Alcuni pensano che Dahmer avesse un desiderio di morte

Alla sua condanna nel 1992, Dahmer aveva detto: "Non ho mai voluto la libertà. Francamente, volevo la morte per me stesso". lui'D in seguito disse al suo pastore: "Penso che avrei dovuto essere messo a morte dallo stato per quello che ho fatto". (Il Wisconsin non ha alcuna pena di morte, quindi la pena capitale non è mai stata un'opzione.) E Dahmer'La volontà di unirsi alla popolazione carceraria generale ha reso alcuni di quelli che'l'avevo conosciuto chiedersi se lui'd deliberatamente corteggiato morte mentre dietro le sbarre. Dopo l'attacco fatale, il suo avvocato, Gerald Boyle, disse: "Dahmer aveva un desiderio di morte e so che non lo fece'Ho il coraggio di farlo da solo, quindi ho previsto che sarebbe arrivato il giorno in cui sarebbe stato ucciso in prigione. "

Di Sara Kettler

Da personaggi storici a celebrità di oggi, Sara Kettler ama scrivere di persone che hanno condotto vite affascinanti.

    ALTRE STORIE DALLA BIOGRAFIA

    Crimine e scandalo

    La vita e la morte di John Gotti

    In onore dell'evento biografico di A&E, "GOTTI: Godfather & Son", diamo uno sguardo approfondito all'ascesa e alla caduta del Teflon Don.

    • Di Colin BertramJun 21, 2019
    Crimine e scandalo

    Inside Ted Bundy Troubled and Disturbing Childhood

    I primi anni dell'assassino presentavano comportamenti problematici e accenni sull'oscurità che lo portarono a diventare uno stupratore seriale e un assassino.

    • Di Sara KettlerJul 30, 2019
    Storia e cultura

    Com'è la vita di Unabomber adesso??

    Il terrorista cresciuto in casa ha risposto a una domanda di ricongiungimento ad Harvard chiamando la sua attuale occupazione come "prigioniero" e le sue otto ergastoli come "premi".

    • Di Meredith Worthen, 19 agosto 2019
    Crimine e scandalo

    Come l'educazione di Ted Bundy ha facilitato la sua carriera di serial killer

    Il suo campo di studio prescelto è stato utile quando si prendevano di mira le donne. E il suo personaggio da ragazzo del college ha ingannato non solo le sue vittime, ma anche le autorità.

    • Di Sara KettlerJul 2, 2019
    Crimine e scandalo

    JonBenét Ramsey: una regina di bellezza la cui morte ha immortalato la sua vita

    Dai un'occhiata al tragico omicidio irrisolto della regina di bellezza di sei anni che cattura ancora l'attenzione dell'America.

    • Di Meredith Worthen, 21 giu 2019
    Crimine e scandalo

    5 morti famose per mano degli amati

    Marvin Gaye, che è stato colpito a morte da suo padre, è una delle tante tragiche storie di Hollywood in cui l'autore era qualcuno vicino alla vittima.

    • Di Carrie Borzillo, 5 settembre 2019
    Storia e cultura

    Real-Life Heroes dell'11 settembre 2001

    Molti mettono la propria vita in pericolo per salvare gli altri durante e dopo gli attacchi terroristici dell'11 settembre.

    • Di Sara KettlerSep 9, 2019
    Storia e cultura

    La vera storia dietro "The Post" di Spielberg

    In "The Post" di Steven Spielberg, Meryl Streep dà vita alla decisione di Katharine Graham del 1971 di far pubblicare al Washington Post i Pentagon Papers top secret. Tuttavia, c'è solo così tanto che un film può includere. Ecco la vera storia dietro "The Post".

    • Di Sara KettlerJun 21, 2019
    Storia e cultura

    Gli alti e bassi della vita amorosa della principessa Margaret

    La sorella minore della regina Elisabetta II condusse una vita incantata come membro della famiglia reale britannica, ma fu sfortunatamente innamorata.

    • Di Sara KettlerJun 25, 2019
    Caricamento in corso ... Vedi di più



    Nessun utente ha ancora commentato questo articolo.

    Biografie di personaggi famosi.
    La tua fonte di storie vere su personaggi famosi. Leggi biografie esclusive e trova connessioni inattese con le tue celebrità preferite.